CRISI D’IMPRESA, «IL NUOVO CODICE CAMBIA L’APPROCCIO CULTURALE»

Catania: commercialisti, notai, avvocati, magistrati e accademici a confronto

ALLERTA E PREVENZIONE PER SALVARE AZIENDE E LAVORATORI

CATANIA

«Occorre un cambiamento dell’approccio culturale, perché è il contesto generale, anche internazionale, a richiederlo: trovare strumenti di prevenzione alla crisi e all’insolvenza delle imprese, piuttosto che attenderne la degenerazione o l’irreversibilità, rappresenta ormai una priorità. Intercettare precocemente i sintomi della crisi offre maggiori possibilità di salvare e conservare il tessuto imprenditoriale sano e meritevole, con evidenti benefici anche sul piano occupazionale». Sono le parole di Renato Rordorf – presidente della Commissione ministeriale che ha firmato la riforma nel nuovo Codice della crisi d’impresa – intervenuto a Catania, nel corso di un convegno sul tema che si è svolto ieri e continua oggi (25 gennaio) al Monastero dei Benedettini.

 

 

La riforma porta, non a caso, il suo nome, anche se lui ammette di «avere delle riserve» in merito al fatto di essere definito “padre” di una legge considerata una rivoluzione copernicana. Il provvedimento – come afferma lo stesso Rordorf – poggia su due colonne portanti: «l’istituto dell’allerta e della composizione assistita, che ha la finalità di consentire l’emersione tempestiva dei sintomi della crisi, e dunque un’opportuna reazione»; e «l’assetto degli uffici che l’imprenditore deve organizzare affinché questi strumenti funzionino realmente». In particolar modo Rordorf si riferisce alle piccole imprese, stimolandole a «non formulare pensieri come “io speriamo che me la cavo”, ma ad organizzarsi fin da subito per percepire in tempo le difficoltà che possono sfociare in crisi aziendale».

 

Ad ascoltare la sua relazione centinaia di professionisti etnei che hanno gremito l’Auditorium De Carlo, chiamati a raccolta dal Consiglio Notarile e dagli Ordini professionali dei Commercialisti e degli Avvocati, insieme al distretto catanese della Scuola Superiore di Magistratura (SSM), all’Università con la sua Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali, e alla Sezione Imprese e procedure concorsuali del Tribunale di Catania. Un momento di formazione necessario per prepararsi all’entrata in vigore del provvedimento – prevista per il 15 agosto 2020 – ma soprattutto un confronto sui nuovi assetti organizzativi degli uffici alla luce della riforma. «Il nuovo scenario responsabilizza maggiormente i professionisti perché chiamati a ricoprire il ruolo centrale di controllori dei meccanismi d’allerta», ha affermato il presidente dei Commercialisti etnei Giorgio Sangiorgio. Il presidente del Consiglio Notarile di Catania e Caltagirone, Andrea Grasso, ha espresso la posizione del Notariato, «secondo cui le modifiche apportate dalla normativa non stravolgono l’asset amministrativo delle aziende», come ribadito anche nella relazione di Marco Maltoni, componente della Commissione Studi d’Impresa del Consiglio Nazionale della categoria.

 

 

«L’Università di Catania – ha aggiunto il prorettore Vania Patanè – auspica che attraverso un continuo dibattito e confronto sia possibile raggiungere quella crescita culturale che forse rappresenta la chiave di volta di un miglioramento dello standard qualitativo della nostra società». Sul valore della sinergia istituzionale tra le professioni sono intervenuti il presidente della Corte d’Appello di Catania Giuseppe Meliadò, il segretario dell’Ordine Avvocati Maria Concetta La Delfa e il formatore decentrato SSM Claudia Cottini; mentre il direttore della Scuola delle Professioni legali, Aurelio Mirone, ha sottolineato il ruolo degli organismi della composizione d’impresa.

Significativa l’analisi del territorio catanese tratteggiata dal presidente della sezione fallimentare del Tribunale etneo Mariano Sciacca: «L’ultimo anno ci ha consegnato una realtà imprenditoriale ed economica catanese drammatica, mi riferisco in particolar modo alla crisi di aziende nell’ambito della grande distribuzione organizzata. Motivo per cui c’è innanzitutto una necessità sociale che spinge a prepararsi con competenza al cambiamento normativo». Ben sei le tavole rotonde in cui si sono susseguiti gli interventi di relatori di alto livello, locale e nazionale, al fine di analizzare i diversi aspetti del quadro normativo. Le conclusioni sono programmate nelle giornata di oggi (25 gennaio), attraverso altre due sessioni di lavori.

«UN TESTAMENTO SOLIDALE NON PENALIZZA GLI EREDI»

 

Iniziativa di sensibilizzazione di Consiglio Notarile di Catania e Caltagirone e Aism

 

 

A Piedimonte Etneo l’incontro con i cittadini e l’associazione Orchidea

PIEDIMONTE ETNEO (CT) –

Occorre superare un pregiudizio, quello secondo cui lasciare l’eredità in beneficenza toglierebbe ai propri familiari ciò che spetta legittimamente a loro. Così non è, ed è importante ribadirlo, perché oggi in Italia il tema del testamento solidale è minato da non poche barriere culturali. Si pensa ancora che sia un gesto da ricchi, che richieda cifre considerevoli, che sia sempre troppo presto per parlarne. In realtà il lascito a favore di cause umanitarie è alla portata di tutti, perché “basta poco per fare molto”.

Ecco perché il Consiglio Nazionale del Notariato, insieme a onlus come l’Aism (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), porta avanti una capillare attività di informazione in tutte le regioni italiane. Nel territorio etneo il Consiglio Notarile di Catania e Caltagirone è impegnato da anni con diverse iniziative, e per l’edizione 2020 della “Settimana Nazionale dei Lasciti” il suo percorso di sensibilizzazione ha fatto tappa – ieri pomeriggio (22 gennaio) – a Piedimonte Etneo, grazie alla sinergia con la sezione Aism di Catania e l’associazione culturale ricreativa Orchidea.

«In Italia il numero di cittadini che predispone un testamento solidale, o si dichiara orientato a farlo, cresce di anno in anno, ma è possibile fare di più per non rimanere all’ultimo posto nella classifica dei Paesi europei. Motivo per cui teniamo molto a iniziative come questa, e ribadiamo che i notai di Catania e Caltagirone sono sempre disponibili a fornire informazioni anche nei propri studi professionali», ha affermato il presidente del Consiglio Notarile Andrea Grasso durante l’incontro che si è svolto nell’Aula consiliare del Comune di Piedimonte Etneo, alla presenza del vicesindaco Enrichetta Pollicina. Ha introdotto l’evento Alessandra Laiacona, presidente della sezione catanese di Aism, affiancata da Vera Tripoli, che guida l’associazione Orchidea.

Momento principale dell’incontro le relazioni dei notai Donata Galeardi e Maristella Portelli, componenti del Consiglio Notarile, che hanno spiegato l’importanza culturale e sociale del lascito solidale, cosa è necessario fare per predisporlo, cosa è possibile donare e quali sono i tipi di testamento.

«Le statistiche riportano dati interessanti: la media dei lasciti solidali si attesta sui 5mila euro, la maggior parte dei donatori appartiene a un ceto medio, e il 65% di essi è donna» ha illustrato il notaio Galeardi, mentre il notaio Portelli ha spiegato che «il diritto successorio prevede una ripartizione dell’eredità che mira a tutelare i legittimari riservando agli stessi una parte del patrimonio e lasciando a disposizione del testatore una quota della quale disporre secondo le proprie scelte personali». Entrambi hanno sottolineato che la figura del Notaio, in quanto pubblico ufficiale, supporta il cittadino nel percorso testamentario, ma soprattutto ne garantisce la sua realizzazione in piena legalità e sicurezza.

