ADDIO A LUCIANO DE CRESCENZO

 

La Cultura perde oggi un altro uomo importante : non c’è più  Luciano De Crescenzo. Scrittore, regista, attore e autore, De Crescenzo è stato un’artista decisamente poliedrico e molto legato alle sue origini napoletane. Nato il 20 agosto 1928 nel borgo di Santa Lucia, aveva legato i suoi primi successi alla divulgazione ironica della filosofia: fu autore di libri ricchi appunto d’ironia ,bestseller tradotti in  tante  lingue. Successivamente si era affermato come regista, attore e conduttore televisivo.

Risultati immagini per foto di luciano de crescenzo

Un comunicato del Policlinico Gemelli  dov’era ricoverato riferisce così , “Era ricoverato da circa due settimane presso l’unità operativa complessa di pneumologia del Gemelli, diretta dal professor Luca Richeldi. Accanto a lui i familiari e gli amici più cari che lo hanno accompagnato anche null’ultima fase della sua malattia”.

Addio ad Andrea Camilleri

Risultati immagini per foto di andrea camilleri

Andrea Camilleri ci ha lasciati. La Cultura è in lutto.  Lo scrittore siciliano è morto alle 8.20 di oggi all’Ospedale Santo Spirito di Roma dove era da tempo ricoverato. Lo comunica “con profondo cordoglio” la Asl Roma 1. “Le condizioni sempre critiche di questi giorni si sono aggravate nelle ultime ore compromettendo le funzioni vitali”, è il comunicato dei  sanitari. “Per volontà del Maestro e della famiglia le esequie saranno riservate. Verrà reso noto dove portare un ultimo omaggio”…

Risultati immagini per foto di andrea camilleri

Dopo una lunga carriera come regista teatrale, televisivo e radiofonico,Camilleri  nel 1978 esordisce infatti nella narrativa. Nel 1994 crea la fortunata serie del commissario Montalbano, protagonista di molti romanzi e di una fiction tv di  successo. Tra gli innumerevoli riconoscimenti ricevuti da Camilleri, anche il premio Campiello 2011 alla carriera. . Nato a Porto Empedocle (Agrigento) il 6 settembre 1925, Andrea Camilleri viveva da anni a Roma.

PADRE CHE GUIDA POSTA VIDEO, LO SCHIANTO FATALE, MUORE IL FIGLIOLETTO

NON SI VUOL CAPIRE CHE MENTRE SI GUIDA IL CELLULARE  DEVE STARE SPENTO

Un incidente  verificatosi sull’autostrada A/29, all’altezza di Alcamo, è costato la vita ad un ragazzino di 14 anni, Francesco Provenzano, con il fratellino di 9 gravemente ferito e il papà, Fabio Provenzano, 34 anni, che era alla guida dell’auto in coma.

Alcamo, posta un video in diretta su Facebookma l'auto sbanda e finisce contro il guard railMuore un 14enne, ferito il fratellino, padre in coma

I tre erano su una Bmw che si è ribaltata distruggendosi. Sono intervenuti quattro equipaggi della Polizia Stradale, personale Anas, e i Vigili del Fuoco e del 118, che hanno  prestato i primi soccorsi. …La salma del quattordicenne è stata trasferita all’obitorio del cimitero di Alcamo. Il bimbo di nove anni è stato trasportato all’ospedale Villa Sofia di Palermo. Le sue condizioni sono gravissime e resta ricoverato nel reparto di Neuro rianimazione. La prognosi è riservata.

