L’arte pop relazionale di Enrico Cecotto

Inaugurazione della mostra del giovane esponente della pop art veneziana  giovedì 14 novembre alle ore 19,30

Giovedì 14 novembre 2019, alle ore 19,30, si inaugurerà al Castello a Mare dello chef Natale Giunta, la mostra “L’arte pop relazionale” di Enrico Cecotto, giovane artista veneto, impegnato a creare con le sue opere a rilievo, relazioni multisensoriali con il pubblico che le può ammirare nei colori, nelle forme e nella materia grazie alla componente tattile e non solo visiva. Una pittura che si fa quindi scultura.

Tra i pezzi più apprezzati gli squali, i teschi glam e le nature a rilievo, che ricordano quelle dell’infanzia e l’iconico Aperol Spritz. Presente all’incontro, oltre all’artista, lo chef Natale Giunta. Visitabile tutti i giorni, tranne il lunedì dalle ore 12.30 alle ore 15.00 e dalle ore 19.00 alle ore 23.30. Ingresso libero, da via Filippo Patti.

La mostra di Enrico Cecotto, un’esplosione gioiosa di colori e materiali

In mostra, nelle sale del Castello a mare, 15 pezzi, prevalentemente acrilici e smalti su tela, stoffe animalier e frammenti di vetro di Murano, un mix di pittura con altri materiali eterogenei, spesso preziosi, ma anche di recupero, carichi di sensualità. Il lavoro di Enrico Cecotto si può distinguere in quattro cicli differenti: Still life, Vanitas, Shark, Happy hour. Tra i temi cari all’artista, che saranno apprezzabili anche nella selezione esposta a Castello a mare, la natura, la vita, la spiritualità, la morte, il denaro, con un messaggio positivo e costruttivo, e uno sguardo ironico alla vita.

Chi è l’artista Enrico Cecotto  Enrico Cecotto nasce a San Donà di Piave il 18/09/86 e vive e lavora con la sua arte a La Salute di Livenza (VE). Già     dalla primissima infanzia mostra attitudine e passione nei confronti del disegno. Dopo il diploma al liceo artistico, nel 2008, a ventidue anni, realizza la sua prima mostra personale a Venezia dal titolo Happy hour, che riscuote notevole successo. Successivamente brevetta una tecnica che rende il suo stile unico e inconfondibile: le sue opere diventano delle pitture-sculture realizzate con materiali differenti come stoffe, legno e tessuti.

Laureato nel 2010 con il massimo dei voti in Arti Visive all’Accademia di Belle Arti di Venezia, nel 2014 a Milano si specializza anche all’Accademia di Belle Arti di Brera. 


6_Enrico Cecotto_Shark_acrilico e tecnica mista su tela_50 x 120 cm_2019

5_Enrico Cecotto__acrilico e tecnica mista su tela_50 x 120 cm_2019

4_Enrico Cecotto_Vanitas 2.0_acrilico su tela e tecnica mista con vetro

Apre a Pozzallo la galleria d’arte e Cultura “Sacca” fondata dallo storico Scucces

Risultato immagini per immagine di arte

Foto Archivio Sud Libertà

 

Apriti SACCA!” è la mostra inaugurale che verrà presentata domenica 20 ottobre alle ore 18 dalla neonata galleria SACCA nel nuovissimo spazio di Pozzallo (RG), al pianterreno di un edificio dell’Ottocento interamente ristrutturato.

Fondata e diretta da Giovanni Scucces, storico dell’arte, essa vuole fare delle interrelazioni e interazioni fra diversi settori contigui il suo carattere distintivo e il proprio punto di forza.

 SACCA, acronimo di Sicilia, Arte, Cultura, Cucina e Artigianatoin analogia al nome comune, vuole porsi come un contenitore di sicilianità che esula dall’esclusiva tipicità per porsi piuttosto come marchio di qualità, di Made in Sicily. Una visione che, lungi dall’essere limitante, vuole valorizzare in ottica glocal gli artisti, i designer, le aziende e in generale le risorse di un grande territorio attraverso un attento processo di selezione e il successivo sviluppo di una programmazione e di rapporti dialogici e di scambio con i vari attori e livelli del sistema dell’arte contemporanea nazionale e internazionale.

 È ormai nota la crescente contaminazione fra arte contemporanea e design e la loro tangenza con l’architettura, l’artigianato, la moda, ma anche con il cibo, il vino e più in generale con le aziende e un certo modo di fare impresa e di comunicare. Al tempo stesso i diversi linguaggi espressivi come la pittura, la scultura, la fotografia, la performance, il teatro, il cinema, la musica, la letteratura, la computer grafica diventano con una certa frequenza delle opere d’arte totale o comunque presentano un forte legame fra di essi. Con l’arte contemporanea quindi si ha un superamento dei confini tradizionali fra le diverse discipline.

 SACCA si compone di diverse sezioni: gallery (arte contemporanea), designexcellenceexperience, mentre al momento sono ancora in fase germinale le categorie projects e news. In ognuna di esse è possibile trovare il giusto mix fra nomi affermati e giovani promesse. Gli artisti rappresentati sono Davide Bramante, Daniele Cascone, Giuseppe Costa, Emilia Faro, Loredana Grasso, Laboratorio Saccardi, Marilina Marchica, Manuele Mirabella, Ettore Pinelli, Federico Severino, Sara Vattano, Vlady (Vladyart). La sezione design è formata da Andrea Pirrone e ZoocollectionCritaDesuir, Gaetano Di Gregorio, Gloria Di Modica e Artefice Atelier, Luca Maci e ZAG, Luigi Napolitano, Danilo Randazzo, Mario Trimarchi. Tra le eccellenze è possibile trovare le cantine ArmosaDi GiovannaFrascaLe Sette AjeQuignonesTerre di Noto e le aziende food FicoLuchino e Sanapu, alcune delle quali saranno presenti durante il vernissage per far degustare e conoscere una parte dei prodotti. Le esperienze, invece, saranno rese possibili grazie alla collaborazione e alle preziose conoscenze di esperti, guide e/o associazioni operanti nel territorio.

 Ma SACCA non è soltanto uno spazio polivalente votato alla promozione dell’arte e dei diversi aspetti del vivere contemporaneo. Esso è anche un portale online e-commerce in cui poter visionare e ricevere ovunque ci si trovi l’intera gamma delle proposte trattate: opere d’arte, oggetti di design, ma anche prodotti enogastronomici e un ventaglio di esperienze e itinerari pensati per far comprendere e vivere al meglio il genius loci siciliano.

