Aggiornamento-rettifica: il numero dei decessi per coronavirus scende sotto le duecento unità

 

 

Sono 192 i decessi nelle ultime 24 ore in Italia e non 474 come comunicato  dalla Protezione Civile. Il dato è corretto ma, secondo il comunicato della Regione Lombardia, contiene anche 282 vittime lombarde di aprile che vengono comunicate dai Comuni a fine mese. Una circostanza che però, a quanto si apprende, non era stata specificata dalla Regione nell’inviare i dati al ministero della Salute.

Per la prima volta da circa un mese e mezzo il numero dei decessi in 24 ore scende quindi sotto le 200 unità. Il totale delle vittime nel Paese dall’inizio dell’emergenza è di 28.710. Gli attualmente positivi sono 100.704, con una diminuzione di 239 unità rispetto a ieri. I guariti sono in tutto 79.914, in aumento di 1.665 nelle ultime 24 ore. Calano ancora i ricoverati con sintomi (17.357, -212) e i pazienti in terapia intensiva (1.539, -39). In isolamento domiciliare si trovano ancora 81.808 persone. I casi totali dall’inizio dell’emergenza sono 209.328 (+1.900). In tutto sono stati eseguiti 2.108.837 tamponi, i casi testati sono 1.429.864.

Il governo rettifica lo scudo fiscale e dice al mondo: “Tutto Ok”…. Chi ci crede? Il VIDEO DI CONTE

 

Immagine correlata

Gli occhi del mondo erano puntati sulla seduta del Consiglio dei ministri. E non tanto per l’esclusione della punibilità penale – da tutti ritenuta ingiusta- quanto invece per vedere se il rapporto umano, politico si era ricucito tra i due vicepremier. Disco rosso adesso alla  non punibilità penale e lo scudo per i capitali all’estero.”Ora c’è la “stesura definitiva” e “pieno accordo”, ha detto il premier Giuseppe Conte al termine del Cdm. Niente sconti per gli evasori. Delle misure di pax fiscale “beneficeranno solo coloro che hanno fatto dichiarazione dei redditi”, ma che “per difficoltà” non sono riusciti a saldare i conti con lo Stato, ha detto Matteo Salvini nel corso della conferenza stampa. “Finalmente – ha sottolineato – si chiudono due-tre giorni surreali, nessuno aveva voglia di scudare, condonare o regalare a nessuno.

Le bugie e i metodi disinvolti  dei due vicepremier (denuncia alla Procura della Repubblica l’uno, “lo scudo fiscale resta com’è”, l’ annuncio dell’assenza strategica dalla seduta del Consiglio dei ministri e il ripensamento ) non sono stati graditi.   C’è davvero qualcosa che non va e che Conte minimizza molto bene per carità di patria.   Vediamo il video inviato a SUD LIBERTA’ dopo la Conferenza Stampa

Risultati immagini per immagini del governo italiano