“INDUSTRIA 4.0”: SOLUZIONI INNOVATIVE PER SFRUTTARE GLI INVESTIMENTI IN RICERCA, SVILUPPO E INNOVAZIONE

 

Ingegneri e Università di Catania insieme per cogliere le nuove opportunità professionali

 

CATANIA

Cogliere le opportunità lavorative, professionali e di cambiamento che stanno caratterizzando questo momento storico, attuando soluzioni innovative che incidano positivamente sul mondo professionale dell’ingegneria. «Abbiamo colto l’occasione per un confronto che permetta di dibattere su temi strategici per il terzo settore, con un focus trasversale su tutti i rami dell’ingegneria», ha commentato il presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Catania Mauro Scaccianoce, durante il seminario “Industria 4.0: caratteristiche e opportunità”, tenutosi questo pomeriggio (13 gennaio) in modalità webinar. «Avere un’ampia conoscenza delle nuove normative, degli incentivi, dei finanziamenti, delle possibilità di sviluppo e di quelle che offre la ricerca – ha proseguito – è fondamentale in questa fase di transizione professionale e sociale. Tenuto conto dell’argomento, non potevamo che operare in sinergia con l’Università di Catania e con il Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e Informatica, diretta da Giovanni Muscato, che ringrazio per la sinergia e la disponibilità mostrata».  

Ringraziamenti a cui si legano anche il presidente e il consigliere della Fondazione degli ingegneri etnei, rispettivamente Filippo Di Mauro e Fabio Filippino: «La partecipazione di relatori qualificati provenienti dal mondo universitario rappresenta un valore aggiunto e offre sempre importanti spunti e idee per la nostra professione.

Sicuramente, il contributo di oggi sulla blockchain e sulle nuove tecnologie, l’analisi attraverso casi studio e il focus sugli investimenti a disposizione in questo campo ne sono una dimostrazione». Un mix vincente di teoria e pratica, puntando i riflettori su «attività centrali per la ricerca del nostro dipartimento, per l’ingegneria industriale e per quella dell’informazione – ha aggiunto il direttore del DIEEI Giovanni Muscato – e questo per merito dell’iniziativa dell’Ordine e della Fondazione e dell’impegno del vicedirettore del nostro dipartimento Salvatore Cavalieri. Infatti, non ci siamo limitati solo ad analizzare le opportunità del settore, ma anche il quadro programmatico del “Piano Transizione 4.0”, per individuare le soluzioni in grado di sfruttare appieno gli investimenti in ricerca, sviluppo e innovazione tecnologica».

Aci Sant’Antonio, domani Babbo Natale riceverà alla Villa comunale tutti i bambini per raccogliere le letterine

Domani dalle 09.00 alle 14.00 alla Villa Comunale ‘Il Natale dei piccoli’

Come Spiegare il Natale ai Bambini Piccoli

Caruso: “Abbiamo fortemente voluto ritagliare uno spazio per i bambini”Domani, domenica 19 dicembre, dalle 09.00 alle 14.00 ad Aci Sant’Antonio sarà la volta del ‘Natale dei piccoli’.La Villa Comunale diverrà un luogo magico, con gli Elfi e con Babbo Natale che riceverà tutti i bambini per raccogliere le letterine.Fra musica, danza, stand e mercatini di Natale diverse iniziative renderanno unica la mattinata: – Il villaggio degli Elfi, che con animazione, giochi e laboratori intratterranno i più piccoli; – I laboratori creativi: accanto ai folletti i piccoli potranno creare e decorare le opere e realizzare decorazioni del natale come fiori, alberelli e cerchi con tappi di sughero, o stelle di cannucce, o metterein piedi Olaf, il divertente pupazzo di neve realizzato con rotoli di carta igienica; e ancora: mollette fermacarte decorati in tema natalizio, pasta di sale e disegni natalizi; – L’ufficio postale: gli elfi di babbo natale aiuteranno tutti i piccoli a scrivere e spedire la propria letterina; – L’incontro con Babbo Natale: i bambini potranno trascorrere del tempocon Babbo Natale e scattare delle meravigliose foto ricordo; – Il Cantastorie: i magici racconti di Natale verranno narrati e mimatiinsieme ai piccoli per vivere momenti unici.Insomma: allegria, magia e divertimento, e ci sarà spazio anche per la solidarietà. “Quella del Natale pensato per i bambini è un’idea alla quale abbiamo cercato di non rinunciare mai – ha spiegato l’Assessore allo Spettacolo, Antonio Scuderi – compatibilmente con quanto il Covid ci ha sottratto. Quest’anno abbiamo avuto l’opportunità di realizzare una giornata come quella che domani riempirà la Villa Comunale di gioia e spensieratezza,e anche se chiaramente di questi tempi i margini di manovra sono ristretti e i tempi decisionali sono labili, siamo riusciti a fare quello che speravamo”.Il Sindaco, Santo Caruso, sottolinea l’importanza dell’evento: “Abbiamo fortemente voluto ritagliare uno spazio per i bambini, consapevoli del fatto che questa fase storica ha già tolto troppo e che nutrire la fantasia e la gioia nel periodo dell’anno più adatto fosse assolutamente necessario. Ringrazio chi si è speso per realizzare un simile evento, edinvito chiunque a partecipare a questo straordinario momento di festa, che mi auguro sia ricco di bambini e di spirito natalizio”.

