Max blitz antimafia a Palermo, 46 persone fermate, arrestato il superboss Settimo Mineo

Risultati immagini per immagine volanti carabinieri

 

46 persone sono state arrestate stamattina dai Carabinieri del Comando provinciale di Palermo nel corso di un maxblitz antimafia coordinato dalla Direzione distrettuale di Palermo..    I reati contestati vanno dall’associazione  per delinquere di tipo mafioso, estorsioni consumate e tentate, con l’aggravante di avere favorito l’associazione mafiosa, fittizia intestazione di beni aggravata, porto abusivo di armi comuni da sparo, danneggiamento a mezzo incendio, concorso esterno in associazione mafiosa.

Altra novità: arrestato il “nuovo  capo della Commissione provinciale, Settimo Mineo, capo del mandamento di Pagliarelli”.     Altri sviluppi successivamente nel corso della giornata o domani.

NAPOLI EST: LA POLIZIA SMANTELLA IL CLAN MINICHINI AUTORE DI REATI CON METODO MAFIOSO

Risultati immagini per foto di piazza municipio napoli

Da stamani la Polizia di Stato sta eseguendo,nel quartiere Ponticelli, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia.  Il blitz mira a smantellare un  agguerrito e pericoloso sodalizio criminale riconducibile al gruppo Minichini, ritenuto responsabile di attività criminali legate a rapine ed estorsioni, aggravate dal metodo camorristico/mafioso.


Blitz Antimafia a Roma, Cosenza, Reggio Calabria: 37 misure cautelari ai componenti il Clan Casamonica

 

Risultati immagini per immagini tribunale di roma

Il Comando Provinciale Carabinieri di Roma, con l’ausilio di unità cinofile, un elicottero dell’Arma e del personale dell’8 Reggimento Lazio, stamani  fra Roma e le provincie di Reggio Calabria e Cosenza ha eseguito provvedimenti giudiziari, esattamente 37 misure cautelari in carcere, emesse dal gip del Tribunale di Roma. Le indagini – si apprende – sono state coordinate con la Direzione Distrettuale Antimafia,che ha investigato pure su persone alle quali è stato  contestato anche l’art. 416 bis, per il reato di associazione mafiosa al ‘clan Casamonica. Il boss, capo dell’intero Clan è Giuseppe Casamonica , recentemente uscito dal carcere dopo averne trascorso dieci…

Risultati immagini per immagine del boss giuseppe casamonica

Il “Padrino” come viene chiamato G.Casamonica

L’accusa li ritiene anche colpevoli , in concorso fra loro e con ruoli diversi, di aver costituito un’organizzazione dedita al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione, usura, concessione illecita di finanziamenti ed altro, tutti commessi con l’aggravante del metodo mafioso.     Alcuni soggetti, sei, sono ricercati dai Carabinieri

 

MAFIA: RESTANO IN CARCERE GLI IMPRENDITORI ACCUSATI DI GESTIONE MAFIOSA

Risultati immagini per foto di carabinieri in divisa

Benedetto Bacchi e Antonio Lo Baido, i due principali indagati di “Game Over”, restano in carcere- E’ questa la decisione della Corte di Cassazione che ha respinto l’istanza di scarcerazione dei due soggetti .  Sono detenuti a Udine e a Palermo.  Ricorderemo che la Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo diede l’ordine di effettuare un blitz che condusse al fermo di 31 persone tra cui Bacchi e Lo Baido.  La mafia  garantiva il il monopolio nel settore, e il controllo assoluto della  gestione di 700 agenzie in tutta Italia – agenzie abusive – e a un giro d’affari di un milione di euro al mese.

Le somme di denaro venivano trasferite a  a Malta  per poi arricchire  le società, la Fenix, di Bacchi. Nel sistema  un’ingente di quantità di denaro da investire affluiva pure -si apprende – in  alcune testate giornalistiche come il Giornale di Sicilia e Live Sicilia, poi non andate in porto e nel settore immobiliare. Salta all’attenzione un ’investimento di denaro in  un palazzo di via Del Bersagliere a Palermo, mediante una società creata ad hoc chiamata Delta, intestata alla moglie del Bacchi per eludere ogni controllo

Le accuse mosse dalla Procura, vanno dal concorso esterno in associazione mafiosa al riciclaggio, dalla concorrenza sleale alla truffa allo Stato. L’avvocato Antonio Ingroia,  rappresenta i due imprenditori ma non ciè pervenuta la sua dichiarazione a riguardo a difesa dei suoi assistiti

La Direzione Antimafia arresta altri 17 uomini del Capo dei capi Matteo Messina Denaro

Risultati immagini per foto di matteo messina denaro

Più vicino il momento della cattura di Matteo Messina Denaro, Capo di Cosa Nostra?

Diciasette fermi nei confronti dei  fiancheggiatori del Capo dei capi  latitante Matteo Messina Denaro. .Le indagini di polizia e le  perquisizioni sono avvenute  a Castelvetrano, Mazara del Vallo, Partanna, Santa Ninfa, Salaparuta e Campobello di Mazara   Sempre più vicino il momento della cattura al superboss.

Ricorderemo che nel mese di  aprile scorso erano state arrestate altre 21 persone su ordine della Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, nel corso dell’operazione “Anno Zero” contro i clan malavitosi di Castelvetrano, Partanna e Mazara del Vallo. A dicembre erano stati invece trenta gli indagati dalla DDA di Palermo quali fiancheggiatori della latitanza del boss Messina Denaro.

L’operazione antimafia ha utilizzato oltre 150 uomini del Servizio centrale operativo (Sco), delle squadre mobili di Trapani e Palermo e del Reparto prevenzione crimine ..L’obiettivo è di colpire il territorio siciliano in questa porzione perchè secondo la Direzione Antimafia potrebbe essere qui nascosto Matteo Messina Denaro che dà ordini ai suoi uomini.     Una certezza: il superboss avverte già da tempo il fiato delle forze dell’ordine che stanno indagando a largo raggio su ogni possibile covo del boss.