“Sospette intimidazioni contro l’ing Eugenio Ciancio,responsabile Lavori Pubblici del Comune di AciSant’Antonio

Danni all’auto del responsabile dei Lavori Pubblici, solidarietà di
Caruso: “Sospette intimidazioni, il suo lavoro forse trova qualcuno contrario

 

Per la seconda volta nell’arco di tre mesi il Responsabile dell’Ufficio Tecnico Comunale, ingegner Eugenio Ciancio Luigi,titolare per determina sindacale di posizione organizzativa, ha dovuto registrare il danneggiamento della propria autovettura da parte di ignoti, presumibilmente attraverso il lancio di pietre avvenuto contro il parabrezza.
Nella denuncia sporta presso la locale stazione dei Carabinieri, Ciancio ha fatto presente il sospetto che quanto accaduto potrebbe essere legato all’incarico che ricopre per il Comune di Aci Sant’Antonio, precisando però che non saprebbe indicare chi, nonostante la ripetitività del fatto lo porti a non escludere questa ipotesi.
Esprimo chiaramente la mia solidarietà personale – ha dichiarato il Sindaco, Santo Caruso – e ci tengo a far presente che l’Amministrazione Comunale è vicina all’ingegner Ciancio.
Indubbiamente in questi ultimi due anni, cioè da quando l’ingegnere è con noi, è stata portata avanti in maniera puntale una importante mole di lavoro, e non è da escludere che questo possa aver fatto irritare qualcuno, sebbene non sia ancora possibile identificare un possibile autore degli atti che condanniamo con fermezza.
“È certo – ha concluso – che se trovasse conferma l’ipotesi del danneggiamento volontario sarebbe plausibile affermare che si tratta di un’attestazione di merito: un buon lavoro votato alla trasparenza, nel rigoroso ordine della legalità, probabilmente non va giù a qualcuno con non ha dimestichezza con questi concetti”.

Oggi alle 16 plenaria degli Stati europei ma c’è il sospetto di una battaglia ideologica e di spegnere i sogni delle nuove generazioni

 

La plenaria Ue è riconvocata oggi alle 16. Siamo al quarto  giorno di trattative al Consiglio Europeo sul pacchetto Mff 2021-27-Recovery Plan.  Ancora nulla di fatto. Anzi è emersa finora la volontà di alcuni Paesi a frapporre ostacoli sul pacchetto “Recovery Plan”

Anche il premier Conte è provato dalle difficoltà che si prospettano nel corso di questa impresa insieme agli altri Stati europei   -Afferma. “Ci stiamo avvicinando allo zoccolo duro delle rispettive posizioni” e il “confronto diventa più risolutivo“”Spero che si possano iniziare a valutare alcuni aggiornamenti delle poste, frutto dell’intensa negoziazione di questi giorni”.

Si tratta-è questa la tendenza– al  ribasso sul pacchetto Mff 2021-27-Recovery Plan, “si interviene a ridurre l’ammontare, a compromettere l’efficacia, a frapporre vari ostacoli operativi”, comincio ad avere il sospetto che “non si voglia rendere effettivo uno strumento che è nell’interesse di tutti che funzioni”.

Quindi ha anticipato che il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel “proporrà una soluzione” che prevede una “riduzione dei trasferimenti a 400 miliardi e 390 miliardi” del Recovery Plan. La soluzione da 400 mld di trasferimenti “condurrebbe un maggiore sconto”, cioè un rebate aumentato, “per i Paesi che ne hanno diritto e quella da 390 mld uno sconto minore”…..

Un pò di amarezza c’è perchè sembra una corsa ad ostacoli questa negoziazione volta ad abbassare il livello di efficacia della reazione europea … I trasferimenti sono necessari a una pronta ripresa per rafforzare la resilienza dei Paesi che hanno più difficoltà nella crescita economica”. “Il Recovery Plan – ha sottolineato – non può diventare uno strumento per condurre battaglie ideologiche. Chi oggi si contrappone alla chiusura di questo negoziato e pensa di acquisire nell’immediato maggiore consenso sul piano interno deve però pensare che non solo la storia gli chiederà il conto ma che i suoi stessi cittadini, superata la reazione emotiva, si renderà che quella di stasera è stata una valutazione miope che ha portato a una decisione che ha contribuito ad affossare il mercato unico e la libertà di sognare delle nuove generazioni”….

 

ELARGIZIONI SOSPETTE DI CONTRIBUTI ALLA REGIONE, IN REALTA’ SCAMBI DI FAVORE TRA ONOREVOLI – TANTI DUBBI SULL’ASSESSORATO AI BENI CULTURALI

Risultati immagini per immagine di beni culturali in sicilia

Non abbiamo mai condiviso le elargizioni della Regione alle associazioni ed enti privati perchè nella gran parte dei casi sono veri e propri scambi di favore tra un parlamentare e l’altro che detiene il potere di concessione -.
L’assessorato ai Beni culturali salta agli occhi subito con il progetto  “ritorno alle tradizioni”ideato dalla parrocchia Santa Maria di Lourdes a Gliaca di Piraino finanziato dall’assessorato al Turismo
Figura pure uno strano ” “omaggio a Lucio Battisti”, una sagra del finocchietto selvatico, e persino un  convegno “Autonomie speciali nella prospettiva del regionalismo differenziato”.
Se guardiamo pure il bilancio della Regione ci sorprendiamo come le Procure non siano intervenute al controllo delle finalità dei finanziamenti avuti dai “favoriti”.  E’ un discorso automatico, non necessita neppure la denuncia sui singoli casi specifici.
Le sollecitazioni provengono da vari onorevoli, tanti referenti dei vari settori/dipartimenti ma la stanza dei comandi per far scorrere il fiume di denaro è affidato ad alcuni uomini politici ed entità:

Gianfranco Miccichè, il presidente dell’Ars, e Sandro Pappalardo, l’assessore al turismo, poi  l’assessorato -dipartimento ai Beni culturali con le richieste dei Soprintendenti e dirigenti di strutture  e l’assessorato all’Agricoltura.   Un regolamento dell’Assemblea parlamentare siciliana concede al presidente dell’Ars  il potere di dare contributi a chiunque, enti e comuni per la progettazione e realizzazione di eventi culturali per un importo fino a 15 mila euro..   Contributi al progetto archeologico “Aetna Hadriani” e agli eventi religiosi a discrezionalità del presidente dell’Ars,  soldi pure per i  “riti funerari nella Preistoria”, sul “mistero della Baronessa di Carini” e via dicendo oltre cento finanziamenti  a fine luglio scorso.

Non è ammissibile che ancora le cose funzionino così in Sicilia.  Per gli onorevoli la concessione dei contributi si rivela necessario per riempire le loro segreterie politiche, per la popolazione un autentico spreco e, in tanti casi-certamente -una truffa.