Tavola rotonda commercialiste: “Il Gender Gap economico arriva al 40%”

 

Tavola rotonda promossa da Comitato Pari Opportunità ODCEC Catania e Fondazione YMCA

CATANIA

«Esiste ancora un divario in merito ai redditi professionali percepiti, nonostante il numero di donne professioniste nella nostra categoria rappresenti oltre il 33%. Nella fascia dei 30 anni la disparità economica è lieve, mentre si accentua andando avanti con l’età, raggiungendo il 40% tra i 41 e i 50 anni e superando il 40% per le over 50. Più in generale, il gap economico in tutti gli ambiti lavorativi si aggira intorno al 14,5%, a parità di carriera e competenze». Sono questi i dati – in linea con quelli nazionali – illustrati dalla consigliera dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania Marilù Fragalà, che mettono in risalto una discriminazione di genere anche in ambito lavorativo. Un problema per cui sono state introdotte apposite norme: «Nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – ha proseguito – nel capitolo dedicato al lavoro è stata prevista una certificazione per le aziende che garantiscono equità salariale, con il conseguente vantaggio di benefici fiscali e finanziamenti. Purtroppo – ha aggiunto – siamo ancora nella condizione di dover ricorrere alle norme per raggiungere la parità di genere e ridurre il gender gap». Riflessioni fatte durante l’incontro tenutosi nella sede della Fondazione YMCA di Catania in occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne (25 novembre).

Una tavola rotonda fortemente voluta dal Comitato Pari Opportunità dell’Ordine etneo, con l’intento di trattare l’argomento con propositività, «aprendo al dibattito sull’equità e sulla meritocrazia, guardando alla diversità come opportunità e ricchezza non solo sociale, ma anche professionale. Solo un confronto costruttivo può portare all’evoluzione della società, in cui è imprescindibile la coesistenza e lo stretto legame tra pari opportunità e meritocrazia», ha sottolineato la presidente del CPO Maria Papotto.

Considerazioni che si inseriscono in un quadro in cui «scarseggiano le opportunità e si assiste a un decadimento sociale, con la perdita di valori e la mancanza del rispetto verso gli altri» ha commentato il viceprefetto di Catania Rosaria Maria Grazia Giuffrè.

A fianco dei Commercialisti la Fondazione YMCA, branca della World Alliance YMCA (ente esistente da 177 anni e vincitore anche di un premio Nobel per la pace nel 1946). La Fondazione è ormai una realtà consolidata, presente a Catania con un campus universitario e diverse strutture formative per i giovani (12-18 anni): «L’evento di oggi rientra perfettamente nei valori in cui crediamo – ha affermato la direttrice nazionale postgraduate e membro del Comitato Scientifico della Fondazione Daniela Mainenti –l’importanza delle pari opportunità, della “solidarietà di genere” e della meritocrazia sono assolutamente presenti anche in ambito lavorativo. In quest’ottica, da anni siamo promotori di iniziative e di collaborazioni che possano contribuire alla sensibilizzazione sociale. Tra queste rientra il partenariato con l’Ordine dei Commercialisti di Catania, per l’assegnazione di borse di studio per il corso di alta formazione in amministrazione e gestione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, in sinergia con l’Università di Napoli».

Durante la tavola rotonda – moderata dalla segretaria del CPO Alessandra Neri – si è analizzato il problema puntando i riflettori sul ruolo e la figura della donna nel passato, fino a giungere ai giorni nostri, grazie al contributo di Giusi Scalia (assistente sociale e referente Associazione Antiviolenza Galatea), Maria Liliana Nigro (docente di Storia del Costume per lo Spettacolo dell’Accademia delle Belle Arti di Catania) e Raoul Vecchio (presidente dell’Associazione Balouo Salo).

