MARANO: IN MANETTE IL “PADRINO” LUIGI ESPOSITO, CAPO CLAN ORLANDO

 

           FINE DELLA CARRIERA DI BOSS PER ESPOSITO

Nel blitz di Marano di oggi risalta il nome di un “Padrino” di Luigi Esposito, alias ‘o Celeste, reggente del clan Orlando. Esposito, affiliato storico del clan Nuvoletta, mente finanziaria della potente organizzazione malavitosa.., . Era uscito un anno e mezzo fa dal carcere dove ha scontato una pena di nove anni e mezzo..
La richiesta di cattura del boss proviene- si apprende – dalla Dda di Napoli . Richiesta eseguita dal Nucleo investigativo dei  Carabinieri  di Castello di Cisterna     Il boss è stato catturato nella sua abitazione. Altri sei uomini appartenenti al Clan sono stati arrestati, ritenute vicini al clan Orlando-Polverino-Nuvoletta.     L’accusa è di  di tre richieste estorsive ai danni di titolari di una farmacia veterinaria che avrebbero fruttato 72mila euro.

Nel corso del blitz è stato arrestato anche Carmine Carputo, ritenuto vicinissimo alla fazione dei Polverino, da tempo inglobata dal clan Orlando. Agli arresti anche altro boss Sabatino Russo, contiguo ai clan giuglianesi.    Questi arresti  rappresentano un duro colpo all’organizzazione malavitosa che naviga nel mondo delle estorsioni a Napoli e provincia.

Tragedia a Lampedusa: turista uccisa da auto pirata

Immagine correlata

Lampedusa centro -Foto Arc hivio Sud Libertà

Tragedia a Lampedusa .Una donna di Pinerolo (Torino) di 49 anni è stata investita da una auto pirata alle ore 23 circa ed è deceduta 

La vittima  di Torino  alloggiava in un residence , decise di  fare la prima passeggiata in centro: mentre la donna camminava è stata investita da un  fuoristrada Suzuki Santana  sbattuta su un palo.

L’automobilista dopo poche decine di metri ha fermato l’auto ed anzichè tentare di prestare soccorso  è fuggito insieme ad altre tre persone che trasportava

La vittima è stata portata con una ambulanza nel Pronto soccorso dove è stata constatata la morte. Il marito sotto choc è rimasto un pò di tempo all’Ospedale senonchè i Carabinieri lo hanno accompagnato in caserma per le formalità di rito e per acquisire informazioni sulla dinamica dell’incidente mortale

 

Giardini Naxos : arrestato dai Ros boss ricercato per traffico di droga

Risultati immagini per immagine di strumenti della droga

Foto Archivio Sud Libertà

Blitz dei Carabinieri del Ros, assieme ai Gruppi  di Catanzaro e Messina, in un appartamento a Giardini Naxos (Messina,dove ieri sera hanno arrestato Francesco Riitano, di 39 anni, esponente ‘ndranghetista del clan Gallace di Guardavalle (Catanzaro).

Il boss appena accortisi dell’arrivo dei militari dell’Arma- stava cenando in compagnia di familiari -ha tentato di improvvisare una fuga, praticamente seminudo,  ma è stato prontamente fermato ed arrestato dai Carabinieri che avevano circondato l’edificio

. L’uomo era ricercato per traffico internazionale di stupefacenti ed altro, ed a suo carico vi è  un provvedimento cautelare emesso dalla Procura distrettuale antimafia di Milano.

Arrestati genitori che maltrattavano i propri tre figli

Risultati immagini per immagini di violenza sui bambini

CATANIA –

Ai genitori è stata sospesa la patria potestà, tre fratellini i affidati ad una casa famiglia. La coppia di coniugi alzava le mani e maltrattava per futili motivi sui propri tre figli, di 9, 8 e 3 anni, li trattava con disprezzo  e creava  un clima di terrore e assoggettamento. E’ l’accusa contestata dalla Procura di Catania ai loro genitori, 39 anni lui e 33 lei, che sono stati arrestati e posti ai domiciliari dai carabinieri per maltrattamenti in famiglia nei confronti dei figli minorenni.

A seguito di una visita medica al più grande dei tre fratelli che aveva un ematoma all’occhio destro e lividi su guance, braccia e addome,sono scattate le indagini dei Carabinieri , avvalse anche di intercettazioni audio-video  che hanno «confermato che la casa era per i ragazzini una sorta di “lager domestico” dove gli insulti, le botte e le violenze psicofisiche erano all’ordine del giorno».

