SUD LIBERTA’ APRE ALLE SEDUTE SPIRITICHE PER LA RICERCA E LO STUDIO, SACERDOTI-ESORCISTI -CON UNA,DUE ECCEZIONI,CONTRARI

Risultati immagini per immagini di sedute spiritiche

SACERDOTI -ESORCISTI:    “NON APRITE LE PORTE A SATANA O AI SUOI NUMEROSI DEMONI…”

di Raffaele Lanza

Seduta spiritica e Medium. Non nascondiamo la difficoltà di individuare un Medium che abbia la capacità di produrre tutti i fenomeni che abbiamo accennato nelle puntate precedenti.   Non è facile perchè un Medium si deve spostare a Catania e, quindi deve fidarsi delle persone che noi gli presenteremo. Circostanza non gradita perchè il Medium in gran parte dei casi – sappiamo- può subire un momentaneo sconvolgimento psichico nel fare da tramite alle comunicazioni dei “disincarnati”.     Quindi la presenza di un sacerdote e di un  medico si rivelano opportuni in una seduta spiritica.

Ma fare una seduta spiritica per la Chiesa, e gli esorcisti può significare accettazione del rischio non indifferente di aprire la “la porta al demonio”. E scusate se è poco.    Alcuni sacerdoti da noi interpellati non vogliono neanche sentirne parlare , altri – ci hanno respinto in maniera ferma e decisa invitandoci ad non oltrepassare la soglia voluta da Dio e consacrata nel Vangelo , altri due, tre da noi avvicinati – hanno riferito, in modo dubitativo di poter  partecipare alla seduta solo con funzione di guida dei fenomeni ed individuazione di eventuali spiriti demoniaci. Insomma una disponibilità alla Cultura dell’Ignoto e dello Spiritismo.       Ma cosa succede durante queste sedute spiritiche’?  Quali rischi corre un Medium? E i presenti? Perchè tanta paura a superare i limiti tra la Vita e la Morte ‘?      Perchè tanta certezza nel sostenere che gli “Angeli ribelli” possono dominare nel corso della seduta spiritica le nostre menti e i corpi?   Perchè Dio dice agli uomini che la “comunicazione coi morti” è assolutamente proibita?           E, se un demone dovesse davvero entrare nel corpo o nella personalità di uno dei presenti, possiamo poi , con l’aiuto dell’esorcista, liberarcene con la preghiera’?

Risultati immagini per immagini di sedute spiritiche

I Sacerdoti contrari, in gran parte, “ad aprire, riferiamo papale papale,  le porte al diavolo”

 

E, infine,  se un sacerdote-esorcista dovesse davvero darci il placet con la sua presenza,  può esso  andare incontro a scomunica del Vaticano, anche se la partecipazione è richiesta dalla direzione del  nostro Giornale a fini esclusivamente culturali , di ricerca e di conoscenza ?        L’unica eccezione a tutto questo è la chiarezza, l’onestà, la serietà, e l’impegno dei partecipanti in uno studio che potremmo definire non solo giornalistico spiritico ma una sorta di allenamento analogo a quello degli sportivi.Sotto questo profilo riteniamo di avere il disco verde per la “deroga” alla regola del Vangelo

Vediamo quel che abbiamo appreso allora, in attesa di interpellare un Medium professionista disponibile a contattarci a Catania.

Nel corso della seduta possono avvenire modificazioni di natura fisiologica: le più comuni sono, respirazione affannosa, raffreddamento degli arti, pallore del volto o suo congestionarsi, rallentamento o accelerazione del battito cardiaco e, in alcuni casi assai rari, raggiungimento di uno stato di anestesia, completo o parziale.         In alcuni soggetti – riferiscono gli esorcisti -, durante la trance, venivano annullate determinate funzioni cerebrali  Durante lo stato di trance medianica il soggetto riceve l’incorporazione di uno spirito appartenente al mondo delle entità disincarnate. Quando questi penetra nel Medium ha la possibilità, per suo tramite, di riallacciare un contatto diretto e immediato con il mondo dei viventi, di rispondere alle loro domande e di eseguire alcune azioni e alcuni fenomeni paranormali.       Sappiamo che generalmente lo spirito manifestatosi durante la seduta diventa lo spirito “guida” del Medium che si offre come tramite per il contatto. Questo diventa lo scenografo delle evocazioni: è lui ad introdurre le entità e a congedarle…. Questo spirito si sovrappone alla personalità vera del medium, quasi relegandola in un cantuccio della coscienza o dell’inconscio.