PERCORSO DI RICUCITURA TRA LE COMUNITÀ DELL’ETNA E DELL’ALCANTARA

OLTRE 44MILA PERSONE E 2000 BAMBINI DELLE SCUOLE HANNO ABBRACCIATO IL CANTICO



Anteprima immagine

Foto Press

«Oltre 44mila persone e 2000 bambini hanno abbracciato il Cantico come in un mantra corale che ha annullato ogni distanza territoriale per ritrovare la sua spiritualità in una grande famiglia: quella delle comunità dell’Etna e dell’Alcantara che si sono riunite e nutrite delle parole di San Francesco, della Bellezza del Creato e delle emozioni sprigionate dai bambini, dalle mamme, dai papà e dai nonni di questa Sicilia piena di energia». Ieri pomeriggio, a Piedimonte, l’ultima inaugurazione di “Controesodo”, il grande progetto del mecenate Antonio Presti, che per una settimana ha riacceso i riflettori su uno dei temi cruciali per il futuro della nostra terra, tracciando un percorso culturale, spirituale e turistico intorno a nove comuni dell’hinterland etneo: Randazzo, Castiglione di Sicilia, Malvagna, Motta Camastra, Graniti, Gaggi e Piedimonte Etneo.

La scelta di questi luoghi è stata suggerita dal grande valore dei paesi: comuni ricchissimi di risorse paesaggistiche e culturali che, tuttavia, soffrono da anni un lento spopolamento. Il progetto, che è partito da Librino per salire di quota verso la cima del Vulcano, ha rivitalizzato le strutture fondanti di queste comunità attraverso laboratori fotografici realizzati coinvolgendo i membri della famiglia e riattivando solidi principi educativi, per ricostituire il senso di appartenenza e identità. Fotografi amatoriali e professionisti, hanno immortalato le famiglie durante shooting organizzati nei luoghi vissuti quotidianamente: la Fondazione Antonio Presti ha poi selezionato gli scatti per stamparli su manifesti che sono stati affissi lungo gli assi viari principali o in luoghi simbolo dei diversi paesi. Ogni immagine è stata accompagnata dalle parole del Cantico di San Francesco (1226): una lode a Dio e alle sue opere che ancora oggi suona come un rivoluzionario manifesto di comunione e pace. Attraverso l’accostamento delle immagini con i versi del Cantico, i membri delle comunità sono stati simbolicamente “ribattezzati”, costituendo una sorta di grande canto spirituale unificante.

«È un orgoglio avere il Maestro Presti e il suo staff tra le nostre strade, tra la nostra gente – ha sottolineato il sindaco di Motta Camastra Carmelo Blancato – hanno lavorato con vero spirito di sacrificio e professionalità per farci dono dell’Installazione “Il Cantico di Motta Camastra” che ha come protagonisti i nostri bambini e le loro mamme. Un ringraziamento va a chi volontariamente e con spirito di abnegazione ha reso possibile il montaggio dei banner e all’assessore Mariangela Orlando. Il mio auspicio è che Antonio Presti possa e voglia continuare a collaborare con la nostra comunità nella realizzazione di ulteriori importanti progetti culturali e sociali».

«L’Amministrazione da subito ha mostrato grande interesse e piena condivisione – ha aggiunto il sindaco di Gaggi Giuseppe Cundari – questa grandissima opportunità, oltre ad essere motivo di orgoglio per l’intera cittadinanza, ci permetterà di rendere più decorosa una parte centrale del paese e, allo stesso tempo, di intensificare il senso di appartenenza al proprio territorio.  Questa iniziativa, in un momento di ferma convinzione dei nostri giovani a dover lasciare il proprio territorio per andare alla ricerca di fortuna altrove, ha l’obiettivo di far innamorare e legare i cittadini di domani alla Sicilia, con la consapevolezza che viviamo in una terra ricca e speciale e che ognuno, con il proprio apporto, può contribuire a migliorarla sempre più. Un grazie di cuore al Maestro Presti per quanto ha fatto, ma soprattutto per quanto sicuramente farà per i nostri bambini e per il nostro paese».

Anteprima immagine

Foto Press

Ieri (domenica) la giornata è iniziata con la passeggiata al Bosco delle Betulle: una vera rarità botanica che si raggiunge a 1650 metri, percorrendo un sentiero-natura del Parco dell’Etna. Uno scenario magico sui monti Sartorius (risalenti all’eruzione del 1865), dove si estende il colore della liscia corteccia bianca a strisce che spicca sul nero della lava. Questa specie endemica, che popola con scenografica bellezza le pendici dell’Etna, oggi soffre a causa della velocità dei cambiamenti climatici in atto. In questo momento storico, la conservazione e la tutela delle specie e degli habitat esistenti rappresentano il vero obiettivo primario: l’iniziativa è stata organizzata in collaborazione con “Salviamo i boschi” con la partecipazione di CAI Acireale, CAI Giarre, WWF Sicilia Nord Orientale Catania, Alpinismo giovanile CAI Acireale, Alternanza scuola lavoro Liceo scientifico Archimede di Acireale, Vivi Simeto, Assicurazioni olistica etnea, Associazione Almayoga, Stocusvit, Associazione Famiglie Persone Down Catania, Associazione Controvento Catania, Società cooperativa Pietrangolare Comiso.

Anteprima immagine

Foto Press

La giornata è proseguita a Piedimonte etneo, comune proprietario – in parte – del Bosco delle Betulle, dove il sindaco si sta impegnando a lottare per questo luogo e dove sono state inaugurate le ultime installazioni monumentali artistiche: «Una bellissima iniziativa – ha commentato il primo cittadino Ignazio Puglisi – che ci mette in contatto con tutti gli altri Comuni, superando ogni campanilismo e lanciando un segnale forte alle nuove generazioni: vivere in questa terra è possibile e bisogna iniziare a lavorare in maniera diversa, educando i giovani al Controesodo e credendoci fermamente».

Anteprima immagine

Foto Press

«Un’esperienza bellissima – ha spiegato Antonio Presti – che mi ha restituito un grande nutrimento di valori e condivisione: ho sentito l’abbraccio e il rispetto di tutta la gente dell’Etna e dell’Alcantara; ho sentito le emozioni dei bambini e delle loro mamme come carezze al cuore; ho sentito vibrare nell’aria parole come “futuro”, “rigenerazione” e “bellezza”.  Non ho sentito però la condivisione turistica e culturale dei territori: i comuni devono superare ogni campanilismo e lanciare un forte messaggio di unione tra comunità. Non ho sentito la grande possibilità di unire politiche turistiche e culturali di province diverse come Catania e Messina, di luoghi vicini come l’Etna e l’Alcantara. Insieme si diventa forza, divisi si rimane in minoranza. Con il potere dell’arte e della cultura da più di un mese ho dato voce a questi territori a livello nazionale attraverso una comunicazione forte e un messaggio potente. Rispetto alla politica turistica che dovremmo attuare, troppo spesso troviamo sagre in competizione tra loro. L’arte e la cultura restituiscono Futuro, crescita sociale e democrazia. La sagra, invece, restituisce solo un nutrimento temporaneo e locale e non parla mai al futuro. Mi piacerebbe che questi comuni continuassero a dialogare e promuovere la loro esistenza nell’armonia e nella pace. Quella stessa pace che il Cantico con le sue installazioni ha rigenerato in tutte le comunità, che a volte ancora oggi ho trovato divise da beceri e mediocri comportamenti e discussioni tra assessori, ex assessori e vicesindaci in avvicendamento. Mi piacerebbe adesso proseguire il percorso intrapreso con i Comuni che hanno lavorato e, in particolar modo, con le comunità che continueranno a manifestare affetto; e dall’altra parte dialogare con nuovi comuni che hanno mostrato apertura e disponibilità, come quelli del Simeto e della zona Etna Sud – ha concluso il maestro Presti – un percorso che parte proprio da Librino, la periferia di Catania che con il suo abbraccio aiuta altri luoghi che oggi stanno diventando periferie e dove le espressioni artistiche di cui si nutre la comunità indicheranno la via di questo nuovo itinerario dedicato alla Bellezza: nutrimento necessario per restituire allo sguardo un’idea diversa di Futuro».

