Camporeale: Fermo della Procura ad una banda di estortori autrice di numerosi furti e minacce

Risultati immagini per foto di carabinieri in divisa

I carabinieri hanno eseguito un provvedimento di fermo disposto dal Procuratore aggiunto Ennio Petrigni e dal Pm Enrico Bologna nei confronti di Maurizio Mulé, 26 anni di Partinico, Salvatore Lazzara, 30 anni, di Alcamo, Barbara Lombardo, 33 anni, Vincenza Ferdico, 24 anni, Francesco Mulè, 28 anni, di Partinico, Calogero Mulè, 30 anni, di Partinico e  Vincenzo Mulè, 25 anni, di Alcamo accusati di associazione a delinquere per aver commesso numerosi  furti ai cittadini di Camporeale e concretizzato intimidazioni ed estorsioni.

L’indagine, condotta dai militari della compagnia di Partinico, è iniziata dopo alcuni incendi dolosi a auto e autocarri nel territorio di Camporeale (Pa).

Anche le due donne, secondo quanto accertato dalle indagini hanno avuto un ruolo attivo nell’organizzazione. Il capo della banda era Maurizio Mulè, già destinatario della misure di pubblica sicurezza della sorveglianza che non gli consentiva di uscire nelle ore notturne…

Si apprende che il  Mulè che come sorvegliato speciale doveva apporre la propria firma in caserma,abbia notato  un imprenditore a cui avevano rubato un attrezzo da lavoro parlare con i carabinieri.

Quell’infame ai cui gli abbiamo rubato il compressore è in caserma e parla con il maresciallo”, diceva intercettato Mulè. Quattro giorni dopo il 31 dicembre per intimorirlo allo stesso imprenditore andò in fiamme un autocarro. La banda era specializzata oramai in  continui furti nel paese terrorizzato.

Rubavano di tutto: -Pellet, canne fumarie, attrezzi da lavoro  e anche tante olive che poi portavano nei frantoi per la molitura.  Maurizio Mulè segnalava soprattutto a Salvatore Lazzara sulla possibile presenza o meno delle auto dei carabinieri di pattuglia nella zona. “Stai attento – diceva Mulè – stanno passando i porci o i tarzan”. I componenti della banda tuttavia erano ignari che erano intercettati dagli investigatori. Un peccato di ingenuità che ha consentito ai carabinieri di liberare Camporeale dal fenomeno dei furti e delle minacce..

 

Translate »