Il “Capo dei capi “siciliano, Raffaele Bevilacqua, si saluta con il “bacio d’onore”, segno di rispetto. Emessi 46 provvedimenti cautelari

 

La leggenda di Osso, Mastrosso e Carcagnosso: i padri di mafia ...

 

I carabinieri del ROS e del Comando Provinciale di Enna hanno notificato tra Barrafranca, Pietraperzia, Catania, Palermo e Wolfsburg 46 provvedimenti cautelari emessi dal gip del Tribunale di Caltanissetta su richiesta della Dda Nissena: si tratta di persone affiliate o vicine al clan di cosa nostra di di Barrafranca e Pietraperzia.

Tutti sono accusati a vario titolo di associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, estorsioni, corruzione aggravata dall’aver favorito l’associazione mafiosa, detenzioni di armi e assistenza agli associati. Sono stati anche sequestrati beni per un valore di oltre un milione di euro.

Tutto ruota attorno al superboss,Raffaele Bevilacqua ,avvocato, già condannato per associazione mafiosa nel processo Leopardo, che tra la fine degli anni ’80 e i primi anni ‘90 era stato non solo componente del direttivo della Democrazia Cristiana ed in strettissimi rapporti con Salvo Lima, ma anche al vertice di cosa nostra ennese per intervento di Bernardo Provenzano. Raffaele Bevilacqua è stato, inoltre, condannato all’ergastolo per essere stato riconosciuto quale mandante – insieme a Francesco “Ciccio” La Rocca – dell’omicidio di Domenico Calcagno avvenuto a Valguarnera Caropepe nel maggio del 2003.

Bevilacqua era ai domiciliari a maggio del 2018 per motivi di salute,     Appena uscito il superboss ha ripreso immediatamente il comando operativo del clan con il fondamentale apporto dei suoi familiari. E comandava dall’ appartamento di Catania dove scontava i domiciliari e divenuto il crocevia di incontri con altri storici affiliati, primi fra tutti gli uomini d’onore Alessandro Salvaggio e Salvatore Privitelli, nel corso dei quali – dicono gli investigatori – venivano decise strategie e progettate le azioni da compiere, alcune anche molto gravi.

Dalle indagini è emerso che il carisma ed il rispetto di cui godeva Raffaele Bevilacqua siano rimasti intatti nonostante il tempo trascorso in carcere; significativo  il bacio d’onore  dall’anziano  Alessandro Salvaggio che, rivedendo il suo capo famiglia dopo più di 15 anni,  gli baciava le mani in segno di immutato rispetto.

Nel progetto di riorganizzazione della famiglia mafiosa  hanno assunto un posizione dominante i suoi figli, Flavio Alberto e Maria Concetta, quest’ultima avvocato del foro di Enna. Flavio Alberto era “l’interfaccia” del padre con il territorio e teneva dunque i contatti con gli altri affiliati e di concordare le azioni da intraprendere. Maria Concetta Bevilacqua, invece, “dimostrando fierezza del ruolo ricoperto dal padre all’interno dell’organizzazione mafiosa e piena adesione alla stessa”, non solo era solita compiacersi per il “rispetto” che le veniva tributato, ma, , incontrava presso il suo studio legale di Barrafranca gli affiliati ai quali consegnava- secondo gli investigatori – i “pizzini” scritti dal genitore con gli ordini da eseguire. La stessa al pari del fratello, partecipava alla scelte strategiche del gruppo criminale, organizzava gli incontri di Catania e, ancora una volta sfruttando il suo ruolo di legale, attuava una serie di manovre volte ad evitare il ritorno in carcere del padre.

 

A conferma che il tempo e la detenzione non abbiano rescisso il legame con l’organizzazione è stato anche documentato come Filippo Milano, anch’egli storico affiliato alla consorteria barrese, nel tempo avesse consegnato ai famigliari del suo capo cospicue somme di denaro con le quali, come la moglie del boss Giuseppa ammetteva, aveva provveduto a soddisfare i “piaceri” dei figli, tra cui la festa di laurea di Maria Concetta pagata proprio con il denaro provento di attività illecite.

