Conte: “adesso è il momento delle nomine dei sottosegretari , si apre una stagione di speranza…”

Risultati immagini per iMMAGINE DI CONTE

E’ il momento per il nuovo governo Conte dell’accordo con il Pd e i vertici del M5S della nomina dei sottosegretari. Nomine che, assicura il premier, si farà al più presto . Con 169 voti, otto voti in più rispetto ai 161 di maggioranza assoluta, il nuovo esecutivo giallorosso è ai nastri di partenza. Sarà una stagione di rilancio e speranza”. La “costituzione e il rispetto delle istituzioni” saranno “la nostra bussola” e “gli interessi degli italiani il nostro obiettivo” sembrano essere il Vangelo del Presidente.   Sul coro leghista di “Dignità, dignità” Conte ricorda alla Lega di rivedere con calma ,nei prossimi mesi, il comportamento di Salvini, “cosa ci sia di dignitoso nel suo dietrofront..

Conte non sembra minimamente scalfito infatti da quel che è successo ieri in Aula parlamentare.  Lo spettacolo cioè dell’ennesima guerriglia tra i senatori dell’opposizione e quelli della maggioranza, con tanto di cori, cartelli alzati e t-shirt esibite.   Ripresa formalmente da Elisabetta Casellati , Presidente del Senato,leghista Lucia Borgonzoni che togliendosi la giacca nera ha sfoderato  una maglietta bianca con la scritta ‘Parliamo di Bibbiano’.La seduta è stata pure sospesa.

FIDUCIA A CONTE TRA CORI DI PROTESTE DELL’OPPOSIZIONE

Fibrillazione in aula che per vari minuti si è trasformata in un palco di “ultras” da stadio che  gridava in coro: “Poltrona, poltrona…Eppoi: “Elezioni, elezioni tra una protesta e l’altra. Il presidente Fico non è riuscito a trattenere gli “entusiasmi” e espressioni infelici di alcuni deputati che si sono lasciati andare ad un linguaggio libero e, a tratti anche offensivo e volgare.

Ma il premier non si è tirato indietro di un millimetro e ha replicato duramente all’opposizione, in particolare alla Lega che creava il caos in aula parlamentare   “Preferivate forse una maggiore distribuzione di poltrone ? Rispondeva Conte  sostanzialmente ai deputati urlanti.   Risultati:La Camera ha approvato la mozione di maggioranza sulla fiducia al governo Conte bis  I sì sono stati 343, i no 263 e tre gli astenuti. Mancano in tutto 9 voti ai sì della maggioranza. Non hanno partecipato al voto due deputati dem: Pizzetti e Portas. Mentre nei 5 Stelle, 4 parlamentari erano in missione (Businarolo, Dieni, Marzana e Leda Volpi) e altri 3 (Maniero, De Toma e Scagliusi) non hanno partecipato al voto. Adesione al 100% del gruppo di Leu: 14 sì su 14 componenti. I 3 astenuti sono deputati delle minoranze linguistiche.  Adesso la parola spetta al Senato dove la situazione in fatto di numeri è notoriamente più complicata per la maggiore presenza di senatori leghisti. Vedremo.

Intanto Conte dichiara di “essere soddisfato di questo primo risultato”. “La stagione dell’odio è finita afferma Dario Franceschini capo delegazione Pd del governo .  “Bene il Presidente Conte e la fiducia alla Camera. Un altro passo in avanti per cambiare l’Italia e renderla più verde, giusta e competitiva”, afferma il segretario del Pd Nicola Zingaretti.     Di eguale sintonia Luigi Di Maio.:”Bene la fiducia alla Camera. Massimo sostegno alle parole del presidente Conte. M5S ha idee chiare: lavoro, imprese, ambiente, scuola, famiglia sono priorità. Ma anche taglio parlamentari e revoca concessioni autostradali. È il momento di correre, è il momento del coraggio. Ci siamo!”,

VIA LIBERA AL “LIBRO DEI SOGNI”- DEL GOVERNO CONTE BIS

Risultati immagini per IMMAGINE DELL'AULA PARLAMENTARE

VIDEO INTEGRALE DEL DISCORSO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO PROF. GIUSEPPE CONTE

Un lunghissimo elenco di cose da fare tanto lungo e-bello per la giustizia che rappresenta- che non basteranno certo gli anni della legislatura per realizzarlo “Equilibrio, misura, sobrietà e rigore”. Si fonda su questi pilastri il programma di governo che Giuseppe Conte ha presentato alla Camera nel suo discorso per ottenere la fiducia. Un programma di cui, ha assicurato, “sarò il garante e il primo responsabile”. Il premier ha iniziato il suo discorso rivolgendo un saluto al Capo dello Stato, accompagno da un applauso corale dell’Aula di Montecitorio dedicato a Sergio Mattarella.