Palermo, Marco Burrascano, presidente Agenti immobiliari

 

Foto Agenzia

PALERMO

Marco Burrascano è stato eletto presidente della Fiaip -Agenti immobiliari -Palermo. Subentra al past presidente Antonino Matano.
Si è tenuta presso il Grand Hotel et del Palmes, nel capoluogo siciliano, l’assemblea provinciale della Fiaip, la Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali…

Il congresso si è riunito per rinnovare le cariche elettive di presidente provinciale e dei consiglieri. La presenza di Carmelo Mazzeppi, presidente regionale della Federazione, ha testimoniato l’attenzione del sindacato con riguardo sia all’andamento dell’attività interna che alla dinamica di tutela del consumatore nel capoluogo e nell’intera isola.
Il Collegio di Palermo,informa un Comunicato stampa- nell’ultimo periodo “ha incrementato il numero di agenti immobiliari associati, contribuendo al raggiungimento della soglia dei cinquecentocinquanta professionisti siciliani che operano sotto l’insegna Fiaip. I cittadini, poi, hanno confermato di gradire la serietà, l’onestà e la competenza degli agenti immobiliari iscritti alla più grande organizzazione italiana di categoria”.
Sono questi i dati emersi dal dibattito, che hanno ottenuto a Marco Burrascano l’elezione a presidente provinciale. Eletti consiglieri provinciali Margherita Cannizzaro, Antonino Matano, Stefano Magro, Giorgio Greco, Salvatore Interguglielmi, Nunzio Russo, Giuseppe Coniglio, Alessandro La Bua, Andrea De Lorenzo e Giovanni Ferrigno.

Trasformazione dei Centri storici: gli architetti catanesi a lezione dal Maestro pluripremiato spagnolo Andres Canovas

Catania, sabato 20 novembre, ore 9.00, Palazzo della Cultura

 

Andrés Cánovas Alcaraz

Nella foto d’Archivio Andres Canovas

Evento promosso dall’Ordine, dalla Fondazione degli APPC e dal Comune di Catania, in collaborazione con Inarch Sicilia

 

CATANIA

Conservazione e trasformazione dei centri storici: Architettura sempre più al centro della programmazione e delle iniziative legate all’evoluzione urbana, in un periodo che guarda al green e all’ecosostenibilità, così come previsto nei piani europei e nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Da qui la necessità di un confronto a livello locale, nazionale e internazionale, che vede protagonisti l’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Catania (presidente Sebastian Carlo Greco) e la sua Fondazione (Eleonora Bonanno), promotori – con il Comune del capoluogo etneo con la collaborazione di Inarch Sicilia – dell’incontro “Andres Canovas (ACM Arquitectos): Luoghi e persone”.

L’evento avrà luogo il prossimo 20 novembre alle ore 9,00 a palazzo della Cultura: la città etnea aprirà le porte all’architetto pluripremiato spagnolo, cogliendo l’occasione per dibattere su alcuni progetti contemporanei di respiro internazionale e sulla sua opera “Andreas Canovas. Architetture per la città antica e contemporanea”, dando vita a un confronto costruttivo per l’architettura e per la città di Catania. Saranno presenti il sindaco di Catania Salvo Pogliese, l’assessore ai Beni Culturali Barbara Mirabella, il presidente OAPPC CT Sebastian Carlo Greco, la presidente della Fondazione Eleonora Bonanno e Franco Porto, in rappresentanza di Inarch Sicilia.

Gli interventi dei relatori saranno quelli di: Simona Calvagna (Università di Catania), Zeila Tesoriere (Università di Palermo) e Marina Tornatore (Università di Reggio Calabria), moderati da Fabio Guarrera (Università di Palermo).

Chi è Andres Canovas (ACM Arquitectos)

Canovas è direttore del Dipartimento di Architettura della Scuola Tecnica Superiore di Madrid (ETSAM). Ha tenuto corsi e conferenze in più di trenta università in tutto il mondo. Con il suo lavoro nei pressi dell’Imbarcadero di Hornillo ha vinto il Premio Nazionale per il Restauro e la Conservazione dei Beni Culturali 2012, assegnato dal ministero dell’Istruzione, della Cultura e dello Sport del Governo spagnolo. Lo stesso progetto è stato selezionato per il Premio Mies van der Rohe. Tra gli altri riconoscimenti: il Premio Luis Moreno Mansilla, il Premio Santiago Amón, il Premio Umicor, il Premio di Architettura della Regione di Murcia, il Premio della Comunità di Madrid, il Premio Internazionale di Architettura CSCAE e il Premio COAM. In totale sono 150 i premi e le menzioni in concorsi di architettura, sia nazionali, che internazionali. Il suo lavoro – Andreas Canovas. Architetture per la città antica e contemporanea – è stato pubblicato ed esposto ampiamente in tutto il mondo e raccolto in quattro monografie. Con il suo studio ACM Arquitectos è stato autore del padiglione della Spagna per Expo Dubai 2020.

