Mare, apre solarium a Catania ,piazza Sciascia Europa

 

Solarium e passerella

 

Inaugurato oggi  l nuovo solarium di piazza Sciascia-Europa,  Oltre 600 metri quadrati di piattaforma, un’inedita struttura con discesa a mare protetta, realizzata in modo tale da garantire l’accesso libero e sicuro ai cittadini e ai turisti per la tintarella o fare un bagno nello specchio d’acqua più centrale di Catania.

Nel solarium sono attivi docce, spogliatoi e punto ristoro, un decoro di piante ornamentali e un agevole accesso al mare adatto a tutte le età, con il controllo dei bagnini e il presidio del salvataggio in acqua.

A San Giovanni Li Cuti, poco distante, nello stesso Lungomare, da una settimana è aperta al pubblico la piattaforma con discesa in mare per i disabili. Una passerella rifunzionalizzata rispetto al passato, perfettamente integrata con la spiaggetta di sabbia vulcanica grazie all’utilizzo comune degli accessi dal borgo marinaro, dove da tre settimane l’isola pedonale è stata resa effettiva dal Comune, con la messa in esercizio di un video controllo h24 e le sanzioni per chi accede senza autorizzazione.

Il neo sindaco di Messina, Federico Basile, ringrazia la cittadinanza ed espone il suo progetto

 

 

 

 

Il neo Sindaco Federico Basile, nel porgere i saluti alla Cittadinanza intervenuta oggi nel Salone delle Bandiere, ha ringraziato i presenti

rivolgendo la sua attenzione “verso quella che – Egli ha dichiarato – rappresenta una stagione amministrativa legata alla continuità dei risultati già ottenuti. La Città ha ritenuto opportuno proseguire in questo progetto amministrativo, che è stato produttivo e vincente, contraddistinto da grande impegno e determinazione.

Con questo risultato dell’elezione mia e del Consiglio comunale – ha aggiunto il Sindaco Basile – è arrivato un segnale forte da parte degli elettori, che hanno apprezzato il lavoro fin qui svolto. La mia Città ha scelto di continuare su questa strada e ciò mi emoziona particolarmente e allo stesso tempo trasmette un’ulteriore carica di responsabilità nel rappresentare ed amministrare Messina con l’obiettivo di proseguire verso nuovi risultati, oltre quelli già raggiunti, che non si vedevano da oltre trent’anni. Il calore che ho riscontrato in giro per la Città in quattro mesi di campagna elettorale e che oggi ritrovo in voi con questo lungo applauso col quale mi avete accolto, rappresenta un ulteriore stimolo per me e la Giunta e certifica che Messina ha capito l’impegno, il lavoro, la dedizione messa in campo in questi anni, ognuno di noi con le proprie competenze.

Proseguiamo su questo percorso con grande impegno ed insieme a voi per dare alla Città quel definitivo rilancio civico di cui ha bisogno. Grazie di cuore a tutti – ha concluso Basile – ed un grande applauso ai miei Assessori che entrano nel pieno delle loro funzioni; si comincerà a lavorare da subito, proseguendo il percorso interrotto a metà febbraio e aggiungendo nuovi traguardi”.

Migranti, Regione Sicilia promuove progetto di co-housing e agricoltura sociale

 

Immagine

 

Co-housing e agricoltura sociale. A Villarosa, nell’Ennese, è stato presentato un innovativo progetto promosso dall’associazione Don Bosco 2000 – Impresa sociale in partenariato con la Regione Siciliana, realizzato nell’ambito del programma Più Su.pr.eme.

Presenti l’assessore regionale alla Famiglia, alle politiche sociali e al lavoro, Antonio Scavone, il dirigente Michela Bongiorno e il referente progetti Severino Richiusa dell’Ufficio speciale immigrazione della Regione.

L’iniziativa si è svolta in un bene confiscato alla mafia, gestito dall’associazione dal 2016 e valorizzato con diverse attività di imprenditoria sociale e accoglienza di migranti, afferenti al Sistema di accoglienza e integrazione (Sai) ministeriale. Sono stati affrontati i temi della legalità, dell’anticapolarato, dell’agricoltura sostenibile con riferimento alle tecniche innovative dell’acquaponica, dell’utilizzo di gamification e interattività per rendere più efficaci e coinvolgenti le campagne di sensibilizzazione.