Domani, martedì 10 settembre, il premier parlerà invece al Senato replicando il suo intervento.

Seduto tra il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e Luigi Di Maio, Conte ha spiegato che “il programma non è l’elencazione di proposte eterogenee che si sovrappongono, né la sommatoria delle diverse posizioni politiche che sostengono questa iniziativa. E’, al contrario, una sintesi programmatica che disegna l’Italia del futuro, un progetto di governo del Paese fortemente collocato sul piano politico”. Quindi ha ribadito che il governo M5S-Pd “è un progetto politico di ampia portata, anche culturale”.

– Conte ha poi invitato a un’invenzione di rotta sul linguaggio del governo, auspicando un lessico rispettoso: “Vogliamo volgerci alle spalle il frastuono dei proclami inutili e delle dichiarazioni bellicose e roboanti” ha spiegato il premier, contrastato da brusii e polemiche dai banchi dell’opposizione. “Io e tutti i miei ministri prendiamo il solenne impegno, oggi davanti a voi, a curare le parole, ad adoperare un lessico più consono e più rispettoso delle persone, della diversità delle idee – ha aggiunto -. Ci impegniamo a essere pazienti anche nel linguaggio, misurandolo sull’esigenza della comprensione. La lingua del governo sarà una lingua ‘mite’, perché siamo consapevoli che la forza della nostra azione non si misurerà con l’arroganza delle nostre parole”.

Quanto al progetto di governo, Conte ha spiegato che “segna l’inizio di una nuova, risolutiva stagione riformatrice, è un progetto che presenta forti caratteristiche di novità”. “Nuovo – ha argomentato – nella sua impostazione, nuovo nell’impianto progettuale, nuovo nella determinazione a invertire gli indirizzi meno efficaci delle azioni pregresse; nuovo nelle modalità di elaborazione delle soluzioni ai bisogni dei cittadini, alle urgenze che assillano la società; nuovo nel suo sforzo di affrontare con la massima rapidità le questioni più sensibili e critiche“.

Conte ha poi citato l’ex presidente della Repubblica, Giuseppe Saragat: “Faccio mie le parole pronunciate da Saragat nella seduta inaugurale dell’Assemblea costituente: ‘Fate che il volto di questa Repubblica sia un volto umano. Ricordatevi che la democrazia non è soltanto un rapporto fra maggioranza e minoranza, non è soltanto un armonico equilibrio di poteri sotto il presidio di quello sovrano della Nazione, ma è soprattutto un problema di rapporti fra uomo e uomo. Dove questi rapporti sono umani, la democrazia esiste; dove sono inumani, essa non è che la maschera di una nuova tirannide’”.

– Nello specifico, il discorso ha affrontato diversi temi, dalla scuola all’ambiente, passando per il sociale e annunciando una banca pubblica per il rilancio degli investimenti al Sud. “Scuole e università di qualità, asili nido e servizi alle famiglie, specialmente quelle con figli, saranno le prime leve sulle quali agire” ha spiegato Conte. Tra le prime misure di intervento a favore delle famiglie del Conte 2, ha spiegato il premier sarà l’azzeramento delle “rette per la frequenza di asili-nido e micro-nidi a partire dall’anno scolastico 2020-2021 e per ampliare, contestualmente, l’offerta dei posti disponibili, soprattutto nel Mezzogiorno”.

– “Per quanto riguarda la scuola, occorre intervenire per migliorare la didattica e per contrastare la dispersione scolastica, concentrando i nostri sforzi sulla professionalità dei docenti, ai quali occorre garantire la giusta valorizzazione, anche economica, in linea con quanto accade in altri Paesi europei”. “Occorre anche, in questo contesto, contrastare il precariato, attraverso lo strumento di concorsi ordinari e straordinari, che riconoscano il valore dell’esperienza e, nello stesso tempo, valorizzino il merito – e i meriti – di chi, con passione e vocazione, vuole dedicarsi a far crescere le prossime generazioni“,

Quanto al fenomeno dei giovani italiani all’estero, “occorre invertire questa tendenza – ha rimarcato – che espone la nostra Nazione al rischio di un inesorabile declino. Questo è il Governo più giovane della storia della Repubblica. Non può rinnegare se stesso. Deve assolutamente raccogliere e vincere questa sfida“.

