Le armi arrivano troppo tardi all’Ucraina che paga un prezzo troppo alto in termini di vite umane

Kiev: “Armi arrivano tardi e non quelle che chiediamo”

alternate text
Si teme carenza di armi e munizioni per gli ucraini

Le armi necessarie all’Ucraina per resistere all’invasione russa arrivano troppo tardi, l’Ucraina paga un prezzo troppo alto in termini di perdite di vite umane e, nell’urgenza, l’Europa manda quelle che Kiev non ha chiesto. E’ la denuncia ribadita dal consigliere del presidente ucraino, Mikhailo Podolyak, che spiega: 1) L’Ucraina chiede armi all’Europa. 2) Gli europei sostengono gli appelli ai loro governi. 3) L’Ue dà le armi all’Ucraina, non quelle che noi chiediamo. 4) Le armi ci mettono troppo ad arrivare”. Conclusione: “La democrazia non vincerà giocando questo gioco. L’Ucraina ha bisogno di armi, non tra un mese. Adesso”.

Sussiste intanto una crescente preoccupazione americana per la possibilità che gli ucraini si trovino a corto di munizioni per rispondere alla prevista offensiva russa nell’est del paese. Washington sta affrettando l’invio di  cannoni 18 obici da 155 mm con 40mila munizioni d’artiglieria, ma anche questo carico rischia di non bastare.
Il ministro della Difesa Lloyd Austin e il capo degli Stati maggiori riuniti, generale Mark Milley, sono impegnati ogni giorno in telefonate con le controparti nella regione per incoraggiare un rapido invio di altre munizioni. All’inizio della settimana, il Pentagono ha organizzato una riunione con i Ceo degli otto principali produttori di armamenti per valutare come armare più velocemente l’Ucraina, senza provocare carenze nella difesa degli Stati Uniti e i Paesi alleati. 

Neppure la visita (“non amichevole”) del Cancelliere austriaco Nehammer rimuove Putin dal suo sogno criminale

 

alternate text
Il cancelliere austriaco nella recente visita a Bucha, in Ucraina – Foto Archivi Sud Libertà

La situazione non cambia di un millimetro neanche dopo l’incontro tra Putin e il Cancelliere austriaco. Segno che Putin,vuole ad ogni costo raggiungere i suoi obiettivi sull’Ucraina. Il colloquio con Vladimir Putin sulla guerra in Ucraina è stato “molto diretto, aperto e duro”, “il messaggio più importante” trasmesso al presidente russo è che “la guerra in Ucraina deve finire, perché in guerra ci sono solo perdenti da entrambi i lati“. E’ quello che il cancelliere austriaco Karl Nehammer ha detto nel faccia a faccia di 75 minuti che ha avuto con Putin a Mosca, al termine dell’incontro. Il capo del governo di Vienna ha precisato che la sua visita “non è stata di amicizia”, ma “sentivo il dovere di incontrare Putin in modo da non lasciare nulla di intentato”.

Il cancelliere ha affrontato la questione dei crimini di guerra che sarebbero stati commessi dai militari russi a Bucha, tra l’altro, sottolineando che “tutti i responsabili dovranno essere puniti”. ”Ho affrontato la questione dei gravi crimini di guerra commessi a Bucha e in altri luoghi – ha riferito il capo del governo di Vienna in una nota – e ho sottolineato che tutti gli autori dovranno esserne ritenuti responsabili. Ho anche detto a Putin senza mezzi termini che le sanzioni contro la Russia resteranno in vigore e continueremo a inasprirle finché la gente morirà in Ucraina”.

Il cancelliere ha ricordato di essere appena stato in Ucraina, dove “ho visto con i miei occhi le incommensurabili sofferenze causate dalla guerra di aggressione russa”. “Il viaggio a Mosca e i colloqui con Putin – ha riferito Nehammer – per me sono un dovere. Un dovere dettato dal senso di responsabilità di non lasciare nulla di intentato per arrivare ad una cessazione delle ostilità o almeno a progressi umanitari per alleviare le sofferenze della popolazione civile in Ucraina. Per me non c’è alternativa alla ricerca di colloqui diretti con la Russia, nonostante tutte le enormi divergenze”.