Anteprima immagine

Foto Press

“CONTROESODO”, ANTONIO PRESTI: DA LIBRINO, DALL’ETNA E DALL’ALCALTARA

Oggi giorno in cui si festeggia il Santo d’Assisi, inaugurazione del Cantico a Castiglione di Sicilia

Anteprima immagine
L’INNO DI LODE DI SAN FRANCESCO PER LO SPLENDORE DEL CREATO

Rigenerare il territorio attraverso conoscenza, sentimento e bellezza

Quel rinnovamento spirituale nella storia della cristianità dettato dalla vita e dal pensiero di San Francesco, nel giorno a lui dedicato (domani, venerdì 4 ottobre, si celebra il Santo d’Assisi) troverà un inno di lode a Dio per lo splendore del creato, proprio attraverso le parole della sua Opera più alta: Il Cantico delle Creature. Sarà la voce della comunità di Castiglione di Sicilia, lo sguardo delle mamme che accolgono i figli in un abbraccio, le parole che alimentano l’anima e lo spirito, a scandire il tempo di un presente che spesso dimentica la necessità del Ringraziamento.

Così ha immaginato il suo progetto “Controesodo” il maestro Antonio Presti, e così sta avvenendo in questi giorni tra l’Etna e l’Alcantara, dov’è in corso una rigenerazione spirituale territoriale, attraverso la conoscenza, il sentimento, la percezione della bellezza, il superamento dell’espressione più egoistica e autoreferenziale di questa società contemporanea. «Un ringraziamento – sottolinea Presti – va ai fotografi Rosita Lipari, Veronica Russo, Monica Sposito e al Gruppo fotografico “LE GRU” EFI – con Giuseppe Amenta, Stefano Giacometti, Nunzia Schifilliti, Michele Torrisi, Massimo Vittorio – che ha allestito la mostra “Visioni etnee” all’interno del Museo Santi Pietro e Paolo, che sarà inaugurata domattina alle 10.30 in piazza S. Antonio. All’artista Roberto Collodoro, che con la sua monumentale installazione pittorica ha restituito sacralità alle mamme di Castiglione protette dalla loro patrona, la Madonna della Catena. E agli artisti performativi musicali Ginevra Gigli, Elisa Moschella e Michele La Paglia».

Anteprima immagine

Dopo le inaugurazioni di Randazzo, Graniti e Malvagna – «che hanno visto migliaia di cittadini con gli occhi dello stupore, uniti nella condivisione della meraviglia che manifestava nei loro cuori un respiro universale, un nutrimento necessario per restituire allo sguardo la manifestazione della Bellezza» – la visione etica del mecenate, che attraverso l’Arte prende forma e parla alla gente, continua a inondare il territorio di valori che hanno il loro fulcro nell’identità e nell’appartenenza. Così Presti è riuscito a creare un legame forte tra il messaggio del Patrono d’Italia – che pago della bellezza del mondo, s’incammina nel percorso della fede – e l’appello accorato rivolto ai giovani che decidono di abbandonare la Sicilia, lasciando intorno a chi rimane un deserto culturale e un vuoto dell’essere. «Dire che in questi territori non c’è futuro, non c’è lavoro, non ci sono più giovani – ha detto Presti – vuol dire affermare la morte del futuro. Trovare nell’Arte un nuovo percorso di ricucitura tra i territori e una nuova codifica di presente attraverso il linguaggio universale della Bellezza, è una delle direzioni da seguire. Allora a quello spirito di globalizzazione che vuole annientare le coscienze, occorre rispondere con la semina, generando un altro innesto, diverso dalla morte. Invito ancora una volta tutte le Amministrazioni a condividere questo percorso di arte e rigenerazione esistenziale e territoriale, prendendo i contatti con la Fondazione Fiumara d’Arte. Mi piacerebbe coinvolgere anche i comuni del Simeto e della zona Etna Sud per costituire una fondazione di comunità dove tutta la società civile e le scuole diventano protagoniste del cambiamento».

A spiegare bene quest’azione maieutica messa in atto da Presti – dopo mesi di lavoro tra i giovani delle scuole, le famiglie e le parrocchie – un’azione educativa che ruota intorno ai valori più primitivi e puri dell’Uomo, è il giovane arciprete di Castiglione di Sicilia don Orazio Greco, coinvolto in prima persona così come tutta la comunità: «L’intuizione del maestro Presti di associare il Cantico di S. Francesco a queste foto delle mamme con i propri figli – sottolinea Padre Orazio – è sicuramente dettata da un’interiorità che è stata ben educata soprattutto alla bellezza, che ha radici profonde nell’anima. Noi sappiamo che il Cantico forse è uno dei testi più belli, più letti, più riflettuti, cantati e musicati della letteratura italiana. Questo perché la poesia di San Francesco è fondata sulla mistica più che su un tema religioso o teologico. Quando parliamo di mistica parliamo, appunto, di questo avvicinamento al trascendente, a qualcosa che ci supera, che ci precede, che ci sta sempre davanti, che non riusciamo ad afferrare. Ed è per questo che nel cantico troviamo lo stupore della bellezza del creato, un creato che è stato donato poi a quell’uomo che viene riscaldato dal sole e dissetato dall’acqua: perché la bellezza è qualcosa che ci aiuta e che ci fa star bene, qualcosa che si dona e che ci viene donata. Penso che riunirsi attorno a questo cantico servirà molto alla popolazione – continua il parroco – perché il cantico ci fa contemplare il bello che c’è dentro e fuori di noi, facendo emergere in tutte quelle persone che guarderanno queste foto, sentimenti di vera bellezza, amore e riconoscenza a Dio. Ecco, questa credo sia l’intuizione più grande del mecenate Antonio Presti: quella di far cantare ancora oggi, nel 2019, questo cantico e, soprattutto, anche di leggerlo nei volti di queste mamme con i loro figli».