«Oggi – ha detto l’assessore Scavone confrontandosi con i responsabili dell’associazione, i partner del progetto e i cittadini stranieri coinvolti – ho conosciuto una bella realtà. Un percorso virtuoso che si rivolge anche alla cosiddetta cooperazione circolare: riportare nel proprio territorio ciò che si è imparato qui in Sicilia, così come ho appreso dalla testimonianza di Ali Traoré. Il sostegno della Regione Siciliana c’è e crescerà nel prossimo futuro».

Il progetto avrà come output principale la creazione di una start up agricola formata principalmente da un gruppo di cittadini stranieri, destinatari di una formazione generale e specifica che si terrà in aule appositamente allestite e con una metodologia immersiva, anche attraverso l’uso della realtà aumentata e di percorsi didattici realizzati con moderne tecnologie. Infine, il progetto potrà formare quanti esprimano la volontà di fare rientro nel proprio Paese di origine, replicando quanto appreso a favore delle comunità locali nei villaggi di provenienza: per esempio creando sistemi di coltivazione acquaponici.

Il rientro sarà promosso da Don Bosco 2000 nell’ambito del progetto di cooperazione allo sviluppo attivo dal 2016 in Senegal, Gambia e Mali denominato “Cooperazione circolare”, progetto che crea attività generatrici di reddito nei villaggi rurali africani in cui i protagonisti sono i migranti di ritorno, ex beneficiari dei centri di accoglienza di Don Bosco 2000.

Catania: mercoledì 25 maggio seduta comunale sui regolamenti occupazioni suolo pubblico e dehors

mUNICIPIO

Catania,

I regolamenti per le occupazioni di suolo pubblico per ristoro all’aperto e dehors, per la gestione delle sponsorizzazioni del Comune di Catania e la concessione del patrocinio sono i primi punti all’ordine del giorno della seduta del Consiglio comunale che il presidente Giuseppe Castiglione ha convocato, in aula consiliare, per mercoledì 25 maggio alle ore 19.
Al vaglio dell’Aula, dopo l’apertura con le comunicazioni di presidente e consiglieri e l’approvazione dei verbali, ci sono diversi altri argomenti: l’autorizzazione alla  Acoset S.p.A., società in house, per l’acquisizione di una partecipazione nella “Catania Acque S.p.A” società costituita in vista dell’affidamento del Servizio Idrico Integrato nell’Ato Catania; la nomina del liquidatore del Fondo di assistenza e previdenza per il personale della Polizia municipale; le azioni di contrasto alla diffusione epidemiologica del Covid-19 nelle strutture comunali – variazione del bilancio 2021/2023, competenza 2022.
In trattazione anche le delibere su: mercati storici “Piazza Carlo Alberto”, “Pescheria” e “Mercato dei Fiori” – riperimetrazione;
mercati rionali Città di Catania – Montessori, Monte Po, Barriera del Bosco, S. Giorgio, Librino, Picanello, Piazza Eroi d’Ungheria, Canalicchio, S.G. Galermo, piazza S. Pio X, Cibali, Villaggio S. Agata – riperimetrazione;
regolamento procedure sanzionatorie amministrative;
fondo perequativo degli enti locali, conferma delle agevolazioni previste da delibera di Giunta municipale del  2021, ratifica della scheda (Alleg. 2) come da intesa con la Regione Siciliana;
approvazione del Programma Triennale delle Opere Pubbliche 2022-2024 e dell’Elenco annuale dei lavori per l’anno 2022;
adozione regolamento dei servizi cimiteriali e funebri di polizia mortuaria;
riconoscimento legittimità debito fuori bilancio relativo all’esecuzione di sentenze, giuste ordinanze del Tribunale civile di Catania, per pagamento a diverse famiglie delle spese di giudizio del servizio di assistenza per l’autonomia e la comunicazione in favore di alunni con disabilità delle scuole dell’infanzia, le scuole primarie e secondarie di primo grado;
ratifica deliberazione di Giunta comunale n.40 del 2022, avente per oggetto: variazione al bilancio di previsione 2021/2023, competenza 2022, Pon Metro 14-20, Poc Metro 14-20, Po Fers Sicilia 2014/2020 (Agenda Urbana);
approvazione regolamento di contabilità in attuazione dell’armonizzazione degli schemi e dei sistemi contabili previsti da decreto legislativo del 2011.