IL GHIACCIO NEL CUORE

 

Risultati immagini per immagine di indifferenza della gente

 

Pubblichiamo un editoriale del sacerdote Don Aldo Buonaiuto , fondatore e direttore del Quotidiano ” Interris”, inviato al ns. direttore Raffaele Lanza,che riteniamo molto interessante per le responsabilità e la partecipazione del cittadino-credente- ai problemi della società odierna.  Aggiungiamo noi solo un punto: che l’uomo deve avere pure il coraggio della partecipazione alle problematiche generali d’interesse pubblico.  Perchè come cantava  Gaber “la libertà è partecipazione”.  

 

E’ sotto gli occhi di tutti come la nostra società soffra di alcuni mali di difficile guarigione. Il cittadino “social” e “global” è costantemente connesso con le piazze virtuali ma sempre più incapace di percorrere con empatia e curiosità intellettuale le strade reali della propria esistenza. Capita così che su una panchina di un giardino pubblico di una città benestante ed elegante si possa morire di freddo nell’indifferenza generale, oppure che un gruppo di ragazzi autistici si veda rifiutato l’alloggio perché la presenza del disagio potrebbe rovinare le ferie degli altri vacanzieri. L’idea che deresponsabilizzandoci saremo più felici è il veleno che semina solitudine più spietata e la disperante perdita di senso. C’è un’immagine che ritrovo nel mio passato di studente: la zavorra e l’ancora sono lo stesso oggetto ma la prima è vista come un peso, la seconda come una sicurezza. Ecco cosa significa essere una comunità: prendersi cura di chi ha bisogno, agganciando e donando stabilità, come fa l’ancora, con chi è alla deriva, invece di voltarci dall’altra parte.

Quante volte accolgo vittime di violenze che aspettavano una parola di attenzione magari da parte di un vicino che le vedeva scendere le scale con i lividi sul volto. La tentazione diabolica è quella di alzare le spalle e pensare che non sono affari nostri. La sofferenza esiste? “Occhio non vede, cuore non duole”. Da qui la deriva egoistica che ci rende tristi individui, ripiegati su noi stessi, con l’errata e mistificante convinzione che sia sufficiente delegare al “potere” le nostre responsabilità. E’ per questo che la situazione sociale, economica, culturale ristagna: è tutto fermo perché “non è compito mio”. Mai come adesso vale l’immagine filosofica della monade: ognuno è chiuso nel proprio guscio, rintanato nel fuorviante universo digitale, persuaso che tanto “provvederanno lo Stato, le istituzioni civili e religiose, forse il volontariato”. Messi di fronte ai nostri mali sociali, siamo tenuti a ribellarci ad una situazione che ci vede calpestare quotidianamente la dignità e la diversità. L’Italia ha potenzialità e risorse in grado di farle rialzare la testa a patto che sappia riappropriarsi delle radici valoriali che affondano nella civiltà cristiana. Occorre ricominciare a sentirci come un “noi“, smettendola di illuderci e di scaricare su indefiniti “poteri” i compiti da svolgere collettivamente.

Solo tre input: responsabilità, partecipazione, condivisione. Sia nella nostra dimensione di cittadini sia in quella di credenti. E proprio qui sta la domanda fondamentale: c’è ancora spazio per il trascendente in una società che misura tutto in termini di tornaconto personale? Non solo l’occidente secolarizzato ma anche le antiche culle della spiritualità orientale sono diventate teatro della vorticosa rincorsa edonistica e consumistica. L’unica medicina ai mali contemporanei è la riscoperta della comunità perché ingannarsi che non ci sia nulla per cui valga la pena meritare Salvezza equivale ad appiattire la vita individuale e collettiva su una dimensione abbrutita, imbarbarita, limitante e soprattutto priva di anima. Quindi una mera gratificazione dell’effimero. Quando mi formavo mi affascinava due branche della conoscenza: la filosofia parlava principalmente all’io, la teologia alla Trinità che univa la persona al noi. Oggi la dimensione comunitaria della religione crea solo fastidio a molti, si vorrebbe eliminare la fede già confinata alla sfera strettamente privata. Benedetto XVI definiva “dittatura del relativismo” quella che il suo Successore stigmatizza come “relativismo pratico”, cioè, va bene il sacro purché non incida sulla sfera sociale. Insomma, “pregate se volete, ma rassegnatevi: non è più tempo di difendere in concreto la vita, la famiglia, la dignità umana”, sostengono i neo-nichilisti. Nel terzo decennio del nuovo millennio l’ipocrisia impedisce di chiamare con il loro nome le nuove forme di martirio in un’epoca che ha sostituito Dio con la trionfante tecnologia post-umana. L’era “progredita” della sempre più alta definizione è glaciale, asettica e incapace di scaldare il cuore con un abbraccio e un sorriso autentici. Sarà davvero un “buon anno” se torneremo ad essere più umani.

Atroci crimini di fascisti e nazisti: li racconta Montalbetti nel libro “Enigmatica Bicicletta”

 

Pietruccio Montalbetti ok.jpg

 

“Qualche anno dopo la Seconda Guerra Mondiale si crea a Milano un Corpo Speciale di ex partigiani dediti alla cattura di criminali di guerra mai processati. E la bicicletta accantonata alla staccionata di un parco del centro-città sempre lì parcheggiata, a volte girata a destra altre a sinistra, che ci fa? Fantasia o realtà?”

Attraversando abitualmente un parco nel quartiere vicino casa, Luca Righi (uno degli agenti e il protagonista), viene attratto da una bicicletta accantonata a una staccionata. Sempre lì parcheggiata, a volte girata verso destra altre a sinistra, Il graduato trova il fatto insolito po’ sospetto quando una serie di strani eventi non possono che accomunarsi al velocipede. 

È con tale intrigante premessa che prende il via ” Enigmatica  Bicicletta“, il noir di Pietruccio Montalbetti che sfiora tematiche forti e struggenti legate a vittime di abusi e violenze da fascisti e nazisti, tra atroci crimini seguitati persino a fine-guerra, ma anche gesti positivi offerti dai partigiani agli italiani. 

L’obiettivo dell’autore è dunque quello di mettere in rilievo terribili eventi storici, che hanno in quel periodo sancito la perdita della coscienza umana marchiandola a fuoco, affinché episodi così oscuri non si ripetano.

Il chitarrista leader dei Dik-Dik, da anni prestato alla narrativa, riporta quindi a tratti alla memoria paragoni di alcuni illustri autori del passato quali Primo Levi, Cesare Pavese, Beppe Fenoglio. Comunque, invitato dai genitori per le feste natalizie, il protagonista incontra dei cuginetti che, sapendolo partigiano, insistono affinché illustri la propria “professione”, in realtà segreta. 

Note d’autore

Pietruccio Montalbetti, fondatore e leader storico dei Dik Dik, famoso gruppo musicale italiano degli anni Sessanta, si misura ormai da anni anche nella narrativa.

Libri pubblicati: I ragazzi della via Stendhal (2010, Aerostella), Sognando la California (2011, Aerostella), Io e Lucio Battisti (2013, Salani Editore), Settanta a Settemila (2014, Ultra), Amazzonia. Io mi fermo qui (2018, Zona Music Books), Enigmatica Bicicletta (2020, Iris 4 Edizioni).

SUD SENZA FUTURO PARADIGMA DELLA LATITANZA DEL PUBBLICO POTERE

 

Risultati immagini per immagini di giovani disoccupati

 

di Raffaele   Lanza

La fibrillazione e confusione politica nazionale ci ripiomba anche quest’anno nell’atmosfera biblica della torre di Babele, quantunque siano significativi i miglioramenti delle proposte e dei progetti  di interesse generale.    La politica, salvo alcune eccezioni, non è considerata più un servizio ai cittadini ma solo ed unicamente un privilegio esclusivo da conquistare ad ogni costo .  Il motto comune è diventato: levati tu , che mi siedo io sulla poltrona.

