PIANA (ANCE): « AIUTIAMO LE IMPRESE A SUPERARE LE DIFFICOLTÀ SENZA AFFOSSARLE»

 

Edilizia e trasporti, lavori fermi nella rotatoria lungo la Tangenziale di Catania

Il presidente dei Costruttori etnei interviene dopo le dure parole dell’assessore regionale alle Infrastrutture,Falcone che ha chiesto ad Anas di rescindere il contratto in corso

 

CATANIA –

«La Sicilia ha bisogno di infrastrutture e ha imprese capaci di realizzarle anche in momenti difficili come quello in cui ci troviamo. Può sembrare un’affermazione scontata – ha dichiarato Giuseppe Piana, presidente Ance Catania – ma le notizie apparse in merito all’avanzamento dei lavori del cantiere Tangenziale Ovest-Asse dei servizi, riaccendono polemiche, mettendo in discussione le capacità delle nostre imprese, senza guardare alle cause dei ritardi e alle possibili soluzioni da mettere in campo».

Edilizia: quando scatterà il semaforo verde, solo un grande piano di  investimenti pubblici potrà salvare la filiera» - La Sicilia

Ing. Giuseppe Piana Presidente Ance di Catania .”   Si mettono in discussione le capacità delle nostre imèprese”

 Il presidente dei costruttori etnei fa riferimento alle dichiarazioni rilasciate in questi giorni dall’assessore alle Infrastrutture della Regione Siciliana Marco Falcone, relativamente ai lavori Anas che interessano la nuova rotatoria per il miglioramento della connessione viaria, in cui si parla di “rescissione del contratto e riaffidamento dell’opera” per i ritardi riscontrati.

«Ci stupisce la reazione dell’assessore Falcone, che sappiamo invece essere sempre attento e animato da spirito volto alla soluzione dei problemi, e non alla loro esasperazione – continua Piana – al fianco delle imprese, sempre pronto a cercare risposte a sostegno dell’economia siciliana, l’assessore ha anche accolto tempestivamente l’appello da noi lanciato a causa delle restrizioni imposte per contenere l’epidemia Covid-19, disponendo lo sblocco anticipato degli stati di avanzamento dei lavori in deroga ai capitolati d’appalto regionali. Soprattutto adesso, guardiamo ai problemi per trovare le soluzioni: dobbiamo essere orgogliosi delle nostre imprese e delle loro maestranze. Alimentiamo un clima di fiducia, che aiuti a superare le difficoltà e collaboriamo in modo da abbattere le lentezze amministrative e burocratiche. Guardare all’obiettivo – conclude Piana – e, come abbiamo sempre fatto, lavorare per i risultati è l’unico traguardo comune a cui tutti dobbiamo tendere: istituzioni e imprese. Questo è il mio appello all’Assessore Falcone e ad Anas, affinché non passi il messaggio che le imprese edili siciliane siano incapaci e arroccate su posizioni tali da ostacolare la realizzazione delle opere, nonché le uniche a cui imputare le cause dei disagi riscontrati dalla collettività»

#BLOCCADEGRADO: CATANIA ADERISCE AI NASTRI GIALLI

 

Incontro fra Ance e Assessorato comunale Lavori Pubblici su possibili collaborazioni

CONTRO L’INCURIA DI OPERE PUBBLICHE E LA BUROCRAZIA ASFISSIANTE

Risultati immagini per immagine lavori pubblici

Tra i temi trattati: Patto per Catania e finanziamento tirocini presso l’Ufficio LLPP

CATANIA –

«Come collaborare per superare le difficoltà legate alla progettualità delle opere pubbliche, in particolare quelle inserite nel “Patto per Catania”? L’Ance etnea è disponibile a fare la propria parte affinché l’Amministrazione comunale possa avviare nei termini i previsti i cantieri e non rischiare la perdita dei relativi finanziamenti». Questa la motivazione del presidente Giuseppe Piana che ha spinto l’Associazione territoriale dei Costruttori a incontrare l’assessore ai Lavori Pubblici Giuseppe Arcidiacono, e il direttore ad interim dell’Ufficio Biagio Bisignani.

«L’impegno del Comune sul Patto per Catania è concreto, fermo restando che non c’è alcun rischio di perdere i finanziamenti» ha sottolineato l’assessore Arcidiacono ricordando alcuni tra gli interventi già affidati, quali le opere di urbanizzazione nel quartiere Moncada-Spina Verde, la pista ciclabile per Librino, e quelli legati alla mitigazione del rischio idrogeologico.

Il direttore Bisignani ha invece riproposto – previa verifica di fattibilità – la possibilità di «avviare, con il contributo economico di Ance Catania, nuovi tirocini a supporto dell’Ufficio Lavori Pubblici, come già avvenuto per quello di Urbanistica che ha consentito il rilascio di 12.600 titoli abilitativi».

Nell’occasione il presidente Piana ha presentato la campagna nazionale promossa dall’Ance dal titolo “#BloccaDegrado”. «Si tratta – ha detto – di uno strumento per reagire a una burocrazia asfissiante che blocca tutto e peggiora le condizioni di vita di ognuno di noi. Vogliamo dire basta all’incuria e all’abbandono di infrastrutture ed edifici nelle città e nei territori,segnalando con appositi nastri gialli le situazioni di degrado che ne derivano. Non è quindi soltanto una semplice campagna di denuncia, ma una vera grande mobilitazione civile da condividere facilmente. Avvieremo una serie di iniziative dedicate – ha concluso Piana – sfruttandole anche come mezzo per aprire un’interlocuzione con i diversi enti istituzionali coinvolti».