Elezioni Amministrative 2022: – Domani estrazione dell’ordine di inserimento di candidati e liste nelle schede elettorali

 

 

Comune di Messina

Messina,

Si è concluso stamani il lavoro della Commissione Elettorale Circondariale, che a Palazzo Zanca ha esaminato le liste delle candidature per le elezioni del Sindaco e del Consiglio comunale, verificandone la validità per poi procedere alla loro approvazione. Le ventiquattro liste presentate sono state tutte accolte.
Domani, venerdì 20, alle ore 10, presso l’Aula Consiliare di Palazzo Zanca, si procederà, alla presenza dei delegati di lista, all’estrazione dell’ordine di inserimento nelle schede elettorali dei candidati a Sindaco e delle liste collegate per l’elezione dei Consiglieri comunali, in programma domenica 12 giugno 2022.

Catania, nominati i nuovi assessori della giunta comunale

 

Catania,

Tre donne entrano a fare parte della giunta comunale di Catania.

Il sindaco facente funzioni Roberto Bonaccorsi ha nominato assessori Viviana Lombardo, Adriana Patella e Cinzia Torrisi, che hanno anche giurato alla presenza del segretario generale Rossana Manno.

Viviana Lombardo, 38 anni, avvocato, ha avuta assegnata la delega alle attività produttive; Adriana Patella, 34 anni, esperta di progettazione e formazione sociale, si occuperà del ramo dell’Amministrazione Comunale afferente alle Politiche per la Famiglia e i Servizi Sociali; Cinzia Torrisi, insegnante, 56 anni, avrà la responsabilità delle Scuola, della Cultura, dei Grandi Eventi e delle Politiche giovanili.  

In questo modo la composizione della giunta comunale è composta da nove assessori, compreso il sindaco facente funzioni.

Catania: Rifiuti, la raccolta “porta a porta” sbarca anche nel lotto Centro

Foto Ufficio Stampa Comune di Ct

Catania,

Un piano d’azione integrato per attuare la raccolta differenziata “porta a porta” nelle ampie zone del lotto centro non ancora servite da questo sistema, è stato messo in campo dall’Amministrazione Comunale e dalla Società Regolamentazione Rifiuti(SRR) che afferisce all’area metropolitana di Catania e presentato nella sala giunta di palazzo degli elefanti.

A fronte degli apprezzabili risultati che si registrano nei lotti Nord e Sud, con un livello medio di rifiuti differenziati che si avvicina al 45%, la recente aggiudicazione al consorzio Gema del capitolato d’appalto per la raccolta dei rifiuti nel lotto che riguarda il centro storico e le zone attigue, consente finalmente di rimuovere gradualmente i cassonetti e mettere a regime il sistema di raccolta porta a porta.

“Insieme alla SRR – ha detto il sindaco facente funzioni Roberto Bonaccorsi- abbiamo deciso di accelerare affinché anche il lotto Centro si allineasse al resto della Città. Inutile ricordare quanto sia importante, rimuovere definitivamente, con l’impegno di tutti,   le non edificanti pagine amministrative che sui rifiuti sono state scritte, oggettivamente senza che nessuna colpa specifica si possa addebitare a questa amministrazione. Avviando il porta a porta, eliminando quei brutti cassonetti che deturpano il  territorio e creano discariche con costi altissimi della Tari e scarsi livelli di raccolta differenziata,  siamo a una svolta decisiva a cui tutti i cittadini devono collaborare per avere maggiore pulizia in città e meno costi per il Comune”.

Secondo il piano approntato dai tecnici, dal 29 maggio un nuovo step della raccolta  porta a porta riguarderà la zona di Picanello e quella a mare, nel lotto Centro, un territorio di circa 30 mila abitanti, in cui l’azienda Dusty sta già informando i cittadini del nuovo sistema di lasciare i rifiuti differenziati davanti alla propria abitazione, secondo il calendario dei giorni prestabiliti, unico per tutta la città.

Il subentro di Gema, fissato per il prossimo 20 giugno, con la firma del contratto effettuata anticipatamente con le riserve di legge -ha aggiunto il presidente della Srr Francesco Laudani- consentirà da quella data di fare scattare il porta a porta anche a Nesima Inferiore e Borgo/Cibali. Per questa ragione è stato annunciato da parte della stessa azienda l’avvio di una capillare campagna di informazione ai cittadini interessati, che inizierà già questa settimana, proprio per accelerare il piano d’azione e diminuire i tempi della transizione da un gestore e da un sistema di raccolta all’altro”.