                                                –SUBITO IL “TAGLIO DEI 35O PARLAMENTARI”

Conte si è poi soffermato sulla determinazione di arrivare subito alla legge del Taglio dei 350 parlamentari. Pioggia di contestazioni su questo punto soffocate dalla successiva dichiarazione della necessità di revisione del sistema elettorale

– Conte ha poi affrontato il capitolo fisco e tasse. “Occorre perseguire una riforma fiscale che contempli la semplificazione della disciplina, una più efficace alleanza tra contribuenti e Amministrazione finanziari – ha detto – l’obiettivo primario è alleggerire la pressione fiscale, nel rispetto dei vincoli di equilibrio del quadro di finanza pubblica”. Tra gli obiettivi, ha osservato ancora, c’è poi quello di “introdurre una legge sulla parità di genere nelle retribuzioni: è una battaglia che vogliamo portare a termine al più presto in omaggio a tutte le donne”.

– Contro la povertà, la ricetta di Conte è quella di “creare le condizioni affinché il tessuto del Paese sia forte e altamente produttivo e basi la sua capacità di ‘stare sui mercati’ non sul lavoro precario e a basso costo, ma sulla qualità e l’innovazione dei prodotti”. Parole d’ordine “una crescita integrale e inclusiva, che ponga al centro il benessere del cittadino e del lavoratore, nella prospettiva di uno sviluppo equo e solidale”.

“La sfida sul piano interno è quella di ampliare la partecipazione alla vita lavorativa delle fasce di popolazione finora escluse. Esse si concentrano soprattutto tra i giovani e le donne, particolarmente nel Mezzogiorno – ha detto ancora Conte -. Vogliamo offrire loro, come a tutti gli altri lavoratori, opportunità di lavoro, salari adeguati e condizioni di vita degne di un Paese civile, di un Paese che, fin dal 1948, ha sancito, nella propria Carta fondamentale, il diritto del lavoratore a un’esistenza libera e dignitosa”.

Sul fenomeno immigrazione il premier vuole favorire l’integrazione degli aventi diritto a restare in Italia. Coloro i quali non avranno i requisiti dovranno uscire dal Paese.   Osserveremo le indicazioni del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per la revisione urgente del decreto sulla Sicurezza, quello che in un primo momento ha compromesso l’equilibrio complessivo.     Contestazioni provenivano dai banc hi dell’opposizione che gridavano in coro al premier: “Poltrona, poltrona…”      Poi  un accenno di difesa per i ministri sessisti colpiti ed offesi sul massimo social in particolare per il modo di vestire e la mancanza del titolo di studio.       Fischi ed ironie  dall’opposizione quando Conte ha parlato di un governo titolato e giovane, il più giovane nella storia della Repubblica italiana.           Conte si è pure soffermato sul cuneo fiscale, per allegerire il peso delle tasse alle famiglie e alle imprese. Se tutti pagano- ha affermato Conte- tutti pagano meno tasse”.   Altro punto prioritario l’intervento e l’impegno del governo per le zone terremotate     Contestazioni di alcuni deputati che hanno rivolto al Premier l’aggettivo di “Ipocrita”.

CREEREMO UNA BANCA PUBBLICA PER  IL SUD –

Conte ha poi annunciato “un piano straordinario di investimenti per il Mezzogiorno, anche attraverso l’istituzione di una banca pubblica per gli investimenti, che aiuti le imprese in tutta Italia e dia impulso all’accumulazione di capitale fisico, umano, sociale e naturale del Sud”.

Tra gli obiettivi del governo c’è poi la realizzazione di Green New Deal, “che promuova la rigenerazione urbana, la riconversione energetica verso un progressivo e sempre più diffuso ricorso alle fonti rinnovabili, la protezione della biodiversità e dei mari, il contrasto ai cambiamenti climatici”.

Capitolo trivellazioni, “siamo determinati a introdurre una normativa che non consenta più il rilascio di nuove concessioni di trivellazione per estrazione di idrocarburi – ha detto Conte -. Chi verrà dopo di noi, se mai vorrà assumersi l’irresponsabilità di far tornare il Paese indietro, dovrà farlo modificando questa norma di legge”.   

 Non c’è punto, crediamo,del vivere sociale che Conte non abbia toccato.   Ma sarà possibile realizzarlo?  O è stata raccontata una bella, bellissima fiaba da una persona che davvero  crede ai sogni ?. Già, perchè questo governo, non è quello “delle capre” come l’ha definito un pò faziosamente,il critico parlamentare  Vittorio Sgarbi, ma quello- sì-  dei Sognatori.

