Arrestate due “Talpe”: persone eccellenti,informavano il Capo dei capi della Mafia siciliana

MATTEO MESSINA DENARO:  MA DOVE SEI NASCOSTO?

Risultati immagini per immagine bilancia della giustizia

 

Arresti eccellenti: la loro qualifica consentiva di fare da “talpe” ed informare il Superboss Matteo Messina Denaro

Stupore per l’arresto di due persone eccellenti a Trapani.  Accuse pesanti come macigni: rivelazione di notizie  riservate sulle indagini sul boss latitante Matteo Messina Denaro a un trapanese ritenuto vicino a Cosa nostra.

Gli arrestati sono un ufficiale della Dia di Caltanissetta e a un carabiniere in servizio a Castelvetrano, roccaforte del capomafia. Il tenente colonnello, un ufficiale dei carabinieri in servizio alla direzione investigativa antimafia di Caltanissetta, è accusato “di rivelazione di segreto d’ufficio, accesso abusivo a sistema informatico e favoreggiamento. L’appuntato dell’Arma, che lavora alla compagnia di Castelvetrano, è accusato invece di rivelazione di segreto d’ufficio e accesso abusivo a sistema informatico”. Tra le persone arrestate all’alba di oggi, c’è anche l’ex sindaco di Castelvetrano (Trapani) Antonio Vaccarino, già al centro di una vicenda processuale relativa al traffico internazionale di droga e successivamente diventato confidente di primo piano dei servizi segreti. In questa veste a partire dal 2007 era riuscito addirittura ad “agganciare” il superboss latitante, avviando una corrispondenza con Matteo Messina Denaro durata due anni.  Naturalmente resta da ascoltare adesso la loro difesa legale…

Risultati immagini per immagine di antonio vaccarino sindaco castelvetrano

L’ex sindaco di Castelvetrano, sciolto per Mafia, Antonio Vaccarino

Il reato di rivelazione di segreti d’ufficio ed accesso al sistema informatico giudiziario è da un pò di tempo- ricorderemo- rispolverato ed applicato dai magistrati siciliani, dalla Procura di Catania che recentemente ha rinviato a giudizio persone insospettabili come il comandante ispettore del Corpo forestale di Nicolosi Ferlito accusato di aver rivelato notizie segrete a beneficio di un imprenditore catanese titolare di una emittente televisiva, oggi chiusa.

Nasce una nuova Biblioteca antimafia a ricordo del poliziotto Agostino ucciso da Cosa nostra

Palermo, nasce biblioteca sociale dedicata a Nino e Ida Agostino

La biblioteca dedicata alle due vittime

La Sicilia ha una nuova Biblioteca controcorrente: la “Biblioteca sociale Antonino Agostino e Ida Castelluccio” in via Sgarlata 22 a Palermo.  Si aggiunge nella mappa delle biblioteche di spicco inserite nella pubblicazione dell’editore Vito Pacelli : ” Viaggio nel futuro- Schede, profili, uffici stampa delle biblioteche che verranno ” di R.L.  L’inaugurazione avverrà sabato prossimo, 4 agosto, alle ore 18. “Un modo per non dimenticare quanto accaduto il 5 agosto 1989 quando Nino Agostino, poliziotto della Questura di Palermo fu ucciso insieme alla moglie Ida, incinta, da dei sicari di Cosa nostra – spiegano gli organizzatori – Un piccolo luogo a pochi passi da via Maqueda voluto dalla caparbietà dell’associazione 100X100 in Movimento, che ha visto l’entusiasmo e il sostegno della famiglia Agostino”. Per l’evento fondamentale la collaborazione della casa editrice edizione Leima, di Cultural Mente e della Stanza dei Balocchi ma anche di Luigi Lombardo, segretario Siap Palermo. La biblioteca sarà messa a disposizione dell’intero quartiere e dei tanti giovani e bambini, potranno essere consultati libri di storia, di arte e soprattutto dedicati al contrasto e alla conoscenza delle mafie.