Anteprima immagine

L’associazione delle mamme di Castiglione di Sicilia e Solicchiata, che da diversi anni si occupa di stimolare nei giovani il legame con il territorio, la natura e il paesaggio «ha colto con entusiasmo la proposta di collaborazione con la Fondazione Fiumara d’Arte – commentano – sin dal mese di gennaio, periodo in cui si sono tenuti i primi incontri con il maestro e i suoi collaboratori, il nostro impegno è stato quello di coinvolgere le famiglie, illustrando la valenza e la “bellezza” del progetto. Nei mesi successivi, è stato nostro obiettivo, quello di individuare e stimolare tutte le energie positive della comunità, veicolandole verso questo geniale progetto che ci restituisce il valore dell’appartenenza».

«Controesodo vede la nostra comunità, le nostre madri con i loro figli, in prima linea – sottolinea il sindaco di Castiglione di Sicilia Antonio Camarda – un progetto di bellezza che simboleggia con la semplicità del Cantico, la forza delle radici, la forza di chi ha deciso di rimanere a vivere nel nostro borgo, nel nostro territorio e, più in generale, nel Sud del nostro Paese. È un messaggio di bellezza e di coraggio. Il coraggio di chi rimanendo nel nostro borgo ha fatto sì che lo stesso continuasse a vivere: il controesodo, infatti, è già in corso. Oggi Castiglione è un borgo ricco di beni culturali, di arte, di storia e con un patrimonio vitivinicolo unico, preservato dai suoi abitanti. Il territorio è museo a cielo aperto fra l’Etna e l’Alcantara. Il nostro Borgo, oggi, si arricchisce di un’opera donata dal maestro Presti: un atto d’amore nei confronti delle sue grandi madri e del territorio tutto».

Anteprima immagine

«Accogliendo l’invito a partecipare al progetto – dice la dirigente scolastica dell’Istituto Santo Calì di Linguaglossa, sede di Castiglione di Sicilia Venera Marano – la scuola ha visto coinvolti circa 50 alunni, dall’infanzia alla scuola secondaria di 1° grado, prima in una attività laboratoriale mirata alla  ricerca di parole, modi di dire e proverbi appartenenti al nostro dialetto, tramite il coinvolgimento anche dei nonni, successivamente, protagonisti e attori insieme alle loro mamme, di un servizio fotografico atto a rappresentare e a valorizzare non solo volti ed espressioni, ma anche i luoghi del quotidiano vivere. Grande è stato l’entusiasmo della comunità tutta e dei diversi nuclei familiari, orgogliosi di un’efficace testimonianza da trasmettere alle generazioni future».

 

Oggi l’inaugurazione delle opere monumentali: evento che coincide con ” la festa dei Nonni”

 

Prosegue fino  al 6 ottobre il percorso turistico-culturale nei comuni dell’Etna e dell’Alcantara

RANDAZZO, L’ABBRACCIO DI NONNI E NIPOTI NEL CANTICO CHE RESTITUISCE IDENTITÀ AI LUOGHI

Anteprima immagine

Sarà un vero e proprio battesimo in nome di San Francesco: il Cantico che da Librino traccia una nuova strada sull’Etna e sull’Alcantara, restituisce sacralità alla parola e interiorità alla bellezza. Il “Controesodo” che il mecenate Antonio Presti ha ideato «quale spazio relazionale in antitesi al nomadismo dell’essere» è già entrato nei cuori della gente, che in questi giorni si ferma per ammirare questa nuova visione di Presente.

«Il mio appello è rivolto a tutte le istituzioni del territorio – continua Presti – invito le Amministrazione che in questa prima fase non sono state coinvolte nel progetto, a condividere in futuro questo percorso di arte e rigenerazione esistenziale e territoriale, prendendo i contatti con la Fondazione Fiumara d’Arte. Mi piacerebbe coinvolgere anche i comuni del Simeto e della zona Etna Sud per costituire una fondazione di comunità dove tutta la società civile, la comunità e le scuole diventano protagoniste del cambiamento»

Oggi mercoledì 2 ottobre – alle ore 10.30, in piazza Loreto a Randazzo – prendono il via le inaugurazioni che toccheranno i primi sette comuni coinvolti – e l’arte sposerà la cultura ma soprattutto quell’interiorità che ognuno di noi ricerca nel mondo che ci circonda. Un’azione maieutica messa in atto da Presti che ruota intorno ai valori più primitivi e puri dell’Uomo, con l’obiettivo di far rivivere lo spirito delle comunità, i legami familiari, il genius loci di questi comuni.

Anteprima immagine

«Ringrazio i fotografi di Randazzo (Carmelita Bonfiglio, Giada Costanzo Zammataro, Lorenzo Marchese, Richard Ryala, Vincenzo Samperi, Antonella Sinagra, Gruppo fotografico “LE GRU” EFI Ferdinando Portuese, Giuseppe Amenta, Nicoletta Bellini, Salvo Badalà, Gianfranco Consiglio, Salvatore Galvano, Michele Torrisi, Serena Vasta) e di Graniti (Richard Ralya, Vincenzo Samperi, Gruppo fotografico “LE GRU” EFI: Salvatore Galvano, Michele Torrisi) per aver reso possibile tutto questo»conclude il maestro.

«È con immenso piacere, che il nostro istituto ha aderito all’iniziativa – spiega il prof. Salvatore Malfitana, dirigente scolastico dell’I.C. E. De Amicis di Randazzo – il progetto, alla riscoperta di una bellezza interiore che è ormai soltanto un ricordo, ha permesso a numerosi nonni di farsi fotografare con i propri nipoti, al fine di realizzare un vero e proprio museo all’aperto. Durante i laboratori sono stati tanti i momenti di particolare emozione tra le due generazioni a confronto: momenti che sono stati immortalati in uno scatto ridando bellezza al rapporto familiare. Il tutto contornato dalla spiritualità delle parole di San Francesco, che deve servire da guida alle nuove generazioni, affinché non perdano la speranza di poter continuare a vivere in questi paesi, pieni di tradizioni, di ricordi, di affetti, attuando i loro sogni e realizzando un processo di “controesodo” attraverso percorsi di impegno sociale, dove le istituzioni scolastiche fungono da collante e centro di aggregazione. La possibilità di stare in rete con altri istituti di paesi viciniori, alla scoperta e alla restituzione della bellezza dei luoghi, ha dato un fascino in più al lavoro intrapreso. Mi preme ringraziare per quanto sopra il maestro Presti e tutto lo staff, il personale docente e non docente, i genitori, i nonni gli allievi, l’Amministrazione e le associazioni che hanno supportato le nostre iniziative».