Sono in corso tutt’ora indagine per comprendere cosa sia potuto accadere in quei momenti terribili. Il padre che era alla guida dell’auto aveva postato pochi secondo prima dell’impatto su Facebook ha un video mentre si trova alla guida. Si apprende – come hanno riferito gli inquirenti- che si ” vede il viso dell’uomo poi tutto nero e nulla più forse a causa dell’impatto. Nel video che era stato postato dallo stesso Provenzano e che è stato poi rimosso da qualcuno si sente il rombo del motore e il viso di Fabio Porvenzano nel buio. A un certo punto si nota una sterzata improvvisa e lo schermo che diventa nero“.        Un punto è fermo nell’indagine.   L’automobile si è scontrata con il guardrail all’altezza dello svincolo di Alcamo est in direzione Trapani, non si sa se per via dell’alta velocità, un colpo di sonno, una distrazione o quant’altro. “Si sta valutando se trasferire il 34enne presso il Trauma Center di Villa Sofia. Sul posto, una volta chiamati i soccorsi, sono giunti tre mezzi del 118, nonché la polizia stradale e i tecnici di autostrade per rimettere in sicurezza la carreggiata.

incidente alcamo tgr

Quel criminale-vigliacco che ha travolto i due cuginetti, uno dei quali è morto, l’altro è nelle mani di Dio

Risultati immagini per immagini dell'arresto del pirata che a vittoria ha ucciso bambini

Rosario Greco, criminale mafioso e pure vigliacco: travolge i due cuginetti e scappa via: Quanta immondizia nella società

VITTORIA

E’ già in carcere interrogato ancora dagli inquirenti  il pirata-mafioso (nella foto della Polizia) – Rosario Greco , figlio di un imprenditore anch’esso mafioso, noto alle forze dell’ordine, con numerosi precedenti penali ,che nella tarda serata di ieri ha travolto con una  Jeep Renegade due cuginetti di 12 e 11 anni che giocavano sull’uscio di casa.   Vittoria da stamani ancora è scossa per quanto è successo.. Il 12enne è morto sul colpo, mentre l’11enne versa in condizioni disperate. Dopo un intervento di oltre 5 ore è stato trasferito in elisoccorso in una struttura specializzata del policlinico di Messina: scena raccapricciante e da chiedere aiuto a Dio, l’auto gli ha tranciato le gambe.

Quel criminale -è stato accertato- aveva tasso alcolemico quasi 4 volte superiore al limite consentito e, come confessato, aveva fatto uso anche di cocaina.  Risuonano ancora le parole degli investigatori: “A forte velocità il pirata ha azzardato un sorpasso in pieno centro città a Vittoria perdendo il controllo dell’auto e travolgendo due cuginetti seduti sul gradino di casa dei vicini mentre giocavano con il telefono cellulare”

Risultati immagini per immagini dell'arresto del pirata che a vittoria ha ucciso bambini
Altro punto gravissimo per il conducente di anni 37, è quello di non aver  prestato alcun soccorso alle vittime dandosi alla fuga

Gli altri 3 occupanti del veicolo sono fuggiti anche loro e per questo sono stati denunciati , per aver favorito il criminale dagli uomini del Commissariato di Vittoria e della Squadra mobile.

I tre passeggeri hanno deciso di fornire un’esatta dinamica di quanto accaduto addebitando ogni responsabilità al conducente: sono stati denunciati in stato di libertà per omissione di soccorso e favoreggiamento personale. Interrogati tutta la notte negli uffici del Commissariato di Vittoria, gli amici dell’arrestato sono stati rimessi in libertà in attesa anche delle dichiarazioni che renderà l’indagato al giudice in sede di udienza di convalida.

Preziose per gli accertamenti e anche le immagini di alcuni impianti di videosorveglianza acquisiti che hanno ripreso le fasi del sinistro stradale.

Dalle immagini è possibile appurare che l’arrestato, a folle velocità, ha effettuato un sorpasso in prossimità di un incrocio di Via IV Aprile per poi perdere il controllo e travolgere i bambini, manovra di sicuro dettata dallo stato di ebbrezza alcolica – comunica la Polizia

– Nelle more delle attività investigative condotte mediante la verbalizzazione delle dichiarazioni dei testimoni, un altro team ha portato l’indagato presso il pronto soccorso di Vittoria per gli accertamenti sanitari volti a verificare la presenza di sostanze alcoliche e/o stupefacenti nel sangue”. “Lo stesso arrestato durante le analisi ha riferito ai poliziotti di aver fatto uso di cocaina e di aver bevuto una birra – dicono ancora gli inquirenti – Dalle analisi strumentali effettuate dal laboratorio dell’ASP di Ragusa è risultato positivo al test con un tasso alcolemico pari a quasi 4 volte quello consentito, elemento di un’inaudita gravità“.