Secondo altri spiritisti il medium nella seduta spiritica può andare incontro ad uno sdoppiamento della personalità: il Medium cioè non incorpora affatto lo spirito di un defunto, bensì opera una frattura all’interno della sua consapevolezza e del suo inconscio di cui – spesso- non sa rendersi conto.     Le personalità si presentano come spiriti sopravvissuti di defunti noti o ignoti al Medium e agli sperimentatori, e danno notizia della loro passata esistenza precisando particolari a tutti sconosciuti e neppure facilmente verificabili; si comportano insomma come personalità autonome, esterne, originali.Se in certi casi – si apprende ancora – è palese che una trance possa determinare un processo di dissociazione psichica -è altrettanto vero che molto spesso questa evidenza o fenomeno non sussiste e dà credito e vigore all’alternativa di natura spiritica    

Il processo di identificazione è il fenomeno che più sorprende:- Il Medium incorpora un defunto fino ad identificarsi con la sua personalità che viene pienamente rispettata anche nel linguaggio. Non trascuriamo che spesse volte il soggetto medianico non ha mai conosciuto colui a c ui presta supporto fisico per il collegamento e il contatto.      Altra domanda: vi è un sistema per capire se il Medium è caduto nello stato alterato di coscienza della trance?    Come possiamo capire se il processo medianico si è instaurato?

Affermano i sacerdoti esperti in  materia che non possiamo renderci conto di questa alterazione medianica perchè le modalità di espressione e di manifestazione della trance variano a seconda del soggetto impegnato nella prestazione. Vi sono solo alcune costanti indicative.   E cioè: lo sguardo del Medium è assente, quasi la sua attenzione fosse catturata da qualcosa di misterioso che l’assorbe completamente.   Gli arti vengono a rilassarsi in modo assoluto o, per contrasto, a irrigidirsi rapidamente.   Si nota una perdita di coscienza accompagnata da tremori  e smarrimento dell’attenzione; sovente gli astanti sono costretti ad assistere il soggetto in trance che si abbandona con tutto il corpo e rischia di cadere a terra o ai piedi del tavolo rotondo attorno al quale si opera l’esperienza…..

(Continua)

SUD LIBERTA’: PREPARARSI AD ASSISTERE ALLA “TRANCE MEDIANICA” NELLA SEDUTA SPIRITICA

Risultati immagini per IMMAGINE DEL DIAVOLO lUCIFERO

di Raffaele Lanza

Appunti e studi sulla “trance medianica” prima di entrare in una Seduta spiritica con un Medium , un Sacerdote esorcista della Provincia etnea, e altri “credenti”

Abbiamo parlato dell’interesse culturale di partecipare con un medium ad una seduta spiritica. Il mezzo in virtù del quale il medium riesce a mettersi in comunicazione con il mondo degli spiriti è uno stato alterato della sua coscienza che viene chiamato trance medianica.  Significa passaggio tra due o più diverse condizioni psicologiche.   E’ una circostanza di mutamento psicologico, quindi di estasi se essa risulterà positiva perchè il medium predisporrà la sua mente e condizionerà il suo corpo fisico a recepire le sollecitazioni degli spiriti.

 

Immagine correlata

 

Secondo gli spiritisti ed alcuni esperti sacerdoti la trance è la condizione indispensabile per consentire all’energia che viene identificata come spirito o entità disincarnata, di entrare in rapporto diretto con il mondo dei defunti. Apprendiamo che anche senza l’intervento in trance di un sensitivo è possibile comunicare con l’altro mondo..   Il medium dà alla circostanza solo un significato più plausibile vista l’esperienza professionale e motivi ulteriori di indagini e riflessione.

Abbiamo anche detto che stiamo selezionando un medium professionista o capace che garantisce l’ingresso in seduta- assieme ad un sacerdote almeno- lo stato di trance.  Cioè: il medium si lamenta, compie movimenti a scatti e inconsulti, emette gemiti, rantoli e borbottii; palesa una condizione di disagio e persino di sofferenza.    In alcuni casi lo stato di trance si impossessa del medium con forme e modalità del tutto inevidenti.  Gli studiosi sostengono che lo stato di trance abbia molti aspetti in comune con il sonno sunnambolico e , in particolare con quello ipnotico. 

