PREMIER CONTE: SVENTOLA IN ALTO LA BANDIERA ITALIANA, FUORI I “CACCIA”F-35 A LIBERARE IN LIBIA I PESCATORI RAPITI

 

Cosa sono i caccia F-35: quanto costano e in cosa consiste il contratto firmato dall'Italia - Open

Drammatico appello al governo italiano di Mazara del Vallo, per intervenire e riportare a casa i 18 pescatori rapiti da oltre un mese in Libia  Non è possibile che tante famiglie vivano in apprensione e nella disperazione per una impunita condotta dei militari libici violenti ed identici ai veri terroristi  partoriti dalle dittature infernali .. 

 

F-35, la scheda tecnica: quanto costano, cosa fanno, a cosa servono – Libero Quotidiano

Premier Conte, i poteri li hai: insieme al ministro della difesa e ad Alfonzo Bonafede ,fai gli onori alla Bandiera italiana inviando gli aerei Caccia F-35 in Libia. Comunica tale azione al Presidente Mattarella e al Parlamento e disponi in fretta..   Non è possibile ancora  lasciare impunita   tale azione vergognosa di questo Paese disgraziato.   La diplomazia politica con i dittatori è difficile, se non impossibile, attuarla. Haftar ha una doppia personalità :  certamente non è persona perbene ed affidabile .Addirittura siamo arrivati alla proposta di uno scambio con “gli scafisti”.      Che aspetta Conte?  Non puoi dialogare con i demoni.   Fuori questi aerei, fuori il personale specializzato antiterrorismo e porti in salvo i pescatori      L’Italia libera lo chiede vibratamente e ad alta voce.        Dimostri l’Italia qui di essere un grande Paese, svincolato da Bruxelles indifferente all’evento del rapimento.

Striscioni affissi dappertutto a Mazara del Vallo sostenuta da alcuni da alcuni consiglieri comunali e regionali..

La marina militare del generale Haftar ormai più di un mese fa, ha sequestrato e trasferito a Bengasi due pescherecci di Mazara del Vallo, con 16 pescatori a bordo, mentre altre due imbarcazioni sono riuscite a fuggire, senza riuscire ad evitare però il sequestro del primo ufficiale e del comandante.

 

ADDESTRAMENTO CONGIUNTO PER GLI F-35 USA, UK E ITALIANI » Spazio-News Magazine

 

 

Nella disperazione Mazara del Vallo
Dal 1 settembre scorso – – 18 pescatori italiani sono stati sequestrati da dei predoni libici mentre pescavano in acque internazionali. In un incredibile silenzio mediatico ed istituzionale, sono tenuti prigionieri non si sa dove, dalla fazione libica del generale Haftar, il pretendente governatore non riconosciuto dalla comunità internazionale, che in cambio dei nostri pescatori chiede la liberazione di quattro scafisti libici accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e di omicidio plurimo per la morte di una cinquantina di immigrati lasciati soffocare nella stiva della barca che stavano conducendo presso le nostre coste”.

Salvatore Quinci

Il primo cittadino, Salvatore Quinci, di Mazara del Vallo- solidale con le famiglie dei pescatori

Le famiglie e in tanti richiedono un intervento militare in Libia ritenendo che la diplomazia politica e delle ambasciate difficilmente potrà convincere il generale Haftar al rilascio degli italiani   La situazione è delicatissima anche perchè il premier italiano Conte e la sua compagine governativa cercano di ricucire alla meglio i rapporti con il generale Haftar, personalità dispotica e di difficile comprensione.  Ma il sopruso libico non può passare inosservato . I servizi segreti italiani hanno il dovere di segnalare alla Ministero della Difesa e all’Arma Aeronautica il luogo dove sono tenuti prigionieri i  pescatori italiani ed inviare gli aerei Caccia con squadre di specialisti        La bandiera italiana deve sventolare in alto, e non può-non deve in alcun modo- essere calpestata dalla prepotenza e violenza del Paese libico che non piace a nessuno.

Raid aereo dell’India in Pakistan: abbattuti due caccia, sale la tensione tra i due Paesi

Immagine di copertina
Due caccia indiani che erano entrati nel  spazio aereo del Pakistan  nel Kashmir, regione a maggioranza musulmana,  sono stati abbattuti , un pilota che si era paracadutato a terra è stato subito arrestato.  L’incursione aerea -secondo alcuni osservatori- è avvenuta nella zona di Balakot, nella provincia di Khyber Pakhtunkhwa in Pakistan.

Attualmente la regione è controllata per due terzi dall’India, in piccola parte dalla Cina, mentre il restante territorio è sotto il controllo del Pakistan.

Islamabad vorrebbe riprendere il controllo di tutto il Kashmir sia per motivi religiosi sia per usufruire delle sue riserve idriche.

Vi è molta tensione tra i due paesi, già tesi dopo l’attacco suicida avvenuto nella regione a maggioranza musulmana del Kashmir, nel nord dell’India, in cui sono rimasti uccisi 42 agenti indiani

È la prima volta dal 1971, anno dell’indipendenza del Pakistan, che l’India viola lo spazio aereo dello Stato vicino per compiere un attacco aereo sul suo territorio.