 

 

Entro il prossimo 1 settembre – ha aggiunto l’assessore Barresi-  a Catania spariranno tutti i cassonetti raggiungendo i livelli di raccolta differenziata che tutti auspichiamo. Finalmente potremo lasciarci alle spalle un vecchio capitolato che non garantiva né efficienza nè riduzione dei rifiuti. A causa della mancata aggiudicazione il lotto Centro era diventato una ferita nel percorso positivo che abbiamo avviato nel resto della città, con risultati soddisfacenti e che ora finalmente ci consente di invertire la tendenza anche nelle zone residue. Oltre all’impegno dei funzionari comunali, della SRR e delle aziende appaltatrici con le maestranze, voglio ricordare le 10 mila multe elevate dai nostri vigili urbani, in appena sei mesi, per infrazioni al corretto deposito dei rifiuti, quasi la metà dei quali residenti fuori da Catania”.

 

 

76° anniversario Autonomia regionale siciliana: presente Messina con Santoro

 

Il Commissario del Comune di Messina, dott Santoro

Messina,

Il Commissario Straordinario del Comune di Messina Leonardo Santoro – ci perviene il comunicato stampa-ha partecipato ieri, domenica 15, in rappresentanza della città di Messina, alla cerimonia per il 76 esimo anniversario dell’Autonomia regionale siciliana.

L’evento si è tenuto nella splendida cornice dei giardini di Palazzo d’Orleans, sede del governo regionale. alla presenza delle autorità civili, politiche e militari. Nel corso dell’evento è stata inaugurata la nuova fontana nei giardini di Palazzo

d’Orleans.

Da mercoledì, 18, attive le telecamere a Catania, da Piazza Duomo alla via Etnea- Primo stop alla malavita

Catania,

Dopo il borghetto marinaro di San Giovanni Li Cuti, ora è la volta di via Etnea, da piazza Duomo ai pressi di Villa Bellini, ad avere un’effettiva pedonalizzazione mediante controlli video telecamere di ultima generazione. Da mercoledì prossimo, 18 maggio, per 30 giorni, – comunica il Comune di Catania -saranno attive le telecamere per il controllo della nuova “Area Pedonale controllata elettronicamente” di Catania, seppure senza la rilevazione di sanzioni. Un mese che costituisce il cosiddetto periodo di “pre-esercizio”, per le prove generali dei controlli con l’occhio delle telecamere e nel frattempo rilasciare i pass elettronici agli aventi diritto per transitare senza incorrere nelle multe.

L’ordinanza comunale è già stata pubblicata con le piazze e le vie interessate dal provvedimento che scatta il prossimo 18 maggio, per entrare a regime un mese dopo, con l’attività di effettiva  segnalazione dei trasgressori. I controlli con varchi elettronici e telecamere verranno attivati in cinque punti da piazza Duomo a via Litrico(Giardino Bellini): via Vittorio Emanuele II, nei pressi del civico 148, lato nord, angolo via Raddusa; via Etnea, nei pressi del civico 46, lato est, via Fragalà; via Etnea, nei pressi del civico 78, lato est, angolo via Antonino di Sangiuliano; via Etnea, nei pressi del civico 166, lato est, angolo piazza Stesicoro; via Michele Rapisarda, nei pressi del civico 2, lato ovest, angolo via A. di Sangiuliano.

L’amministrazione comunale ha incaricato l’Azienda Metropolitana Trasporti e Sosta S.p.A.(Amts) a rilasciare i pass elettronici agli aventi diritto, cioè categorie di mezzi predefiniti, ma anche ai mezzi di carico e scarico merci con orari stabiliti , che hanno la preventiva autorizzazione. Operazione semplice, che si può eseguire collegandosi al sito Internet dell’AMTS (Permessi accesso Aree Pedonali e ZTL – AMTS Catania ), seguendo le istruzioni dettate dalla piattaforma web e accreditandosi nella “White List”.

L’avvio dei controlli elettronici in questa determinata Area Pedonale riguarda una zona nevralgica anche per i flussi turistici del capoluogo etneo, che in poche centinaia di metri comprende piazza Duomo, piazza Università, Palazzo degli Elefanti, Palazzo dei Chierici, l’Ateneo, la Prefettura, Palazzo Minoriti e il Palazzo delle Poste.