A dispetto però di tali affinità, i due stati alterati di coscienza mostrano discrepanze e diversità che nettamente li differenziano fra di loro. Secondo lo studio che abbiamo condotto finora con l’aiuto di diversi sacerdoti possiamo affermare che mentre il sonno ipnotico per lo più viene indotto da un ipnotizzatore o, talora è autoindotto con un processo abbastanza lungo che raramente conduce a uno stato di completa incoscienza, la trance è sempre autoindotta e può raggiungere l’incoscienza totale.     A differenza dell’ipnosi sembra che la trance attraversi quaisi sempre uno stadio apparentemente doloroso, in particolare la trance profonda durante la quale il soggetto geme e si agita con movimenti convulsi. 

E’ noto pure che la trance conduce spesso ad un mutamento più o meno completo della personalità del soggetto,che senza alcuna suggestione si comporta come se attraverso dei lui si manifestassero altre personalità, talora dotate di facoltà di chiaroveggenza, retrocognizione e precognizione.

Risultati immagini per IMMAGINE DEL DIAVOLO lUCIFERO

l’Angelo caduto

Fondamentalmente possiamo dunque identificare due gradi. Trance leggera.  Il medium entra in uno stato alterato di coscienza che si potrebbe definire superficiale e riesce a mantenere la sensazione della propria personalità e del proprio stato.  Trance profonda.   Il medium va incontro ad alterazioni e modificazioni molto consistenti e palesi che lo portano quasi a subire una metamorfosi psicologica e caratteriale.

                                                                                                                                                                                                                   (Continua)

SUD LIBERTA’ : APPARIZIONI DI DEFUNTI E “POSSESSIONI” NELLA SEDUTA SPIRITICA “SERIA”

 di  R.Lanza

SEDUTA SPIRITICA SERIA:  PARLIAMO CON I MORTI E CHIEDIAMO DI MANIFESTARSI

Immagine correlata

Nessuno dei partecipanti alla Seduta deve essere scettico o non credente

Abbiamo detto che esiste un altro mondo che compenetra quello materico e che costituito da spiriti ancora dotati di corpo eterico è in grado di entrare in contatto con l’uomo vivente. E’ un punto comune con le conoscenze dei sacerdoti specializzati in esorcismo.  Le influenze che tali presenze nascoste e invisibili esercitano sui viventi sono logicamente svariate e diverse.

Immagine correlata

Affermiamo generalmente che sono positive se provengono da spiriti buoni, che spingono verso la luce e l’evoluzione; nefande se invece giungono da spiriti cattivi o burloni che cercano spinti soprattutto da un sentimento che potremmo definire – secondo gli studiosi – di invidia, di distogliere la persona dalla via del progresso spirituale e spingendolo nella rincorsa di chimere puramente materiali ed inutili.    Abbiamo anche affermato che le comunicazioni spiritiche più palesi ed inconfutabili sono quelle ottenute tramite dei sensitivi autentici, i medium che rendono possibile il contatto fra realtà spiritica e materica.    Cosa dicono i medium prima di fare una seduta spiritica seria .    Ricordarsi anzitutto che la morale degli spiriti superiori si compendia nella massima evangelica: Fare agli altri, quello che, ragionevolmente, vorremmo che fosse fatto a noi. Come dire fare sempre il bene e mai il male.   L’uomo trova in questo principio la regola universale a norma di ogni suo atto.

Se l’amore è dunque la molla principale che regola e spinge il mondo degli spiriti, diventa logico che molti di essi, quelli evoluti, cerchino di intervenire al richiamo dei viventi in modo positivo, per aiutarli e sorreggerli lungo le peripezie della vita. La tradizione spiritica si sofferma sui cosiddetti “spiriti guida” il cui compito sta – secondo gli spiritisti- nel guidare la persona verso l’evoluzione che lo attende.I loro poteri son sarebbero infiniti bensì limitati. Non hanno la facoltà di correggere o di mutare il destino di un loro protetto, possono solo sorreggerlo e confortarlo nei momenti più difficili quando le sole forze dell’animo umano non sono forse sufficienti.        Questi sono alcuni pilastri in linea di principio su cui si basa lo spiritismo       L’atteggiamento sperimentale è quello più seguito perchè si limita semplicemente a invocare gli spiriti del mondo invisibile tramite i canali tradizionali del contatto   

