I PARLAMENTARI DEL M5S ACCUSANO L’ASSESSORE SAMONA’ DI OPERARE “UN ATTENTATO AI BENI CULTURALI..”

Il giornalista Samonà nuovo assessore alla cultura in Sicilia

Nella foto l’assessore regionale Alberto Samonà

LA  SOPRINTENDENTE DI CATANIA, ROSALBA PANVINI, DOVREBBE INVECE FAR LAVORARE APPIENO I CATALOGATORI..”

 

Un decreto dell’assessore regionale ai beni culturali Alberto Samonà sotto i riflettori del Movimento 5 S che ne richiede il ritiro immediato. Esso viene definito “un attentato ai beni culturali appartenenti alla Regione Siciliana”.

Il decreto  ribattezzato “Carta di Catania”, autorizza Soprintendenze, Parchi archeologici, Musei, Gallerie e Biblioteche, a concedere in uso per la valorizzazione e la pubblica fruizione il cospicuo patrimonio in giacenza nei depositi.

I beni a cui si fa riferimento nella “Carta di Catania” sono quelli acquisiti per confisca, quelli donati o consegnati spontaneamente, quelli di più vecchia acquisizione per i quali sia stata smarrita la documentazione e, in generale, quelli deprivati di ogni riferimento al loro contesto di appartenenza.

Gli Istituti periferici della Regione dovranno ora provvedere alla formazione degli elenchi di beni, suddivisi per lotti omogenei in relazione alle caratteristiche storico-culturali o tipologiche. Per tale attività -riferisce il decreto di Alberto Samonà-si potrà anche fare ricorso a studenti universitari in discipline connesse alla conservazione dei beni culturali che opereranno in regime di tirocinio formativo.

Pensare – informano  i parlamentari 5 stelle – che la valorizzazione dei Beni culturali custoditi nei depositi  possa avvenire attraverso l’esposizione in luoghi pubblici o privati aperti al pubblico, previo il pagamento di un corrispettivo, è pura follia.  Chi ne curerà, ci chiediamo,  e con quali competenze, lo stato di conservazione e tutela?”.

Non solo   – continuano i deputati M5S – l’elenco delle opere da dare in concessione dovrebbe essere affidato, come sembra, alle mani e agli occhi, non certo esperti, di studenti universitari. Tutto ciò è assurdo.  La concessione in uso e il prestito sono già disciplinati dal codice Urbani, Samonà non deve farle altro che applicarlo e muoversi entro quel range. Punto”.

“Nessuno – concludono i deputati – è contrario alla valorizzazione dei depositi, che possono e devono essere valorizzati senza fare uscire le opere,  incentivando il loro ruolo di attrattore culturale per studiosi della cultura e dell’arte. Sarebbe utile far sì che venga finalmente catalogato tutto  ( e questo è compito dei Soprintendenti,in primis di quella etnea R.Panvini che, invece dovrebbe far lavorare appieno la fascia dei Catalogatori in servizio negli uffici di Catania e provincia   n.d.r.) e che le opere culturali vengano valorizzate non dandole in affitto a terzi ma rimpolpando le mostre e gli spazi espositivi esistenti ed, eventualmente, investendo nella realizzazione e nel recupero di nuovi spazi”.

 

Translate »