Secondo un comunicato  delle forze armate pakistane, il generale Asif Ghafoor ha riferito che  aerei da guerra indiani avevano oltrepassato la Linea di controllo (LoC) che divide il Kashmir sotto l’amministrazione indiana da quello controllato da Islamabad. Ghafoor ha pure affermato che uno dei caccia abbattuti è precipitato nella zona pakistana, mentre l’altro in quella indiana. Un pilota indiano è stato arrestato dai militari pakistani, mentre altri due si trovano ancora nell’area.

Un altro  comunicato del ministero degli Esteri pakistano parla invece di intenzioni pacifiche e di raid preventivo : “l’unico scopo dell’azione militare era dimostrare il nostro diritto, la nostra volontà e capacità di auto difesa“.   Il  Pakistan “non intende” arrivare ad un escalation della situazione, ma è “pienamente preparato, se costretto”.    Preoccupata la popolazione che segue con attenzione questi eventi.

Disco rosso del governo al programma di acquisto degli F35-Il Ministro Trenta: “i lotti di acquisto sono stati impegnati dal Pd”

Immagine correlata

Il problema dei caccia F35 pone oggi diversi interrogativi : dobbiamo proseguire nel programma di acquisto        degli aerei da combattimento e metterci in linea con Paesi che apprezzano le operazioni militari moderne ,che già hanno aderito al programma o lasciamo perdere visti i costi stellari di questi  armamenti capaci di operare persino da piste deteriorate’?

Il programma “F-35 Lightning II-JSF” (Joint Strike Fighter) -ricorderemo ai lettori -nasce nel 2001 e l’anno successivo viene siglato un accordo di cooperazione fra Stati UnitiRegno UnitoItaliaOlandaTurchiaCanadaAustraliaDanimarca e Norvegia che fa diventare il Jsf il più grande programma aeronautico internazionale. L’esigenza primaria italiana è quella di sostituire con gli F35 gli AV-8B Harrier della Marina e gli AMX e i Tornado dell’Aeronautica che dal 1991 hanno operato in tutte le missioni internazionali

Il caccia  è prodotto in tre versioni: F-35A, a decollo e atterraggio convenzionale; F-35B, a decollo corto ed atterraggio verticale; F-35C, versione per portaerei convenzionali.

Secondo i militari, l’F35 è un ottimo investimento. Si tratta di un aereo,  “con uno spiccato orientamento per l’attacco aria-suolo, stealth, cioè a bassa osservabilità radar e quindi ad elevata sopravvivenza, in grado di utilizzare un’ampia gamma di armamento e capace di operare da piste semi-preparate o deteriorate, pensato e progettato per quei contesti operativi che caratterizzano le moderne operazioni militari di quest’era successiva alla guerra fredda”.

Risultati immagini per immagine del ministro trenta elisabetta

Secondo il Ministro Elisabetta Trenta(nella foto), esperta in sicurezza,  non c’è in atto alcuna intenzione di acquistare armamenti del genere. Anzi informa così: Apprendo che  ci accusano di aver proceduto all’acquisto di nuovi F35. Sono falsità! E queste falsità c’è chi le dispensa per propria ignoranza (non li biasimo dopo tutto, non è una colpa, ma li invito a leggere e a studiare i documenti) o per manifesta malafede.

Soffermiamoci però sulla malafede, che è più grave: è sorprendente -afferma ancora il Ministro alla Difesa Elisabetta Trenta  che esponenti del Partito Democratico sventolino in giro e sul web dichiarazioni in cui affermano che il M5S sta comprando nuovi cacciabombardieri. Sapete perché? Perché i lotti 13 e 14 sono stati impegnati proprio dal Partito Democratico! E sapete quando lo hanno fatto? A tre mesi dalle elezioni, pur sapendo che non le avrebbero mai vinte.

Questa è la verità, parlano le carte . Ora, io sto lavorando – con grande senso di responsabilità anche verso l’indotto occupazionale e il comparto delle imprese italiane coinvolte nel progetto – per cercare di mettere ordine nel caos che ci hanno lasciato.

Ma è questo il punto: io lavoro, loro vaneggiano. Passiamo la mano e andiamo avanti.
Presto vi dirò la soluzione che abbiamo individuato e lo farò nel modo più trasparente possibile. Anche perché, sia molto chiaro, io non ho nulla da nascondere   Questi i documenti contratti inviati dal ministro che riportano la data del 25 Aprile 2018.

Kim fa i test nucleari, gli Usa simulano con i caccia bombardamento della Corea

Risultati immagini per foto aerei caccia americani

 

Adesso si passa alla dimostrazione di forza dell’Alleanza e degli Usa. Caccia americani e sudcoreani hanno partecipato oggi ad una serie di esercitazioni aeree durante quali è stato simulato un bombardamento sulla penisola coreana, a ridosso del 38° Parallelo. Lo ha riferito l’agenzia di stampa Yonhap, secondo cui nelle manovre sono state coinvolti quattro caccia F-35B e due bombardieri B-1B americani e quattro caccia sudcoreani F-15k, che hanno sganciato bombe inerti (senza carica esplosiva). Si è trattato, secondo l’Aeronautica sudcoreana citata da Yonhap, di una dimostrazione della forza deterrente dell’alleanza. Quelli di oggi sono stati i primi voli americani dal test nucleare condotto dalla Corea del Nord il 3 settembre scorso.

(Agenzia)

Translate »