 Risultati immagini per immagini di sedute spiritiche

Apparizione fotografica di vero “fantasma”(defunto)

Vediamo oggi cosa significa la possessione quando un medium  cade in trance. Se desideriamo invocare un defunto il medium perde la propria personalità – e qui vi sono rischi di salute – per assumerne un’altra, quella del defunto desiderato ad interloquire con voce ignota.      La Chiesa conferma che il medium, tramite un fenomeno detto di “trasfigurazione” possa assumere le fattezze dell’entità incorporata.  Le possessioni sono già note attraverso gli episodi del Vangelo e vi sono tanti casi di cronaca pure ai nostri giorni.   Tali fenomeni che i sacerdoti sconsigliano nelle sedute sono in realtà tra i più comuni.Si permettono cioè ad uno spirito di comunicare ai partecipanti la seduta come punto di partenza nella realizzazione di altre manifestazioni spettacolari medianiche.

L’ipotesi della sopravvivenza post- mortem , cioè l’apparizione del defunto, è la testimonianza che lo spirito evocato sia indipendente dalle leggi fisiche e in casi eccezionali- anche misteriosi- può diventare visibile.  Fin qui lo spiritismo è provato e documentato   Come è ben documentata la manifestazione – suggestiva- (ed anche impressionante) delle impronte che il defunto invocato lascia a testimonianza della sua sopravvivenza, prova consistente a beneficio della dottrina spiritista.

La casistica delle cronache ci induce ad intuire che sono fondamentalmente due i tipi di medium:  ad effetti fisici e ad effetti psichici o parapsichiciI primi sono propensi a produrre fenomeni paranormali del tipo movimenti di oggetti,smaterializzazioni telescrittura, rumori, luci……………..

I Secondi sono popensi a manifestare fenomenologie tipo telepatie, chiarovegenza, possessione, precognizione…Il mezzo o lo status in virtù del quale il medium riesce a mettersi in comunicazione con il mondo degli spiriti è uno stato alterato della sua coscienza che viene chiamato trance medianica    Come il medium predispone la sua mente e condiziona il suo corpo lo vedremo la prossima volta

SUD LIBERTA’ :INDAGINE OLTRE L’IGNOTO -NELLA SEDUTA SPIRITICA,IMMAGINI DEI DEMONI ED ENTITA’ LUMINESCENTI

Immagine correlata

di   Raffaele Lanza

Abbiamo detto delle sedute spiritiche con un medium. SUD LIBERTA’ è alla ricerca di un medium in grado di creare davvero manifestazioni medianiche .. Spesso è lo stesso medium a sollevarsi da terra. Il fenomeno è conosciuto dagli appassionati ed è provato da impressionanti fotografie ottenute con l’al di là. Con le ombre. Vediamo prima di entrare in una seduta, di capire quali fenomeni paranormali possono verificarsi  nel corso della seduta.

La levitazione ad es. “Talvolta nelle sedute medianiche- affermano cultori della materia– uno dei presenti viene levitato con la sedia su cui siede e si può fotografare a  raggi infrarossi.  Inoltre durante gli esperimenti spiritici si nota spesso un abbassamento della temperatura ambientale, provocato da un vento gelido subentrante a ondate

Immagine correlata

 

 

VIDEO  -PREPARAZIONE DI FATTURE E LEGAMENTI  SOLO PER CHI HA CONCENTRAZIONE MENTALE

Il fenomeno luminoso, spesso accertato durante le sedute medianiche, si presenta sotto diverse forme: la più frequente è quella globulare. Si possono osservare – spiegano gli esperti- bagliori, strisce, o fiammelle fisse che a volte si avvicinano ai presenti con intenzionalità palese.    Oggigiorno sono stati visualizzati e fotografati fenomeni luminosi assai interessanti – forse di plasma biologico – e ciò conferma l’assunto degli spiritisti che sostengono la realtà oggettiva di questa luminescenza che avvolge il nostro corpo umano.