PUTIN CRIMINALE DI GUERRA “NON VUOLE LA PACE” E L’EROICA UCRAINA DIFENDE LA LIBERTA’ DELL’EUROPA

 

 

Guerra Russia Ucraina accordo in 15 punti Zelensky: Nostro 11 settembre

 

Ospedale di Mariupol bombardato, la Russia: "Era una base militare". Ma non mostra prove. Foto coi soldati sui tetti? Di un'altra struttura - Il Fatto Quotidiano

Ucraina: salta la tregua, Mosca riprende gli attacchi - Mondo - ANSA

 

Ucraina, Kiev accusa i militari russi: «Violentano le nostre donne». A Kherson «una 17enne stuprata e uccisa» - Il video - Open

 

Ucraina, il governo denuncia: «Molte donne violentate dai soldati russi, la Nato deve agire ora»

 

Bombardamenti su un teatro a Mariupol: era rifugio per civili. Accuse reciproche Russia – Ucraina

 

Il ministero della Difesa di Kiev: Nella città ucraina assediata di Mariupol “non ci sono né corrente, né gas, né riscaldamento, non c’è vita solo continuo dolore, fuoco e bombardamenti senza fine”.  Sono”migliaia” di persone uccise “dagli invasori russi”, con il “90%” di Mariupol “distrutta dai bombardamenti”. “I russi –  tengono in ostaggio gli abitanti di Mariupol, bloccando i corridoi umanitari”.

Afferma Sadovvi: Almeno tre esplosioni sono state registrate questa mattina intorno alle 5.30 ora italiana a Leopoli. In un primo momento sembrava fosse stato colpito l’aeroporto ma il sindaco della città Andriy Sadovyi su Telegram ha confermato l’attacco facendo sapere che è stato colpito un edificio vicino allo scalo. “Diversi missili hanno colpito un impianto per la riparazione di velivoli. Il sito è stato distrutto. Le attività erano state sospese in precedenza e quindi al momento non risultano vittime

Un bombardamento russo ha invece colpito il gigantesco mercato di Kharkiv, scatenando una serie di incendi I video mostrano enormi colonne di fumo nero. I servizi di emergenza dicono che 70 persone sono coinvolte negli sforzi per estinguere gli incendi, che si sono diffusi in diverse case vicine. Un soccorritore è morto, ha annunciato il sindaco della città.

Il mercato – pubblicizzato come uno dei più grandi del mondo – copre un’area di 300.000 metri quadrati  ,   i soccorritori sono al lavoro.

Negoziati rinviati di due ore, corridoi umanitari verso Paesi amici, Biden condanna Putin ” criminale di guerra ” all’ONU

 

Le prime foto dell'invasione dell'Ucraina- Corriere.it

 

Nell’ottavo giorno di guerra, i combattimenti non si sono mai fermati. Potenti esplosioni sono state udite nella notte a Kiev e in altre città dell’Ucraina. Secondo la Bbc, almeno quattro forti esplosioni si sono registrate intorno alle 3.00 ora locale nella capitale, ma non è chiaro quali fossero gli obiettivi né se ci siano persone colpite.

Così a Kiev nella notte sono tornate a suonare le sirene antiaeree con gli abitanti invitati a mettersi al riparo. I media locali hanno anche riferito di combattimenti alla periferia di Kiev. “Il nemico sta cercando di sfondare”, ha scritto nelle scorse ore su Telegram il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko.

Si apprende che a  Kharkiv almeno tre scuole e la Cattedrale dell’Assunzione sono state colpite dagli attacchi russi. Una delle scuole si trova nel quartiere nord di Saltivka e le altre due a poco più di un chilometro di distanza nella zona industriale nella parte sudorientale della città. The Kyiv Independent ha riportato di almeno tre scuole colpite insieme alla Cattedrale dell’Assunzione.