Si è accresciuta la comunicazione sui social. L’azienda statunitense californiana Facebook -fondata da Zuckbenger-  condannata dai tribunali italiani e, in particolare dai giudici romani per antidemocraticità e metodi  inusitati e violenti per   inauditi oscuramenti di pagine di giornali e quotidiani, è diventata tuttavia la maggiore attrazione di vetrina  dei politici- squillo.

Nel Sud si vuole intervenire, il premier italiano ha studiato pure un piano di rilancio per eliminare e/o attenuare la disparità sociale/economica con il Nord.   Ma i fatti e le cronache che registriamo dicono ancora che proprio il Sud e la Sicilia in particolare sono divenuti cimiteri dei bisogni inappagati e archivio dell’insipienza amministrativa .   In quasi tutti i settori della pubblica amministrazione e ,in primis nella Regione siciliana dove sono avvenuti ed ancora sono in corso migliaia di prepensionamenti di funzionari direttivi e dirigenti in prevalenza, ci sono e si allargano ogni giorno dei vuoti: colpa della legge che non consente assunzioni, dicono gli amministratori; e colpa degli amministratori, aggiungiamo noi, perennemente immersi in una guerra di accaparramento per piazzare i loro clienti e incapaci di chiuderle, quelle guerre.

La Regione siciliana con i  privilegi di una classe dirigenziale collegata per natura probabilmente mafiosa o quasi  a referenti politici di dubbia credibilità,e a segreterie politiche dislocate in ogni città siciliana, come fabbriche di clientele,   è sostanzialmente affondata anche se un salvagente economico è stato recentemente lanciato,per ispirazione programmatica, dal governo nazionale per spalmare il debito sicilianoin dieci anni.  La vicenda è nota e si foggia sui modelli comportamentali che finora ha avuto con la sua classe dirigente la Regione siciliana.   Ricorderemo l’inequivocabile grido d’allarme della Corte dei conti.  ”    L’esame comparato dei principali saldi risultanti dai documenti costituenti il ciclo del bilancio 2018 della Regione siciliana, dimostra l’inefficacia delle politiche pubbliche rispetto ai vincoli di riduzione del deficit di bilancio e del disavanzo di amministrazione intrinseci al quadro normativo e ribaditi più volte”, si legge nella relazione delle sezioni riunite della Corte dei conti, riunita a Palermo, per l’udienza di parifica del rendiconto della Regione per il 2018, alla presenza del governo Musumeci. Per i giudici dal “raffronto tra i dati degli equilibri di bilancio nelle varie fasi del ciclo 2018, risulta chiara l’inconsistenza della manovra finanziaria: l’equilibrio di parte corrente e l’equilibrio finale 2018 registrano valori a consuntivo, rispettivamente -651,9 milioni di euro e -667,0 milioni di euro, notevolmente superiori ai dati di tendenziale del Defr 2018-2020 i cui saldi risultavano comunque viziati dalla sottostima degli stanziamenti a copertura del disavanzo e di quelli per accantonamento ai fondi. In altre parole — la Regione non è stata in grado di raggiungere nemmeno gli obiettivi ‘minimi’ che essa stessa si era data con la legge di stabilità”. Inoltre, “né il Defr 2018-2020, né il bilancio di previsione – pur essendo stati approvati ad esercizio ampiamente in corso – né l’assestamento, sono informati al rispetto del principio di continuità degli esercizi finanziari, per non parlare degli esiti dei giudizi di parifica, al punto che, in talune fasi, l’attività della Regione sembra abbia avuto, piuttosto, finalità elusive“.
Manca ancora dunque  l’interlocutore pubblico.  Ed aumenta la povertà insieme alla disoccupazione. Nel 2018, in Italia- secondo i rilevamenti Istat –le famiglie in condizione di povertà assoluta sono un milione 822 mila (7,0 per cento), per un totale di oltre 5 milioni di individui poveri.

IL   DRAMMA DEL SUD FOTOGRAFATO DAI NUMERI E DALL’ISTAT

Le famiglie che, rispetto al 2017, vedono peggiorare la loro situazione sono quelle dove è presente un solo genitore, (dal 9,1 per cento all’11,4 del 2018), soprattutto se con minori (dall’11,8 per cento al 16,8 del 2018). L’incidenza della povertà assoluta rimane elevata fra i minori (12,6 per cento pari a un milione 260 mila minori) e raggiunge il minimo fra gli ultrasessantaquattrenni (4,6 per cento), continua l’Istat.

Nel 2018, quasi la metà dei giovani di 18-34 anni (47,8%) evidenzia l’assenza di deprivazione nelle cinque dimensioni del benessere considerate (Salute; Lavoro, Istruzione e formazione; Benessere soggettivo; Coesione sociale; Territorio); un terzo (33,5%) ne ha solo una mentre il 18,7% (quasi 2 milioni di giovani) risulta multi-deprivato, cioè è deprivato in due o più dimensioni del benessere. Lo rileva l’Istat nel Rapporto sul Benessere equo e sostenibile (Bes).

 

Immagine correlata

 

La multi-deprivazione è più alta tra i giovani adulti di 25-34 anni (20,9% contro 15,2% dei giovani di 18-24 anni) e nel Mezzogiorno (23,9% contro 14,3% al Nord e 18,0% al Centro) -prosegue l’Istat -. Rispetto al 2012 la condizione dei giovani è peggiorata: è diminuita di quasi 4 punti percentuali la quota di quelli senza alcun tipo di disagio, sono invece aumentati sia i giovani deprivati per una sola dimensione (+2,6 punti percentuali), sia i multi-deprivati (+1,3 punti percentuali). Il peggioramento rispetto al 2012 ha riguardato la dimensione relativa alla Coesione sociale, che include le relazioni sociali e la partecipazione politica (da 17,6% nel 2012 a 24,9%), e le caratteristiche del territorio in cui si vive (da 12,9% a 15,7%); al contrario, migliorano le condizioni per le dimensioni Lavoro e Istruzione (da 22,2% nel 2012 a 19,6%) e Benessere soggettivo (da 11,5% a 7,6%), prosegue l’Istat.            L’Istat precisa che nel Nord e al Centro,  la quota di giovani senza alcun disagio cala rispettivamente di 8,4 e 4,8 punti percentuali. Invece nel Mezzogiorno, dove le difficoltà già nel 2012 erano maggiori, la situazione è sostanzialmente stabile (-0,8 punti percentuali).

 

Immagine correlata

Tre quarti dei giovani multi-deprivati lo sono in due dimensioni, un quinto in tre e un residuale 5% di giovani in 4 o 5 dimensioni del benessere. Le dimensioni che più incidono sulla multi-deprivazione sono quelle relative alla Coesione sociale (il 69,5% dei multi-deprivati sono deprivati in questo dominio), al Lavoro, formazione e istruzione (il 58,1% dei multi-deprivati sono deprivati in questo dominio) e alla dimensione che descrive le caratteristiche del territorio nel quale vivono i giovani (47,3% dei multi-deprivati)…..