SQUALLORE A COSENZA: DONNA INTIMIDITA VIOLENTATA PER OLTRE DIECI ANNI DAL BRANCO

VIDEO POLIZIA DI STATO

Una squallida vicenda di violenza sessuale e di sevizie»,  «protrattasi per ben 10 anni». La vittima del branco  è una donna di origini albanesi, i suoi aguzzini sarebbero almeno cinque, accusati, a vario titolo, di violenza sessuali di gruppo ed estorsione. Nel corso di circa dieci anni, gli uomini hanno abusato di lei in diverse occasioni e l’hanno costretta a prostituirsi. Lo scenario è stato scoperto a Corigliano Rossano, in provincia di Cosenza, città da cui provengono tutti e cinque gli arrestati. Le indagini sono state avviate dopo che la vittima ha trovato il coraggio di denunciare e raccontare le violenze perpetrate dai cinque uomini che oggi sono stati arrestati dalla polizia di Cosenza.  La Procura di Castrovillari ha emesso infatti un’ordinanza di custodia cautelare a carico dei cinque malavitosi.

Tutto è iniziato quando la donna aveva avviato una relazione extraconiugale con uno degli arrestati. L’uomo, in seguito, l’avrebbe violentata e picchiata, anche insieme ad altre persone, tanto che in più occasioni la donna è stata costretta a ricorrere alle cure dei medici di un ospedale romano. La vittima stava in silenzio , subiva perchè costantemente minacciata.

Risultati immagini per immagine di violenze sessuali
Foto di repertorio

Una relazione sentimentale che si è trasformata in 10 anni di sevizi e violenze – affermano gli inquirenti  – con incontri e prestazioni sessuali con altri uomini che si sono protratti nel tempo: sono arrivati a violentare la vittima anche in 20 contemporaneamente. E nella casa dove avvenivano le sevizie sono stati trovati anche strumenti per pratiche sadomaso”. Le indagini – coordinate dalla Procuratore capo di Castrovillari, Eugenio Facciolla e dal sostituto procuratore Mauron Gallone – hanno portato anche al ritrovamento,  di una serra per la coltivazione di  marijuana.

Nel corso delle perquisizioni a casa degli indagati, gli investigatori hanno trovato infatti 480 grammi di marijuana, un bilancino di precisione , nonché diversi attrezzi sessuali. Le indagini proseguono per identificare altri soggetti che nel corso di questo lungo lasso di tempo si sono resi corresponsabili di abusi e violenze sessuali nei confronti della donna. I cinque arrestati, tutti di Corigliano Rossano, sono stati trasferiti  nel carcere di Castrovillari.

La DIA dispone il sequestro degli “affari”-società- del Boss Ercolano

Risultati immagini per foto di enzo ercolano boss

L’imprenditore  Vincenzo Ercolano aveva la disponibilità esclusiva della società “Geotrans Srl”, di cui curava in piena autonomia l’intera attività amministrativa, per quanto fosse formalmente intestatario solo del 50% delle quote del capitale sociale, nonché la totale riconducibilità di altre ditte, utilizzate per “recuperare” patrimonio aziendale e clienti della “Geotrans”, quando questa era già stata posta sotto sequestro.

E’ emerso dalle indagini degli investigatori .  Viene accertato dagli inquirenti che la  società costituiva il frutto delle sue attività criminali, che gestiva con modalità tipicamente mafiose, impedendo la libera attività degli altri imprenditori in quel settore e imponendo l’entità delle tariffe da praticare (stabilite nei termini più vantaggiosi per la sua impresa), in modo tale da condizionare pesantemente il libero mercato, soprattutto nella zona di influenza.

Con l’operazione della Dia di Catania finiscono nelle casse dello stato il 100% delle quote, con relativo patrimonio aziendale, delle seguenti società: la Geotrans Srl: costituita nel 1993 da Vincenzo Enrico Augusto Ercolano e dalla sorella Palma Cosima, 56enne di Catania, operante da anni nel settore del trasporto su gomma e della logistica, divenuta, in breve tempo, leader in tutta la Sicilia; la Geotrans Logistica Frost Srl: società controllata dalla Geotrans Srl per il 99% e per l’1% da Vincenzo Ercolano, costituita nel 2009 da altri soci, che, successivamente, cedevano le proprie quote agli Ercolano; la R.C.L. Società Cooperativa Arl: società costituita nel 2014 da alcuni dipendenti della Geotrans Srl; la E.T.R. di Ercolano Cosima Palma – Impresa Individuale: costituita nel 2001 e attiva nell’autotrasporto per conto terzi. Le società hanno un valore complessivo di dieci milioni di euro.