Anche il Circolo Didattico “Don Lorenzo Milani” di Randazzo ha collaborato con impegno per la realizzazione del progetto «che è risultato pienamente coerente con il lavoro di una scuola che cerca di contribuire alla formazione dei giovani, prestando attenzione al contesto territoriale – dichiara la prof.ssa Rita Pagano, dirigente dell’istituto – l’installazione monumentale delle foto di bambini e nonni con le frasi del Cantico è nata dall’idea di promuovere valori utili ad arginare l’esodo che continua a portare via tanti giovani. Da ciò il tentativo del Maestro Presti di creare un “controesodo” ancorato sul senso dell’identità, sull’intraprendenza e sul sacrificio. Le famiglie degli alunni hanno accolto con entusiasmo l’iniziativa e circa duecentosettanta bambini sono stati fotografati con i nonni. Il risultato ha superato le aspettative e, proprio per questo motivo, è importante il ringraziamento al sindaco che, ancora una volta, ha manifestato grande fiducia nei confronti del lavoro effettuato dalle scuole per la formazione dei giovani».

Un processo circolare, dove il popolo cambia, diventando pubblico vivo e responsabile, cosciente del proprio potere: «Con vivo piacere partecipo alla presentazione dell’evento – dichiara il sacerdote Domenico Massimino, arciprete di Randazzo – che nella nostra Randazzo ha trovato la fattiva e feconda collaborazione degli istituti scolastici Don Milani e De Amicis, sulla prospettiva condivisa della finalità sociale della cultura e dell’arte. Sull’orizzonte della spiritualità del Cantico che dice come l’armonia con Dio fondi l’armonia con tutto il creato, saranno esposte suggestive gigantografie che presentano nonni randazzesi colti in momenti di affettuosa e concreta relazione con i loro nipotini. È l’incontro tra il passato e il futuro che rende significativo e fecondo il presente degli uni e degli altri: il presente di chi, come un nonno, ha un retroterra di vita vissuta e senza mummificarsi sa abbracciare il futuro; e di chi, come un bambino, ha tutta una prospettiva di vita e, senza respingere il passato, affonda le radici in esso. È il fluire della vita, nella cui profondità risuona un’armonia divina che un contemplativo come San Francesco, a partire da un’intensa esperienza di Dio, ha saputo cogliere e riecheggiare nel suo cantico. L’evento costituisce allora un antidoto alla svuotante cultura dell’attimo fuggente senza passato, senza futuro, senza profondità, senza relazioni autentiche, senza Dio e, quindi, senza flusso armonico del vivere vero e bello».

Nel pomeriggio la festa dei nonni  a Graniti, con l’inaugurazione del Cantico nella Villa Comunale : «Il progetto ha sicuramente aggiunto valore non soltanto agli studenti ma a tutta la comunità della Valle dell’Alcantara – spiega la dirigente del Circolo Didattico Don Milani Maria Rita Lo Giudice – importante non solo da un punto di vista artistico ma etico, ha contribuito a restituire identità e senso di appartenenza, migliorando l’autostima e il senso di efficacia individuale. Oggi la scuola fa parte di un sistema formativo policentrico in cui sono presenti le famiglie, l’Amministrazione, le agenzie educative. Per fare comunità educante serve sinergia con tutti i soggetti coinvolti nel processo, serve individuare comuni prospettive di senso e di cambiamento».

«L’amministrazione Comunale che rappresento, unitamente alla comunità granitese e alle istituzioni scolastiche, ha condiviso e accolto con grande piacere sin dal primo momento il progetto del maestro Presti – conclude il sindaco di Graniti Paolino Lo Giudice – questa che ci viene data è un’occasione unica dal punto di vista artistico, sociale e culturale. In questo periodo storico in cui i nostri territori si stanno spopolando, pensare al controesodo che il maestro Presti ci propone con tutta la sua entusiasmante partecipazione è un dovere per tutti noi, amministratori e abitanti del territorio. Il progetto qui a Graniti che ha come protagonisti i nonni e i nipoti, ha poi un grande significato di collegamento tra vecchie e nuove generazioni, affinché si tramandi anche il senso di appartenenza e di amore nei confronti delle nostre comunità. È significativa anche la data di inaugurazione che coincide con la festa dei nonni. Mi auguro che questo sia il primo di tanti eventi e progetti che Presti e il suo staff possano regalare alle nostre comunità».

 

INAUGURAZIONE DELLE OPERE MONUMENTALI

  • Oggi Mercoledì 2 ottobre a Randazzo (ore 10.30) e Graniti (ore 16.00); 
  • Giovedì 3 ottobre a Malvagna (ore 10.30);
  • Venerdì 4 ottobre a Castiglione di Sicilia (ore 10.30);
  • Sabato 5 ottobre a Gaggi (ore 10.30) e Motta Camastra (ore 17.30)
  • Domenica 6 ottobre Bosco delle Betulle Crateri Sartorius (9.30) e Piedimonte Etneo (16.30)

Festival di Lampedusa, idee per un futuro sostenibile

 

 ARTE, CINEMA, NATURA

Anteprima immagine

Sull’isola nel cuore del Mediterraneo  in corso la kermesse promossa dell’Associazione Lampaethusa con la direzione artistica di Luca Vullo

LAMPEDUSA –

Nel cuore del Mediterraneo è in corso il “Festival di Lampedusa 2019”, la rassegna che per tre giorni anima l’isola, costruendo un immaginario ponte di dialogo interculturale che parta di rispetto dei diritti dell’uomo e dell’ambiente. Non solo arte, musica, cultura, cinema, ma un vero e proprio laboratorio di idee per riflettere oggi sui temi decisivi per un futuro sostenibile, attraverso momenti di scoperta e di condivisione, esperienze creative e linguaggi trasversali. Il Festival – promosso dall’Associazione Lampaethusa con la direzione artistica di Luca Vullo – nasce dalla volontà di raccogliere quello spirito di un’isola che vuole aprirsi al mondo, per far scoprire le sue unicità, dialogando e superando la più comune narrazione mediatica di Lampedusa.

Anteprima immagine

La prima giornata (ieri 27 settembre) si è aperta alla scoperta dei percorsi nella Riserva Naturale di Lampedusa tramite le escursioni guidate che hanno visto Legambiente illustrare il lavoro di recupero realizzato nel sito. Poi ampio spazio ai prodotti tipici con il Laboratorio del Gusto realizzato in collaborazione con Slow Food e dedicato alle colture resilienti di Lampedusa per immergersi nella sua tradizione agricola. Via anche all’anima artistica della kermesse con l’appuntamento di street art al Museo Archeologico, dove è iniziata la realizzazione del murales di Rosk&Loste.

Anteprima immagine

Ad accompagnare il primo Tramonto Esperienziale la live session di Libero Reina, che ha preceduto il primo appuntamento dei Dialoghi dal Mediterraneo, dibattito sui Diritti Umani con la partecipazione di Amnesty International Italia, Arcigay Palermo, La Migration – Sportello Migranti LGBT.     In serata, sempre in piazza, le prime quattro proiezioni della rassegna cinematografica internazionale proposta dal Festival: i due registi Simona Carnino con “The power of passport” e Andrea Trivero con “L’uomo degli alberi” sono stati protagonisti sul palco di un’intensa riflessione sui diritti umani nel cinema documentario. Trivero ha raccontato la straordinaria storia dell’africano Daniel, coltivatore e padre di milioni di alberi, costretto in una carrozzina ma con la passione per il “movimento” costante e il sogno di un mondo più verde; mentre Simona Carnino mantenendo il tema del viaggio ha raccontato l’oscuro mondo dei trasporti illegali delle donne indigene del Guatemala che si spostano verso gli Usa. Entrambi i racconti parlano di corpi spezzati, di braccia e mani che tendono verso l’alto, di carne e ossa che urlano rispetto e dignità.

