Papa Francesco: “La Parola di Dio è l’unica che rende liberi”..

 

 

La parabola del seminatore.La Parola di Dio, simboleggiata dai semi, non è una Parola astratta, ma è Cristo stesso, il Verbo del Padre che si è incarnato nel grembo di Maria. Pertanto, accogliere la Parola di Dio vuol dire accogliere la persona di Cristo, lo stesso Cristo.

Fede corrosa dall’inganno della ricchezza, del successo: qui la Parola di Dio muore

Papa Francesco:  “ci sono diversi modi di ricevere la Parola di Dio”.

Possiamo farlo come una strada, dove subito vengono gli uccelli e mangiano i semi. Questa sarebbe la distrazione, un grande pericolo del nostro tempo. Assillati da tante chiacchiere, da tante ideologie, dalle continue possibilità di distrarsi dentro e fuori di casa, si può perdere il gusto del silenzio, del raccoglimento, del dialogo con il Signore, tanto da rischiare di perdere la fede, di non accogliere la Parola di Dio. Stiamo vedendo tutto, distratti da tutto, dalle cose mondane.

Oppure “possiamo accogliere la Parola di Dio – aggiunge il Papa – come un terreno sassoso, con poca terra”.

Lì il seme germoglia presto, ma presto pure si secca, perché non riesce a mettere radici in profondità. È l’immagine di quelli che accolgono la Parola di Dio con l’entusiasmo momentaneo che però rimane superficiale, non assimila la Parola di Dio. E così, davanti alla prima difficoltà, pensiamo a una sofferenza, a un turbamento della vita, quella fede ancora debole si dissolve, come si secca il seme che cade in mezzo alle pietre.

Il Santo Padre spiega che “possiamo, ancora, accogliere la Parola di Dio come un terreno dove crescono cespugli spinosi”.

E le spine sono l’inganno della ricchezza, del successo, delle preoccupazioni mondane… Lì la Parola cresce un po’, ma rimane soffocata, non è forte, muore o non porta frutto.

Il terreno fertile: coloro cioè che ascoltano la Parola di Dio

Papa Francesco infine spiega  che possiamo ricevere il seme della Parola “come il terreno buono”.

Qui, e soltanto qui il seme attecchisce e porta frutto. La semente caduta su questo terreno fertile rappresenta coloro che ascoltano la Parola, la accolgono, la custodiscono nel cuore e la mettono in pratica nella vita di ogni giorno.

Dopo aver ricordato i diversi tipi di terreno – quelli sterili e quello che invece porta frutto – Francesco pone due cruciali domande. Che tipo di terreno sono? Assomiglio alla strada, alla terra sassosa, al roveto?

Se vogliamo, con la grazia di Dio possiamo diventare terreno buono, dissodato e coltivato con cura, per far maturare il seme della Parola. Esso è già presente nel nostro cuore, ma il farlo fruttificare dipende da noi, dipende dall’accoglienza che riserviamo a questo seme. Spesso si è distratti da troppi interessi, da troppi richiami, ed è difficile distinguere, fra tante voci e tante parole, quella del Signore, l’unica che rende liberi.

Abituarsi alla Parola di Dio

Francesco esorta anche – come fatto anche altre volte durante il Pontificato – a portare sempre un Vangelo con sè per essere abituati alla Parola di Dio.

Portate sempre con voi un piccolo Vangelo, un’edizione tascabile del Vangelo, in tasca, in borsa… E così, leggete ogni giorno un pezzetto, perché siate abituati a leggere la Parola di Dio, e capire bene qual è il seme che Dio ti offre, e pensare con quale terra io lo ricevo.

Dopo la preghiera mariana, lo squardo del Papa è andato verso Istanbul, verso la Basilica Santa Sofia che per un decreto della presidenza turca diventa una moschea. “Sono molto addolorato”, ha detto il Pontefice. Poi ha salutato i fedeli di Roma e i pellegrini di vari Paesi, in particolare le famiglie del Movimento dei Focolari. Francesco ha infine rivolto un saluto e manifestato la propria gratitudine ai “rappresentanti della Pastorale della Salute della Diocesi di Roma, pensando a tanti sacerdoti, religiose, religiosi e laici che sono stati accanto ai malati in questo periodo di pandemia”.

Papa Francesco: Santi sette Beati e il monito la ricchezza è pericolosa

 

Vaticano,  Paolo VI e monsignor Romero proclamati Santi da Papa Francesco

Risultati immagini per immagine del Vaticano e di papa francesco

Impugnando la croce astile di Paolo VI e indossando le sue vesti liturgiche, con però il cingolo macchiato di sangue di monsignor Oscar Arnulfo Romero macchiato del suo sangue il giorno dell’uccisione, Papa Francesco ha fatto ingresso questa mattina in piazza San Pietro attraversando la Basilica di San Pietro fino a raggiungere il sagrato dove avevano già preso posto i 267 padri sinodali concelebranti e le delegazioni ufficiali tra cui quella italiana guidata da Mattarella..

