Monitoraggio del territorio: Carabinieri di Aci Sant’Antonio in prima linea

Associazione Nazionale Carabinieri: nuova vettura per la comunità e rinnovo della convenzione per l’ambiente. Caruso: “Sinergia importante”

È stata l’occasione per mostrare la nuova vettura di servizio, una Fiat
Punto, messa a disposizione della comunità della Città del Carretto
Siciliano: questo il motivo dell’incontro in piazza Maggiore di ieri,
venerdì 9 aprile, fra i membri dell’Associazione Nazionale Carabinieri
santantonese, la Giunta Comunale rappresentata dal Sindaco, Santo
Caruso, e dagli Assessori Antonio Scuderi e Quintino Rocca, il
Maresciallo Sara Scirocco della locale Stazione dei Carabinieri e il
Comandante Fabrizio Lo Verde del Corpo dei Vigili Urbani.
Con l’ANC, inoltre, attraverso la Delibera di Giunta n. 31/2021 è stata
rinnovata la collaborazione per il Servizio di Sorveglianza Ambientale,
un servizio di monitoraggio legato alla raccolta differenziata:
monitoraggio sulle microdiscariche, sulle modalità di conferimento e
sugli orari di conferimento, oltre che servizio di sensibilizzazione dei
cittadini per rendere ancora più efficiente la raccolta differenziata.
Quella con l’associazionismo del territorio è una collaborazione
costante e continua – ha dichiarato il primo cittadino – grazie alla
quale riusciamo a garantire una serie di importanti servizi e a dare
risposte mirate. Con l’Associazione Nazionale Carabinieri, nello
specifico, ormai da tempo riusciamo a lavorare con particolare sinergia,
e sono particolarmente felice di questi nuovi tasselli che si aggiungono
a quelli che hanno già contribuito a dare man forte alla comunità. Per
questo ringrazio vivamente tutti i suoi componenti”.

Napoli, Comune in aiuto delle persone senza dimora

Comune di Napoli, la scalata dell'assessore Pagano dalle barricate anti-De  Luca al palazzo - Il Mattino.it

Assessore Pagano: “C’è anche  la Stazione Metro Vanvitelli nel Piano antifreddo”

Visto l’aggravarsi delle condizioni meteo e il forte abbassamento delle temperature previsto nelle prossime ore, l’assessore alle Politiche per il Lavoro con delega al Contrasto alle povertà, l’assessore comunale di Napoli, Giovanni Pagano, trentaseienne, ex Lsu, informa che oltre alle stazioni di metro di Museo, Piazza Municipio, le strutture “La Palma” e “La Tenda”, già previste nel Piano Antifreddo partito lo scorso 29 dicembre, da questa notte resterà aperta anche la stazione metro di Piazza Vanvitelli dalle 23:00 alle 5:00 con i relativi servizi igienici.

“Devo ringraziare l’Assessore Gaudini e il dott. Fabio Pascapè, dirigente del Servizio Politiche di Integrazione e Nuove Cittadinanze che ieri, con il supporto di ANM, hanno lavorato fino a tarda sera per garantire l’apertura in tempi rapidi anche della Stazione di Vanvitelli, oltre quelle già operanti” – dichiara l’Assessore Pagano – “Siamo consapevoli della parzialità delle misure messe in atto rispetto al tema dei senza fissa dimora, che resta una delle questioni più complesse e delicate di questa città, proprio per questo lunedì abbiamo convocato un tavolo tra Assessori competenti e dirigenti per fare il punto della situazione.” “Nelle scorse settimane solo a Roma sono morte per il freddo 9 persone, parliamo di una questione che va ben oltre i confini cittadini” – continua l’Assessore – “c’è bisogno di una maggiore collaborazione istituzionale sul tema, da lunedì ci attiveremo in questa direzione“.

Ricordiamo- comunica l’assessore Pagano infine –  che è sempre possibile contattare la Centrale Operativa Sociale al numero 0815627027, col servizio attivo dalle 16.00 alle 8.00, oppure inviare una e-mail all’indirizzo sos.senzadimora@comune.napoli.it per segnalare la presenza di persone senza dimora nelle strade cittadine ed attivare un immediato aiuto da parte delle Unità Mobili di Strada.

