Biden accusa : “Putin ha commesso pure genocidio”

 

Joe Biden  accusa la Russia di Vladimir Putin di “genocidio” in un discorso in Iowa sull’aumento dei prezzi della benzina. “Il vostro bilancio familiare, la vostra possibilità di fare il pieno non dovrebbe dipendere dal fatto che un dittatore dichiara guerra e commette genocidio dall’altra parte del mondo”, ha detto il presidente americano, che nelle scorse settimane aveva definito il presidente russo “criminale” e “macellaio”.

Le immagini della cerimonia di insediamento di Joe Biden
“Per aiutare ad affrontare gli aumenti di prezzi provocati da Putin, io ho autorizzato il rilascio di un milione di barili al giorno delle nostre riserve strategiche”

Finora il presidente americano aveva parlato di crimini di guerra, ma non di genocidio. Il consigliere per la Sicurezza Nazionale, Jake Sullivan, nei giorni scorsi aveva specificato che “vediamo atrocità, crimini di guerra, ma ancora non vediamo un livello sistematico di deprivazione della vita del popolo ucraino che arriva al livello di genocidio”.

Interpellato domenica scorsa dalla Cnn, Sullivan aveva detto che non è importante l’etichetta di genocidio o no, “quanto il fatto che queste sono azioni crudeli e criminali, alle quali bisogna rispondere in modo deciso”.

 

Rapporti deteriorati tra l’America ed Ankara..Biden ricorda il “genocidio” degli Armeni

Un gesto finora mai compiuto da alcun presidente americano

Turchia, Biden a Erdogan: "Vogliamo relazioni costruttive per gestire  disaccordi" - Rai News

New York

Joe Biden sfida Recep Erdogan definisce “genocidio” lo sterminio degli armeni, uno sterminio che la Turchia ha sempre considerato come un’offesa al suo passato. Erdogan, rilancia la polemica:”Nessuno insegni e dia lezioni alla Turchia..”

La scelta di Biden di ignorare le convenzioni diplomatiche è una prova del deterioramento delle  relazioni tra Washington e Ankara.Anche l’italia ha rincarato la dose sulla strage dell’Armenia all’epoca. E’ la vittoria di una lunga campagna condotta da parlamentari americani, su pressione della forte diaspora armena negli Stati Uniti.

Translate »