Risultati immagini per immagine del Vaticano e di papa francesco

Dopo la lettura della petizione da parte del cardinale Giovanni Angelo Becciu, sono state recitate le litanie e Papa Francesco ha proclamato santi tutti e sette i beati, “Ad onore della Santissima Trinità – ha detto con voce solenne Papa Francesco – per l’esaltazione della fede cattolica e l’incremento della vita cristiana, con l’autorità di nostro Signore Gesù Cristo, dei Santi Apostoli Pietro e Paolo e Nostra, dopo aver lungamente riflettuto, invocato più volte l’aiuto divino e ascoltato il parere di molti Nostri Fratelli nell’Episcopato, dichiariamo Santi i Beati”.

Papa Francesco ricorda il  messaggio che Romero e Papa Montini hanno lasciato agli uomini: “La ricchezza è pericolosa e, dice Gesù,  rende difficile persino salvarsi. Non perchè Dio sia severo, no! Il problema è dalla nostra parte: il nostro troppo avere, il nostro troppo volere ci soffocano il cuore e ci rendono incapaci di amare”.

PAPA FRANCESCO:  LA RICCHEZZA E’ PERICOLOSA E RENDE INCAPACE DI AMARE

Risultati immagini per immagine del Vaticano e di papa francesco
Francesco ricorda pure come la vita dei nuovi santi sia stata una vita di povertà. E come “l’avidità del denaro è la radice di tutti i mali”. Dice: “Lo vediamo: dove si mettono al centro i soldi non c’è posto per Dio e non c’è posto neanche per l’uomo”. “Gesù – spiega il Pontefice – è radicale. Egli dà tutto e chiede tutto: dà un amore totale e chiede un cuore indiviso. Anche oggi si dà a noi come Pane vivo; possiamo dargli in cambio le briciole? A Lui, fattosi nostro servo fino ad andare in croce per noi, non possiamo rispondere solo con l’osservanza di qualche precetto. A Lui, che ci offre la vita eterna, non possiamo dare qualche ritaglio di tempo. Gesù non si accontenta di una ‘percentuale di amore’: non possiamo amarlo al venti, al cinquanta o al sessanta per cento. O tutto o niente”. “Cari fratelli e sorelle, il nostro cuore è come una calamita: si lascia attirare dall’amore, ma può attaccarsi da una parte sola e deve scegliere: o amerà Dio o amerà la ricchezza del mondo; o vivrà per amare o vivrà per sè. Chiediamoci da che parte stiamo. Chiediamoci a che punto siamo nella nostra storia di amore con Dio”.Secondo Papa Francesco, infatti, “non basta non fare nulla di male per essere di Gesù, non si può seguire Gesù se si è zavorrati da troppe cose”. “Chiediamo la grazia – ha invocato Francesco – di saper lasciare per amore del Signore: lasciare le ricchezze, le nostalgie di ruoli e poteri, le strutture non più adeguate all’annuncio del Vangelo, i pesi che frenano la missione, i lacci che ci legano al mondo. Senza un salto in avanti nell’amore la nostra vita e la nostra Chiesa si ammalano di ‘autocompiacimento egocentrico’: si cerca la gioia in qualche piacere passeggero, ci si rinchiude nel chiacchiericcio sterile, ci si adagia nella monotonia di una vita cristiana senza slancio, dove un pò di narcisismo copre la tristezza di rimanere incompiuti”.      

Significativo -afferma Papa Francesco – l’episodio del “giovane ricco” del Vangelo che “se ne andò rattristato: si era ancorato ai precetti e ai suoi molti beni, non aveva dato il cuore. E, pur avendo incontrato Gesù e ricevuto il suo sguardo d’amore, se ne andò via triste. La tristezza è la prova dell’amore incompiuto. E’ il segno di un cuore tiepido. Invece, un cuore alleggerito di beni, che libero ama il Signore, diffonde sempre la gioia, quella gioia di cui oggi c’è grande bisogno”. “Il santo Papa Paolo VI – conclude Francesco – scrisse: ‘E’ nel cuore delle loro angosce che i nostri contemporanei hanno bisogno di conoscere la gioia, di sentire il suo cantò. Gesù oggi ci invita a ritornare alle sorgenti della gioia, che sono l’incontro con Lui, la scelta coraggiosa di rischiare per seguirlo, il gusto di lasciare qualcosa per abbracciare la sua via. I santi hanno percorso questo cammino”.

Dunque, Papa Paolo VI e monsignor Oscar Arnulfo Romero vengono canonizzati insieme. Con loro altri cinque nuovi santi: don Francesco SpinelliNazaria Ignazia di Santa Teresa di Gesù, don Vincenzo Romano, suor Maria Caterina Kasper e Nunzio Sulprizio. Questi ultimi tre furono beatificati proprio da Paolo VI.

i

Translate »