Covid: altri 425 decessi in Italia,35 in Sicilia – Problema terapie intensive

Sanità, conti in ordine in Emilia-Romagna: tutti in pareggio i bilanci di  Ausl e Aziende ospedaliere - piacenzasera.it

Sono 39.811 i nuovi casi di coronavirus n Italia secondo il bollettino di oggi. Da ieri sono stati registrati altri 425 morti, che portano il totale a 41.063 dall’inizio dell’emergenza legata all’epidemia. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 231.673 tamponi. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 2.634, con un incremento di 119 unità.

In Sicilia oggi sono 169 e in totale le persone ricoverate in ospedale sono 1330 (+14). In isolamento domiciliare quasi ventimila siciliani (19407) e al momento i positivi in Sicilia sono 20737. I guariti nelle ultime 24 ore sono stati 44. Il totale complessivo delle vittime, con gli ultimi 35 morti, sale a quota 663. Il numero di tamponi processati è stato di 8431 e la percentuale di positivi su test è del 16,2 per cento.Nelle province siciliane la situazione vede 459 nuovi casi a Palermo, 406 a Catania, 73 a Ragusa, 73 a Messina, 103 a Trapani, 116 a Siracusa, 15 a Agrigento, 53 a Caltanissetta e 1 a Enna.

Il Covid dilaga e le persone sperano nell’arrivo del Vaccino

 

Ospedale Garibaldi, medici e infermieri realizzano reparto di terapia  intensiva [FOTO] – LiveUnict

 

Altri 221 decessi. Mentre sono 21.994 i nuovi contagi di coronavirus oggi in Italia. Il totale dei deceduti arriva a 37.700 dall’inizio dell’emergenza. Sono stati eseguiti oltre 174mila tamponi. “La Lombardia ha oltre 5mila casi, è una regione con oltre 11 milioni di abitanti. Molto alta è la Campania con 2761 nuovi casi riportati e il Piemonte con oltre 2400.

Si registra  un lieve incremento nel Lazio e nella Toscana”,secondo la Sezione  Prevenzione del Ministero della Salute. “Abbiamo un trend dell’epidemia in aumento, che è stato più marcato nelle ultime 2-3 settimane. Abbiamo un numero di decessi- comunica la direzione ministeriale -ancora relativamente limitato e l’occupazione delle terapie intensive è al di sotto al livello di guardia. 

In Sicilia si sono registrati, nelle ultime 24 ore, 860 nuovi casi di coronavirus e dieci decessi

Sale (+50) il numero delle persone ricoverate sia nei reparti Covid (oggi sono 727 e ieri erano 677) e soprattutto il numero dei pazienti in terapia intensiva (oggi sono 103 e ieri erano 98).
in isolamento domiciliare sono 10904 con 61 persone dichiarate guarite.     Il totale delle vittime in Sicilia dall’inizio della pandemia è di 449 (su 18235 casi totali). Gli 860 nuovi positivi sono arrivati processando 7324 tamponi. Significa che la percentuale di positivi su tamponi processati è dell’11,7 per cento.

Nelle province la situazione  è questa: Palermo 345 nuovi casi, a Catania 197, a Messina 52, a Trapani 138, a Ragusa 35, a Siracusa 30, a Caltanissetta 45, ad Agrigento 3 e a Enna 15.

Coronavirus, balzo dei decessi 127 nella Penisola, 11 in Sicilia

 

Ospedale Garibaldi, medici e infermieri realizzano reparto di terapia  intensiva [FOTO] – LiveUnict

Diventa critica anche in Sicilia la situazione generale della pandemia.Sono 562 i casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, con undici morti (389 in totale dall’inizio dell’epidemia), uno dei dati più alti di sempre. Effettuati 7412 tamponi. I ricoverati sono 565 in regime ordinario (+23 da ieri) e 83 in terapia intensiva (+6), 7202 in isolamento domiciliare. Ben 198 i guariti, anche questo dato molto significativo (5551 in tutti), e 7850 casi attualmente positivi e 13790 quelli dall’inizio della pandemia.

Sul fronte della distribuzione territoriale sono 192 i nuovi casi a Palermo; 170 a Catania; 66 a Trapani; 53 a Messina; 34 a Ragusa; 20 a Siracusa; 19 a Caltanissetta; 5 a Enna e 3 a Agrigento. Sette le vittime a Palermo, due a Catania, una a Messina e una a Marsala.

Nel resto del Paese  sono stati 15.199 casi oggi (ieri 10.874), con il record di tamponi (177.848, 33mila più di ieri, con una incidenza rispetto ai nuovi casi pari all’8,5%). Balzo anche dei decessi, 127 oggi contro gli 89 di ieri, per un totale che sale a 36.832.

Crescita leggermente meno ripida invece per le terapie intensive, +56 oggi contro il +73 di ieri, 926 in tutto, e per i ricoveri ordinari, +603 (ieri +778), per un totale di 9.057.

 

LA REGIONE DICHIARA ZONA ROSSA ANCHE RANDAZZO

 

Randazzo - Cittadina sui fianchi settentrionali del vulcano Etna

Randazzo, la cittadina ai fianchi dell’Etna, da stamane è zona rossa.

Da stamane Randazzo è considerata zona rossa.  Novantasette casi positivi al Covid accertati attraverso il tampone molecolare e altri sessanta con quello rapido: un vero cluster territorializzato è stato individuato a Randazzo, in provincia di Catania. .     Randazzo diventa la quarta zona rossa nell’isola.

Con apposita ordinanza il  presidente della Regione Nello Musumeci, d’intesa con l’assessore alla Salute Ruggero Razza, per contrastare la diffusione del coronavirus, ha disposto restrizioni fino alle 24 del 26 Ottobre.Salvo poi ad attenzionare i nuovi dati sulla cittadina randazzese.

. Si aggiunge a Sambuca di Sicilia (fino al 7 novembre), a Mezzojuso (24 ottobre) e a Galati Mamertino (24 ottobre).

Ai posti di blocco gli automobilisti dovranno informare i militari sui motivi dell’ingresso od uscita dal paese. Sono, comunque, consentiti l’asporto e la vendita al domicilio, sempre all’interno del territorio comunale. Sarà possibile transitare per l’ingresso e l’uscita di prodotti alimentari, sanitari e di beni o servizi essenziali. Inoltre, è consentita la circolazione dei residenti o domiciliati (anche di fatto) nel Comune esclusivamente per garantire le attività necessarie per la cura e l’allevamento degli animali, nonchè per le attività imprenditoriali non differibili in quanto connesse al ciclo biologico di piante, purchè condotti a titolo individuale.

La Sicilia la settimana scorsa  ha fatto registrare il più alto numero di nuovi positivi mai registrato (2.998) e un tasso di positività (i positivi in rapporto ai tamponi) quasi doppio rispetto alla settimana scorsa (6,44% contro il 3,77%). La percentuale dei positivi rispetto ai tamponi nell’ultima settimana è di circa tre volte superiore alla media l’aumento di oltre un terzo in una sola settimana del totale dei positivi (da 4401 a 6790).