Dulcis in fundo la polizia durante il controllo del veicolo, che è stato sequestrato e in seguito confiscato, si sono accorti che l’uomo deteneva un manganello telescopico ed una mazza da baseball La Polizia ha denunciato anche questo all’Autorità giudiziaria ritendendo che questi oggetti servissero al conducente considerato “pericoloso e aggressivo”

 

MAXI OPERAZIONE ISOLA BELLA DELLA GUARDIA DI FINANZA A TAORMINA

Il  clan che controllava le attività economiche di Taormina in ginocchio: 31 arresti e sequestri beni in corso

Il clan mafioso Cintorino, legato alla cosca Cappello e attivo a Calatabiano e nel Messinese tra Giardini Naxos e Taormina subisce oggi un duro colpo dalla Guardia di Finanza. Militari delle Fiamme Gialle stanno eseguendo un’ordinanza cautelare nei confronti di 31 indagati: 26 in carcere e 5 ai domiciliari. . I reati ipotizzati, a vario titolo, sono associazione mafiosa, estorsioni, usura, trasferimento fraudolento di valori e narcotraffico.

E’ in corso anche un sequestro di beni riconducibili al gruppo Cappello-Cintorino e alla “famiglia” Santapaola-Ercolano per un milione di euro: una società di noleggio di acquascooter, un bar e un lido balneare di Giardini Naxos e una ditta attiva nel settore dei lavori edili. Nella rete di attività economiche più redditizie del clan la Dda di Catania indica il business delle escursioni turistiche con barche da diporto nel tratto di mare antistante Isola Bella di Taormina.

Le indagini (che sono state attivate e curate in una prima fase dalla Compagnia dei finanzieri di Riposto) attestano come il clan Cintorino sia particolarmente radicato ed attivo nella propria “roccaforte” storica di Calatabiano ed opera ancora sotto l’egida di Mario Pace, storico componente del clan Cappello già condannato all’ergastolo che, durante i permessi premio, organizzava “summit”, dava disposizione e ribadiva la propria egemonia nel Clan.

Figura apicale del clan Cintorino  è Carmelo Porto che riveste il ruolo di reggente fino alla scarcerazione di altro esponente storico:  Salvatore Trovato il quale, dopo circa un ventennio di detenzione, recuperava le redini del gruppo. Figura di grande spessore emersa dalle attività è quella di Gaetano Di Bella, soggetto incensurato che fa da tramite tra la famiglia catanese Cappello e Carmelo Porto.

Ed infine altro afflusso di denaro per il clan Cintorino era il  traffico di stupefacenti (cocaina, hashish e marijuana), in relazione al quale è stata tracciata l’esistenza di plurimi e stabili canali di rifornimento, che hanno permesso al clan Cintorino di superare i “danni” causati dai sequestri operati dalla Guardia di Finanza nel corso delle indagini (kg. 1 di cocaina, kg. 1,5 di hashish e kg. 1 di marijuana).

L'estate all'Isola Bella "business" della mafia: in corso 31 arresti

NAPOLI: TRAGEDIA,SI STACCA CORNICIONE E COLPISCE COMMERCIANTE

 

Napoli –

Un uomo di 66 anni è morto dopo essere stato colpito da un pezzo di cornicione che si è staccato da un palazzo in via Duomo, a Napoli.I calcinacci hanno colpito Salvatore Padolino, 66 anni, originario del quartiere Stella e proprietario di un negozio fronte strada che si trova nello stesso edificio. Inutile la corsa al pronto soccorso del Cto (Centro traumatologico ortopedico), l’uomo è deceduto  poco dopo le 12.30 nell’ospedale di  via Colli Aminei…

Il cornicione si è staccato da un balcone al quinto piano del palazzo. Sul posto sono intervenuti carabinieri e vigili del fuoco che hanno provveduto a transennare il tratto di via Duomo interessato. Il commerciante, Rosario Padolino,stava passeggiando a duecento metri dal suo esercizio (Coriandoli) quando è stato ferito,  quando è stato colpito.  Sono scattati accertamenti sulla vetustà dei balconi e sulle responsabilità condominiali e dell’amministratore del palazzo dove si è staccato il cornicione e una notevole quantità di materiale e calcinacci.  La strada-fra l’altro, era piena di turisti, in quegli attimi si è diffuso il panico.