Altro problema italiano: crediamo nell’oroscopo , nei maghi   e al contempo ci professiamo cristiani .Per l’Osservatorio antiplagio sono circa 13 milioni gli italiani che si rivolgono ai maghi: nel Belpaese gli “specialisti” dell’occulto sono circa 150.000 , con punte elevatissime a Napoli e in Sicilia, zone interne, e contribuiscono ad un giro di affari annuo che pesa oltre 4 miliardi di euro. Il Codacons fornisce i numeri: due anni fa, l’associazione dei consumatori ha registrato un aumento di tre milioni di italiani che ne facevano ricorso rispetto al 2001. Per un paradosso, spesso chi si rivolge ai maghi spera in un futuro di prosperità, ma lo fa a caro prezzo: un consulto può variare dai 50 ai mille euro per attività che registrano un picco di evasione delle tasse.
E se il pronostico sul prossimo futuro e sulla politica sembra raggelante perchè il colloquio si svolge con i sordi e con chi è stato disponibile solo a parole, nel mondo germogliano figure nuove che condiscono l’ottimismo e fanno ben sperare. Ricordiamo qui-noi di Sud Libertà- alcune belle figure che lasciano ben sperare nel futuro. Eccole:

1. Greta Thunberg


Greta Thunberg – 

Scelta come persona dell’anno, i giovani del Duemila come l’ispirazione per ritornare ad appropriarsi del proprio futuro. Scetticismi e dietrologie a parte, la giovanissima attivista svedese è ormai una personalità a tutti gli effetti, in grado di parlare con scioltezza del disastro climatico della nostra epoca alle convention internazionali piuttosto che nelle assemblee delle Nazioni Unite, fino ad arrivare al campo a lei più familiare, quello delle piazze con i suoi coetanei. La battaglia per il clima è forse l’eredità più importante che il decennio degli Anni Dieci ci lascia, con milioni di ragazzi e ragazze che prendono in mano il vessillo del pianeta che soffre portando alla classe dirigente l’istanza del futuro firmata dalle generazioni che, tacciate di lassismo e dipendenza tecnologica, dimostrano di essere ancora in grado di scendere in strada con la forza delle idee. Il 2020 (o comunque il decennio in entrata) ci dirà se la sfida climatica può essere vinta o se, come qualcuno sospettano, la deriva del riscaldamento globale sia ormai una corsa contro il tempo troppo impegnativa per il genere umano. Sulla scia di Greta si consolida una protesta importante, con lo “Skolstrejk for klimatet” iniziato a Stoccolma diventato ormai il fenomeno globale dei Fridays for Future. Quello che i millennials hanno iniziato a rivendicare.

 

2. Fabiola Gianotti


Fabiola Gianotti – Foto © Cern

Quando lo scorso anno il matematico Alessio Figalli si guadagnò l’eccezionale premio della Fields Medal, la scienza italiana riceveva il secondo importantissimo riconoscimento nel giro di pochissimi anni. Il primo, con record annesso, lo aveva già ottenuto con la nomina della scienziata romana alla direzione del Cern, il più grande laboratorio di fisica delle particelle al mondo. Fabiola Gianotti ha ottenuto forse il riconoscimento di maggior prestigio. Lei, una fisica dichiaratasi credente, convinta sostenitrice della tesi per cui scienza e fede possono coesistere, a guida dell’avveniristico centro in cui l’acceleratore di particelle prova a spiegare l’origine del tutto. E nel 2019 un altro record: il lavoro svolto nei suoi cinque anni da dirigente in Svizzera le vale il secondo mandato alla guida del Cern. Nessun altro prima di lei c’era riuscito.

 

3. Abiy Ahmed Ali


Abiy Ahmed Ali

Premio Nobel per la Pace . E gli sforzi condotti da Abiy Ahmed Ali per il suo Paese, l’Etiopia, sono stati estremamente impegnativi e volti non solo alla stabilità della propria Nazione ma anche  di un’area in crisi come il Corno d’Africa. Veniva eletto nel 2018, al termine di una protesta di massa contro il premier precedente Desalegn, soprattutto per ragioni etniche, ereditando un Paese logorato da due decenni di rapporti gelidi con la vicina Eritrea, tragico lascito del conflitto armato di fine anni Novanta. In qualche mese riorganizza la sua Etiopia, promuove riforme sul piano interno e riallaccia rapporti su quello esterno, invitando il dittatore eritreo Isaias Afewerki a trattare la riaperture delle ambasciate e il ritorno a una relazione cordiale fra due Stati che, a ben vedere, fino al 1991 era uno solo. L’abbraccio con Afewerki segna la fine della “guerra fredda” e la ripresa dei rapporti fra Asmara e Addis Abeba, con conseguenti influssi positivi anche nelle regioni vicine, martoriate dall’emergenza profughi e dall’influsso del jihadismo di al-Shabaab. Il Nobel è idealmente un riconoscimento anche per l’Africa, capace di sconfiggere i propri rancori e di lavorare per la pace.

 

Il registro degli enti non profit ancora in mente Dei

In Italia operano 343.432 istituzioni non profit (+14% in 5 anni) che occupano 812.706 dipendenti (+19,4%), però manca ancora un registro e la riforma è bloccata

Immagine correlata

Le  riforme  sembrano la tela di Penelope: vengono tessute e disfatte all’infinito finché l’entrata in vigore della nuova normativa non diventa una corsa contro il tempo.  E’ il caso del nuovo inquadramento giuridico del terzo settore annunciato da anni e mai realizzato. In Italia il volontariato è una colonna del Welfare  eppure non c’è ancora un registro degli enti non profit. Il governo si è impegnato ad introdurlo entro giugno ma per il momento il terzo settore prosegue nell’attività assistenziale senza un sicuro quadro normativo. Dopo l’incontro di venerdì con la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo, verrà “a breve riconvocato il Consiglio nazionale del Terzo Settore che potrà valutare l’andamento del percorso di istituzione del Runts (il registro unico nazionale del terzo settore)  il cui decreto istitutivo è al vaglio della Conferenza delle Regioni”, afferma la portavoce del Forum del Terzo Settore, Claudia Fiaschi, che ha guidato la delegazione che si è confrontata con Catalfo. Il Consiglio, spiega Fiaschi, “affronterà anche il tema delicato delle regole di rapporto tra le pubbliche amministrazioni e le organizzazioni di Terzo settore che rappresentano una delle parti più innovative ed interessanti della riforma”. Per quanto riguarda i crediti che le organizzazioni vantano nei confronti del ministero, il Forum sottolinea che “c’è l’impegno a farvi fronte a partire dal mese di febbraio, più tempo ci vorrà per le somme andate in perenzione amministrativa, disponibili nella seconda metà dell’anno”. Il Forum “vigilerà sul cammino dei provvedimenti”.

Radicamento nei territori

Una situazione di incertezza sulla quale In Terris cerca di fare chiarezza a partire da un dato: più della metà delle organizzazioni non profit risiede nelle regioni settentrionali (il 28% nel Nord-Ovest, il 23,3% nel Nord-Est), il 22,2% nel Centro, il 26,7% nel Mezzogiorno. La presenza del terzo settore evidenzia il rapporto sociale del Censis, è radicata nei territori, dove la rete solidale del volontariato svolge una funzione economica e sociale decisiva per le comunità, ma che oggi vive una messa sotto attacco con il relativo rischio di downgrading di fiducia e reputazione nell’opinione pubblica.

Corsa contro il tempo

“E’ assolutamente urgente e improcrastinabile portare a compimento la riforma del Terzo settore Dopo oltre 3 anni dalla legge delega di riordino della materia, risalente a giugno 2016, è stato varato solo un quarto dei decreti attuativi previsti”, avverte Gian Paolo Gualaccini, consigliere Cnel e capo delegazione del “Terzo Settore Non Profit” nell’Assemblea di Villa Lubin.  “Le oltre 350 mila associazioni non profit con i quasi 6 milioni di italiani che svolgono stabilmente attività di volontariato attendono da troppo tempo il completamento della riforma che deve definire modalità, forme e declinazioni del loro compito quotidiano- aggiunge- La qualità aggiunta del volontariato italiano è un’opera insostituibile che ogni giorno umanizza la realtà stando vicino a chi ha più bisogno. Dopo la partecipazione del premier Giuseppe Conte alle celebrazioni della Giornata Internazionale del Volontariato con Forum Terzo Settore, CSVnet e Caritas italiana, il governo dimostri con i fatti la stima per questo mondo completando la riforma in tempi rapidi”.