 

NICOLA COLOMBRITA: “LA LAUREA E’ L’INIZIO DI UN PERCORSO VOLTO ALLA PROFESSIONALIZZAZIONE”

Ance Catania, “Premio allo Studio 2021” per i figli dei lavoratori edili delle imprese associate

IL PRESIDENTE FRESTA: «OCCASIONE PER RICONOSCERE AI GIOVANI IMPEGNO E RISULTATI»

Il promotore dell’iniziativa: il past president Nicola Colombrita

 

CATANIA 

Un premio all’impegno, alla dedizione e ai sacrifici profusi per perseguire i propri obiettivi. Da qui l’iniziativa “Premio allo Studio” di Ance Catania, che ha visto la conclusione dell’edizione 2021, con l’assegnazione del riconoscimento ai 5 vincitori. «Il premio in denaro, rivolto ai figli dei lavoratori edili delle imprese associate, ha tenuto conto dei traguardi raggiunti nell’ultimo triennio in laurea magistrale o triennale – ha spiegato il presidente dei Costruttori etnei Rosario Fresta – molti studenti, sostenuti dalle famiglie, affrontano spese non indifferenti, andando anche fuori dalla propria terra per rincorrere i propri sogni».

Il concorso è frutto dell’idea del past president Nicola Colombrita: «Completare il percorso di studi per molti non è così semplice – ha commentato Colombrita – E non tutti hanno la disponibilità economica per fronteggiare le spese. Tra i figli dei dipendenti delle nostre imprese edili, la percentuale di chi raggiunge il traguardo della laurea è purtroppo molto bassa: un dato che abbiamo riscontrato negli ultimi anni. Un fenomeno che è specchio di un sistema d’istruzione che andrebbe perfezionato, a favore di tutte le classi sociali. È certo che i laureati hanno maggiore accesso al mercato del lavoro, ma la laurea non deve certo rappresentare un punto d’arrivo, bensì l’inizio di un percorso volto alla professionalizzazione».

I 5 vincitori tra coloro che hanno partecipato sono: Andrea Longhitano, laureato alla triennale di Ingegneria Informatica (Catania); Chiara Longhitano, laureata alla magistrale in Automation Engineering and Control Of Complex System (Catania); Davide Previtera, laureato alla triennale di Economia Aziendale (Catania); Regina Finocchiaro, laureata alla magistrale di Ingegneria delle Costruzioni (Chieti/Pescara); Maria Jessica Nicotra, laureata alla magistrale di Fisica Nucleare (Catania).

«Ringraziamo Ance Catania per questa lodevole iniziativa, che dovrebbe essere presa a modello anche da altre associazioni e che per noi rappresenta una grande opportunità, quella di poter proseguire il percorso guidato dalle nostre ambizioni. Alcuni hanno studiato e si sono avvicinati al mondo del lavoro lontani da casa. La speranza è che aumentino le posizioni occupazionali in Sicilia, così da poter tornare e dare un contributo alla nostra terra, nella nostra terra», hanno commentato i premiati. «L’impegno allo studio e il conseguimento di risultati rappresentano un segnale di serietà, che va riconosciuto sia al giovane che alla famiglia che lo ha sostenuto», ha concluso Fresta.

ARCHITETTI CATANIA SU CENTRO AURO: «POTREBBE  OSPITARE ANCHE L’URBAN CENTER, POLO DI INNOVAZIONE E CREATIVITÀ»

Centro Storico, sgombero pacifico del Centro Auro. Pogliese.”Diverrà hub  per turismo e mobilità sostenibile” » Comunicati Stampa

CATANIA –

«Quale direzione intraprendere; quali gli obiettivi e come raggiungerli? Solo rispondendo a queste domande – attraverso una riflessione sul passato, il presente e il futuro della città – si potrà avere una piena riqualificazione e una crescita di Catania dal punto di vista economico, sociale e culturale». Questa la riflessione del presidente etneo dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori Sebastian Carlo Greco. «Per farlo – prosegue – occorre un confronto continuo tra associazioni, cittadini, istituzioni e liberi professionisti, che devono essere parte attiva della politica, indirizzandola nelle sue scelte. Per questo riteniamo da tempo che la realizzazione di un Urban Center possa essere determinante nel processo di crescita della nostra città: lo sgombero del Centro Auro rappresenta oggi una grande opportunità».