 

Intesa Croce Rossa e Comune Aci Sant’Antonio: nasce il “Taxi sociale”, un servizio importante per la comunità,in particolare quella anziana

 

Foto Ambra

Caruso: “Con i volontari c’è sinergia continua, doveroso contribuire”

Una interessante iniziativa del Comune di Aci Sant’Antonio – che pubblichiamo volentieri -dovrebbe essere presa ad esempio dalle Giunte comunali dell’hinterland etneo e siciliane.  E’ infatti sempre più  fruttuosa  la collaborazione fra il Comune di Aci Sant’Antonio e la Croce Rossa italiana: tra le collaborazioni portate avanti nel tempo spicca quella coltivata da diversi anni, cioè quella legata al cosiddetto ‘Taxi Sociale’, collaborazione attiva anche nel 2020 (con un servizio offerto dal lunedì al sabato, dalle 08:00 alle 20:00) e su base della quale la Giunta Caruso ha deliberato un contributo economico che ammonta a cinquemila euro.
Il servizio in oggetto è pensato in favore delle fasce più deboli della popolazione, particolarmente utile per le persone anziane e disabili con supporto familiare assente o carente, come risposta alle esigenze di mobilità (e non è legato a esigenze di natura prettamente sanitaria): sono numerose le richieste che giungono ai Servizi Sociali (nell’Ufficio dei quali vanno fatte pervenire le richieste), e a queste i volontari locali del Comitato di Acireale fanno fronte con mezzi propri, avviando viaggi individuali o collettivi e accompagnando i richiedenti nel disbrigo di svariate esigenze quotidiane, quali visite ambulatoriali o
semplici commissioni giornaliere.
Da un’analisi del servizio svolto nel corso del 2019 è emerso che statisticamente si percorrono circa millesettecento chilometri annui, con un costo totale per unità chilometrica stimato in 3,00 euro tenendo in considerazione le spese proporzionali legate all’utilizzo del mezzo (costo del carburante, di manutenzione e riparazione, costo degli pneumatici ecc), le spese non proporzionali (assicurazione, bollo auto) e le spese logistiche e amministrative (autoparco, segreteria e centrale
operativa, sistemi informatici e telefonici).
L’assessore ai Servizi Sociali, Antonio Scuderi, sottolinea l’importanza della collaborazione: “Grazie alla Croce Rossa da tempo possiamo garantire un servizio molto importante alla comunità, considerando le numerose richieste che ogni anno arrivano presso gli uffici dei Servizi Sociali da parte dell’utenza interessata, cioè anziani e disabili, che necessitano di spostarsi per visite ambulatoriali, per sbrigare pratiche o per semplici commissioni. Poter contare sulla collaborazione dei volontari è un valore aggiunto”.
Quello del ‘Taxi Sociale’ è solo uno dei servizi che i volontari offrono al territorio: dare loro un contributo è doveroso – ha
dichiarato il Sindaco, Santo Caruso – Con la Croce Rossa c’è sinergia continua: ad ogni emergenza, come quella che tuttora stiamo vivendo,sono stati sempre presenti. Loro, come anche i volontari appartenenti ad altre associazioni. Il nostro Comune negli ultimi anni ha rafforzato le collaborazioni fianco a fianco di chi si offre per gli altri senza chiedere nulla in cambio, e per questo quando possibile si cerca di dare concretezza alla gratitudine”.

Conte in Parlamento, “filosofo”,cita Platone: “Il governo si muove su basi scientifiche non di opinione”

 

Roma

Conte si presenta in Parlamento e, forse è l’unico-(obietterà un parlamentare) privo di mascherina. Riesce a respingere ogni accusa,ogni contestazione.Con eleganza e determinazione. Alla fine giudicherà il dibattito “vivace”…. Esordio: “Il governo ha sempre compreso la gravità del momento” e per questo “non ha mai inteso procedere per via estemporanea, improvvisata”.

“Lo stato della conoscenza scientifica su questo virus era ed è lacunoso, ma una cosa è assumere a riferimento delle proprie decisioni delle opinioni, altra cosa è far riferimento a ricerche e studi approfonditi e quindi un principio di conoscenza scientifica – ha spiegato Conte -. La filosofia antica da Platone ad Aristotele distingueva la doxa – la credenza, l’opinione -, dall’episteme, che è la conoscenza che ha salde basi scientifiche”.