Benefici fiscali

Al Forum Nazionale del Terzo Settore partecipano 87 reti in rappresentanza di oltre 140 mila organizzazioni. Le richieste al governo sono chiare: assicurare l’entrata in vigore del registro unico del terzo settore entro il prossimo mese di giugno; inviare alla Commissione europea la richiesta di autorizzazione per i benefici fiscali previsti dalla Riforma; aumentare la dotazione finanziaria per i progetti delle organizzazioni del terzo settore; adeguare il tetto de l 5 per mille alle scelte espresse dai contribuenti; sbloccare i provvedimenti amministrativi a partire dalla liquidazione dei progetti conclusi o avviati”.

A garanzia della solidarietà

Il patrimonio su cui si fonda il privato sociale è la generosità delle famiglie e della aziende italiane. In un Paese che invecchia rapidamente, dove nascono sempre meno bambini e aumentano le persone che vivono sole, la rete familiare resta il più importante meccanismo di solidarietà tra le persone di diverse generazioni. La capacità di creare relazionalità all’interno delle comunità diventa quindi una priorità. E il terzo settore può mettere in campo soluzioni. Tra gli italiani è presente una propensione alla generosità: il 64,1% dei 18-40enni dichiara che gli piace fare qualcosa per gli altri, fare volontariato (il 67,9% delle donne e il 65,9% dei laureati). Tuttavia, affinché questa propensione diventi concreta, occorre che il terzo settore ottenga risultati in ambiti importanti per le persone. Oggi uno dei temi più significativi è quello della relazionalità e della qualità della vita nelle comunità. Il 92% degli italiani dichiara che gli piace o piacerebbe vivere in un contesto in cui le persone si conoscono, si frequentano e si aiutano (il 91,3% nel Nord-Ovest, l’89% nel Nord-Est, il 93,3% nel Centro, il 93,6% al Sud).

L’impegno del governo

“La riforma del Terzo settore ha anche lo scopo di tutelare il volontariato dalle sue cattive abitudini, o meglio dalle sue cattive e inadeguate rappresentazioni- afferma il premier Giuseppe Conte-. Non è una “riserva di buonismo”, né uno spazio per sognatori o persone inappagate o insoddisfatte della vita. È piuttosto una ampia galassia di uomini e donne concreti che vivono responsabilmente i valori della Costituzione che all’articolo 2, nell’affermare i diritti inviolabili dell’uomo, segnala al massimo grado che la dimensione della solidarietà è la trama fondamentale del legame sociale, a cui tutti siamo chiamati anche nell’economia e nella politica”. La gratuita’ e il dono, sottolinea il presidente del Consiglio, “non sono solo sentimenti individuali, ma valori da declinare ovunque in qualsiasi contesto politico e sociale: il volontariato è, dunque, una palestra civile in cui si cresce come persone e cittadini”.

Istanze solidaristiche

L’azione virtuosa verso gli altri fragili è “un mattone dell’edificio dello Stato e il dono del proprio tempo è la forma più profonda di dono”. Il volontariato, secondo Conte, è soprattutto una relazione interpersonale: “Nasce da istanze solidaristiche, ma è un fenomeno poliedrico che sfugge anche alle classificazioni giuridiche, però al di là dell’incasellamento, lo Stato non può prescindere da interventi che regolarizzino e tutelino l’attività del terzo settore”. Tanto più che nel 2019, secondo le previsioni Istat, ci saranno ottomila nati in meno rispetto al 2018, con un calo del 2% delle nascite.Una flessione progressiva che vede l’Italòia ai primi posti in Europa. “Declino demografico ed invecchiamento richiedono un patto per la famiglia che coinvolga tutte le forze politiche e tutti gli attori sociali, a partire dal terzo settore, per individuare strategie di medio e lungo termine che permettano un’inversione di tendenza: ne va del futuro del nostro Paese”, chiede Forza Italia alla ministra per la Famiglia Elena Bonetti.

Impatto concreto

“L’impegno per affrontare in modo più strategico i problemi della disabilità, e in particolare quelli della persona con disabilità intellettive, non deve conoscere sosta”, rincara la dose Luigi Mazzuto, coordinatore della Commissione politiche sociali della Conferenza delle Regioni e delle Province. Le Regioni, con i ministeri competenti, i Comuni, gli enti del Terzo settore e le associazioni di volontariato, hanno collaborato  per il varo della legge sul “Dopo di noi”, al piano di contrasto alla povertà e per la non autosufficienza. In Italia le persone con disabilità sono oltre 3 milioni di persone.  Nella manovra economica è previsto per il terzo settore un impegno peril 5 per mille con i primi dieci milioni nel 2020. Il volontariato fornisce alle persone, in particolare a quelle più frequentemente escluse, opportunità che hanno impatto concreto sulle loro vite e svolge un ruolo costruttivo nelle comunità attraverso la messa a disposizione gratuita di tempo e capacità. Cresce l’importanza del volontariato per le organizzazioni europee, ma anche per le comunità di accoglienza, in grado di migliorare e rendere più efficace il sistema degli aiuti. Entro giugno l’esecutivo si impegna a far entrare in vigore il Registro Unico In questo modo sarà possibile il debutto nel 2021 dei nuovi regimi fiscali previsti dalla riforma.

Confronto tecnico

Al ministero del Lavoro si impegnano perché siano rispettati i tempi, in modo da inviare alla Commissione europea la bozza di riforma e ottenerne nei tempi il via libera. L’impegno del Ministero del Lavoro ella prima metà del 2020 sulla riforma del terzo settore sarà concentrato sulla finalizzazione dei provvedimenti sulla definizione della modulistica dei bilanci degli Enti del Terzo settore (Ets), sulle linee guida sulla raccolta fondi, sulla disciplina dell’attività di vigilanza sulle imprese sociali e sul funzionamento del Registro unico nazionale del Terzo settore (Runts), secondo la ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo.  Sul registro unico del Terzo settore  si è svolto il confronto tecnico con le Regioni e si conta di poter giungere all’adozione del Registro unico nei primi mesi del 2020. Intanto è nata dalla storia e dall’eredità culturale e valoriale di Maria Eletta Martini il Centro di Ricerca a lei intitolato realizzato a Lucca dalla fondazione per la Coesione sociale onlus e dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Il centro di ricerca  è l’esito di un percorso partecipato e condiviso con le maggiori organizzazioni nazionali e con il Forum del Terzo Settore.

Innovazioni normative

Il metodo e le finalità del Centro sono stati presentati in due successivi seminari, dove si è manifestata l’attenzione delle organizzazioni presenti per il suo scopo principale: realizzare e divulgare indagini scientifiche sui temi della cultura, della disciplina giuridica e della prassi del volontariato, del terzo settore e dell’impresa sociale, con particolare attenzione agli aspetti innovativi e contribuire al chiarimento e all’applicazione delle innovazioni normative della Riforma del Terzo settore.. Tutto questo evitando ogni possibile sovrapposizione con i servizi resi da altre organizzazioni ed in particolare dai Centri servizi per il volontariato. Un Centro di ricerca che si propone quindi di studiare i fenomeni del volontariato e del terzo settore su scala nazionale ed internazionale. Lo scopo è quello di fornire strumenti di crescita in un contesto di grandi cambiamenti come quelli introdotti in Italia dalla riforma del Terzo settore..