L’intervento delle forze dell’ordine, infatti, ha consentito di restituire alla città una parte dell’ex Monastero Sant’Agata – immobile settecentesco ubicato in via Madonna del Rosario – occupato abusivamente da molto tempo e lasciato al degrado e all’incuria. “Uno dei palazzi di grande pregio architettonico e di disarmante bellezza del nostro Centro Storico, che ormai era diventato un corpo estraneo nel quartiere”, come commentato dal sindaco della città etnea Salvo Pogliese, che ha annunciato anche il finanziamento di circa 9 milioni di euro da parte del ministero delle Infrastrutture, per la realizzazione di un progetto di ristrutturazione dell’immobile da destinare ad hub turistico e della mobilità sostenibile.

Pogliese, nuovo sindaco di Catania: «Bianco arrogante, per lui i catanesi  sono sudditi» - Corriere TV

Il Sindaco di Catania , Salvo Pogliese

«In questo contesto sarebbe interessante poter realizzare anche l’Urban Center metropolitano, polo su cui far convergere progettualità, logistica e creatività, aperto a cittadini e associazioni per raccogliere le istanze di chi vive i quartieri e ragionare sugli spazi e sulla loro funzione e funzionalità. Un luogo per sviluppare quella visione d’insieme che Catania vuole avere nel medio e lungo termine, con l’obiettivo di trasformare una città divisa in compartimenti stagni in organismo complesso e ben collegato in ogni sua parte», prosegue Sebastian Carlo Greco.

«La notizia che la città di Catania sia ritornata in possesso di uno dei Palazzi di più grande pregio del centro storico ci riempie di gioia. Riappropriarsi di un “contenitore” di così alto valore non può prescindere dalla valutazione di ciò che sarà il “contenuto”, anche alla luce del finanziamento già ottenuto e della sua destinazione d’uso. Questo spazio può davvero diventare “snodo” centrale per promuovere cultura e architettura, in una città che ha tanto da raccontare», spiega la presidente della Fondazione degli Architetti di Catania Eleonora Bonanno.

«Un vero e proprio laboratorio di idee, oltre che piccolo museo, in cui le esposizioni di plastici, la proiezione di video e simulazioni racconterebbero la storia della città e i progetti che l’hanno trasformata. In poche parole, innovazione e creatività al servizio del territorio e dei cittadini. A tal fine, potrebbe essere utile lanciare un concorso di idee per l’allestimento degli spazi. Siamo a disposizione dell’Amministrazione per la realizzazione di iniziative volte a valorizzare l’immobile e promuovere l’architettura della nostra città», concludono Greco e Bonanno.

Domani, 10 Udienza al Tribunale. “SUD LIBERTA’ scopre carte decisive, il Giudice del Lavoro nel ruolo di “Paride”

Descrizione: Achille - Riassunto • Scuolissima.com

 

DI  R.LANZA

Domani  dieci settembre  udienza  unica finale al Tar Catania -SezLavoro sul destino dei lavoratori collocati a luglio “in disponibilità” dall’Istituto Incremento Ippico di Catania,l’ente sottoposto alla vigilanza dell’Assessorato regionale alle Risorse agricole ed alimentari.

I ricorsi dei dipendenti interessati, – come SUD LIBERTA’ ha già pubblicato -con esclusione  di coloro che hanno volontariamente accettato -e firmato” il declassamento delle mansioni, da “C” in A”, pur conservando l’intero stipendio, è finalizzato alla revoca del provvedimento che ha procurato tanti  effetti nefasti-    del direttore dell’ Istituto Incremento ippico Alfredo dr. Alessandra, supportato da un ex commissario ad acta, dirigente in pensione, Vito Sinatra che non ha brillato certamente nel suo “compito   politico” per chiarezza e determinazioni  insieme ai rappresentanti sindacali  “narcotizzati” – come abbiamo abbondantemente provato – nelle deboli e sofferenti Contrattazioni svolte.

Il direttore dell’Istituto Alfredo dr. Alessandra si difende comunque e ammette di aver eseguito solo  le disposizioni commissariali  collocando  il personale C ” _Istruttore- in disponibilità, una sorta di Cassa integrazione visto che lo stipendio è stato decurtato di circa 400 euro al mese

Sono  8 unità- ricorderemo-   “in atto licenziati ingiustamente” da 21 luglio ” per un massimo di 2 anni”     Le sedi storiche di lavoro sono quelle di Catania e Tenuta Ambelia in territorio Militello…  Domani  il duello giuridico  fra le due parti (Regione Sicilia -Istituto Incremento ippico e legali dei  dipendenti “a spasso”)

Abbiamo detto della fragilità sindacale dei rappresentanti che si sono-recentemente –  lasciati sfuggire l’occasione di vincolare in “un verbale sindacale” l’amministrazione regionale con l’impegno di revocare il provvedimento nefasto. La consegna del silenzio li ha visti pure allineati dimenticando che il loro ruolo sociale è soprattutto pubblico, per la gente..  Ma anche-abbiamo rilevato l’impegno di curare la protesta e presenziare nella manifestazione di Tenuta Ambelia.   I sindacalisti hanno fatto i turni ma almeno erano presenti con Gaetano Del Popolo,  il vivace Luca Crimi, C.Gulizia       Almeno l’ordinario in questo caso l’hanno fatto costoro.  Stendiamo un velo pietoso sul resto. 

