Trafficanti bulgari di stupefacenti intercettati da un Aereo della Finanza ATR42- Sequestrati 6 tonnellate di hashish

 

Operazione contro il traffico internazionale di sostanze stupefacenti. Sequestrate 6 tonnellate di hashish

 

 

PALERMO

Un’imbarcazione a vela, battente bandiera degli Stati Uniti d’America,- comunica il Comando – è stata intercettata da un Aereo della Guardia di Finanza ATR42-MP impiegato in attività di sorveglianza e pattugliamento del Mediterraneo occidentale.

Dopo l’avvistamento la barca a vela è stata monitorata, per circa 12 ore, senza soluzione di continuità, dal Pattugliatore Multiruolo P02 “Monte Cimone”.

Dopo aver ottenuto il necessario nulla osta dallo Stato di bandiera dell’imbarcazione per sottoporla ad un controllo di Polizia, il team di abbordaggio del Pattugliatore Multiruolo ha proceduto all’accesso ed al fermo del veliero.

A bordo, erano presenti 3 membri dell’equipaggio, di nazionalità bulgara, ed è stato rinvenuto un ingente quantitativo di hashish.

Il veliero è stato condotto nel porto di Palermo per proseguire l’attività di Polizia Giudiziaria, da parte dei militari del Gruppo di Investigazione sulla Criminalità Organizzata (G.I.C.O.) del locale Nucleo di Polizia Economico Finanziaria e della Stazione Navale di Palermo.

L’operazione si è conclusa con l’arresto dei 3 membri dell’equipaggio ed il sequestro dell’imbarcazione utilizzata per il traffico illecito, unitamente al prezioso carico di circa 6 tonnellate di hashish che, immesso sul mercato clandestino, avrebbe fruttato circa 13 milioni di euro.

Operazione “Cocorito” a Catania: sequestro di droga ed associazione a delinquere, dietro le sbarre 13 malfattori

 

Operazione Cocorito - Stroncato cartello della droga

(Foto Stampa G.di Finanza)

 

Nell’ambito di articolate attività d’indagine coordinate dalla Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia, i Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di finanza di Catania, con la collaborazione e il supporto dello SCICO (Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata), hanno dato esecuzione un’ordinanza, emessa dal Giudice per le indagini preliminari presso il locale Tribunale, con cui sono state disposte misure restrittive nei confronti 13 persone, sottoposte a indagine, a vario titolo, per associazione a delinquere e spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel dettaglio, l’attività investigativa – svolta dal Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di finanza di Catania – ha consentito di porre in luce e disarticolare due consorterie criminali operanti nel capoluogo etneo, dedite alla commercializzazione di elevati quantitativi di sostanze stupefacenti, e di sottoporre a sequestro, in più occasioni, oltre 367 kg di marijuana e cocaina.

In particolare, la prima associazione, promossa da due fratelli colombiani, coadiuvati da altri due cittadini del medesimo paese sudamericano, era dedita al traffico di cocaina. La seconda associazione criminale era a sua volta articolata in due gruppi.

Il primo, costituito da cittadini albanesi, ed è risultato attivo nell’importazione di importanti quantitativi di droga dall’Albania, poi rivenduti a organizzazioni operanti sul territorio siciliano. Il secondo gruppo si riforniva di stupefacente del tipo marijuana dal primo sodalizio, per poi rivenderlo a Catania.

Le investigazioni, condotte dalle unità specializzate antidroga del GICO del Nucleo di PEF della Guardia di finanza di Catania, hanno consentito, nel tempo, di effettuare sei interventi repressivi del traffico di stupefacente. In particolare, gli interventi, operati in provincia di Catania (Belpasso e Misterbianco) e a Messina, hanno consentito di pervenire al sequestro di 365 kg tra marijuana e cocaina, destinate al mercato catanese.

In esito alle complesse investigazioni eseguite dalle Fiamme Gialle etnee, il Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Catania, su richiesta della Finanza, tenuto conto, in particolare: degli ingenti quantitativi di stupefacente movimentati dalle associazioni criminali investigate; della notevole organizzazione e predisposizione di mezzi per importare lo stupefacente, ha disposto un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 13 soggetti, tutti sottoposti a indagine per i reati di associazione a delinquere e spaccio di sostanze stupefacenti.

Inoltre, nel corso degli interventi finalizzati all’esecuzione delle predette misure cautelari, sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro 500 grammi di marijuana e sono tratti in arresto in flagranza di reato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, due stretti congiunti di uno dei destinatari dell’ordinanza.

L’attività investigativa si colloca nel più ampio quadro delle attività poste in essere dalla Guardia finanza volte alla repressione della produzione e dello spaccio di sostanze stupefacenti e a tutela, in particolar modo, delle fasce più deboli della popolazione.

Operazione Arcobaleno: arresti e domiciliari a Palermo

 

Associazione a delinquere, detenzione e spaccio di stupefacenti, detenzione abusiva di armi e ricettazione. Sono le accuse mosse a vario titolo dalla Procura di Palermo ai 14 indagati dell’operazione denominata dai carabinieri Arcobaleno. I militari della compagnia di Carini hanno eseguito questa mattina un’ordinanza di custodia cautelare con cui il Gip – al termine di un’attività investigativa durata circa un anno sui comuni di Carini, Palermo, Misilmeri e Siracusa – ha disposto il trasferimento in carcere per sette persone e i domiciliari per altre sette.

La storia dell’intera operazione risale ad una rapina dell’ agosto 2018, nella tabaccheria New Miramare di Carini, e dalla successiva perquisizione in un appartamento dove sono stati trovati 37 grammi di cocaina, quasi 5 mila euro in contanti e una pistola.

L’indagine ha ricostruito i ruoli degli indagati all’interno di un’organizzazione in cui anche le mogli , dopo qualche arresto, sarebbero subentrate per non interrompere il lucroso business della marijuana. Sequestrati quasi 5 chili di marijuana e circa oltre 500 piante.

Nel corso dell’attività d’indagine, tra l’estate del 2018 e aprile 2019, i carabinieri avevano già arrestato cinque indagati e ne avevano denunciati altri cinque, scoprendo anche tre piantagioni e sequestrando tre pistole: una Smith e Wesson a tamburo, calibro 357 e con matricola abrasa, una pistola lanciarazzi calibro 22 marca Bruni e un’altra pistola a tamburo, questa volta una calibro 8 della Lebel. 

Tra pedinamenti e servizi di osservazione i militari, spiegano dal Comando provinciale, avrebbero accertato l’esistenza di una “continua e strutturata attività di produzione e coltivazione di marijuana a Carini e Palermo con spaccio in forma itinerante”, oltre a una “precisa divisione di compiti e ruoli tali da configurare specifiche responsabilità sotto il profilo associativo”