Ieri  la kermesse si è aperta con il nuovo Laboratorio del Gusto per promuovere il presidio Slow Food dell’Alaccia salata di Lampedusa. Alle 15.00 al Porto Vecchio l’evento Marevivo dedicato alla tutela del mare. Poi il  nuovo Tramonto Esperienziale  è stato  accompagnato dal sound di Nino Errera presso Tunèz. Alla sera in Piazza Castello   musica con Ritmi dal Mondo e il dj set di FranKlin ed infine  i Dialoghi dal Mediterraneo si ssono soffermati sul rispetto dell’ambiente, con interventi di Marevivo, Water Grabbing Observatory, Turtle Group, Comitato Lampedusa e Banca Sant’Angelo.

L’arte con il live painting di Voilà Silvia ha avuto il suo spazio.

Anteprima immagine

Oggi  29 settembre, il Festival continuerà con la realizzazione del murales di Rosk&Loste e con il Tramonto Esperienziale accompagnato dalla musica di Mario Crispi al Beach Guitgia. Alle 21.00 in Piazza Castello tornerà il dj set, mentre alle 21,30 appuntamento per l’inaugurazione dell’installazione permanente di Rosk&Loste e del dipinto di Voilà Silvia. A seguire l’incontro con il regista Marco Piccarreda e Pietro Pinto di Snapshots from the Borders precederà l’ultima ‘tappa’ della rassegna cinematografica con quattro documentari italiani in proiezione. Il Festival si concluderà con una grande festa a Portu ‘Ntoni, dove da mezzanotte prenderà via il Beach party con il dj set di Vincenzo Callea from TI.PI.CAL.

Anteprima immagine

Festival di Lampedusa: kermesse culturale del SUD di arte, ambiente e diritti umani

Anteprima immagine

Da venerdì 27 a domenica 29 settembre, la seconda edizione della kermesse

 IL “RISPETTO” AL CENTRO DEL FESTIVAL DI LAMPEDUSA 2019

IL LINGUAGGIO DELL’ARTE –Tre giornate di cinema, musica, food, street art, performance live ed escursionismo

per tutelare l’interculturalità e il paesaggio dell’isola più a sud d’Europa

 

Il valore è tutto racchiuso nel nome: “Festival di Lampedusa”, che in tre parole suggerisce subito l’idea di una kermesse culturale in un’isola – la più a sud d’Europa – che fin dall’antichità è scenario di spettacoli naturalistici e crocevia di popoli mediterranei. Un evento che, dopo lo start dello scorso anno, torna con la seconda edizione nel weekend del 27, 28 e 29 settembre 2019, grazie all’impegno civico dei giovani dell’Associazione Lampaethusa, con l’organizzazione di Hub Turistico Lampedusa e Ondemotive Productions e la direzione artistica di Luca Vullo.

Anteprima immagine

Foto Press-Il direttore artistico Luca Vullo

Tre giorni di cinema, musica, food, street art, performance, dibattiti e tanto altro per declinare con il linguaggio universale dell’arte il «rispetto» fondamentale verso l’uomo e i suoi diritti, verso l’ambiente e il suo ecosistema. Un rispetto che può realizzarsi solo se plurale, se compiuto insieme, se positivamente contagioso. Per questo il Festival di Lampedusa è un invito al dialogo, valorizzando e arricchendo le diversità culturali, e al tempo stesso tutelando l’arcipelago e il mare delle Pelagie, così da contribuire alla sensibilizzazione per la tutela della biodiversità.

«Il Festival nasce con lo spirito che si possa parlare di Lampedusa in maniera diversa, facendo scoprire le sue unicità e allontanandola dalla strumentalizzazione mediatica – afferma il direttore artistico Luca Vullo Così abbiamo concepito un laboratorio d’idee su temi cruciali per il futuro di tutti, proponendo occasioni di scambio interculturale e di diffusione di buone pratiche. Durante le mattine abbiamo organizzato escursioni naturalistiche e percorsi sensoriali in collaborazione con Legambiente Sicilia e Onlus Marevivo: accompagneremo ivisitatori alla scoperta dell’enorme lavoro di recupero ambientale svolto negli anni all’interno della Riserva Naturale “Isola di Lampedusa”, concludendo la passeggiata nella splendida “Isola dei Conigli” considerata tra le più belle spiagge del mondo. Con Slow Food – Isole Slow Siciliane sezione di Lampedusa abbiamo pensato invece ad attività gastronomiche per la promozione dei prodotti e delle tradizioni locali, e inviteremo il pubblico al cospetto di “Zia Cuncetta” per imparare l’antica preparazione di ricotta, pane e capperi. Le ore pomeridiane – continua il direttore artistico – saranno dedicate alla musica e alla realizzazione di murales, con diversi appuntamenti nella cornice delle suggestive location naturali che Lampedusa offre. Ogni giorno accompagneremo con una live session l’esperienza del suggestivo tramonto isolano. La sera invece ci ritroveremo a Piazza Castello, centro dell’anima culturale lampedusana, per una rassegna di documentari internazionali, arricchita da incontri con registi, dibattiti e musica dal vivo. Saluteremo l’estate dal cuore del Mediterraneo, con le braccia protese al mondo intero».

LIBRINO RISPLENDERA’ DI LUCE E DI BELLEZZA: PAROLA DI ANTONIO PRESTI

 

Inaugurato “Il Cantico”: oltre mille banner ispirati alla preghiera di S. Francesco Risultati immagini per IMMAGINE DI LIBRINO A CATANIA

«LIBRINO, TAPPA OBBLIGATA PER I TURISTI CHE VISITANO CATANIA»
LA RICHIESTA DI PRESTI PER RESTITUIRE CENTRALITÀ ALLA PERIFERIA 

Tantissime autorità, alunni, insegnanti, sacerdoti, volontari e famiglie

Il sindaco Pogliese «Dimostreremo insieme che è possibile rinascere dalle ceneri»

 

CATANIA –

 Dolce sentire come nel mio cuore, ora umilmente sta nascendo amore. Nel canto d’ispirazione francescana, intonato questa mattina dai giovani dell’Orchestra dell’Istituto comprensivo Angelo Musco, c’è tutto il senso dell’opera del mecenate Antonio Presti. Perché dolce è capire che non siamo soli, ma parte di una immensa vita, «e questa comunità risplenderà di luce grazie agli sguardi di chi, ogni giorno, restituirà Bellezza all’Altro attraverso questi ritratti – ha sottolineato il presidente di Fiumara D’Arte – con la potenza delle parole di una preghiera che risuona tutt’intorno, in segno di una rivelata fiducia».