 Domani i legali dei dipendenti  raddrizzeranno -non c’è alcun dubbio -il tiro – per le prove e vizi procedurali  individuati nella difesa d’ufficio dell’Istituto ippico

Il difensore dell’Istituto, Avv Cesare Santuccio sembra fare intravedere un bagliore. Afferma:”I dipendenti  interessati alla ricollocazione in altre amministrazioni avrebbero dovuto richiedere la mobilità Ma ciò non è stato fatto”.      Nella Redazione di SUD LIBERTA’ – che sembra diventato un Polo di Coordinamento dei dipendenti e di ingenui sindacalisti – piovono le lettere protocollate e perfezionate con firma dei dipendenti richiedenti al tempo la mobilità.         L’avvocato opposto ha fatto un “errore” allora?     

Difficile crederlo visto che dalla lettura dell’opposizione traspare  un contenuto redatto da un gigante del Foro, una specie di Achille.             E dunque l’Istituto Incremento ippico non ha passato  “volutamente” l’informazione corretta?  Il direttore Alessandra è fuori causa visto che lui dirige l’Ente solo da diversi anni e le domande sono comunque  più datate.   Un  elemento in ogni caso decisivo per consentire la revoca del provvedimento di “licenziamento”  da parte del Giudice del Lavoro.   

       Al Giudice del lavoro non resta che interpretare allora solo il ruolo di Paride e scoccare la freccia diretta al tallone di “Achille”…   Buon lavoro, Signor Giudice.

 

 

TRA SINDACALISTI “IN PIGIAMA” E POTENTI DELLA REGIONE, E’ IN ATTO LA PROTESTA DEI DIPENDENTI “FUCILATI” DALL’ISTITUTO INCREMENTO IPPICO

 

Ambelia, ecco altri soldi da Musumeci - Buttanissima Sicilia

 

DI  RAFFAELE    LANZA

 

Catania  ( Militello)

La Tenuta Ambelia, oggi teatro di manifestazioni di gare  fino al 5 settembre- come pubblicato su SUD LIBERTA’ , è anche protagonista di una manifestazione di protesta -Sit-in  di dipendenti “licenziati” , o tecnicamente definiti “in disponibilità”.
Nel caso specifico delle tappe catanesi, saranno due i momenti che coinvolgeranno cavalieri e allevatori, quello del Circuito Classico di salto ad ostacoli e quello dedicato al Circuito Allevatoriale.  

La tenuta si trova in contrada Albanazzo in territorio di Militello Val di Catania; due parole su questa area ai più sconosciuta perchè molto distante dalla sede catanese dell’Istituto Incremento ippico. E’ ubicata a circa 4,7 km ad Est dal centro abitato e a 2,5 km a Sud del Comune di Scordia.  Dista circa 43,00 km dal capoluogo Catania e si raggiunge procedendo da Scordia sulla SP29 in direzione Sud verso Francofonte (SR).
L’area su cui insiste si trova in un ambito paesaggistico di aperta campagna a vocazione agricola, con prevalente coltura di ulivi  secolari e agrumeti, e degrada in direzione Sud–Nord verso la valle del fiume Loddiero.   Insomma se si volesse far visita alla struttura ci vorrebbe un pullmino turistico che si parte dall’Istituto incremento ippico di Catania dove ha sede in via Vittorio Emanuele ed arriva qui con sicurezza.  Perchè il visitatore da solo incontrerebbe nell’intero percorso disagi e difficoltà di individuazione.
Oggi, all’interno della tenuta, la presenza di colture di pregio è assente, se si escludono le poche presenze di ulivi, avendo perso la vocazione agricola a vantaggio della destinazione zootecnica per la quale si privilegiano le colture foraggere, in particolare erba d’erbaio, destinate all’alimentazione degli equini.
Dal punto di vista ambientale il sito non è direttamente interessato da vincoli afferenti ai Siti “NATURA 2000” non essendovi presenza di Zone di Protezione Speciale (ZPS) e/o di Siti di Interesse Comunitario (SIC) se si esclude il Lago di Lentini che dista circa 9 km in direzione Nord–Est (ZPS).  Altri spunti di rilievo.

