ORRORE A SALERNO: LE FORMICHE IN OSPEDALE RICOPRONO IL CORPO DI UNA DONNA DECEDUTA

 

Orrore ancora in un ospedale italiano. Un altro esempio di orrenda sanità. E’ stata ritrovata coperta di formiche la salma di una donna, all’obitorio dell’ospedale di Scafati (Salerno). I familiari della 61enne una volta arrivati all’obitorio dell’ospedale hanno avuto la sgradita sorpresa e  hanno presentato una denuncia al Comando dei carabinieri.

Le formiche  invadevano gran parte della stanza e avevano raggiunto anche il corpo della donna.      E’ in corso una ricostruzione del fatto da parte della dirigenza, del  dottor Alfonso Giordano direttore del Dea Nocera Inferiore Scafati Pagani, Luigi Lupo, direttore del Nucleo Operativo ispettivo e Maurizio D’Ambrosio, dirigente medico del presidio ospedaliero di Scafati ed è stato altresì investito il Dipartimento di Prevenzione dell’azienda sanitaria locale.

 

L’Asl ha fornito chiarimenti e ha fatto una sommaria ricostruzione: “E’ emerso – spiegano i dirigenti-  che il decesso è avvenuto martedì mattina alle ore 9,20, il trasporto della salma in obitorio tra le ore 9,30 e 9,45 dopodiché sono stati rinvenuti insetti che inequivocabilmente fuoriuscivano da un interstizio tra due battiscopa. Si evidenzia, in merito, che l’Asl Salerno –  – aveva già effettuato una serie di attività preventive volte alla sanificazione degli ambienti mediante plurimi interventi, l’ultimo dei quali effettuato in data 7 agosto ed ulteriori attività sono peraltro già programmate“.   I Carabinieri raccolgono elementi e prove da presentare alla Procura della Repubblica. Sarà effettuata pure l’autopsia sul cadavere della donna per accertare le cause del decesso

La disperazione degli uomini continua: scompare in mare un gommone bianco con quattro persone

Risultati immagini per immagine di gommone bianco scomparso a salerno con disperati

Scomparso in mare un gommone bianco con a bordo quattro persone.

 

Da domenica sera, la Capitaneria di Porto di Salerno è impegnata nella ricerca del gommone tra Positano e Agropoli (Salerno). Si sa solo che a bordo vi erano  due adulti e due bambini. L’allarme è scattato nel tardo pomeriggio a seguito di un allarme  giunto alla Guardia Costiera di Salerno. Anche un aereo sta sorvolando tutta l’area di Salerno per la ricerca delle persone che si trovavano sul gommone. L’ipotesi più probabile finora è che il mare abbia inghiottito il gommone e l’intero equipaggio

Lotteria italiana: Napoli,Pompei,Salerno le città superfortunate -In Sicilia 5 biglietti da 50mila euro

Risultati immagini per immagine della fortuna alla lotteria

Tre biglietti di prima categoria su cinque della Lotteria sono finiti in Campania tra cui quello del primo premio da 5 milioni di euro (G 154304) a Sala Consilina, in provincia di Salerno. Il secondo (E 449246) da 2,5 milioni e il terzo (E 265607) da 1,5 milioni provengono e sono destinati a Napoli e Pompei

Al 2011 risale la vincita più ricca, 5 milioni a Napoli. Un altro dei biglietti vincenti di prima categoria (F 075026 da 500mila euro) è stato venduto in un’area di servizio di Fabro (Terni), dove tre anni fa finì il quinto premio da 250mila euro. A Torino, che si conferma super fortunata, è andato quello da 1 milione (P 386971): l’anno scorso finirono in provincia del capoluogo piemontese il terzo premio da 1,5 milioni a Rosta e il quarto da 1 milione a Pinerolo.

In Sicilia venduti 5 biglietti da 50mila euro. Ma nell’Isola vanno complessivamente altri 150mila euro, perchè sono sei i biglietti da 25mila euro tra quelli estratti.

Venduti a Palermo (N 050606), a Cinisi (G291041), a Campofelice di Roccella (E 011547), nel comune messinese di Villafranca Tirrena (I 454688), nel Trapanese a Castelvetrano (F 442404); nel Catanese a Paternò (L 045270).

 

 

Assenteismo: impronte digitali a Salerno (da 800 indagati il fenomeno è ora azzerato) e, in Sicilia che si fa? continua con l'”unica” timbratura

Risultati immagini per immagine di assenteismo, cartellini

INIZIAMO LA SPERIMENTAZIONE NEGLI ENTI DUBBI DOVE VI SONO STATE DENUNCE SULL’ASSENTEISMO COME LE SOPRINTENDENZE SICILIANE, CATANIA IN TESTA CHE CONTINUA CON UN’UNICA TIMBRATURA

di      Raffaele  Lanza

L’azienda ospedaliero-universitaria ‘San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona’ di Salerno, è il primo ente pubblico autorizzato dal Garante della privacy a installare un sistema di lettura di dati biometrici. Un esempio positivo che anticipa la scelta contenuta nel decreto appena approvato dal governo.

“Dopo una prima fase di sperimentazione –apprendiamo – il sistema di rilevazione delle impronte in questa Asl è entrato a pieno regime nel gennaio 2017″. Una scelta nata dopo che: 800 dipendenti su 3mila sono stati indagati” nel 2015 per presunte assenze ingiustificate dal lavoro. “Sette i dipendenti licenziati, si apprende, altri sono sotto procedura disciplinare”, mentre il tribunale competente deve emettere le sentenze penali

Risultati immagini per immagine di assenteismo, cartellini

Dovremmo iniziare -osserviamo noi – siffatta sperimentazione anche in Sicilia dove ognuno fa i comodi suoi, i dirigenti anche e in enti come la Soprintendenza di Catania dove  addirittura hanno eliminato con ordine di servizio -da oltre un decennio- la doppia timbratura ai dirigenti. Come dire: questo personale non dovrà mai recuperare ritardi o permessi diversamente dai dirigenti comunali e delle Asl.          Il comportamento della Soprintendenza di Catania è sostenuto dai vertici del dipartimento dei beni culturali della Regione Sicilia. Cioè dalla Regione, dal Presidente Musumeci probabilmente ignaro comunque – finora-di queste situazioni.   Non basta parlare di Antimafia, bisogna concretizzare questo assunto con le azioni per una maggiore trasparenza e correttezza.      Questa diversità di comportamenti e direttive diverse tra la città di Salerno che già provvede con le impronte digitali e enti catanesi come la Soprintendenza dove vi è solo un’unica timbratura sembra riflettere e consolidare due culture diverse, su un fenomeno che va sempre più avanti  spesso trascurato persino dalla Guardia di Finanza 
(per aver collaborato professionalmente con la Soprintendenza etnea)

L’‘introduzione di un sistema di lettura delle impronte non crea nessun problema per la privacy. “E’ il dipendente a detenere la sua impronta su un apposito tesserino digitale: prima passa il tesserino su un apposito rilevatore e poi appoggia il dito, il ‘match’ tra le due rilevazioni garantisce che non vi si sono imbrogli o truffe. Dopo le “iniziali resistenze da parte di qualche dipendente o sindacato” sono stati installati 15 rilevatori per i cinque plessi che costituiscono l’azienda ospedaliera, e oggi “il fenomeno dei ‘furbetti del cartellino’ si è azzerato”     Vediamo adesso cosa succederà        negli enti pubblici e, in primis in Sicilia