“Operazione “Canadian Connection Ndrangheta”: 14 provvedimenti di fermo

Risultati immagini per procura di reggio calabria immagine

Nella foto d’archivio (Sud Libertà) la Procura della Repubblica di Reggio Calabria

   OPERAZIONE ESTESA IN CALABRIA, EMILIA ROMAGNA E LIGURIA

 Sono in atto 14 i provvedimenti di fermo emessi nei confronti di  soggetti affiliati alla ‘ndrina Muià, federata alla potente cosca Commisso di Siderno (Rc), gravemente indiziati, a vario titolo, dei delitti di associazione mafiosa transnazionale ed armata, porto e detenzione illegale di armi, trasferimento fraudolento di valori, esercizio abusivo del credito, usura e favoreggiamento personale, commessi con l’aggravante del ricorso al metodo mafioso, ovvero al fine di agevolare la ‘ndrangheta.

Le indagini sono state condotte dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Reggio Calabria.

L’intera operazione è estesa in Calabria, Emilia Romagna e Liguria. Un ingente spiegamento di forze, circa  150 uomini e donne della Polizia. ‘Canadian Ndrangheta connection’ il nome dell’operazione: l’inchiesta della Dda di Reggio Calabria – sviluppata nel biennio 2018-2019 – con un’articolata indagine condotta dalla Squadra Mobile di Reggio Calabria e dal Servizio Centrale Operativo dalla Polizia – ha consentito di delineare gli assetti e l’operatività della ‘ndrina Muià, collegata alla più affermata e risalente cosca Commisso, tradizionalmente operante a Siderno (Reggio Calabria) e in Canada.

Gli inquirenti hanno messo in luce alcuni meccanismi finoggi sconosciuti e cioè l’articolazione territoriale nello Stato nordamericano, riferibile alla locale di Siderno,  attualmente governata da un organismo (il Crimine di Siderno) composto da una pluralità di soggetti che, allo scopo di preservare la propria operatività rispetto alle problematiche connesse alla notoria pressione investigativa operata nei confronti della ‘ndrangheta in territorio italiano, è abilitato a riunirsi ed assumere decisioni anche in territorio estero..e, tramite la Società di Siderno , alle strutture di vertice che governano gli ampi assetti organizzativi, in Italia e all’estero, dell’intera ‘ndrangheta unitaria.

Reggio Calabria: vita dura per i boss- Catturato Giuseppe Pelle capo strategico della ‘ndrangheta”

Risultati immagini per FOTO DI GIUSEPPE PELLE

Vita dura per i boss. E Giuseppe Pelle era un pezzo da novanta nella malavita di Reggio Calabria. Nel corso di una vasta operazione di polizia, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia della procura della Repubblica di Reggio Calabria, durante la notte, gli investigatori della squadra mobile di Reggio Calabria e del Servizio centrale operativo della Polizia di Stato, hanno catturato il boss di San Luca (Reggio Calabria). Classe 1960, Pelle è ritenuto capo strategico e membro della ‘provincia’ della ‘ndrangheta calabrese.

Il boss, ricercato dal 2016, aveva trovato rifugio all’interno di un’abitazione in una delle contrade più impervie dell’entroterra di Condofuri (Reggio Calabria), pressoché irraggiungibile in quanto priva di strade percorribili ed isolata dal greto accidentato di una fiumara aspromontana che ne rende difficoltoso l’accesso.

 Pelle era ricercato per associazione mafiosa ed estorsione. Il boss appartiene alla potente famiglia dei Gambazza di San Luca, un tempo guidata dal padre Antonio Pelle, classe 1932, elemento ai vertici della ‘ndrangheta fino alla sua morte, avvenuta nel 2009.

Pelle inoltre è legato anche alla potente famiglia Barbaro di Plati (Reggio Calabria), facente capo al boss ergastolano Francesco Barbaro, classe 1927 detto ‘u castanu’, per averne sposato la figlia Marianna. Il ricercato deve scontare una pena residua definitiva di due anni, 5 mesi e 20 giorni di reclusione per associazione mafiosa e tentata estorsione.