Tangenti a Messina: altri arresti eccellenti

Immagine Tribunale

Nella foto, la Procura di Messina

Arrestato Duccio Astaldi, presidente del consiglio di gestione della Condotte spa, impresa italiana leader nel settore delle costruzioni, il presidente del consiglio di amministrazione della COSIGE Scarl Antonio D’Andrea e l’ex capo della segretaria tecnica dell’ex governatore siciliano Rosario Crocetta, Stefano Polizzotto su disposizione della Procura di Messina.

L’ inchiesta è partita per  una presunta tangente per i lavori di realizzazione di tre lotti dell’autostrada Siracusa-Gela.

La misura cautelare è stata emessa anche nei confronti del funzionario del Consorzio Autostrade Siciliano Gaspare Sceusa. Astaldi, D’Andrea, Polizzotto e Sceusa sono stati posti ai domiciliari. Misura cautelare in carcere, invece, per il finanziere Nicola Armonium e Antonino Gazzarra, vicepresidente del Cas.

I reati contestati sono di turbativa d’asta, abuso d’ufficio e corruzione. L’indagine, che nasce da una segnalazione alla procura della città dello Stretto da parte del Tar, a cui avevano fatto ricorso le ditte escluse dalla gara di affidamento dei lavori, è stata coordinata dal procuratore di Messina Maurizio De Lucia.

Sotto mira degli investigatori anche  cinque persone, tra cui i componenti della commissione che avrebbe dovuto controllare la regolarità delle aste e verificare la congruità delle offerte per l’affidamento delle opere: Pietro Mandanici, Sebastiano Sudano, Antonino Recupero e Corrado Magro.

 

 

Translate »