MA CHI COMANDA NEL PD: RENZI ,”L’AVVOLTOIO”, O ZINGARETTI ,IL “SEGRETARIO”?

Risultati immagini per immagine di renzi e zingaretti

 

di  R.Lanza

Il Senato dice no alla sfiducia del governo Conte.  Il Pd sostiene il governo e forma la maggioranza con il M5S.  Nel partito democratico avvengono cose strane in questo periodo.     Esce fuori con comizi e conferenze Renzi che lancia la sua proposta di un  “governo no tax” per gestire questa delicata fase politica. Afferma: “la maggioranza c’è e non con Salvini”. “Siamo di fronte a un fatto clamoroso, nella veste di ex presidente del Consiglio trovo sia un passaggio che non va sottovalutato, tecnicamente clamoroso” osserva Renzi .

Vediamo cosa dice Renzi, “l’avvoltoio” per Grillo: “Il mio appello è serio e non si impicca alle formule – puntualizza – io l’ho chiamato governo istituzionale, qualcuno dice di legislatura o di scopo. Io lo chiamo governo no tax perché deve mettere mano all’Iva e a mille questioni aperte – spiega l’ex premier – Le forze politiche responsabili, nella mia testa tutte, devono bloccare l’aumento dell’Iva. Bisogna avere il coraggio di dare vita a un governo”.

Il ministro dell’interno”Salvini si deve dimettere,- tuona Renzi, ex capopopolo Pd, è una truffa vivente,  altro che ritirare la delegazione, si dimetta oggi si scriva una nuova pagina per l’Italia”. “Il tabellone di oggi al Senato ci dice che la maggioranza c’è e non con Salvini” scandisce. E illustrando la sua proposta di governo di scopo, rileva che “la riduzione del numero di parlamentari è terreno di incontro“.

Centinaia di senatori sono tornati a Roma, dopo che Salvini aveva usato una certa espressione per dire di ‘alzare le terga’, salvo poi scoprire che non ha la maggioranza in Parlamento” rincara il senatore Pd. A stretto giro la replica di Salvini :parola agli Italiani, lasciateli votare!”.

Non comprendiamo tuttavia a che titolo oggi Renzi rilasci dichiarazioni ed interviste alla stampa sui comportamenti da adottare del Pd.Abbiamo l’impressione che Renzi sia uscito dal suo perimetro possibile nel partito dove milita e Zingaretti sia costretto ad ingoiare il rospo anche se dichiara che  la decisione comportamentale spetta al  segretario del partito, cioè a lui. E allora, queste uscite di Renzi?  Servono a dire agli italiani:io esisto ancora e se il Pd non mi accetta, riunisco i comitati e fondo un altro partito”    Ormai nessuno è corretto in questa politica italiana, chi è più furbo si faccia avanti.

Quando l’ex presidente del Consiglio dice che non darà vita a una sua corrente  bisogna leggere la frase al contrario, cioè sta avvisando Zingaretti che lui ha una corrente. Lancia il segnale che  l’ex segretario continua a mantenere saldamente in pugno i gruppi parlamentari. Quando si è trattato di decidere chi mettere in lista alle elezioni, Renzi ha scelto con cura e così adesso, dei 166 onorevoli su cui il Pd può contare in Parlamento, almeno 103 rispondono a lui, non al governatore del Lazio.

 Renzi sognava un leader debole, costretto sin dal principio a mercanteggiare con lui istituzioni, poltrone, e nomine, governare insomma per interposte persone. Ma il successo del governatore lo ha messo in ginocchio e la sua prima mossa rimuovere il tesoriere, cioè Francesco Bonifazi, significò togliere la cassa dalle mani del Giglio magico.

L’ex presidente del Consiglio, dopo essere stato costretto alle dimissioni a causa della sconfitta al referendum, aveva circondato Paolo Gentiloni di suoi colonnelli, tenendolo praticamente in ostaggio. E questo Renzi , sostenitore delle banche, avrebbe voluto fare anche con Zingaretti, ripetendo lo schema di successo applicato prima. Solo che Zingaretti, fratello di “Montalbano” intuì dove voleva arrivare  e mise degli argini idonei per fermarlo. Diciamolo francamente: il vero nemico del Pd , di Zingaretti, non è Salvini, oggi ormai sul palo della crocefissione anche in Germania dove un Tribunale tedesco lo condanna sul problema immigrazione, ma Matteo Renzi, specialista in intrighi e comunicazione ” al narcotico”

Risultati immagini per immagine di renzi e zingaretti

 

Renzi a Palazzo Madama dal canto suo, usa un pò di “diplomazia” ,non vuole apparire rivoluzionario e “rompiscatole” e ricorda anche, con imbarazzo, che “Zingaretti ha avanzato due richieste, unità e che la segreteria gestisca questo passaggio. Sono richieste comprensibili, da accogliere – evidenzia – è giusto ci sia l’unità massima da parte delle forze politiche” e “il segretario del Pd ha tutti i diritti e i doveri di gestire questa fase con i capigruppo, non c’è una valutazione sulla forza di Zingaretti”.