Il Cantico di Librino, quale simbolo di condivisione e di rinascita, inonda il quartiere di buoni propositi, rinnovando quella cucitura spirituale – etica ed estetica – che affonda le radici non solo nel concetto di recupero, ma nel rispetto del prossimo. Durante la cerimonia d’inaugurazione, alla presenza di migliaia di bambini delle scuole, lo hanno sottolineato tutti i presenti, consapevoli che un’opera artistica, quando diventa simbolo di “bene comune”, riesce a superare ogni confine geografico, ogni barriera mentale.

«Il Cantico segna un percorso iniziato anni fa con la Porta della Bellezza – ha spiegato la dirigente dell’Istituto Musco Cristina Cascio – che ha lasciato un’impronta forte, unendo tutti nell’intento di riappropriarci di un’identità che sembrava perduta. Oggi questo cammino si riapre grazie ad Antonio Presti, con le immagini della gente che testimoniano la vivacità e la voglia di lanciare segnali forti nel nostro territorio. È un percorso di bellezza interiore su cui vogliamo scommettere, in primis attraverso le scuole, agenzie educative che devono trasferire quel senso civico di cui si nutre il mondo». Mani sul petto per cantare l’Inno di Mameli, con la consapevolezza che occorre stare uniti per superare la linea di confine dell’ombra, che a volte vela la quotidianità con problemi e criticità: «Lo Stato è vicino a Librino per sostenere i cittadini – ha dichiarato il prefetto di Catania, Sua Eccellenza Claudio Sammartino – l’opera che Presti, insieme a voi, sta consegnando alla città, rappresenta un grande incoraggiamento per continuare a lavorare; un contributo prezioso offerto con grande generosità. In questo momento difficile e delicato per il capoluogo etneo, proprio dalle periferie deve partire il cambiamento. Librino ci ha messo la faccia e questo è un contributo che ognuno di voi ha dato in maniera decisiva per il futuro».

Le percussioni di Michele La Paglia sembrano scuotere le coscienze, tra il silenzio delle pause che ritmano gli interventi istituzionali: «Proprio oggi si celebra l’Annunciazione – spiega l’Arcivescovo dell’Arcidiocesi di Catania Mons. Salvatore Gristina – e nella solennità di questa giornata il ringraziamento va ai tantissimi sacerdoti e diaconi che operano in questo quartiere e alle tante persone che collaborano con loro: mi fa piacere che padre Salvo e padre Fabio abbiamo messo la loro faccia per lanciare un segnale importante e per diffondere la parola del Signore tra queste strade. Grazie a Presti per avere fatto riecheggiare la preghiera di San Francesco: dobbiamo lavorare tutti insieme per il bene delle nostre comunità».

E prima di uno scambio significativo tra Antonio Presti e il primo cittadino Salvo Pogliese – presente insieme all’assessore Barbara Mirabella e rimasto dalla prima all’ultima nota che ha chiuso la grande festa di stamattina – l’applauso sentito e fragoroso a tutti i fotografi che hanno seguito Presti in questo lungo percorso che ha portato alla creazione di oltre 1000 ritratti fotografici: Arianna Arcara, Luigi Auteri, Valentina Brancaforte, Cristina Faramo, Claudio Majorana, Alessio Mamo, Orazio Ortolani, Maria Sipala, diretti da Antonio Parrinello, con la partecipazione del fotografo internazionale Reza Deghati e del fratello Manoocher, con il coordinamento di Paolo Romania.

«L’Asse dei Servizi – ha detto Presti rivolgendosi al sindaco – è un punto di passaggio obbligato per tutti i turisti: vorrei chiedere a quest’Amministrazione, con cui fino ad oggi ho lavorato sinergicamente e con grande unità d’intenti, di far diventare Librino snodo cruciale per chi viene qui a visitare le nostre bellezze. Sarebbe davvero significativo prevedere una sosta obbligata davanti all’installazione per tutti quei pullman turistici e mezzi pubblici che si recano all’aeroporto. Così come sarebbe utile far fiorire queste aiuole e illuminare queste opere del Creato».

Pronta la risposta del primo cittadino: «Prima di tutto un grazie ad Antonio Presti, da sempre attento alle dinamiche sociali della nostra città e della nostra Isola – ha concluso Pogliese – quello che vediamo oggi merita un sentimento di gratitudine da parte di tutti. Al di là del fatto estetico, celebriamo un momento pedagogico di grande valenza: è per questo motivo che ci tengo a ringraziare anche a tutti gli insegnanti che hanno condiviso il progetto. Dobbiamo superare un retaggio culturale fatto troppo spesso di pregiudizi, e credo che questa giornata abbia testimoniato appieno la volontà di far ripartire Catania attraverso l’amore che proviamo per la nostra terra. Cercherò di fare il possibile per rispondere a queste richieste, nel tentativo di valorizzare il vostro lavoro per portare qui turisti e visitatori che giungono numerosi nella nostra città. Catania è sempre stata in condizione di rinascere dalle proprie ceneri, abbiamo l’energia, le competenze, la passione per riuscirci ancora una volta. Spero con la Fondazione Fiumara d’Arte di poter costruire definitivamente il progetto del Museo Internazionale della Fotografia e della Luce per creare insieme i presupposti di un futuro carico di bellezza». E sulle note di “Nessun Dorma”, che hanno visto protagonista la cantante diversamente abile Alfina Fresta, l’ultima pennellata di questo quadro ha dipinto il cielo sopra Librino, con vibrazioni positive e lacrime cariche di speranza. «Più che mai questa emozione ha affermato con tutta la sua potenza il valore di essere creature dell’Universo», ha concluso Presti.

CATANIA SI RACCONTA -23 -24 MARZO-CON LA STREET ART: PORTO, LIBRINO E QUARTIERI ….GRAVE L’ASSENZA DELLA SOPRINTENDENZA

Le iniziative nella città etnea: sabato 23 e domenica 24 marzo, a partire dalle 9.30

Risultati immagini per IMMAGINE DI BENE ARTE 

XXVII GIORNATE FAI DI PRIMAVERA A
ASSENTE LA SOPRINTENDENZA AI BENI CULTURALI DI CATANIA

Ben 1400 gli Aspiranti Ciceroni che guideranno i visitatori in un percorso inedito

CATANIA –

Un’edizione da record quella delle “Giornate Fai di Primavera 2019” organizzate dalla Delegazione di CataniaUndici i Beni Culturali che sabato 23 e domenica 24 marzo saranno aperti al pubblico – mai così tanti finora – e ben 1400 gli “Apprendisti Ciceroni” che accompagneranno i visitatori alla scoperta delle “contaminazioni artistiche” che da secoli caratterizzano la città etnea. Un percorso insolito, un viaggio a ritroso nel tempo, che parte dai luoghi della street art contemporanea per arrivare alle bellezze barocche degli antichi quartieri popolari. Si comincia dal Porto di Catania, da una posizione privilegiata per ammirare le opere dipinte sui silos e il più grande murales del mondo, “L’uomo che guarda il mare” di Vhils; da qui, muniti di biglietto Amt, sarà possibile salire a bordo del bus “Librino Express” che porterà i visitatori in Viale Moncada per conoscere il maestoso Murales di Blu.