{}
F.Ag.

Secondo i primi accertamenti erano comunque  previsti interventi di messa in sicurezza. I frammenti hanno sfondato una rete di protezione che avrebbe dovuto proteggere da distacchi di pietre dell’edificio.. Trenta famiglie sono state sgomberate.

La magistratura ha autorizzato i lavori di immediata messa in sicurezza della facciata dello stabile al termine dei quali i residenti potranno rientrare.

“La moglie : “l’Amore se n’è andato in Cielo e non mi ha salutato”

Napoli, tragedia in via Duomo: si stacca un cornicione dal quinto piano, morto un commerciante

La vittima , Salvatore Padolino
Destino beffardo. Proprio Padolino si interessava spesso di valorizzazione dell’area.   “. Non credo a questo crudele destino la moglie: Grazia Ragozzino, sua moglie, che scrive sui social: “L’amore se ne è andato in cielo e non mi ha salutato“. “Non ci credo, sono disperata” afferma tra le tante manifestazioni di solidarietà e affetto degli amici increduli.

 La tragedia ricorda tanto la triste fine del ragazzo Salvatore Giordano il 14enne colpito nel luglio del 2014  da un fregio distaccatosi dalla monumentale Galleria Umberto I.

Mafia. Operazione antimafia a Carini:arrestate nove persone. Prima di aprire un’impresa bisognava chiedere il permesso al superboss

 

Palermo –

Territorio palermitano sotto il controllo della Mafia .Una vasta operazione antimafia, dalle prime luci dell’alba, ha scosso i vertici della famiglia mafiosa di Carini. La Squadra Mobile palermitana, in esecuzione di un’ordinanza di applicazione di misure cautelari emessa dal Gip presso il Tribunale di Palermo, ha arrestato nove persone con l’accusa a vario titolo, dei reati di associazione mafiosa e detenzione di sostanze stupefacenti ai fini spaccio.

Risultati immagini per immagine di mafia

Affermano gli investigatori.”Prima di aprire un’impresa serviva una sorta di ‘autorizzazione’ dei boss della famiglia: le indagini degli  hanno accertato “come gli uomini della famiglia di Carini controllassero in modo capillare il territorio di riferimento, con la sistematica sottoposizione ad estorsione degli operatori economici della zona che, prima di intraprendere qualsiasi attività, dovevano, inoltre, ottenere una sorta di autorizzazione preventiva da parte della famiglia..”

NAPOLI: GRAVE LA BIMBA DI 4 ANNI FERITA NEL CORSO DI UNA SPARATORIA

 

Immagine correlata

Episodio di inaudita violenza a Napoli, città calda del Sud .”Critiche ma stabili” le condizioni della bimba di 4 anni ferita venerdì pomeriggio nel corso di   una sparatoria a Napoli in piazza Nazionale.

La piccola, ricoverata nel reparto di Terapia intensiva dell’ospedale pediatrico Santobono (nella foto sopra d’Archivio) e in coma farmacologico indotto, è stata operata nella notte. La prognosi resta riservata. Il prossimo bollettino medico verrà rilasciato entro le 18.

Foto Ag

I sanitari hanno praticato sulla bimba  la Tac torace programmata post intervento, che mostra una riduzione del versamento pleurico bilaterale e che conferma il danno ai polmoni. Restano invariate le lesioni ossee, mentre l’ecocardiogramma e l’elettrocardiogramma risultano nella norma per l’età.