Direi che l’imperativo categorico per un governo chiamato ad affrontare una sfida così complessa, come proteggere la vita dei cittadini di fronte a una minaccia cosi concreta e letale, è quello di porre a fondamento della proprie decisioni non le opinioni, ma le raccomandazioni – frutto di meditate ricerche e riflessioni – di qualificati esponenti del mondo scientifico”, ha sottolineato il Premier aggiungendo che il ritorno al lavoro determina ulteriori possibilità di contagi. E, citando il rapporto del Comitato tecnico scientifico circolato negli ultimi giorni, fa notare come “viene stimato che la riapertura simultanea dal 4 maggio di tutte le attività porterebbe a un aumento esponenziale e incontrollato del contagio”.

Insomma, “anche a costo di apparire impopolare, “il governo non può assicurare il ritorno immediato alla normalità della vita precedente. Ci piacerebbe ma dobbiamo avere la consapevolezza che il virus sta continuando a circolare: abbiamo 105mila casi accertati senza contare casi asintomatici non accertati”. L’indice R con 0 “ad oggi è tra lo 0,5 e lo 0,7. Se questo tasso tornasse ad alzarsi anche di poco si saturerebbero le terapie intensive entro fine dell’anno”, sottolinea.

Alle luce della raccomandazioni del Comitato tecnico scientifico il 4 maggio segna l’inizio della fase 2, è un primo passo fondamentale affinché tutto il Paese possa incamminarsi verso la riconquista della normalità ma nella consapevolezza che sarà una fase di convivenza con il virus”, afferma ancora Conte sottolineando che quanto deciso dal governo “non è un programma elettorale finalizzato a raccogliere consenso“. “Dal primo giorno abbiamo avuto ben chiaro” quella che sarebbe stata la stella polare delle scelte compiute: “La difesa della salute dei cittadini”, d’altronde, rimarca il presidente del Consiglio, “nessuno tra i paesi maggiormente colpiti ha introdotto un’apertura simultanea delle attività economiche e dei rapporti sociali”.

“Sono quattro i principali fattori di crescita contagio: famiglia, scuola, lavoro, comunità. I contatti familiari sono quelli di maggior difficoltà nel controllo e da lì viene un quarti dei contagi”, ha detto ancora Conte ricordando che “il contenimento cauto del contagio è una misura necessaria, l’unica strada e principale strumento per ripartire al meglio senza dolorose e forse anche irrimediabili battute di arresto in futuro. La precauzione deve guidarci in questa fase. Un approccio incauto porterebbe a una recrudescenza del contagio“.

In base a dei criteri scientifici, che il ministero della Salute emanerà nelle prossime ore, si potrà anche attuare “un differenziamento geografico” nell’allentamento delle misure anti-Covid, “ma guidato da precisi presupposti scientifici e non rimesso a improvvide iniziative di singoli enti locali. Voglio ricordare, nello spirito di collaborazione” che il governo ha avuto “con gli enti locali che iniziative che comportino un’allentamento delle misure restrittive” vigenti “non sono possibili, perché in contrasto” con le norme varate “quindi sono da considerarsi a tutti gli effetti illegittime”. (riferimento alla decisione della Calabria di riaprire bar e ristoranti….”n.d.r.)

Drammatica condizione della viabilità provinciale in Sicilia: vibrata polemica Toninelli e Musumeci

Risultati immagini per immagine di strade siciliane divelte

Strade come colabrodi in Sicilia

Giuseppe Conte  arriva in Sicilia per riapertura dei cantieri del raddoppio della Ss 640 – lo comunica il suo ufficio stampa -e chiede ai deputati cinquestelle che lo abbracciano: «Ma della Regione non c’è nessuno?». Conte è persona gentile e raffinata, comprende subito che l’assenza del Musumeci o di altro componente delle istituzioni regionali, suona come indifferenza politica….. Danilo Toninelli che ripete in pubblico, durante il discorso nella galleria, il quesito del suo presidente. Parlando della Caltanissetta-Agrigento dice: «Oggi non ho visto la Regione». Sembra che le parti si siano invertite perchè contemporaneamente  l’assessore regionale Marco Falcone si trova a Roma per alcuni incontri su strade e ferrovie. Poi, con i giornalisti, il ministro delle Infrastrutture è ancora più diretto e provocatorio. Dopo aver annunciato che «la prossima settimana vareremo lo “sblocca cantieri”, con la nomina del commissario per la viabilità delle strade locali in Sicilia e questo ci permetterà di sbloccare centinaia di cantieri nell’Isola»  viene fuori la polemica: «Musumeci ci deve dare una mano, non si deve mettere di traverso e sono convinto che ce la darà. Nell’istruttoria che stiamo portando avanti ci servono alcuni dati e solo lui ce li può dare».