Strumenti di conoscenza

Un mondo in continua crescita come attestato anche dagli ultimi dati del Censimento permanente dell’Istat: nel 2017 sono 350.492 le realtà attive (il 2,1% in più rispetto al 2016) che impiegano 844.775 dipendenti (+3,9%) e sono il veicolo principale per l’impegno delle persone nel volontariato e nella cittadinanza.  Il sistema delle Fondazioni bancarie è uno dei principali finanziatori del terzo Settore e del volontariato. L’Acri, l’associazione delle casse di risparmio, ha indicato alle fondazioni aderenti la necessità di affinare gli strumenti di conoscenza, di definire al meglio gli obiettivi perseguiti in una logica di sistema con gli enti pubblici e sanitari nel settore sociale e di misurare la validità degli interventi. Ma con un avvertimento:“Il nuovo contesto normativo dentro cui operano le organizzazioni del terzo settore richiede un’attenzione sempre più qualificata”.

                                            Giacomo Galeazzi – (“In Terris”)

“TI REGALO UNA STORIA”: DIECI ANNI DI EDUCAZIONE E PARTECIPAZIONE

Cultura e fantasia per coinvolgere i bambini: festeggiato il compleanno della Onlus etnea

In occasione del decennale raccolti fondi per “Musica Insieme” e donati libri alle associazioni locali

 

Desideriamo diffondere l’importanza della lettura per i bambini, negli ospedali ma anche negli ambienti più depressi, nelle case dove non esistono libri, negli oratori. La nostra forza sta nei volontari che ogni giorno si spendono per questa nobile causa: costruire un mondo migliore, in un presente in cui alcuni valori si stanno perdendo a favore delle nuove tecnologie”. Così il cardiologo pediatrico Francesco De Luca e presidente di “Ti regalo una storia onlus”, ha commentato la mission dell’associazione etnea che – sabato scorso (7 dicembre) presso la Chiesa San Camillo dei Mercedari – ha festeggiato dieci anni di attività. Con l’organizzazione della libreria Cavallotto, il patrocinio del Comune di Catania e del FAI (Fondo Ambiente Italiano), l’evento ha visto l’esibizione del quartetto d’archi “Katane”, composto da musicisti dell’Istituto Vincenzo Bellini. Al centro della ricorrenza, l’immutato obiettivo di rendere la lettura una “terapia” nei nosocomi e non solo.

 Ricordo il momento in cui il professor De Luca mi ha proposto il suo progetto, inizialmente rivolto solo ai bambini ospedalizzati, abbiamo cominciato così a raccogliere testi e a reclutare lettori coinvolgendo le realtà locali – ha affermato la vicepresidente Anna Cavallotto – negli anni, poi, sono state create piccole biblioteche presso reparti di pediatria, parrocchie, scuole e case di accoglienza”. Una celebrazione del decennale divenuta anche opportunità, con la raccolta fondi destinata all’acquisto di strumenti musicali per “Musica Insieme” a Librino. “Unire la lettura alla musica è un bene per i bimbi, i nostri docenti insegnano ai piccoli allievi di periferia a suonare in un’orchestra – ha spiegato la presidente di Musica Insieme Loredana Caltabiano – col tempo è necessario sostituire violini e altri strumenti, perché soggetti a usura, in più stiamo avviando un nuovo corso per il quale occorrono le percussioni”. “Ho conosciuto questa realtà tempo fa e, oggi, sono felice di celebrarla come esponente dell’Amministrazione Comunale”, ha sottolineato l’assessore comunale alla Cultura, Barbara Mirabella. “Nel 2010, il ricavato della vendite delle magliette per la maratona “Corri Catania” è stato destinato a “Ti regalo una storia”, al fine di realizzare Biblio-ludoteche in tre strutture ospedaliere – ha continuato la manager Elena Cambiaghi – oggi siamo qui a festeggiare, insieme, questo importante traguardo”.

 Abbiamo bisogno di cultura e partecipazione” ha aggiunto il presidente di Unione Ex Allievi don Bosco-Salette “Periferie Vive onlus”, Salvatore Caliò. Maria Bonomo, caposala del reparto di Oncologia Medica del Policlinico, ha poi dichiarato: “I malati hanno bisogno di distrarsi durante le terapie, la lettura li aiuta a viaggiare con la fantasia”. “Nei nostri racconti, i bambini diventano protagonisti delle storie e smettono di essere passivi fruitori, oltre a un coinvolgimento dei genitori”, ha concluso Giovanni Barilla, responsabile dei volontari con Francesca Tudisco, insieme ai lettori Angela Villa e Ignazio Conticello. In occasione della cerimonia, sono stati donati dei libri all’Istituto Penale Minorile Bicocca, all’Oratorio Salesiano San Giovanni Bosco e all’Unità Operativa di Oncologia Medica A.O.U. Policlinico Vittorio Emanuele, presidio ospedaliero G. Rodolico.

SUD LIBERTA’ : LE PIAGHE DEL SUD

 

di   Raffaele Lanza

E’ difficile prevedere, anche se non impossibile, prevedere come la storia patria giudicherà nel prossimo futuro la Sicilia e il Sud  di questi anni. Sono anni bui anche se i fenomeni negativi che riscontriamo nel Sud sono caratteristiche anche altrove.   Gli abusi, l’arrivismo, l’insipienza amministrativa, l’incapacità e la miopia politica, il parassitismo degli inetti, l’ingiustizia sociale, la Mafia, la Camorra: non abbiamo inventato nulla che altrove non si sia verificato prima e contemporaneamente: quel che colpisce tuttavia è la dimensione enorme di questi fenomeni che nel resto del Paese appaiono più attenuati Eppoi l’assenza della volontà politica generale con esclusione del premier Conte che si vuole ad ogni costo isolare in questo sforzo di fenomeni costruttivi nel Sud.    Le piaghe sono tante, ne riportiamo diverse, gravi e fondamentali del territorio

Disoccupazione, produttività, assenteismo uffici, malfunzionamento pubblica amministrazione siciliana,droga, prostituzione, usura, ludopatia, evasione fiscale: le zone franche di un Sud in deficit di legalità, un territorio difficile da controllare insieme al resto d’Italia

 

La crescita del Pil risulterebbe in lieve accelerazione nel 2020 (+0,6%). Emerge dal rapporto sulle prospettive per l’economia italiana nel 2019-2020 diffuso  dall’Istat.

Risultati immagini per immagini di disoccupazione

L’attuale scenario di previsione è caratterizzato da alcuni rischi al ribasso rappresentati da possibili evoluzioni negative dei conflitti tariffari e delle turbolenze geopolitiche con riflessi sfavorevoli sull’evoluzione del commercio internazionale e sul livello di incertezza degli operatori.

Immagine correlata
Nell’anno corrente, la domanda interna al netto delle scorte fornirebbe un contributo positivo alla crescita del Pil pari a 0,8 punti percentuali; l’apporto della domanda estera netta risulterebbe moderatamente positivo (+0,2 punti percentuali) mentre la variazione delle scorte fornirebbe un impulso ampiamente negativo (-0,8 p.p.). Nel 2020, il contributo della domanda interna si manterrebbe su livelli simili a quelli dell’anno corrente (+0,7 p.p.), la domanda estera netta contribuirebbe ancora positivamente (+0,1 p.p.) mentre le scorte fornirebbero un contributo negativo ma di intensità contenuta (-0,2 p.p.).

Sul problema cancrenoso della disoccupazionee l’Istat rileva che il proseguimento della dinamica positiva del mercato del lavoro determinerebbe un aumento dell’input di lavoro a ritmi superiori a quelli del Pil (+0,7% in termini di unità di lavoro in entrambi gli anni) mentre il tasso di disoccupazione segnerebbe un deciso miglioramento nell’anno corrente (10,0%) per poi scendere marginalmente nell’anno successivo (9,9%). In Sicilia resta in ogni caso la paralisi e il congelamento dei posti. Alcuni vuoti si colmano in virtù del “Reddito di cittadinanza che in questa fase punta all’occupazione del giovane disoccupato”.