Se questa è la politica italiana,-osserviamo noi di SUD LIBERTA’ – il disgusto per questi personaggi diventa sempre più forte

Disco verde anche alla Camera del decreto legge Sicurezza ed Immigrazione

Immagine correlata

Disco verde della Camera con 336 voti favorevoli, 249 contrari, alla fiducia posta dal governo sull’articolo unico del disegno di legge di conversione del decreto legge Sicurezza ed Immigrazione  Ora si passerà all’esame degli ordini del giorno, prima del voto finale sul provvedimento. “Tra oggi e domani il dl sicurezza è legge, lasciatemi esprimere una enorme soddisfazione”, aveva commentato  il ministro dell’Interno Matteo Salvini, in conferenza stampa alla Camera, mentre il voto era ancora in corso.    
Come avvenuto 20 giorni fa al Senato, anche alla Camera il governo ha quindi scelto di mettere la fiducia sul dl i cui termini scadranno il prossimo 3 dicembre.   Il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Riccardo Fraccaro, aveva informato l’aula della decisione della fiducia sul provvedimento in esame.

(Com.Ag)

Non fidarsi delle banche: ecco perchè!

 

Oggi vorrei fare una domanda:  chi si  fida ancora delle banche?

La verità è che se vuoi investire i tuoi risparmi, non sono più una soluzione.

L’unica vera soluzione è investire nella tua educazione finanziaria e diventare finanziariamente libero. Alfio Bardolla, il giovane miliardario italiano che ha già costruito un impero economico, invia un interessante video al nostro giornale. Ve lo proponiamo:

 

screenshot pillola 1.jpg

 

 

Il governo blinda con la fiducia cinque articoli della legge elettorale. Cadono nel vuoto le proteste delle opposizioni che urlano “Vergogna,vergogna”

Risultati immagini per foto dell'aula parlamentare

Bufera sul Governo.  Cinque articoli della legge elettorale sono stati blindati con la fiducia dal governo Gentiloni.  Passa così il Rosatellum. Gli articoli sono l’uno, il due, il tre, il quattro e il sei. Sono  cadute nel vuoto le proteste delle opposizioni e gli appelli a procedere su un percorso diverso da quello seguito alla Camera.

Cartelli e urla “vergogna, vergogna” da parte del M5S hanno accompagnato la richiesta. “È una facoltà del Governo“, ha replicato il presidente Pietro Grasso.

 I capigruppo di Mdp di Camera e Senato, Francesco Laforgia e Cecilia Guerra, si sono recati nel pomeriggio al Quirinale per comunicare al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che Mdp non fa più parte della maggioranza che sostiene il governo Gentiloni.

Particolarmente calda anche la situazione tra gli scranni di Sinistra italiana, dove sono stati alzati cartelli con la scritta ‘zero fiducia’, al grido ‘vergogna, vergogna’, mentre la capogruppo, Loredana De Petris, ha protestato urlando a squarciagola. Quindi, dopo la sospensione della seduta per la convocazione della conferenza dei capigruppo, ha occupato la zona compresa tra i banchi della presidenza e quelli del governo, lamentando che le è stata negata la parola.

Meno forte ma ugualmente incisiva la protesta dei senatori del Movimento 5 stelle, che si sono calati delle bende sul volto. Si è visto anche che i commessi parlamentari hanno cercato di sciogliere le bende ai deputati. Insomma, bagarre e caos in Aula.

Le 5 fiducie chieste sul Rosatellum bis si inizieranno a votare oggi alle 14, come ha stabilito  il  capigruppo parlamentare. Il voto finale è previsto per domani alle 12.

Fiumi di contestazioni e proteste. Anche Vittorio Sgarbi, il famoso critico d’arte ed opinionista d’eccellenza ha ritenuto ” l’operato governativo una manovra che non dà libertà di opinioni pur prevista dal Regolamento come afferma il senatore Grasso “.

(Agenzia)