Il maltempo non frena la partecipazione popolare e la fede in S.Agata

Festa di S.Agata. Ieri grande partecipazione popolare favorita dal bel tempo.  Suggestivo  il “percorso notturno nei quartieri popolari, via Plebiscito, i Cappuccini, il Fortino col ritorno dei tradizionali fuochi, via Garibaldi, e il rientro alla Cattedrale

Risultato immagini per immagine di s.agata"

Se ieri la Messa dell’Aurora ha visto il pienone dei cittadini mattinieri nella Chiesa, oggi il maltempo ha un pò rovinato la festa e messo a dura prova, sotto la pioggia continua ed un abbassamento di temperatura abbastanza consistente,la popolazione dei devoti catanesi

 

Risultato immagini per immagine di s.agata"

Già stamane  alle 10,15, il cardinale Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali, l’arcivescovo Salvatore Gristina, assieme agli arcivescovi e ai vescovi di Sicilia, ai canonici, al clero e al seminario muovono in corteo liturgico dal Palazzo Arcivescovile fino alla Basilica Cattedrale per il solenne pontificale.   Il servizio liturgico  viene curato dagli alunni del seminario arcivescovile; la cappella musicale del Duomo, diretta dal maestro Giuseppe Maieli, organista il maestro Piero Figura  impegnato nell’esecuzione della  “Missa Beata Virgo” di monsignor Nunzio Schilirò.

Risultato immagini per immagine di s.agata"

 

Papa Francesco: “Dobbiamo imparare ad essere servi inutili senza pretese di essere ringraziati…”

 

FAMCRISTIONLINE_20191006082536228.jpg
Nella foto il “Concistoro”: il Papa ordine nuovi cardinali nella Basilica Vaticana,  13  per l’esattezza,per l’imposizione della berretta, la consegna dell’anello e l’assegnazione del Titolo o Diaconia. La celebrazione è iniziata con il saluto, l’orazione e la lettura di un passo del Vangelo secondo Marco (6,30-37a). Quindi il Papa ha pronunciato l’omelia. Il Santo Padre ha poi letto la formula di creazione e proclamato solennemente i nomi dei nuovi Cardinali, annunciandone l’Ordine presbiterale o diaconale.

Nella fede, bisogna essere “servi inutili, cioè senza pretese di essere ringraziati, senza rivendicazioni”.  Papa Francesco, nell’Angelus di oggi  pronunciato a conclusione della messa per l’apertura dell’Assemblea speciale del Sinodo dei Vescovi per la regione panamazzonica ha detto:  “Siamo servi inutili” – ha spiegato  – “è un’espressione di umiltà e disponibilità che fa tanto bene alla Chiesa e richiama l’atteggiamento giusto per operare in essa: il servizio umile, di cui ci ha dato l’esempio Gesù, lavando i piedi ai discepoli”.

“Gesù vuol dire che così è l’uomo di fede nei confronti di Dio: si rimette completamente alla sua volontà, senza calcoli o pretese”, ha commentato il Papa.”Questo atteggiamento verso Dio – ha proseguito – si riflette anche nel modo di comportarsi in comunità: si riflette nella gioia di essere al servizio gli uni degli altri, trovando già in questo la propria ricompensa e non nei riconoscimenti e nei guadagni che ne possono derivare”.

Due le immagini usate da Gesù per spiegare l’attitudine del cristiano: il granellino di senape e il servo disponibile. Con la prima immagine, Gesù, nelle parole di Francesco, “vuole far capire che la fede, anche se piccola, può avere la forza di sradicare persino un gelso; e poi di trapiantarlo nel mare, che è una cosa ancora più improbabile: ma nulla è impossibile a chi ha fede, perché non si affida alle proprie forze, ma a Dio, che può tutto”.

La fede paragonabile al granellino di senape è, invece, “una fede che non è superba e sicura di sé – non fa finta di essere un grande credente, non fa delle figuracce, tante volte – ma che nella sua umiltà sente un grande bisogno di Dio e, nella piccolezza, si abbandona con piena fiducia a Lui. È la fede che ci dà la capacità di guardare con speranza le vicende alterne della vita, che ci aiuta ad accettare anche le sconfitte e le sofferenze, nella consapevolezza che il male non avrà mai l’ultima parola”. “Come possiamo capire se abbiamo veramente fede, cioè se la nostra fede, pur minuscola, è genuina, pura, schietta?”, si è chiesto il Papa: “Ce lo spiega Gesù indicando qual è la misura della fede: il servizio”.

Translate »