Dal 1884 l’intera struttura è sede del regio deposito stalloni del Ministero della Guerra e viene gestita alla stregua di un istituto militare, fino a quando, negli Anni ’60 la Regione subentra alla gestione del Ministro della Difesa.
Essa, con l’antico “baglio padronale”, già appartenuto ai Principi Branciforti, con le scuderie,edificate con l’Unità d’Italia, quando è divenuta sede del “Regio Deposito “talloni” per l’allevamento del cavallo Puro “angue Orientale, ubicata in un contesto agricolo caratterizzato da un ambiente naturale, rappresenta un classico esempio architettonico della Val di Noto di notevole turistico naturale.  Affidata la Presidenza dell’Istituto-abbiamo detto altre occasioni- alla Nobile Principessa Caterina  Grimaldi di Nixima, discendente di una delle famiglie più antiche di allevatori di cavalli

Video dell’Istituto Incremento Ippico che qui riportiamo  perchè questa struttura – e qui concordiamo con il Presidente Musumeci  – rivela di essere un borgo rurale del Cinquecento  attuale centro di importanti attività sportive legate al mondo degli equidi, nonchè di manifestazioni di respiro nazionale e internazionale,- come quella in corso – oltre che regionale.

Oggi l’intero Centro, nell’ambito di una valorizzazione che la Regione Sicilia intende portare avanti, necessita di un vero popolo di dipendenti se è vero com’è vero che la struttura  destinata all’allevamento e al mantenimento delle razze equine e asinine autoctone siciliane con particolare attenzione al Purosangue Orientale, espressione attuale più tipica del cavallo siciliano, vuole aprirsi anche al turismo nazionale ed internazionale.    Quale occasione migliore- rilanciamo ai sindacati -per revocare il provvedimento di “disponibilità” agli otto  coraggiosi dipendenti per affidare loro compiti istituzionali afferenti il settore turistico?    
La struttura Ambelia assolve anche al compito di allevare e mantenere il cavallo puro sangue orientale,razza in via d’estinzione, con caratteristiche e doti uniche rispetto al patrimonio equino mondiale.
Nella tenuta che si estende su una superficie di circa 45 ettari, coltivati attualmente a foraggere e uliveto, sono presenti numerosi caseggiati di notevole valore storico ed artistico.
Gli stalloni, allevati presso l’Istituto, vengono annualmente impiegati presso le stazioni di monta pubbliche ed erariali dislocate sul territorio.    Lo spunto adesso della protesta dei dipendenti collocati “in disponibilità

ECCO PERCHE’-    SIGNORI POTENTI  DELLA REGIONE SICILIA (On. Nello Musumeci ,dirigenti Dario Cartabellotta, Carmen Madonia) E SIGNORI   SINDACALISTI CONFEDERALI  (G.del Popolo- Luca Crimi)- “IN PIGIAMA” – E’ UN DOVERE UTILIZZARE GLI OTTO  (MAGNIFICI) DIPENDENTI “FUCILATI”

Sappiamo altri compiti istituzionali dell’Istituto :la selezione regionale e la tenuta dei registri anagrafici per le razze o popolazioni asinine e cavalline isolane e la valorizzazione delle razze autoctone,     Gli otto dipendenti potrebbero essere incaricati di incrementare il settore turistico e con la qualifica di “Istruttore direttivi”  curare  tutte  quelle iniziative sponsor che avvicinerebbero i turisti e i cittadini a far visita a Tenuta Ambelia.
Organizzare manifestazioni di pubblico interesse, le aste per l’alienazione di equini, tenere i rapporti con gli allevatori,elaborare indagini di mercato, Curare i rapporti con le scuole, visite tecniche ,le Università, suggerire al Presidente Musumeci, di  creare delle attrazioni  tali da polarizzare l’attenzione -non diciamo della Sicilia-ma del mondo intero.  E visto che la gran parte di essi conosce la lingua inglese, e le relazioni pubbliche, potrebbero iniziare subito questa nuova attività.     

GALLERIA FOTOGRAFICA 

Nessuna descrizione disponibile.

l‘INGRESSO DI TENUTA AMBELIA

Nessuna descrizione disponibile.

 

Nessuna descrizione disponibile.

 

 

Nessuna descrizione disponibile.

 

Nessuna descrizione disponibile.

 

Nessuna descrizione disponibile.

 

Nessuna descrizione disponibile.

Nessuna descrizione disponibile.

 

 

Nessuna descrizione disponibile.

