Palermo, nel burrone il corpo della fidanzata, parzialmente bruciata. Sotto interrogatorio il giovane criminale autore dell’atroce delitto

I Carabinieri scelgono un'immagine di Terracina per augurare una buona  giornata sui loro social

Archivi- Sud Libertà

PALERMO

Fidanzato uccide la propria ragazza per motivi ancora da accertare. Un ragazzo di 19 anni si è presentato   questa mattina dai carabinieri per confessare di avere ucciso la propria fidanzata di 17 anni e di averne nascosto il corpo. Con le indicazioni del fidanzato i militari hanno rintracciato il luogo del delitto, un burrone nella zona di Monte San Calogero a Caccamo, in provincia di Palermo,dove è stato gettato il corpo della ragazza. . Sono intervenuti anche i vigili del fuoco per il recupero del cadavere. Procedere successivamente all’identificazione fisica della donna. 

In atto le indagini sull’atroce delitto sono condotte dai Carabinieri e coordinate dalla Procura di Termini Imerese. Si vuole ricostruire        il grave reato di omicidio per conoscere le motivazioni che hanno spinto il giovane a compiere l’efferato atto criminale.  Si apprende finora che,secondo i primi accertamenti, il cadavere sarebbe stato parzialmente bruciato. Il giovane, P.M., di 19 anni  è sotto interrogatorio e successivamente tradotto in carcere a disposizione dell’Autorità giudiziaria. Una vita rovinata anche la sua adesso dietro le sbarre di un carcere.

La tragedia di S.Maria La Scala: ritrovato da due sub il corpo di Enrico,recuperato dai vigili del fuoco e identificato dai genitori straziati

Risultati immagini per foto tragedia ritrovamento corpo enrico travolto dall'acqua

 

 

Il destino e l’amarezza della vita che porta via tre giovani vite .Una imprudenza dei ragazzi?  Chi può dirlo?  Il destino non da risposte ,nel caso solo la fede in Dio può dare la forza di far rivivere in Cielo le tre giovani anime. Due sommozzatori hanno ritrovato  nella tarda serata di ieri  il corpo senza vita di Enrico Cordella, il ragazzo di 22 anni, travolto dall’onda anomala insieme con la fidanzata e un amico   (vedi foto sotto).. I genitori sono stati sempre sul molo in attesa che il mare restituisse il corpo. Uno strazio.  Una tragedia che ha colpito tutti.
Il cadavere era a due metri di profondità a Santa Maria La Scala. L’identificazione è stata fatta dai genitori e il fratello.
Il corpo è stato recuperato dai vigili del fuoco, allertati da due sub volontari che si erano immersi per cercare il corpo. Nei giorni scorsi erano stati ritrovati i corpi di Margherita Quattrocchi, 21 anni, la fidanzata di Enrico, e dell’amico Lorenzo D’Agata, 27 anni. Ricorderemo che la tragedia si è consumata allorchè i tre giovani occupanti l’automobile sul molo di Santa Maria La Scala per osservare il mare in tempesta,  sono stati travolti da un’onda anomala che ha inghiottito l’auto con i giovani.

Risultati immagini per foto tragedia ritrovamento corpo enrico travolto dall'acqua

Risultati immagini per foto tragedia ritrovamento corpo enrico travolto dall'acqua

Irriconoscibile un cadavere ritrovato nel mare di Timpazzi (Messina)

Risultati immagini per immagine di carabinieri cheritrovano cadavere

MESSINA – Il cadavere di una donna è stato trovato nel tratto di mare di contrada Timpazzi, vicino Tono, sul litorale tirrenico del Comune di Messina.       I carabinieri non hanno potuto identificare la persona perchè i tratti umani erano irriconoscibili.

Le indagini lasciano trasparire tuttavia che possa trattarsi di una persona ricercata e scomparsa da tre giorni cioè Lella Grespan, la 72enne di Rodì Milici che- si apprende- si era allontanata per fare un bagno a Tonnarella.

I Caranbinieri informano che sarà disposta dal Tribunale l’autopsia ed eseguiti tutti gli accertamenti per una identifica certa del cadavere.

SUD LIBERTA’ – A CALTAGIRONE TROVATO UN CORPO DECAPITATO

Risultati immagini per foto carabinieri

Un cadavere orrendamente mutilato è stato trovato ieri in provincia di Catania sul fondo di una piccola scarpata, accanto una strada sterrata a Caltagirone, in contrada Semini La sua morte, secondo quanto si apprende dalla valutazione medico-legale, risale alla notte tra giovedì e venerdì. L’uomo sarebbe stato abbandonato lì già cadavere.

Il corpo è stato trovato decapitato e senza testa. Potrebbe essere stato mutilato con un’accetta o un machete. I rilievi dei Carabinieri sono proseguiti per tutto il giorno. E’ stato interpellato  il medico legale Maria Francesca Berlich. La Procura di Caltagirone ha aperto un’inchiesta coordinata dal Procuratore Giuseppe Verzera. Gli inquirenti stanno cercando anzitutto di identificare il corpo dell’uomo