L’intervento ha permesso di asportare nella sua interezza il proiettile .Nelle prossime ore sono programmate ulteriori indagini diagnostiche per una valutazione più approfondita delle lesioni subite dalla piccola
Il direttore dell’Ospedale pediatrico Santobono Annamaria Minicucci commenta così:. «Sarà decisiva nelle prossime ore – la tenuta dei polmoni, entrambi attraversati dal proiettile di grosso calibro che ha colpito la bambina». Il prossimo bollettino medico sarà emesso tra le 14 e le 14.30, dopo il risultato della Tac e della AngioTac a cui è stata sottoposta stamattina. All’esterno della rianimazione dell’ospedale attendono i genitori ed i parenti, una decina di persone.

Irlanda del Nord: uccisa una Giornalista testimone degli scontri tra dissidenti e Polizia

Risultati immagini per foto dell'irlanda città di castello

    GIORNALISMO COME MISSIONE: SPESSO IL GIORNALISTA PAGA UN PREZZO ALTO, CON LA VITA, IL DOVERE DI INFORMARE

Irlanda del Nord. tensioni e delitti. Una giornalista 29enne è stata uccisa a Londonderry,  la polizia ha definito l’episodio  un “incidente terroristico”. “Posso purtroppo confermare che a seguito di scontri a colpi d’arma da fuoco la notte scorsa a Creggan è rimasta uccisa una donna di 29 anni”, ha comunicato sui social per la polizia nordirlandese, Mark Hamilton, annunciando l’apertura di un’inchiesta.

La giornalista uccisa , identificata per Lyra McKee, non si sa bene per quale motivo.   Aperte le indagini.

McKee era dietro alle auto della polizia e sarebbe stata raggiunta da colpi d’arma da fuoco mentre sulle Land Rover dei militari  venivano lanciate bottiglie lanciafiamme Molotov.

Una dichiarazione di una giornalista Leona O’Neill presente sul luogo:  “Ero in piedi accanto a questa giovane donna quando è caduta accanto a una Land Rover della polizia stasera. Ho chiamato un’ambulanza per lei, ma la polizia l’ha messa nella parte posteriore della propria Land Rover e l’ha portata all’ospedale dove è morta, a soli 29 anni. Ho il voltastomaco stanotte“.

Torna alta la tensione in Irlanda del Nord. Donna uccisa durante scontri con la polizia: "È  terrorismo"

Foto (ag) – Scontri dio dissidenti con la Polizia- Uso di bottiglie Molotov

Si apprende anche che, gli scontri a Londonderry con i dissidenti repubblicani sono scoppiati dopo alcuni raid della polizia in abitazioni nelle zone di Mulroy Park e Galliagh.

ENNA, AGGHIACCIANTE FEMMINICIDIO, DETTAGLI: “MI SPIACE NON POSSO VENIRE, HO UCCISO MIA MOGLIE”

Risultati immagini per IMMAGINE DI FILIPPO MARRARO

Nella foto l’assassino Filippo Marraro

Delitto di Enna. Si scopre che l’assassino Filippo Marraro  aveva persino  cambiato il suo profilo sul massimo social .relazione vedovo”, prima ancora di eseguire il suo disegno criminoso, l’assassinio di  Loredana Calì. In un video scioccante si vede Marraro, ripreso dall’alto, raggiungere la donna e costringerla a salire con lui in automobile sotto il tiro di  una pistola.

Da questa probabilmente spara i due colpi che feriranno mortalmente l’ex moglie,  40enne siciliana. Le aveva detto di dialogare del loro stato, invece l’ha minacciata e l’ha costretta a seguirlo fino alla casa di campagna dei genitori di lei.

.L’uomo, titolare di un autolavaggio e padre di tre figli (uno nato da un precedente matrimonio), ha sparato mirando al torace della donna dalla quale si stava separando.

Poi ha mandato un messaggio ad un amico, con il quale partecipava a raduni motociclistici, per disdire la sua partecipazione a quello del 7 aprile. Un messaggio agghiacciante: «Mi dispiace, non posso venire: ho ucciso mia moglie». Quindi ha telefonato ai familiari della vittima dicendo «andatevela a prendere morta». E infine si è costituito ai carabinieri. Un vero e proprio agguato, preceduto da una richiesta di chiarimenti. Catenanuova, dove la mafia è di casa e i clan rivali si fanno la guerra in strada