Ritornando al centro storico, in via Plebiscito verranno aperte le porte della Ex Rimessa Amt (oggi Parcheggio R1), un luogo trasformato dai writers che con le loro opere hanno ridisegnato spazi altrimenti destinati all’abbandono. L’arte contemporanea farà ancora mostra di sé nel complesso postindustriale della Fondazione Brodbeck, nel cuore di San Cristoforo, dove seimila metri quadrati accolgono creatività e culture locali e internazionali; ci si sposta poi in uno dei “luoghi del cuore” per cittadini e turisti, la Porta Garibaldi, a cui gli studenti partecipanti si ispireranno per creare un’opera di street art. Da qui, proseguendo in direzione del Duomo, il percorso Fai fa tappa nella Chiesa di Santa Maria dell’Aiuto e nella dimora storica di Palazzo Asmundo di Gisira, recuperato grazie a un accurato e lungimirante restauro in chiave artistica e contemporanea, e oggi fruibile come struttura ricettiva.

Passato e presente s’incontrano anche sotto la volta bizantina della Cappella Bonajuto, oggi preceduta dal murales di Gomez “L’Angelo”. Dal quartiere della Civita a quello di San Berillo, caratterizzato dai suoi vicoli colorati e dove si trova la dimora storica di Palazzo De Gaetani. Sarà fruibile dal pubblico anche il Bastione degli Infetti, per documentare l’impegno del Fai a favore del suo recupero. Infine, laChiesa di San Benedetto, indimenticabile scenografia di “Storia di una capinera” per la trasposizione cinematografica di Franco Zaffirelli, il cui ingresso è riservato ai soci Fai e a chi si iscriverà in loco.

 A MARGINE DI UNA MANIFESTAZIONE DI COSI’ ELEVATO PROFILO CULTURALE TANTI – rileva Sud Libertà- HANNO POSTO UN QUESITO: DOV’E’ LA SOPRINTENDENZA DI CATANIA?   PERCHE’ NON PARTECIPA A QUESTI EVENTI?  FORSE LA SOPRINTENDENTE IN CARICA “SNOBBA INIZIATIVE DELLA FAI” .   E’ una domanda che giriamo- sicuri dell’omissione di una doverosa risposta da parte della Soprintendenza di Catania – al Presidente della Regione on. Nello Musumeci.

«Una città non può essere un museo statico e inerte ma il bello che contiene, anche degradato, deve trarre nuova linfa attraverso il dialogo continuo con la gente che qui abita e vive, e con gli artisti capaci di ridestare e amplificare quella bellezza a volte sopita. Con le “Giornate Fai di Primavera 2019” vogliamo raccontare storie di riscatto della nostra Catania, storie antiche e recenti, di cui ammirare l’esito artistico, ma soprattutto su cui riflettere per il futuro della città e dei giovani», ha affermato il capodelegazione del Fai Catania Maria Licata,  nei locali della Nuova Dogana, all’interno del Porto, e a cui sono intervenuti i volontari del Gruppo Giovani Fai Catania e i rappresentanti delle istituzioni che supportano l’evento: il sindaco di Catania Salvo Pogliese e l’assessore comunale alla Cultura Barbara Mirabella – che hanno annunciato l’impegno per la riqualificazione della Porta Ferdinandea – il presidente dell’Azienda Metropolitana Trasporti Giacomo Bellavia – il quale ha illustrato le disposizioni speciali messe in campo per l’occasione dall’Amt – Roberto Nanfitò in rappresentanza dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar di Sicilia Orientale – che ha sottolineato la straordinaria apertura durante la “due giorni” dei Laboratori Nazionali del Sud, realtà importantissima dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Inoltre, erano presenti per la Direzione Marittima di Catania il capitano di fregata Cosimo Bonaccorso e il sottotenente di vascello Isabella De Luca, e per la Fondazione Radicepura Luca Gangemi

beni culturali, Catania, panvini, soprintendente

Dov’è la Soprintendente di Catania archeologa Pamvini- e naturalmente l’apparato tecnico-archeologico che rappresenta dell’Ente regionale – in una manifestazione  di così alto profilo culturale?

 

Mostra sui “Triangoli della legalità” a Napoli, Stazione di Montesanto

Risultati immagini per foto mostra arte a napoli, quartiere montesanto

Un’originale mostra sui triangoli della legalità  definita Nat’Arte, è stata inaugurata ieri   alla stazione di Montesanto, dove resterà aperta fino al 26 maggio, giorno in cui ricorre il decennale dell’omicidio di Petru Birladeanu, il musicista rumeno vittima di camorra al quale la stessa stazione è intitolata.

Un progetto di Aldo Capasso e dell’Accademia di Belle Arti di Napoli (disegni coordinati da Ivana Gaeta e Daniela Pergreffi, opere degli artisti Giuseppe Desiato, Giuseppe Pirozzi, Anna Trapani), è sostenuta dalla Fondazione Polis della Regione Campania, da Eav e dalla Federazione delle Associazioni Antiracket e Antiusura Vomero-Arenella intitolata a Maurizio Estate, come Petru vittima innocente della criminalità.

All’incontro inaugurale sono intervenuti, tra gli altri, insieme ad Aldo Capasso, il segretario della Fai Vittorio Ciccarelli con il presidente della sede del Vomero Davide Estate, il presidente dell’Eav Umberto De Gregorio, il presidente e il vicepresidente della Fondazione Polis, rispettivamente don Tonino Palmese e Rosaria Manzo, e il parlamentare Paolo Siani.

Risultati immagini per foto mostra arte a napoli, quartiere montesanto
Nel corso dell’incontro, Don Palmese si è soffermato sul  sacrificio di Petru, la cui fisarmonica sarà oggetto di un’installazione artistica che si inserirà nella mostra Nat’Arte: «A Petru tutti noi dobbiamo le nostre scuse e la nostra riconoscenza. Lui stava nel posto giusto quando è rimasto vittima della subcultura dei suoi killer, la stessa che oggi nutre il razzismo e il disprezzo verso chi viene considerato diverso. Il ricordo di Petru e di tutte le vittime deve essere un imperativo categorico per la Fondazione Polis e per tutti noi»..

Immagine correlata

La mostra Nat’Arte, dopo Montesanto, proseguirà- si apprende – nella stazione di San Giorgio a Cremano, dove si è verificato, recentemente, lo stupro ai danni di una ragazza, per accrescere la cultura della legalità.