Dipartimento ai beni culturali e Soprintendenze- “amici favoriti” – si dividono la “torta” degli straordinari, disco rosso ai custodi

Risultati immagini per foto di templi siciliani

L’assessore regionale dei beni culturali, Vittorio Sgarbi invia alla Stampa regionale un Comunicato stampa sullo stato di agitazione promosso dal sindacato della Cgil beni culturali sull’apertura dei siti archeologici e dei musei in Sicilia nelle giornate festive. Il problema dei custodi ricorderemo ai lettori è una piaga     siciliana del Dipartimento ai beni culturali e delle Soprintendenze  ad esso connesse.  C’è il problema delle qualifiche, degli straordinari che non si pagano ai custodi ma solo ai dipendenti “amici” e favoriti dei Soprintendenti, in particolare a Catania , ufficio retto da Maria Grazia Patanè (incompetente essendo una bibliotecaria) e dal capo personale Giovanni Pulvirenti, altro incompetente perchè laureato in agraria.

 

Risultati immagini per immagini di vittorio sgarbi

Ancora una volta – spiega l’assessore – con un atteggiamento più di contrapposizione politica che di tutela dei lavoratori, la Cgil, che, è bene precisarlo, non è rappresentativa della maggioranza dei dipendenti del settore, prospetta presunte inadempienze e scenari di inefficienza che non hanno alcun fondamento, a tal punto da far credere che sia a rischio l’apertura dei musei.

Questo atteggiamento ricattatorio è inaccettabile. Noi abbiamo grande rispetto per i sindacati, ma non si possono continuamente trasmettere all’esterno allarmi infondati.

Altro che “comportamento anti sindacale”: saremo noi a valutare, qualora continuasse questa campagna di disinformazione, di adire le vie legali per il danno di immagine che viene arrecato al sistema dei beni culturali siciliano che, è bene ricordarlo, vive di visitatori che non devono essere disorientati ma incoraggiati. Un sindacato serio, che ha a cuore la tutela degli interessi pubblici prima ancora che quelli dei singoli associati, non può sottovalutare la portata di certe esternazioni frutto, evidentemente, solo del clima elettorale”

Translate »