Come avvenuto per San Giovanni Li Cuti, che già funziona a regime, nella prima fase saranno gli agenti della Polizia Municipale con il supporto degli operatori dell’AMTS a presidiare varchi e ingressi dell’isola pedonale. Un piano d’azione che dal 17 giugno diverrà permanente, con multe e sanzioni elevate elevate elettronicamente agli eventuali trasgressori, realizzando finalmente un’effettiva area pedonale senza possibilità di violazioni, allineando Catania alle altre città italiane e del mondo che da tempo utilizzano le telecamere per garantire l’utilizzo pedonale degli spazi cittadino di particolare pregio e interesse pubblico.

Un obiettivo che s’inserisce nel graduale potenziamento di una mobilità sempre più green in sinergia con AMTS, soggetto attuatore delle strategia di mobilità avviata dal Comune, con l’obiettivo di scoraggiare sempre di più l’utilizzo dei mezzi privati, incentivare il movimento delle persone con il trasporto pubblico e garantire la sicurezza ai pedoni.

 

Trantino: “In arrivo 20 milioni di euro per abbattere il ponte sul lungomare di Catania”

Lavori
Lavori nella Circonvallazione di Catania

Catania,

Nella circonvallazione, nei pressi della grande rotatoria di Ognina, sono in corso di esecuzione i lavori di abbattimento del muro di contenimento del vecchio pilone del dismesso cavalcavia di RFI.

Un intervento necessario e più volte sollecitato dall’assessore ai lavori pubblici Enrico Trantino, per aprire il varco stradale necessario a rendere utilizzabile le corsie della via di fuga Rotolo/Ognina, un’opera di protezione civile la cui realizzazione nel corso degli anni ha avuto un percorso tormentato.

Lavori pubblici, Trantino: “Non perdere fondi strutturali” - QdS
Enrico Trantino: occorrono 20 milioni per abbattere il ponte sul lungomare

Finalmente -ha comunicato  Trantino- le ruspe sono entrate in azione al fine di creare le condizioni per un collegamento diretto tra la circonvallazione e il tratto finale di via del Rotolo e impedire che si formi il tappo del flusso veicolare su piazza Mancini Battaglia, aggravato dall’indisciplina e la sosta selvaggia di molti automobilisti. Un passo avanti decisivo nel nostro piano di recupero e valorizzazione di quella zona che prevede una molteplicità di azioni progettuali che finalmente potremo attuare”.

Nelle scorse settimane l’assessore Trantino ha guidato un sopralluogo sulle corsie della strada a doppia corsia sulla via del Rotolo con l’assessore Sergio Parisi, il capo di gabinetto Giuseppe Ferraro e tecnici comunali e di Rfi, allo scopo di individuare soluzioni sinergiche e coerenti con la soluzione del nodo che scarica tutto il traffico veicolare sul Lungomare.

L’obiettivo minimo –ha spiegato Trantino- è aprire in Agosto almeno una corsia della via di fuga per deflazionare piazza Mancini Battaglia per ridurre i colli di bottiglia e completare gli interventi per l’apertura al traffico veicolare della nuova strada”.

Trantino ha anche annunciato che l’Amministrazione Comunale ha chiesto al Ministero delle Infrastrutture il finanziamento di 20 milioni di euro, necessari a realizzare il progetto per l’abbattimento del ponte sul Lungomare e ridare luce al borgo marinaro e alla storica chiesa di Santa Maria in Ognina, per rendere pedonale  tutto quel tratto del Lungomare.

Dal canto suo, sempre nell’area del Lungomare, l’assessore alle politiche comunitarie Sergio Parisi ha reso noto che a breve verrà indetto il concorso di progettazione per la rigenerazione del percorso viario  e pedonale, da piazza Mancini Battaglia al passiatore della Stazione, con un intervento di circa dieci milioni di euro di fondi comunitari  che valorizza il percorso del mare  in un’ottica di sicurezza, tutela ambientale e vivibilità. “Un intervento di grande portata -ha spiegato Parisi- in linea con gli altri progetto che stiamo mettendo in campo, con le gare d’appalto già prossime all’affidamento dei lavori per fare rinascere piazza Consiglio D’Europa (ex Nettuno), piazzale Sciascia cioè il fronte mare a specchio con piazza Europa, quest’ultima anch’essa in dirittura d’arrivo per essere riqualificata, salvaguardando e rinnovando la fontana esistente”.

Translate »