La cresi della burocrazia,della pubblica amministrazione dove tutto è fermo o quasi perchè aleggia sempre l’ombra di un magistrato dietro il malaffare e il clientelismo ha messo in crisi l’economia.  Nel Sud gli imprenditori convivevano con i governanti e i politici locali per uno scambio reciproco di favori Oggi la situazione di controllo dei nuclei specializzati delle forze dell’ordine non consente ai malavitosi – nella gran parte dei casi- di farla franca– L’economia italiana continua a essere caratterizzata da una prolungata fase di bassa crescita della produttività. Nel periodo 2014-2018, rileva l’Istat, in Italia la produttività del lavoro, misurata in termini di ore lavorate, è aumentata in misura contenuta (+0,3% la crescita media annua), con un ampliamento del divario rispetto all’area euro (+1,0%). In particolare, nel 2018 la produttività del lavoro è diminuita dello 0,3%, sintesi di una crescita delle ore lavorate (+1,3%) superiore a quella del valore aggiunto (+1,0%).                         Le altre piaghe -appresso riportate- analizzate da “Interris” di Aldo Bonaiuto e Giacomo Galeazzi

Vediamo un pò.
Risultati immagini per foto di mafia

Droga

Controllavano lo spaccio di droga, lo sfruttamento della prostituzione, l’accattonaggio, sottoponendo gli aspiranti affiliati a cruenti riti di iniziazione nei quali era previsto anche di bere sangue umano misto ad alcol. Univano tradizione e modernità, le due gang nigeriane sgominate a Bari nell’ambito di un’inchiesta della Direzione distrettuale antimafia culminata in 32 arresti in varie regioni. Nel capoluogo pugliese avevano ricostruito il modello dei clan creato diversi anni fa nel loro Paese (come degenerazione criminale delle confraternite nate in Nigeria negli anni ’50) e replicato in altre città italiane. Le attività illecite erano talmente lucrose da incidere pesantemente sull’aumento vertiginoso delle rimesse, dall’Italia alla Nigeria, documentato dalla Banca d’Italia negli ultimi anni. Dal 2016 al 2018, è stato riscontrato, i soldi inviati nel paese africano da residenti in Italia erano quasi raddoppiati, arrivando a 74 milioni di euro. In Italia la droga più consumata è la cannabis, con una persona su dieci che ne ha fatto uso almeno una volta nell’ultimo anno. Al secondo posto l’uso di cocaina, oppioidi e spice (cannabinoidi sintetici), secondo i dati dell’Osservatorio Ue delle tossicodipendenze. In crescita il mercato delle sostanze sintetiche (anfetamine, mdma) e, in misura minore, dell’eroina. In media muoiono di overdose trecento persone all’anno.

Prostituzione

“In Puglia sono stati condannati a 8 anni di reclusione due fratelli per riduzione in schiavitù, prostituzione minorile e sequestro di persona ai danni di tre connazionali 16enni, una delle quali ha denunciato i propri aguzzini, raccontando di essere stata costretta a prostituirsi nonostante la gravidanza e che le era stata prospettata anche la possibilità di vendere il suo bambino per 28 mila euro. Le ragazze vivevano in baracche chiuse dall’esterno con catene e lucchetti, costrette a prostituirsi per otto ore al giorno in cambio di un pacchetto di sigarette, private di telefoni e documenti e picchiate. “Si consuma un dramma colossale sulle nostre strade – commenta don Aldo Buonaiuto, sacerdote anti-tratta della Comunità Papa Giovanni  XXIII e autore del saggio-inchiesta ‘Donne crocifisse’ -. E’ un fenomeno attualmente quadruplicato a causa delle organizzazioni criminali che portano le ragazzine nigeriane nella nostra penisola con l’unico obiettivo di ridurle in macchinette per fare soldi veloci da re-investire nella compravendita di droga e armi”.  Un mercato sciagurato dove il cosiddetto cliente diventa di fatto corresponsabile. “E’ la domanda che produce un’offerta così smisurata e quindi, coloro che richiedono persone giovanissime per soddisfare i propri turpi sfoghi, sono complici e benefattori del racket- aggiunge don Buonaiuto -. Il contrasto a questa piaga deve fondamentalmente partire dal cuore, dalla coscienza di ognuno che, al di là delle logiche di partito o altro, dovrebbe chiedersi: e se un giorno le nostre figlie o nipoti dovessero diventare come le vittime abbandonate e sole di oggi?”.

Usura

“Sono sette le persone arrestate nell’operazione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Latina che ieri ha sgominato un giro di spaccio e usura. A finire agli arresti esponenti di spicco di clan della criminalità organizzata con l’accusa di estorsione, rapina, spaccio di stupefacenti ed esercizio abusivo del credito. Le indagini dei carabinieri sono iniziate nel 2018 grazie alla collaborazione di un imprenditore di Aprilia, che tentò il suicidio dopo essere finito nella morsa degli usurai per un prestito da 5 mila euro, chiesto per pagare una macchina, lievitato a 10 mila nel giro di pochi mesi e sfociato in minacce di morte a lui e alla sua famiglia. Grazie ai proventi di una fiorente piazza di spaccio a Latina che riforniva i clienti di marijuana hashish e cocaina utilizzando anche corrieri minorenni, il gruppo criminale faceva parte di una rete di finanziatori che prestava i soldi a strozzo, grazie a una rete di intermediari a caccia di imprenditori in difficoltà. In Italia le famiglie con una grande esposizione all’usura, con i conti in fallimento, sono aumentate, in dieci anni, del 53,5%, passando da 1 milione e 277 mila a quasi due milioni (1.959.433). La “riserva economica”, cioè il margine nella disponibilità della famiglia, è diminuita idel 13%. La più grave esposizione all’usura riguarda tutte le province calabresi (soprattutto Reggio e Crotone), 7 province siciliane, quelle pugliesi e Potenza per la Basilicata, secondo i dati della Consulta nazionale antiusura Giovanni Paolo II che opera in collegamento con la Cei”.

Ludopatia

“A Montesilvano, in provincia di Pescara, è stata sequestrata dalla Guarda di Finanza una sala scommesse abusiva con postazioni telematiche per scommettere su eventi sportiva. Nell’azione di contrasto alla ludopatia, la dipendenza da gioco d’azzardo, le fiamme gialle hanno svelato una rete di strutture collegate a bookmaker esteri per la raccolta illegale di scommesse. Oltre 1,3 mln italiani sono malati di ludopatia ma solo 12mila sono in cura. Nell’ultimo anno le puntate in Italia hanno raggiunto i 106,8 miliardi, in aumento di oltre il 3% rispetto ai dodici mesi precedenti. E’ come se ogni italiano scommettesse in media 1.780 euro all’anno. Giocatori occasionali e semplici appassionati, ma anche casi patologici. “Le persone affette da ludopatia stabiliscono con il gioco un rapporto esclusivo e coinvolgente- spiega lo psicologo Stefano Lagona-. Trascurano famiglia, affetti e lavoro”. Gli aspetti clinico-epidemiologici del disturbo ne fanno un’emergenza sociale, con migliaia di famiglie ridotte sul lastrico ogni anno”.

La piaga infine dell’evasione fiscale ad alto livello  è ramificata e socialmente trasversale  Il lavoro domestico, per esempio, coinvolge oltre 2 milioni di lavoratori, di cui solo 859 mila regolari, e 1,5 milioni di famiglie, che consentono allo Stato di risparmiare 10 miliardi per l’assistenza agli anziani. Ieri è stato reso noto il Rapporto annuale sul lavoro domestico. “Il settore – afferma Lorenzo Gasparrini, segretario generale di Domina, l’associazione del lavoro domestico- ha un’incidenza dell’1,2% sul Pil nazionale ed è la colonna portante dell’assistenza privata italiana con un giro d’affari di miliardi di euro”. Poiché si stima un’irregolarità del 58,3%, l’obiettivo primario è la lotta all’evasione fiscale del settore con misure di defiscalizzazione e di raccordo tra Inps e Agenzia delle Entrate per una maggiore trasparenza sulle assunzioni.