Afferma  il sindaco di Mariupol, Vadym Boichenko,Bombardamenti ”senza sosta” stanno colpendo la città portuale di Mariupol, nel sud-est dell’Ucraina, negli ultimi giorni. I bombardamenti sono talmente “implacabili” che i soccorritori non riescono a recuperare i feriti per poterli curare. 

Per il leader Zelenski  le linee di difesa dell’Ucraina stanno reggendo, ma i bombardamenti russi sulle città non danno tregua dalla mezzanotte affermando che il cambiamento nella tattica russa, ovvero la decisione di prendere di mira le aree civili, dimostra che l’Ucraina è riuscita a resistere al piano di Mosca che puntava a una rapida vittoria con un assalto di terra.

Adesso i negoziati previsti per le ore 15,30 tra le due delegazioni sono stati rinviati di due ore “per consentire i corridoi umanitari verso altri Paesi, compreso Mosca ,,,”

Toccante e commovente appello di Zelansky all’Unione europea” I bambini muoiono,forse anche noi moriremo per la libertà, intervenite, che la luce prevalga sulle tenebre….”

 

CHE LA LUCE VINCA SULLE TENEBRE, NON CI ABBANDONATE..

 

Guerra Ucraina-Russia, non c’è pace per Kiev e altre città del Paese, svegliate anche oggi dalle sirene d’allarme per gli attacchi aerei. Mentre si attende il secondo round di negoziati, e all’indomani delle dure parole di Biden su Putin (“è un terrorista, pagherà”), si contano oltre 100 feriti dopo gli attacchi contro Mariupol e si registrano combattimenti a Kherson, a detta dei russi già conquistata da Putin.

 – Il Papa ricorda che oggi è la giornata di digiuno e preghiera per la pace in Ucraina. “Oggi – dice Bergoglio all’udienza generale – entriamo nel tempo di Quaresima. La nostra preghiera e il digiuno saranno una supplica per la pace in Ucraina, ricordando che la pace nel mondo inizia sempre con la nostra conversione personale, alla sequela di Cristo”.

La governatrice dell’Iowa, Kim Reynolds, ha risposto, a nome dei repubblicani, al discorso sullo stato dell’Unione di Joe Biden, accusandolo di aver un atteggiamento debole in politica estera “La debolezza sulla scena internazionale si paga, e l’approccio del presidente alla politica estera è stata sempre troppo poco e troppo tardi“. . “E’ arrivato il momento che l’America torni a proiettare fiducia: è il momento di essere decisivi, di guidare”.

Il presidente ucraino  Zelensky ha accusato il Cremlino di voler “cancellare” la storia dell’Ucraina. Intervenuto in video, dopo che le forze russe hanno distrutto ieri, a causa di scheggie dei potenti spari,  a Kiev il mausoleo del massacro nazista di Babi Yar, Zelensky , di origine ebraica,ha esortato gli ebrei di tutto il mondo “a non rimanere silenziosi”. “Hanno l’ordine di cancellare la nostra storia, cancellare il nostro paese, cancellarci tutti”…

L’Ucraina ha avuto ieri dal Parlamento europeo 137 voti a favore per l’ingresso e lo status di candidata all’Unione europea. Si dovrebbero abbreviare i tempi per la definizione di una procedura che normalmente richiede diversi anni.

Si apprende infineche la città nord orientale ucraina di Sumy è sotto il bombardamento delle forze russe. Vi sono combattimenti nelle strade di questa città di oltre 260mila abitanti. L’amministrazione militare ha esortato la popolazione a non uscire nelle strade.

 – Il Ministero russo della Difesa ha annunciato che le sue truppe hanno conquistato la città meridionale ucraina di Kherson, con 300mila abitanti.