Raffaele Bevilacqua assumeva il pieno controllo del territorio ed assicurarsi lauti ritorni economici, individuando nell’appalto del valore di 7.5 milioni di euro per la gestione dei Rsu del comune di Barrafranca una scelta prioritaria.

La famiglia – Raffaele, Flavio Alberto e Maria Concetta – agiva con l’ausilio di Alessandro Salvaggio e del figlio di questi, Salvatore, di Salvatore Privitelli e di Luigi Fabio La Mattina, imponendo all’Ati agrigentina vincitrice dell’appalto l’affitto degli spazi per il ricovero dei mezzi per un importo annuo di 27 mila euro e facendosi pagare il “pizzo” attraverso bonifici così da giustificare i pagamenti come “regolare” canone di locazione.

Secondo gli inquirenti vi sono anche attentati incendiari come quello commesso ai danni del ”Supermercato Decò” di Barrafranca del “Gruppo Arena” nella notte del 15 settembre del 2018. l   Il boss Raffaele Bevilacqua stabiliva con autorità mafiosa che il traffico e lo spaccio di droga dovevano essere gestiti in toto dalla famiglia  dalla quale erano costrette a rifornirsi tutte le piazze di spaccio presenti su Barrafranca.

TRAFFICO DI DROGA. I fornitori del clan erano catanesi. A loro si rivolgevano Salvatore Privitelli e Fabio Luigi La Mattina con  l’intermediazione del catanese Marco Vaccari. La gestione delle piazze di spaccio riconducibili alla famiglia mafiosa era demandata a Salvatore Strazzanti e Andrea Ferreri; Filippo Bonelli, Davide e Valentino La Mattina erano deputati al controllo e alla raccolta del denaro provento dello spaccio da consegnare ai vertici della famiglia. E’ in questa fase che l’indagine del Ros è andata ad intersecarsi con quella condotta dal Comando Provinciale di Enna, che su delega della Dda nissena stava svolgendo indagini sul traffico di droga – cocaina e marijuana – a Barrafranca. .

Nel corso delle perquisizioni a casa di Salvatore Strazzanti e Valentino La Mattina sono state sequestrate armi da fuoco e un libro mastro con la rendicontazione dell’attività di spaccio. . E’ stata accertata infatti la diretta e fondamentale partecipazione di Giuseppe Zuccalà, responsabile del IV Settore – Gestione del Territorio Infrastrutture e Servizi Manutentivi del Comune, nell’assegnazione di un appalto, con il metodo dell’affidamento diretto all’imprenditore Salvatore Blasco, risultato essere in stretti rapporti con la famiglia Bevilacqua.

Gli inquirenti forniscono i nomi dei destinatari dell’ordinanza di custodia in carcere: Raffaele Bevilacqua, Flavio Alberto Bevilacqua, Giuseppe Emilio Bevilacqua, Luigia Bellomo, Adriano Giuseppe Bevilacqua, Andrea Blasco, Filippo Bonelli, Davide Cardinale, Domenico Cardinale, Fabio Cardinale, Angelo Cutaia, Andrea Ferreri, Calogero Ferreri, Agatino Maxmiliam Fiorenza, Davide La Mattina, Giuseppe La Mattina, Luigi Fabio La Mattina, Valentino La Mattina, Dario La Rosa, Filippo Milano, Giovanni Monachino, Vincenzo Monachino, Salvatore Paternò, Salvatore Privitelli, Massimo Riggi, Vincenzo Russo, Alessandro Salvaggio, Salvatore Salvaggio, Giovanni Strazzanti, Salvatore Strazzanti, Sebastiano Tasco, Mirko Filippo Tomasello, Giuseppe Trubia, Angelo Tummino, Salvatore Marco Vaccari e il minorenne S.S.

