45 giornalisti hanno perso la vita in 20 Paesi nel 2021 per servire l’interesse pubblico

Giornalisti uccisi nel mondo. Federazione giornalisti

Lungo elenco di giornalisti uccisi nel 2021 o vittime di attentati dinamitardi. La Federazione internazionale dei giornalisti (Ifj) ha pubblicato l’elenco annuale dei giornalisti e dei professionisti dei media uccisi nel 2021: 45 omicidi in 20 paesi, un bilancio in calo rispetto ai 65 registrati nel 2020.
Dal 1991, secondo i dati Ifj, sono 2721 i giornalisti uccisi in tutto il mondo.   L’analisi dei dati rappresenta una delle percentuali di morte più basse da quando l’Ifj ha iniziato a pubblicare rapporti annuali sui giornalisti uccisi, inclusi gli omicidi mirati, le vittime di fuoco incrociato e gli attentati dinamitardi.
La regione dell’Asia Pacifico è in cima alla lista regionale con 20 omicidi, davanti alle Americhe (10), all’Africa (8), all’Europa (6) e al Medio Oriente e mondo arabo (1). C’è stato anche un incidente mortale che è costato la vita a due giornalisti in Iran.

Sebbene questa diminuzione sia una buona notizia, è poco confortante di fronte alla continua violenza che ha causato la morte di giornalisti in paesi come l’Afghanistan (9), il Messico (8), l’India (4) e il Pakistan (3).
Il rapporto Ifj conferma che giornalisti e operatori dei media il più delle volte vengono uccisi per aver denunciato corruzione, criminalità e abuso di potere nelle loro comunità, città e paesi.
I rischi associati ai conflitti armati si sono ridotti negli ultimi anni a causa dell’esposizione limitata per i professionisti dei media, che sono sempre meno nel riferire in primo piano dal teatro di guerra. Allo stesso tempo, le minacce del governo, delle bande criminali e dei cartelli della droga, dagli slum in Messico alle strade delle città europee in Grecia e nei Paesi Bassi, continuano ad aumentare e rappresentano molte uccisioni mirate di operatori dei media nel 2021.

Anthony Bellanger

«Questi 45 colleghi che abbiamo perso, quest’anno, a causa della violenza – afferma Anthony Bellanger, segretario generale dell’Ifj – ci ricordano il terribile sacrificio che i giornalisti di tutto il mondo continuano a pagare per servire l’interesse pubblico e rimaniamo in debito con loro e con migliaia di altri che hanno pagato il prezzo finale».
«L’Ifj crede che l’unico tributo adatto alla causa a cui hanno dato la vita dovrebbe essere l’incessante ricerca della giustizia nei loro confronti. Ecco perché continuiamo a sostenere l’adozione di una nuova Convenzione delle Nazioni Unite per la protezione dei giornalisti che assicurerebbe la responsabilità per le uccisioni dei giornalisti».

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »