TERMOVALORIZZATORI, POSSIBILE SOLUZIONE PER UNA SVOLTA GREEN»

CATANIA, EMERGENZA RIFIUTI: INTERVIENE “AMICI DELLA TERRA”
«
Appello del rappresentante regionale Ettore Barbagallo al presidente della Regione Siciliana e al sindaco del capoluogo etneo: «Servono impianti di ultima generazione a impatto ridotto»

«Sul tema dei rifiuti in Sicilia purtroppo non c’è più tempo da perdere: la situazione è giunta al dramma della chiusura delle discariche più importanti e del trasferimento di migliaia di tonnellate di rifiuti al Nord Italia, con spese enormi a carico dei contribuenti, ulteriore inquinamento a causa dei trasporti e una pesante ricaduta negativa sulla fiducia di migliaia di cittadini onesti, che differenziano con grande attenzione e senso civico». Queste le parole del presidente dell’associazione Amici della Terra Sicilia Ettore Barbagallo, (nella Foto Press, sopra)che questa mattina ha inviato una lettera al presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci e al sindaco di Catania Salvo Pogliese, sull’emergenza rifiuti.

«Ci preme sottolineare anche lo “schiaffo” ai tanti amministratori, sindaci e assessori in prima linea, che con fatica e orgoglio sono riusciti a ottenere risultati assolutamente insperati in una regione troppo spesso additata come incapace di gestire i servizi pubblici. Questi esempi virtuosi non meritano di essere mortificati da ostacoli che sembrano legati a pregiudizi ormai antistorici. Ci si sta rendendo conto, con colpevole ritardo, che non basta realizzare una seppur considerevole raccolta differenziata per chiudere il cerchio dei rifiuti e perseguire la cosiddetta economia circolare, ma occorre prevedere un passaggio ulteriore che, allo stato delle attuali conoscenze scientifiche e tecnologiche, deve considerare l’utilizzo di Termovalorizzatori di nuova generazione, caratterizzati da alta efficienza e impatto ambientale minimo».

Una battaglia che “Amici della Terra” conduce da tempo «e chi ci conosce – continua Barbagallo – sa che abbiamo sempre avuto un approccio concreto, scientifico e basato su dati certi, senza demagogia né preconcetti. I recenti studi scientifici dei Politecnici di Torino e Milano, nel rapporto noto come “Libro Bianco “dei rifiuti, evidenziano l’enorme differenza di impatto ambientale, sociale ed economico delle discariche rispetto ai termovalorizzatori; e la Relazione 2021 dell’Autorità Nazionale Antitrust invita a realizzare nuovi impianti di termovalorizzazione nel Centro Sud, citando come causa dei ritardi la cosiddetta “Sindrome Nimby”.

A Catania, dove l’emergenza di questi giorni è divenuta particolarmente grave, il progetto di un impianto di trattamento sembra subire ulteriori rallentamenti. Invitiamo, pertanto, tutti gli attori istituzionali a fare più in fretta possibile, ricordando che i termovalorizzatori devono rispettare limiti normativi molto stringenti rispetto alle emissioni, che non hanno eguali nel panorama delle installazioni industriali. I pregiudizi o gli approcci ideologici devono lasciare spazio alle soluzioni più utili e meno impattanti. Ci piace ricordare – conclude il rappresentante dell’associazione ambientalista – che oltre agli evidenti vantaggi economici, ambientali e sociali, le recenti tecnologie di termovalorizzazione consentono la produzione di idrogeno utile anche per la mobilità sostenibile».

 

Il CATANESE ETTORE BARBAGALLO NELLA GIUNTA NAZIONALE DELL’ASI SPORTIVA

Foto Press

Rinnovati i vertici ASI (Associazioni Sportive e Sociali Italiane)

Il prof. Ettore Barbagallo eletto durante la decima Assemblea allo Stadio Olimpico

CATANIA

C’è anche un catanese nella giunta nazionale ASI, uno dei più importanti enti di Promozione Sportiva – riconosciuto dal Coni – con oltre un milione di tesserati, 130 sedi territoriali, 80 Settori tecnici-sportivi e più di 20mila tecnici presenti su tutto il territorio nazionale. Il prof. Ettore Barbagallo è stato eletto in occasione della decima assemblea nazionale, che ha visto la conferma del presidente uscente Claudio Barbaro.

Con oltre cento discipline praticate sotto la sua bandiera, l’ASI riunisce le associazioni sportive dilettantistiche, le società sportive e molteplici circoli culturali. Barbagallo è noto in ambito sportivo per aver coperto diversi ruoli tra cui: presidente regionale Asi, presidente nazionale della Federazione Fiwuk (Federazione Italiana Wushu-Kung Fu), membro giunta Coni di Catania e tra i pochi a vantare la Stella d’argento al merito sportivo del Coni ricevuta ai tempi del presidente Petrucci.

«In Italia abbiamo la necessità d’investire sulla prevenzione, sia per gli aspetti sanitari che per quelli sociali – ha sottolineato Barbagallo – occorre dare il giusto riconoscimento a quelle iniziative che sull’intero territorio nazionale offrono l’opportunità a giovani e meno giovani di ridurre notevolmente il rischio dell’insorgenza di numerose malattie e contestualmente limitano lo stesso impatto economico da parte del Servizio Sanitario Nazionale in fase curativa. Noi, all’interno del mondo Coni intendiamo occuparci proprio degli aspetti sociali, formativi e salutistici della pratica sportiva e ci aspettiamo che Governo e istituzioni sportive diano maggiore dignità alle tante realtà che rappresentiamo, soprattutto in un momento delicato come quello che sta attraversando il Paese».

Le galassie della fantasia: a Zafferana “Il Piccolo Principe racconta”

 

ZAFFERANA –

Non si vede bene che con il cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi”. Un messaggio universale, che ha segnato intere generazioni grazie al celebre racconto di Antoine de Saint-Exupéry. Anche il Planetario di Zafferana vuole offrire ai visitatori un viaggio tra i pianeti dell’immaginario e le galassie della fantasia con lo spettacolo “Il Piccolo Principe racconta le stelle”: un’ora tra proiezione fulldome, documentario astronomico con spiegazione live degli esperti e interpretazione guidata delle frasi celebri del personaggio più amato da grandi e bambini.

Un’esperienza immersiva che prenderà il via questa domenica (4 ottobre) alle ore 17.00 e proseguirà tutti i sabati e le domeniche di ottobre, nata dall’idea del presidente dell’associazione “Amici della Terra” Ettore Barbagallo: «Tutti i grandi sono stati bambini ma pochi se ne ricordano!” Questo è il primo insegnamento de “Il Piccolo Principe” – sottolinea Barbagallo – uno dei classici internazionali più conosciuti e tradotti di tutti i tempi, scritto nel 1943 da un pilota rimasto nel deserto del Sahara dopo un atterraggio d’emergenza, poi tornato salvo a casa, in Francia. Un’esperienza che si trasfigura in un profondo viaggio interiore, alla ricerca della radici e dei valori più profondi».

Malinconico, eclettico, fantasioso, sensibile all’arte, l’autore cominciò a scrivere il libro riempiendolo di riflessioni nate dallo scorrere vorticoso dei pensieri a centinaia di metri dal livello del suolo: «La sua opera non è dedicata solo ai bambini: è una storia semplice ma piena di messaggi morali che affrontano i temi del senso della vita e dell’amicizia. Perché in un Planetario? Perché noi abbiamo sempre parlato di pianeti, tramonti, stelle, asteroidi, costellazioni, sì con metodo scientifico-didattico ma senza mai perdere immaginazione e poesia, cioè senza dimenticare di essere stati bambini. Ecco perché abbiamo deciso di omaggiare questo personaggio all’interno della nostra volta celeste».

Il tutto, attraverso un modernissimo sistema di proiezione “fulldome”, cioè a 360°, in cui gli spettatori – comodamente seduti nelle speciali poltrone ripiegate all’indietro – vengono letteralmente avvolti da immagini affascinanti e coinvolgenti con un incredibile effetto tridimensionale: «Tramonti e albe, cielo stellato, sistema solare, stelle cadenti, movimenti, origini e rotazioni dei corpi celesti – conclude Barbagallo – scopriremo il cielo al tempo di Antoine de Saint-Exupéry, col suo sguardo e le sue parole: così come lo vedeva lui. Un ringraziamento va a Nicola Bonomo, astrofilo di Padova, per aver accettato questa sfida e aver realizzato i contributi del film: una sintesi del libro i cui temi hanno un forte slancio verso l’alto, costringendoci a guardare in direzioni diverse, lì dove la forza dei sentimenti può davvero prendere il volo».

 

«ASSAGGI DI STORIA»:  PER RISCOPRIRE LE RADICI DELLA SICILIA

 

Dal 6 al 27 a Zafferana Etnea in occasione dell’Ottobrata 2019

Anteprima immagine

Foto Press

Visite guidate e spettacolo per un viaggio nel tempo, fra mitologia, natura e identità

Si sa, con la meraviglia di prodotti che questa terra ci offre, in Sicilia il piacere del cibo è tradizione. Ma ci sono anche frutti che l’Isola ha seminato nei millenni e che oggi continuano a nutrire l’identità siciliana. Con “Assaggi di storia” in occasione dell’Ottobrata Zafferanese – dal 6 al 27 ottobre – il Teatro dei Miti propone un calendario di appuntamenti che tutte le domeniche del mese (dalle 10.00 alle 15.00) offrirà al pubblico la visita guidata nel Parco dell’Etna – alla scoperta di Polifemo, Zeus, Ulisse, Efesto e Afrodite – e lo spettacolo “Sicilia. La storia è qui”.

La festa dei prodotti dell’Etna diventa così un’opportunità per riscoprire storia e cultura attraverso l’intrattenimento dedicato alle famiglie: un racconto che, dalle nostre affascinanti origini, attraversa secoli di avvenimenti, influenze, incontri di popoli: “ingredienti” che hanno creato l’identità di un popolo e ci aiutano a comprendere chi siamo e da dove veniamo, alla riscoperta del passato di un luogo che ieri come oggi è crocevia del Mediterraneo.

Anteprima immagine

Foto Press

«La Sicilia, culla di miti e di personaggi celebri, trasuda arte e ha un patrimonio riconosciuto e invidiato in tutto il mondo – sottolinea il presidente di Amici della Terra Ettore Barbagallo, ideatore del progetto e promotore dell’iniziativa – è questa ricchezza culturale che devono gustare le nuove generazioni, perché si appassionino e sappiano valorizzare le magnifiche risorse del territorio, da quelle culturali alle eccellenze che nascono dalla sua terra».

Il Teatro dei Miti rende omaggio a tutto questo con il docu-film “Sicilia. La storia è qui”: una speciale rappresentazione che ripercorre le diverse epoche dell’Isola attraverso personaggi e testimonianze del suo passato. Un vero e proprio spettacolo – realizzato con la collaborazione del Ministero della Cultura – grazie alla nuova tecnologia “Live Motion” (unica in Italia) che consente una coinvolgente interazione inaspettata con il pubblico.

Con la visita guidata alla Grotta di Polifemo, i visitatori potranno invece scoprire un percorso tematico dedicato alla mitologia che si snoda su un sentiero naturale immerso nel Parco dell’Etna, tra installazioni che raccontano le gesta dei personaggi mitici e le leggende nate in Sicilia, dalle imprese di Ulisse alle divinità dell’Olimpo, passando attraverso giochi e prove interattive per i più giovani.

CINQUANT’ANNI DALLO SBARCO SULLA LUNA: A ZAFFERANA ETNEA “MOONIGHT”

LE CAPACITA’ DELL’UOMO AD APRIRE UN VARCO NELL’UNIVERSO

 

Appuntamento per famiglie , appassionati e bambini tra didattica e divertimento

Risultati immagini per immagini di astrofisica

 

IL 20 LUGLIO AL PLANETARIO E IN PIAZZA TRA SPETTACOLI E SCOPERTE

Film in full-dome dalla cupola, osservazioni al telescopio e installazioni interattive con l’astronomo e divulgatore scientifico Claudio Zellermayer

CATANIA

Mezzo secolo di Luna. 20 Luglio 1969 – 20 luglio 2019: a 50 anni esatti dalla passeggiata più famosa della storia, il Planetario di Zafferana Etnea festeggia lo sbarco di Apollo 11 con una serata di iniziative che si snoderanno tra la struttura e la piazza cittadina, offrendo al pubblico l’occasione di rivivere un evento storico e di osservare l’affascinante volta celeste con tutte le sue meraviglie.

 

 

«Questo è un piccolo passo per un uomo, un gigantesco balzo per l’umanità», le parole che quel giorno l’astronauta statunitense Neil Armstrong pronunciò mentre approdava su suolo lunare sono rimaste scolpite nella storia dell’umanità a segnare un momento unico: si concludeva la corsa allo spazio tra Usa e Unione Sovietica, con una conquista che apriva all’uomo un varco verso il resto dell’universo.

Un’occasione memorabile che l’associazione Amici della Terra ha deciso di celebrare con un evento speciale, che riserva particolare attenzione all’attività di divulgazione e didattica per i più giovani, in linea con i progetti scolastici che da anni porta avanti anche attraverso la Casa delle Farfalle, il Museo dell’Etna e il più recente Teatro dei Miti e Grotta di Polifemo.

Risultati immagini per immagini di astrofisica

Proprio il territorio siciliano e il paesaggio dell’Etna hanno infatti un legame forte con l’astronomia: «L’Italia in genere vanta un prezioso primato storico nel settore – ricorda Ettore Barbagallo, presidente dell’associazione, fondatore del Planetario di Zafferana Etnea e promotore dell’iniziativa – basti pensare a riferimenti attualissimi come Galileo o Archimede, genio che inventò il planetario per spiegare e comprendere scientificamente i corpi celesti e i loro movimenti. Siciliano come lui, oggi abbiamo l’orgoglio di un altro protagonista nostrano delle missioni spaziali: l’astronauta Parmitano, che sarà il primo italiano comandante della stazione spaziale Iss. Vogliamo celebrare i 50 anni dallo sbarco sulla Luna per omaggiare l’ingegno umano e per esplorare le prospettive che le nuove scoperte astronomiche ci riserveranno per il futuro».

Risultati immagini per immagini di astrofisica

Per questo la sera di sabato 20 luglio sarà possibile conoscere uno spazio oggi più vicino a noi attraverso una serie di attività al Planetario – su prenotazione – pensate per grandi e piccoli. Alle 19,30 si terrà lo show teatrale scientifico “Nina, il nonno e la Luna”, divertente ed educativo spettacolo laboratoriale per bambini e famiglie a cura del dott. Claudio Zellermayer, astronomo e divulgatore scientifico. Alle 20.30 appuntamento con “MOON”, uno spettacolo live nella cupola del Planetario sul sistema solare che svelerà i misteri dell’Universo tra corpi celesti e costellazioni. A seguire sarà il momento della proiezione di “Back to the Moon”, film appositamente prodotto per planetari che, grazie alla tecnologia full-dome, permetterà un’esperienza di visione coinvolgente e tridimensionale, che si irradierà dall’intera cupola verso le poltrone reclinate degli spettatori.

Dalle ore 21 alle 24 anche la piazza Umberto I di Zafferana Etnea ospiterà diverse attività aperte a tutti: sarà possibile osservare al telescopio la Luna e i pianeti Giove e Saturno guidati dall’astronomo Zellermayer, insieme all’associazione Cepes e al Gruppo Astrofili Belpassesi. Inoltre, all’interno di uno spazio espositivo e interattivo a cura del Planetario, saranno a disposizione dei partecipanti totem illustrativi e installazioni dedicate allo sbarco sulla Luna tra video, app, foto e momenti di gioco con un animatore in tuta spaziale a intrattenere i più piccoli.