           –L’IMPRESSIONANTE MONDO DEL DIAVOLO ESISTE, COSI’ LA GERARCHIA DEI “RIBELLI”

   FOTO-IMMAGINI DI DEMONI   (VISIBILE SOLO AD ADULTI)

Anche una sostanza amorfa, detta ectoplasma, può essere emessa dal medium con la forma di membra o di corpi umani. Sembra che lo spirito evocato nella seduta spiritica tenti di visualizzarsi nella materia fluidica. Altre volte l’ectoplasma si materializza in abiti od oggetti metallici. Tale sostanza assume spesso la forma di fantasmi evocati dal medium, conformandosi in un organismo completo e non più soltanto in membra limitate a parti del corpo umano.    In tal caso il fenomeno         prende il nome di materializzazione.     Si tratterebbe cioè di apparizioni provocate da entità defunte.      Le entità si mostrano reali, parlano ed agiscono come una persona umana.    Anche lo “stimmatismo”. tipico quello di Padre Pio, rintracciabile in persone mistiche, raffigura le piaghe di Gesù. In tali casi il sangue fluisce anche contro le leggi gravità rivolgendosi all’insù. Mentre su medium le stimmate riscontrate riproducono eritemi, lesioni o escrescenze carnose. Sarebbe il caso  del fenomeno detto “ideoplastia”, una teoria secondo la quale il pensiero del soggetto sia dominato e dotato di forza plasticizzante.      

Vi sono anche casi in cui il collegamento o lo sforzo mentale su una cosa possa avvenire fra la psiche di un vivente e quella di un’entità disincarnata.E’ questo il punto di maggior interesse per il nostro Giornale perchè ciò si verifica di norma nelle sedute medianiche in cui il medium riceve dall’agente o spirito comunicante notizie ignote a tutti i presenti al tavolo, notizie che si rivelano esatte.

Altri appunti da conoscere prima di entrare in una seduta spiritica.   Il fenomeno cioè della precognizione, della percezione nel tempo, e precisamente nel futuro.  Un potere che consente la conoscenza dell’avvenire conseguita attraverso vie che non sono quelle sensoriali ordinarie o attraverso intuizioni che non dipendono dal ragionamento o dalla logica     Gli   studiosi spiritisti sostengono che i fatti futuri sono unicamente accessibili a entità spirituali  elevate, cui a volte sarebbe concesso di riferirli al presente.  Il fenomeno della possessione e della apparizione dei defunti. Ma di questo- fra gli argomenti più interessanti oltre che impressionanti – ne parleremo-niente minori fra i lettori, mi raccomando -la prossima volta       

                                                                                                                                                                                      ( Continua )         

SCOPRIAMO CON LA SEDUTA SPIRITICA LE FATTURE E I MALEFICI DEL DIAVOLO

Immagine correlata

di Raffaele Lanza

Oggi parliamo di nuove tecnologie per entrare in contatto con i morti. E sono diverse. Scegliamo quelle più collaudate in attesa di scegliere un Medium con il quale realizzare un video autentico di evocazione defunti. Il sacerdote l’abbiamo già individuato. Ed è un veterano esorcista autorizzato dalla Chiesa.    Vedremo cosa succederà    Intanto passiamo alla formazione dei partecipanti alla seduta spiritica.  
Le tecnologie EVP e EMP consentono di entrare nel mondo dello spiritismo. Un fenomeno EVP, o metafonia, si verifica quando una voce che non è normalmente udibile viene invece tracciata in una registrazione digitale. Un fenomeno EMP, o impulsi elettromagnetici, può essere registrato soltanto utilizzando un misuratore EMP. Per tentare entrambe le opzioni, dobbiamo scegliere un luogo noto per essere ricco di energia spirituale e  iniziare a fare delle domande.

Immagine correlataAvvalendoci della tecnologia EVP secondo gli esperti possiamo chiedere qualunque cosa; questa è la pratica più diffusa quando si cerca di scoprire il nome di uno spirito o altri dettagli sconosciuti. Le domande saranno poste tra  una lunga pausa tra ogni quesito, in modo che gli spiriti abbiano il tempo di rispondere. Si riproduce la registrazione e ascoltare attentamente per cercare di scoprire eventuali mormorii o rumori insoliti che potrebbero essere tradotti in risposte.

Tramite la tecnologia EMP, invece, solitamente si possono fare domande semplici che comportano le sole riposte “sì” o “no”. Il misuratore EMP più utilizzato è un dispositivo che si attiva quando aumentano i livelli di energia elettromagnetica. Si porranno le  domande e si comunica con  agli eventuali spiriti presenti che se il contatore si illumina una volta ciò equivale a un sì, se si illumina due volte ciò equivale a un no.
     