 

 

Oggi celebrazione della Giornata internazionale per la liberazione degli schiavi

Riceviamo l’email  e pubblichiamo volentieri l’ interessante articolo di Don Aldo  Buonaiuto,direttore fondatore di “In terris”

 

Negrieri

Negrieri   –Foto “Interris”

Una bugia si aggira per il pianeta ed è quella che sia stata effettivamente abolita la schiavitù. Oggi si celebra la Giornata internazionale per la liberazione delle persone assoggettate ma in realtà c’è ben poco da festeggiare. Nelle Scritture viene resa immortale l’uscita dalla cattività del popolo eletto guidato da uno stravagante condottiero che a un passo dal completamento delle sua missione passò a miglior vita senza poter mettere piede nella terra promessa. Purtroppo, senza la profetica e carismatica personalità di Mosè, l’umanità contemporanea prende atto ogni giorno del mancato raggiungimento di un fondamentale traguardo di civiltà. Certo, ufficialmente la tratta degli schiavi non esiste più dal 23 febbraio 1807, quando fu cancellata a larga maggioranza dal parlamento inglese. Da più di un secolo un po’ tutti i Paesi del mondo hanno messo al bando l’asservimento degli esseri umani. Però l’idea è più fragile della realtà. Basta raffrontare la pratica con la teoria per accorgersi che il quadro è ancora a tinte tragicamente fosche. Le vittime della prostituzione coatta, infatti, non sono altro che le moderne schiave e, finché queste fragili e indifese creature non saranno liberate, non potrà essere dichiarata la concreta ed effettiva abolizione della schiavitù. Siamo consapevoli che esistono altre odiose forme di assoggettamento che hanno sempre come bersaglio le persone più marginali e vulnerabili, ma la tratta del mercimonio coatto ha questa aberrante peculiarità: si distrugge la libertà di un individuo per farne uno strumento dei propri istinti più primordiali, eticamente riprovevoli, socialmente distruttivi. Facciamo un esempio: anche il racket dell’accattonaggio viola le più elementari norme morali, però il movente è razionalmente riconducibile ad una pur bieca logica economicistica.

Il costo personale e collettivo della tratta, invece, grava come un macigno sulla nostra civiltà cosiddetta post-moderna, ma sempre agganciata alla zavorra di condotte violentemente primitive. Alcuni sindacati sensibili alla blasfema strumentalizzazione del termine “lavoro”, , hanno dato prova di una solidarietà concreta nei confronti delle vittime della tratta, impedendo che nell’immaginario collettivo passasse la folle convinzione che vendere carne umana si configuri come un normalissimo impiego da regolamentare, da sottoporre a tassazione e da inserire tra i proventi del Pil nazionale. Diciamolo chiaro e tondo: è una vergogna invereconda far passare l’ingiustizia più antica del mondo come un ordinario e accettabile lavoro. Una ferita culturale e sociale come quella di legittimare, addirittura legalizzandola, la prostituzione, è il peggior lascito politico e antropologico che possiamo tramandare alle nuove generazioni. Non solo, è anche un trend scandalosamente antistorico: nel nord Europa la domanda di sesso a pagamento è sanzionata dallo Stato e quelle nazioni sono le più progredite in termini di parità uomo-donna e di welfare. Ecco quindi la necessità impellente di approvare a livello mondiale una moratoria immediata contro il traffico e lo sfruttamento dei “nuovi schiavi”, perché la schiavitù non è un ricordo lontano di un barbaro passato. Non basta condannare e vietare l’asservimento degli esseri umani quando il 62% dei 40,3 milioni di “non liberi” è vittima di lavori forzati e il 38% di matrimoni imposti.

Ieri come oggi, la schiavitù è una condizione che interessa soprattutto l’Africa, dove 7,6 persone su 1.000 sono costrette a lavori forzati, sono vittima di tratta o sfruttamento, sono costrette a prostituirsi o a sposarsi contro la propria volontà. Ma sappiamo bene che le moderne schiavitù riguardano tutte le aree del mondo, Italia compresa. Non è esente l’Asia, dove si concentra il maggior numero di schiavi in termini assoluti (circa 25 milioni, il 62% del totale) e nemmeno la regione formata da Europa e Asia centrale, dove l’incidenza è di 3,9 ogni 1.000 abitanti. Questi sono i dati dell’Osservatorio Diritti, peccato che fingano di ignorarli i nuovi negrieri che pretendono di far passare un crimine contro l’umanità per un “innocuo” sfogo di istinti animaleschi. Don Oreste Benzi, da arguto prete di campagna, consigliava di sbollire gli ardori incontrollabili mettendoli a mollo nella pozza d’acqua fredda del pollaio. Quando veniva pronunciata, suonava come una battuta: oggi potrebbe essere una valida indicazione per qualche amministratore pubblico.

                                                                                                               Don Aldo    Buonaiuto

#TUNONSEISOLA, EVENTO CONCLUSIVO ANALISI MULTIDISCIPLINARE SUL FENOMENO DEL FEMMINICIDIO

 

Domani, sabato 30 novembre, ore 9.30, Aula Magna Scienze Politiche (Catania)

Risultati immagini per immagini di violenza sulle donne

Domani (sabato  presso l’aula magna del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali, alla presenza del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, si svolgerà l’evento di chiusura del progetto #tunonseisola, ideato e promosso dall’assessorato della Famiglia e delle Politiche Sociali della Regione Siciliana e dall’Ufficio regionale della Consigliera di Parità. Dopo una settimana di eventi e convegni per sensibilizzare la cittadinanza sul fenomeno del femminicidio, il tema verrà affrontato con approccio multidisciplinare da docenti universitari, magistrati e imprenditori.

Dopo la proiezione del video ufficiale prodotto da Filmkam (regia Vladimir Di Prima e aiuto regia Alfio Vecchio), che ha visto numerosi artisti e giornalisti offrire il proprio contributo per lanciare un messaggio di speranza – un ringraziamento particolare a Gino Astorina, Brigitte Blanco, Giuseppe Castiglia, Gaetano Pappalardo, Costanza Spadaro, Roberta Amato, Marinella Fiume, Chiara Guglielmino, Loredana Marino, Abhilash Naidu, Salvo La Rosa, Umberto Teghini, Mario Venuti – apriranno i lavori il direttore del Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Catania Giuseppe Vecchio e l’assessore regionale Antonio Scavone.

Seguiranno i saluti istituzionali con: il sindaco di Catania Salvo Pogliese, la delegata dal Rettore alle Pari Opportunità Adriana Di Stefano, la Consigliera regionale di Parità Margherita Ferro, la presidente di Terziario Donna Confcommercio Catania Matilde Cifali, la delegata siciliana dell’Associazione nazionale Donne del Vino Roberta Urso e il responsabile Risorse Umane regionale macroarea Sicilia Fabio Calise, che nei giorni scorsi ha presentato l’annullo postale per la cartolina #tunonseisola che verrà poi distribuita su tutto il territorio regionale quale nuovo strumento di prevenzione e informazione.

Interverranno poi: il procuratore aggiunto presso il Tribunale di Palermo Annamaria Picozzi; il sostituto procuratore del Tribunale di Catania Anna Trinchillo; la prof. Giovanna Fiume (Università di Palermo); la prof. Paolina Mulè (Università di Catania); la prof. Daniela Novarese (Università di Messina); il prof. Stefano Salmeri (Università degli Studi Kore di Enna); la scrittrice Marinella Fiume; la direttrice artistica del Festival Naxoslegge Fulvia Toscano.