 

Nessuna descrizione disponibile.

 

 

 

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona, attività all'aperto e il seguente testo "Archeoparch ed Ecomusei del Calatino Istituto Incremento Ippico "Tenuta per la Sicilia Ambelia' ASSESSORE SCILLA LE-PROMESSE SIMANTENCONO"

 

Sicilia, rimpasto in giunta: Toni Scilla nuovo assessore all'Agricoltura

L’assessore regionale siciliano  Toni  Scilla

 

Potrebbe essere un'immagine raffigurante una o più persone, persone in piedi e attività all'aperto

Nella foto Salvo Soldano, esponente della lotta contro i vertici della Regione,ed ex dirigente sindacale provinciale del SIAD autonomo di Catania , autore di numerose denunce tutte vincenti

 

Potrebbe essere un'immagine raffigurante attività all'aperto

 

Potrebbe essere un'immagine raffigurante attività all'aperto

 

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e attività all'aperto

 

Nessuna descrizione disponibile.

 

Sotto pubblichiamo anche il documento sindacale-inviatoci da rappresentanti – di “Assemblea sindacale” della Cgil, Uil, Sadirs, Ugl  . In esso i Sindacati scrivono pure di “non aver sottoscritto alcun accordo sindacale che abbia determinato la decisione dell’Amministrazione”.       Aggiungiamo noi di SUD LIBERTA’:  “I sindacati non hanno neppure  sottoscritto o firmato con la controparte della Regione, alcun  verbale sindacale di richiesta Revoca decisione di “licenziamento” dei dipendenti interessati”…..

 

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Il documento sindacale inviato a SUD LIBERTA’

 

 

ALLA MANIERA DEI GULAG SOVIETICI: CHI DA’ FASTIDIO DEVE ESSERE CONSIDERATO “PAZZO”

 

REAZIONI AL NOSTRO SERVIZIO SULL’ISTITUTO INCREMENTO IPPICO: “QUESTO GIORNALISTA, LANZA , DA’ FASTIDIO,  DIFFONDIAMO  CHE  E’  PAZZO..”

 

Giornalisti uccisi dalla mafia

 

Vicenda dei dipendenti dell’Istituto Incremento Ippico e reazioni al nostro Servizio “La topica della Regione sicilia,.L’Istituto Incremento ippico,gli “interni di famiglia” fra dirigenti e sindacati”,   ha un’appendice  .

I sindacalisti citati sembra non abbiano intenzione di rispondere ai legittimi interrogativi sollevati -in primis sull’omessa stesura del verbale sindacale nella riunione sindacale del 13 luglio scorso all’assessorato all’Agricoltura dove erano presenti pure l’assessore al ramo , direttore generale e dirigenti dipartimentali.

Abbiamo avuto notizia -ma appare  evidente l’impossibilità-al momento in cui scriviamo,di addurre le prove su questo assunto la lettura dell’articolo abbia sollevato un generale consenso tra i dipendenti interessati  mentre nell’ambito sindacale son venute fuori asserzioni gratuite,  un linguaggio cioè gravemente offensivo e minaccioso nei nostri confronti e di SUD LIBERTA’.

Ricordiamo ai sindacati della Regione-se le cose stanno così- che hanno sbagliato ancora bersaglio. Chi scrive è solo un testimone di fatti, giornalista d’inchiesta e critico incisivo  Non c’è nulla da parte mia e del giornale che ho l’onore di dirigere contro l’attività sindacale e il vostro operato . Ma le offese, di gravità colossale, e tutto il resto che mi viene riferito nei messaggi, ci ricorda – e lo diciamo con un pò di amarezza- i gulag sovietici dove i giornalisti e intellettuali dissidenti marcivano col marchio di dementi .     Insomma anche in Sicilia o nel Sud Italia si può brutalmente giocare con le parole ed “ipoteticamente”affermare:  “LANZA, QUESTO GIORNALISTA D’INCHIESTA DA’ FASTIDIO: CONSIDERIAMOLO PAZZO…DIFFONDIAMO..”

 

Trenta cavalli, trenta stallieri. A Catania come dai maragià!- Gian Antonio  Stella- Sette

Un esemplare equino,colore nero, di rara bellezza e vivacità

Se fosse davvero così , significherebbe allora scaricare il peso della cattiva coscienza -il non aver risposto alle domande poste dal nostro Giornale, che poi sarebbero le domande dei dipendenti prostrati dell’Istituto ippico- di quegli elementi che hanno impedito finora la risoluzione della delicata vicenda, che con un pò di buona volontà, senza minacce ed  etichettature di follia,si potrebbero anche individuare

Raffaele     Lanza