Abbiamo detto che SUD LIBERTA’ è alla ricerca di un Medium capace di comunicare     con  una seduta spiritica con l’Al di Là.. In questo caso, un gruppo di persone si raduna e usa l’energia collettiva per comunicare con l’aldilà. Per farne una, c’è bisogno di almeno 3 persone che siano ben disposte verso questo tipo di esperienza. Questa pratica può essere utilizzata per mettersi in contatto con i propri cari defunti o con spiriti erranti. Come detto già altre volte bisogna tuttavia fare molta attenzione, perché si rischia di contattare anche degli spiriti maligni.

  • Creare l’atmosfera giusta spegnendo le luci e utilizzando soltanto le candele come fonte di illuminazione. Le candele devono essere 3 o un numero divisibile per 3. Si può anche utilizzare l’incenso.Servirà acqua benedetta da Chiesa.
  • Siediamo  con gli altri partecipanti attorno a un tavolo per formare un cerchio e stringete le candele tra le mani. Recitate una preghiera affinché gli spiriti si manifestino.

    In alternativa, puoi tentare di chiamare gli spiriti attraverso una tavola  Qujia

    Immagine titolata Talk to the Dead Step 6Bullet3

    Attendiamo  per una risposta, ripetendo eventualmente la preghiera se necessario.

    Una volta stabilita la connessione con lo spirito del defunto, poniamo con calma le  domande.

    La seduta spiritica termina interrompendo il cerchio umano e spegnendo le candele.

Usare la Preghiera e altri Metodi

         VIDEO   –   RISERVATO AD UN PUBBLICO MATURO

 Non tutte le fedi prevedono pratiche specifiche o preghiere da utilizzare per rivolgersi ai defunti, ma alcune sì. Queste preghiere sono spesso sotto forma di intercessione e vanno recitate in due maniere.

  • Nel primo caso si può pregare affinché i cari defunti riposino in pace dopo la morte, piuttosto che rivolgersi a loro direttamente, con la consapevolezza che comunque stiano ascoltando le tue preghiere o ne siano coscienti.
  • Nel secondo caso si può pregare direttamente per un caro defunto. Non si chiede specificatamente la salvezza della sua anima, ma possiamo chiedere al defunto di intercedere o pregare per te dall’aldilà. Alcuni credono che, del regno spirituale, l’anima di chi possiede una forte fede nella vita terrena sarà più propensa a mettersi in contatto e a far accogliere le proprie preghiere da una divinità dell’aldilà.

 

Comunicare  con il defunto attraverso i suoi oggetti. Alcuni hanno scoperto che gli oggetti posseduti da una persona defunta sono ancora connessi al suo spirito. Questo legame può darti il potere di evocarlo e rendere possibile la comunicazione. Se desideriamo  metterci in contatto con una persona cara che non c’è più, troviamo un suo indumento, un libro, o altri oggetti personali che questa persona usava. Portalo nel posto in cui viveva. Tieniamo  l’oggetto e cominciamo  a “conversare” con il  caro estinto defunto.
 . Per chi crede nell’esistenza degli spiriti, è comune pensare che questi veglino sui propri cari ancora in vita. Possiamo  parlare a un caro defunto ovunque ci troviamo, oppure possiamo  scegliere un luogo che abbia un significato speciale, come la sua tomba o un posto in cui si è  condiviso un’esperienza memorabile. è possibile porre delle domande, ma se non stiamo  cercando delle risposte, il  discorso non deve necessariamente essere limitato a dei quesiti.

                       ESISTE LA “BIBBIA DEL  DIAVOLO”

Risultati immagini per IMMAGINE DEL DIAVOLO lUCIFERO

  • È necessaria molta cautela  quando si cerca di contattare i morti     Esistono infatti spiriti buoni e spiriti cattivi .Gli spiriti possono in qualche modo impossessarsi di noi , a mio avviso anche per un periodo di tempo così breve da non accorgercene nemmeno. 
  • Bilancia scetticismo e apertura mentale. Al fine di far funzionare queste pratiche c’è bisogno di essere mentalmente aperti e preparati a questo tipo di esperienze. Al tempo stesso, però, è molto facile farsi prendere la mano e immaginarsi delle risposte che in realtà non provengono realmente dagli spiriti dei defunti.
  • Riflettiamo  riguardo la validità e l’accuratezza del metodo scelto per comunicare con i morti. 
                                                                                                                                                                                                                    (Continua)