TEATRO DEI MITI E GROTTA DI POLIFEMO: SI POTENZIA IL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO

 VIAGGIO NELLA STORIA TRA VIDEO INTERATTIVI E PERCORSI TEMATICI IMMERSI NELLA NATURA

Il presidente di “Amici della Terra” Ettore Barbagallo: «Una proposta educativa attuale e creativa per valorizzare il territorio e rafforzare l’identità siciliana»

 

ZAFFERANA ETNEA 

La Storia della Sicilia, tra educazione e intrattenimento, diventa un viaggio interattivo alle pendici del Vulcano: nasce a Zafferana Etnea il “Teatro dei Miti”, una struttura dedicata alla mitologia in chiave ludico-didattica. L’iniziativa è firmata dall’Associazione Amici della Terra, che con i suoi progetti “Casa delle Farfalle”, “Museo dell’Etna” e “Planetario”, ha creato un vero e proprio polo di educazione ambientale e di fruizione turistica, scientifica e culturale, punto di riferimento per tutte le scuole italiane. «L’Isola più grande del Mediterraneo ha rivestito un ruolo fondamentale negli eventi storici che hanno avuto come protagonisti numerosi popoli – spiega Ettore Barbagallo, promotore dell’iniziativa e presidente dell’Associazione – in Sicilia non esisteva fino ad oggi nessuna struttura rivolta a studenti e famiglie, dedicata al nostro patrimonio storico e culturale. Dopo mesi di studio e ricerche, che hanno visto come partner il ministero dei Beni Culturali Ambientali con il Programma Operativo “Cultura e Sviluppo”, il Polo Regionale di Catania per i Siti Culturali e il Distretto Turistico “Antichi mestieri, sapori e tradizioni popolari di Sicilia”, abbiamo creato un percorso tematico che attraversa le epoche. La filosofia utilizzata è stata quella del “Tinkering”: una metodologia educativa, applicata con successo in alcuni musei americani, che si basa su un approccio pratico, esperienziale e sperimentale. Per la prima volta nelle nostre strutture sarà possibile applicare questo metodo in laboratori che potranno essere anche frequentati da alunni con BES, compresi DSA e disabilità gravi».

La visita al Teatro dei Miti, struttura dotata di aree espositive e di una sala teatrale, include la proiezione-spettacolo di un docufilm sulla Storia della Sicilia: dagli avvenimenti principali, alle numerose colonizzazioni, fino ad arrivare ai giorni nostri con temi di grande attualità. Inoltre, la proiezione del filmato diventa un vero e proprio spettacolo grazie ai nuovissimi sistemi tecnologici “Live Motion”, che lo arricchiscono di interattività e coinvolgimento, «rendendo l’apprendimento più piacevole – spiega Barbagallo – attirando interesse e rimanendo impresso nella memoria dei piccoli spettatori».

Nell’area esterna, è possibile inoltre percorrere i sentieri che conducono alla “Grotta di Polifemo”: «Narrando le gesta del mitico Ulisse, immersi nel Parco dell’Etna, sarà possibile visitare la grotta dove apparirà il Ciclope e incontrare i protagonisti della mitologia – continua l’ideatore del Teatro dei Miti – dal Dio Efesto che forgia le armi nella sua fucina sotterranea; al trono di Zeus (per raggiungere il quale si dovrà percorrere una salita che ricorda il monte Olimpo), passando per la conchiglia di Afrodite, il Cavallo di Troia (struttura lignea di 6 metri, dotata di scivolo e scaletta per accogliere i bambini) – e la Nave di Ulisse, una vera barca in legno posta sul prato verde ai piedi del promontorio, dove i bambini possono entrare nelle piccola stiva e giocare con il timone e i remi aiutati da un mappa. I visitatori, inoltre, andranno alla ricerca delle Facce di Pietra e delle sculture primitive mimetizzate tra le rocce laviche, con percorsi sull’orientamento con l’orologio solare, il labirinto, la rosa dei venti e il ratto di Proserpina».

Obiettivo dell’iniziativa è quello di veicolare alcuni messaggi e valori legati al nostro territorio: in primis, quello dell’identità, che dovrebbe catalizzare i giovani, troppo spesso protagonisti della migrazione intellettuale. Una proposta educativa attuale e creativa che arricchisce la filiera del turismo scolastico della nostra Isola.