Risultati immagini per foto di enzo ercolano boss

Con il medesimo decreto disposta la misura di prevenzione speciale  con obbligo di soggiorno nel comune di residenza per tre anni nei confronti di Vincenzo Ercolano, oltre al versamento di 20 mila euro a titolo di cauzione. Oltre all’applicazione dei divieti previsti dal codice antimafia, ovvero l’impossibilità di conseguire licenze o autorizzazioni, concessioni di qualsiasi genere, iscrizioni negli elenchi di appaltatori o di fornitori di opere, beni e servizi per la pubblica amministrazione e qualsiasi tipo di erogazione o contributi  pubblici.

MAFIA: VOLEVANO MANTENERE IL “PADRINO” MATTEO MESSINA DENARO MA LA PROCURA -E LA DIA- SEQUESTRANO TUTTI I LORO BENI

 

Risultati immagini per IMMAGINE DI MATTEO MESSINA DENARO

Mafiosi sotto torchio della Dia. Beni e conti correnti sono stati sequestrati dalla Dia di Trapani agli imprenditori di San Giuseppe Jato, Ciro Gino Ficarotta di 67 anni, al figlio Leonardo di 38 anni e al nipote Paolo Vivirito di 40 anni.

Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Trapani – Sezione Penale e Misure di Prevenzione, su proposta del Direttore della Dia. Nei confronti dei tre è stata proposta, inoltre, la misura della sorveglianza speciale di polizia, con obbligo di soggiorno,

Dalle indagini della Dia di Trapani e dei carabinieri sono emerse infiltrazioni della mafia trapanese negli investimenti immobiliari sui terreni agricoli, offerti all’asta nell’ambito di procedure esecutive. Tali motivazioni sono state ritenute idonee per  formulare ed emettere a carico dei  tre mafiosi insieme ad altri ,  un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per concorso esterno in associazione mafiosa, confermata dal Tribunale del Riesame.

Preziose – comunica la Dia – le testimonianze dei collaboratori di giustizia Attilio Fogazza, Nicolò Nicolosi e Lorenzo Cimarosa e la valorizzazione delle conversazioni criptate tra Vito Gondola, già reggente del mandamento mafioso di Mazara del Vallo, e altri soggetti ritenuti mafiosi, nell’ambito del procedimento finalizzato alla cattura del latitante Matteo Messina Denaro.

Era emerso un intervento di Salvatore Crimi e Michele Gucciardi, ritenuti rispettivamente i capi delle famiglie mafiose di Vita e Salemi, nella gestione di una grossa operazione, finalizzata alla speculazione immobiliare attraverso l’acquisto, in un’asta giudiziaria, di una vasta tenuta agricola di oltre sessanta ettari a Pionica, nel comune di Santa Ninfa, e la successiva rivendita alla Vieffe, società agricola riconducibile ai tre imprenditori di San Giuseppe Jato.

L’azienda agricola, di proprietà della moglie di Antonio Salvo, nipote dei cugini noti esattori salemitani Nino e Ignazio Salvo, era stata formalmente acquistata all’asta da Roberto Nicastri, ritenuto prestanome del fratello Vito, l’imprenditore “re” dell’eolico, già sorvegliato speciale, per poi essere ceduta alla Vieffe dei Ficarotta e di Vivirito per un importo di 530.000 euro.

Il prezzo di vendita reale dei terreni era, però, notevolmente superiore a quello dichiarato negli atti notarili e la differenza, pari a oltre duecentomila euro, sarebbe stata versata dai tre imprenditori di San Giuseppe Jato in contanti proprio agli uomini di cosa nostra, per la loro attività di intermediazione immobiliare.

Secondo le dichiarazioni di Lorenzo Cimarosa (defunto), parte di tale somma serviva a Michele Gucciardi e Vito Gondola per il mantenimento del latitante Messina Denaro e l’avrebbe ricevuta tramite Lorenzo Cimarosa e Francesco Guttadauro, nipote del latitante e, attualmente, detenuto.

Michele Gucciardi, inoltre, avrebbe costretto l’originaria proprietaria dei terreni a rinunciare ai propri diritti di reimpianto dei vigneti per consentire agli imprenditori di San Giuseppe Jato di ottenere finanziamenti comunitari per seicentomila euro circa, in parte distratti per pagare il prezzo d’acquisto della tenuta stessa.

Nel corso di  alcune segrete riunioni, – dicono gli inquirenti – era stato posto in attenzione l’esistenza di  altri terreni sottoposti a procedure esecutive, appartenenti ad Antonio Salvo, marito di Giuseppa.

In quest’ultimo caso, però, l’operazione non fu portata a termine per la difficoltà nel reperire i fondi necessari e, in seguito, anche per il rifiuto dell’aggiudicatario di cedere alle richieste mafiose.