Ai domiciliari sono finiti: Maria Concetta Bevilacqua, Abigail Bellomo, Rosetta Bellomo, Salvatore Blasco, Rosario Corvo, Stella Crapanzano, Davide Pagliaro, Cateno Sansone, Giuseppina Strazzanti, Giuseppe Zuccalà.

Scoperta “Casa degli orrori” in California. Il padre, ingegnere, aveva un salario di 140 mila dollari all’anno

Risultati immagini per foto della california

California :una coppia è stata arrestata con l’accusa di aver tenuto prigionieri e maltrattato i 13 figli, di età compresa tra i due ed i 29 anni. , Uno dei figli, una ragazzina di 17 anni,  ha denunciato il fatto alla polizia e chiamato il numero di emergenza dopo essere riuscita a impossessarsi di un cellulare trovato all’interno dell’abitazione.

La ragazzina ha segnalato il luogo ,la loro casa di Perris, circa un centinaio di chilometri a sudest di Los Angeles. Intervenuti, gli agenti hanno ritrovato “alcuni bambini tenuti legati al letto con catene e lucchetti al buio” in stanze invase da “un odore nauseabondo”.

 I genitori, David Allen Turpin, di 57 anni, e Louise Anna Turpin, di 49, accusati di tortura e maltrattamento di minori, non sono stati in grado di fornire una spiegazione  sulle circostanze dei reati commessi. Tutti sono apparsi “molto sporchi e malnutriti” e per questo sono stati ricoverati in ospedale.

David Turpin risulta essere il responsabile della Sandcastle Day School, stando al sito del Dipartimento dell’Educazione della California. . La scuola ha aperto il 21 marzo 2011 ed è classificata come un istituto privato destinato a bambini e ragazzi di età compresa tra i 6 e i 18 anni. .

La coppia si era trasferita diversi anni fa dal Texas in California ed è proprietaria della casa degli orrori dove sono stati trovati i giovani. I Turpin avevano dichiarato bancarotta nel 2011 anche se, dai documenti presentati, risultava che il marito aveva un salario molto alto, 140mila dollari all’anno, come ingegnere alla Northrop Grumman, di cui era dipendente fino al 2010, secondo quanto ha confermato la compagnia.

L’avvocato ha manifestato stupore ed è lo stesso che curò allora la bancarotta . A causa dei molti figli, le spese familiari – afferma il legale -superavano le entrate. “Sembravano delle persone assolutamente normali che erano finite in difficoltà finanziarie”, ha spiegato  l’avvocato Ivan Trahan,

Uccide i due figlioletti poi tenta il suicidio: in stato di fermo – rifiuta le cure – all’ospedale di Reggio Emilia

Antonella Barbieri e l’auto dove sono è stata trovata con il figlio maggiore (Ansa)

(Foto Agenzia  )

 Antonella Barbieri la donna che dopo aver ucciso i due figli ha tentato di togliersi la vita, è piantonata in ospedale dai carabinieri. Il duplice infanticidio risale alla giornata di ieri.

I carabinieri, su segnalazione di un passante, hanno trovato la donna chiusa in auto nelle campagne di Luzzara con il corpo del bambino di 5 anni. Subito dopo sono stati effettuati accertamenti nella sua abitazione nel mantovano, dove i militari hanno trovato il corpo senza vita dell’altra figlia, di due anni, morta soffocata.

“La signora A.B., al centro della terribile tragedia che ha avuto luogo nella giornata di ieri a Luzzara e Suzzara, è ricoverata in terapia semi intensiva all’Ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia. La paziente, vigile e cosciente, è in prognosi riservata, rifiuta qualsiasi cura e le sue condizioni sono, al momento, stabili. Si apprende che il padre è distrutto dal dolore e dallo stupore.  La moglie aveva problemi psichici .Sono state attivate le consulenze specialistiche del caso”,  ha comunicato  la Direzione dell’Azienda Usl di Reggio Emilia.