Il Presidente Musumeci replica. “Da  quasi quattro mesi attendiamo di sapere cosa il ministro per le Infrastrutture vuole fare per affrontare la drammatica condizione della viabilità provinciale in Sicilia: ci vuol dire il ministro che cosa pensa di fare per affiancare la Regione in questa vasta operazione di riqualificazione delle strade provinciali? Quali poteri, quali risorse e quali tempi?».

La controreplica non si fa attendere, sembra di seguire un dibattito televisivo e la nota reca la firma del  Ministero dei Trasporti. «Al governatore Musumeci, che chiede al ministro Toninelli cosa voglia fare sul punto, si ricorda che questo dicastero è in attesa da parte della Regione Siciliana dei dati necessari alla definizione della norma e alla nomina del commissario stesso, a partire dall’elenco delle strade interessate. Si rammenta in tal senso – conclude – l’urgenza della trasmissione di tali informazioni allo scopo di poter inserire la misura nel decreto di prossima approvazione».

E’ chiaro a questo punto che le parti si siano arenate nell’intesa di raggiungere obiettivi collettivi al fine che una delle due se ne assuma la paternità.

Nebbia quindi all’orizzonte ….Si apprende infine che «Il ministro Toninelli sta valutando una terna di tecnici, tutti siciliani, dalla quale scegliere», è l’unica ammissione di Giancarlo Cancelleri nel backstage del cantiere della Statale 640. Nessun altro indizio, da parte del leader siciliano del M5S, che invece significa in un video personale intitolata la polemica tra Musumeci e Toninelli  come «la comunità nissena e siciliana non sono seconde a nessuno e sono una priorità di questo governo». Così come lo sono «le infrastrutture che, non solo devono essere completate, ma devono diventare elemento qualificante di una Sicilia che rinasce».

 

Difesa dei risparmi e degli interessi degli Italiani -Così Mattarella liquida il “Governo del cambiamento”

E ORA?     Il  Presidente incaricherà un tecnico? Oppure elezioni bis?

Sergio Mattarella prende la parola per spiegare la sua decisione di opporsi al nominativo indicato dai due partiti della maggioranza Movimento 5 stelle e Lega che pure  “hanno raggiunto un’intesa dopo un ampio lavoro programmatico. “Ne ho agevolato, in ogni modo,sottolinea il Presidente della Repubblica,il tentativo di dar vita ad un governo“. Ma non potevo mandare in campo un sostenitore di una linea che avrebbe probabilmente causato la fuoriuscita dell’Italia dall’Europa “Ho tutelato i risparmi degli italiani” ha detto il capo dello Stato nel rispetto della Costituzione. “Ho atteso i tempi da loro richiesti per giungere a un accordo di programma e per farlo approvare dalle rispettive basi di militanti -ha proseguito il Capo dello Stato- pur consapevole che questo mi avrebbe attirato osservazioni critiche”.

DA PARTE MIA MASSIMA COLLABORAZIONE – “Nessuno può sostenere che abbia ostacolato la formazione del governo che viene definito del cambiamento – dice Mattarella -. Al contrario, ho accompagnato con grande collaborazione questo tentativo, com’è del resto mio dovere, in presenza di una maggioranza parlamentare, nel rispetto delle regole della Costituzione”.  Ringrazio – ed apprezzo il prof. Giuseppe Conte per il massimo impegno profuso nell’adempimento del mandato conferitogli”..

Il Presidente dice no alle imposizioni “Avevo fatto presente sia ai rappresentanti dei due partiti, sia al presidente incaricato – ricorda Mattarella -, senza ricevere obiezioni, che per alcuni ministeri avrei esercitato un’attenzione particolarmente alta sulle scelte da compiere”. Il capo dello Stato ha quindi puntualizzato che “deve firmare” i decreti di nomina dei ministri, “come dispone la Costituzione, assumendomene la responsabilità istituzionale”, svolgendo “un ruolo di garanzia che non ha mai subito, né può subire imposizioni”.    L’Italia ha concluso il Presidente è un Paese fondatore dell’Europa e non si poteva restare indifferenti alla posizione delineata dei due partiti. Adesso la parola tocca al Parlmento….. Io nelle prossime ore assumerò una iniziativa…