Il Tribunale di Trapani ha così disposto il sequestro dell’intero compendio aziendale della società agricola semplice Vieffe, di Leonardo Ficarotta e Paolo Vivirito,  riconducibile a Ciro Gino Ficarotta, proprietaria della tenuta agricola di oltre sessanta ettari di contrada Pionica, a Santa Ninfa, per un valore di mercato stimabile in circa un milione e mezzo di euro.

PIAGA ASSENTEISMO A CATANIA: TIMBRAVANO IL BADGE AL POSTO DEI COLLEGHI ASSENTI..

Risultati immagini per immagine di assenteismo e badge

 

L’assenteismo, il fenomeno di lasciare vuoti uffici e scrivanie, si allarga a macchia d’olio. Siamo convinti che la Finanza debba maggiormente esercitare controllo e vigilanza anche negli uffici ed enti periferici e microuffici della Regione sicilianaSostare, l’azienda del Comune che si occupa degli stalli blu, sotto i riflettori ancora della Procura. Il Cda della società ha provveduto a licenziare tre dipendenti del settore “rimozione” e  a sostituire il responsabile delle rimozioni – che è tra i licenziati – provvedendo a nominare al suo posto il vice responsabile. 

Sono 28 in atto gli indagati e rinviati a giudizio per assenteismo.

   Secondo l’accusa i dipendenti si sarebbero «assentati senza autorizzazione dal posto di lavoro dopo aver timbrato il proprio badge attestante l’ingresso in ufficio e senza segnalare l’uscita». Avrebbero inoltre «timbrato il badge al posto del collega non ancora presentatosi in servizio o andato via anzitempo, attestandone falsamente la presenza». Per la Procura gli indagati avrebbero così «indotto in errore l’ufficio contabile preposto alla determinazione della retribuzione e la società Sostare sull’effettiva esecuzione della prestazione lavorativa» procurandosi «un ingiusto profitto della percezione di un compenso in realtà non spettante». Sostare, avverte il Presidente Luca Blasi, si costituirà parte civile.

Alcuni degli indagati hanno richiesto alla Procura di risarcire del danno economico la Società per le ore complessive non lavorate.  I procedimenti disciplinari sono stati avviati e in alcuni, senza attendere la sentenza della Procura, la Società ha pure licenziato tre dipendenti per” illeciti palesi”.    La parola ora agli avvocati e ai sindacati di categoria se hanno contestazioni od osservazioni da pubblicare sulla delicata questione

 

BATTIPAGLIA: DA STAMANE 18 ARRESTI PER TRAFFICO DI STUPEFACENTI

Risultati immagini per immagine del comune di battipaglia

Foto Archivio Sud Libertà

      OPERAZIONE ANCORA IN CORSO

Una maxi operazione antidroga dei carabinieri è in corso da stamane a Battipaglia e comuni limitrofi.   La finalità dell’intervento è la lotta contro il traffico della droga.. Più di ottanta  i militari impegnati e diciotto persone arrestate  accusate di associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti. L’operazione antidroga è stata effettuata dai Nucleo carabinieri della compagnia di Battipaglia, guidato  dal maggiore Vitantonio Sisto.  

Risultati immagini per immagini strumenti della droga

Catania,evadono il fisco di oltre 10 milioni di euro: la Finanza sequestra i loro beni

Risultati immagini per immagine agenzia delle entrate

L’Agenzia delle entrate individua grandi evasori, interpella il settore operativo della Guardia di Finanza e sequestra.  Sono finiti i tempi in cui chi evadeva grandi somme restava impunito . Beni per un valore complessivo di oltre 3 milioni di euro sono stati sequestrati da finanzieri del Comando provinciale di Catania a Francesco e Sergio Lo Trovato, padre e figlio di 87 e 52 anni, rispettivamente amministratore di fatto (nonché direttore generale) e presidente del Cda del Consorzio siciliano di riabilitazione Società consortile arl. L’accusa della Procura è dichiarazione infedele.

 

Immagine correlata

Secondo gli inquirenti i due avrebbero sottratto al pagamento delle imposte, dal 2013 al 2016, redditi complessivi per oltre 10 milioni di euro. L’Ires evasa, pari a oltre 3 milioni, è stata sottoposta a sequestro. Il Consorzio, costituito nel 1980 e con sede a Viagrande (Catania), svolge quale attività prevalente quella di fisioterapia mediante la gestione diretta di 19 centri di riabilitazione dislocati tra Catania, Siracusa, Ragusa, Enna, Trapani e Caltanissetta. 

Translate »