Alessandra Todde,deputata del M5S, vince le elezioni in Sardegna (con il sostegno del Pd)

 

Silvio Berlusconi accompagnato dalla compagna Marta Fascina vota al seggio elettorale di via Fratelli Ruffini per le elezioni regionali in Lombardia, Milano, 12 Febbraio 2023. ANSA/MATTEO CORNER

 

” Il leader del M5s Giuseppe Conte  esprime la sua soddisfazione per la vittoria di un presidente grillino.

“Sono  date storiche. Prima donna presidente della Regione Sardegna e anche, devo dire con orgoglio, la prima volta che il M5s esprime un presidente di Regione. E’ stato fatto un gran lavoro dalle forze politiche e da quelle civiche, che hanno lavorato qui territorialmente per elaborare un progetto serio e credibile per i cittadini sardi”

 

  • Classe 1969, nuorese, Todde è laureata in Scienze dell’informazione e poi in Informatica. È ingegnere e ha vissuto e lavorato per anni all’estero dove si è occupata di energia ed evoluzione digitale. Fra il luglio 2018 e l’aprile 2019 ha ricoperto l’incarico di amministratrice delegata di Olidata, società del settore informatico, incarico che ha lasciato per candidarsi alle elezioni europee col Movimento 5 Stelle, senza poi essere eletta

Elly Schlein”Sono molto emozionata perché come dice Alessandra questa è una vittoria dei sardi, di questa straordinaria candidata che ha fatto una campagna splendida e che ridà speranza a questa terra. E’ la vittoria di una coalizione e di un progetto convincente e credibile. Siamo molto felici di questo”,

“Aspettiamo gli ultimi dati, aggiunge ancora -ma c’era chi non scommetteva che saremmo arrivati fino a qui. Questo risultato conferma la scelta che è nata sul territorio, ci credevo da subito e il rapporto di stima con Alessandra nasceva da prima di questa candidatura”.

 

Catania, aggredito con violenza un pensionato di 82 anni per rapina ma il criminale straniero viene individuato ed arrestato

 

 

Tentata rapina con ferocia a Catania. I carabinieri del nucleo operativo della compagnia Piazza Dante di Catania hanno arrestato un pregiudicato straniero di 39 anni senza fissa dimora, per tentata rapina aggravata ai danni di un pensionato di 82 anni.

L’aggressione all’anziano è avvenuta verso le ore 5.30 del mattino, mentre lo stesso stava percorrendo via Don Luigi Sturzo, a Catania, per rincasare, dopo avere accompagnato alla vicina fermata dell’autobus la moglie, che doveva andare in aeroporto. In quel momento    la persona  anziana è stato improvvisamente raggiunto alle spalle dal trentanovenne, che con  una pietra di grosse dimensioni, con decisione e viltà lo ha colpito alla nuca, facendolo cadere al suolo.

Una volta a terra, il criminale  lo  ha colpito o con calci e pugni al volto, per poi rovistare nelle tasche dei pantaloni e del giubbotto, fermandosi solamente quando ha capito che  non aveva denaro al seguito.   Le telecamere della zona hanno ripreso la scena del crimine e il malvivente è stato individuato e  arrestato dai militari dell’Arma in meno di 24 ore    Adesso per lui si aprono le porte del carcere e poi,inevitabilmente, l’espulsione dall’Italia.

Stamane parte lo spoglio delle schede per le elezioni regionali in Sardegna, nelle 1884 sezioni elettorali

illustrazioni stock, clip art, cartoni animati e icone di tendenza di siluetta di una mano che mette un voto nella casella di voto su sfondo giallo pallido - elezioni

 

Oggi lunedì 26 febbraio 2024,parte  lo spoglio delle schede nelle 1.884 sezioni distribuite nei 377 Comuni della Sardegna per le elezioni regionali.        Le operazioni dovranno partire dalla conta dei voti per i candidati presidente.       I candidati che si contendono la guida dell’isola per i prossimi cinque anni sono Paolo Truzzu (centrodestra), Alessandra Todde (Campo largo), Renato Soru (Coalizione sarda) e Lucia Chessa (Sardigna R-esiste).

Sono 758.252 i votanti (affluenza del 52,4%) che ieri si sono presentati ai seggi tra le 6.30 e le 22. Dopo la conta dei voti ricevuti dai quattro candidati a prendere il posto di Christian Solinas si passerà al conteggio dei voti di lista e infine le preferenze ricevute dai consiglieri.        Una particolarità della  legge elettorale in vigore in Sardegna:   si potrà esprimere la doppia preferenza di genere (due candidati di sesso diverso, ma della stessa lista) e c’è anche la possibilità del voto disgiunto (indicando un candidato consigliere di una lista e il presidente sostenuto da un’altra coalizione).

Affluenza

L’affluenza alle Regionali 2024 della Sardegna si è attestata dunque al 52,4%. Su 1.447.753 aventi diritto sono stati 758.252 i cittadini che si sono recati alle urne. Cinque anni fa il dato fu del 53,74%.

Nuoro registra invece l’affluenza maggiore tra le principali città sarde: il 60%. Nel capoluogo barbaricino, città della candidata del Campo largo Alessandra Todde, alle Regionali del 2019 aveva votato il 57,20%. Il dato cittadino traina quello dell’intera circoscrizione: nel Nuorese ha votato il 56,4% degli elettori, cinque anni il dato si fa era fermato al 53,18.

A Cagliari città hanno votato 79mila elettori, che rappresentano il 55,32% degli aventi diritto. Nel capoluogo sardo di cui è sindaco Paolo Truzzu, candidato del centrodestra alla guida della Regione, nella tornata elettorale del 2019 aveva votato il 58,97%.

Ma anche se una manifestazione di giovani in piazza che intendono esprimere la libertà di un pensiero non sia autorizzata, la Polizia di Stato può usare i manganelli?

GLI    ” ERRORI”    DEL  QUESTORE DI PISA CHE, FORSE, NON HA POTUTO INTERPRETARE CORRETTAMENTE LE INTENZIONI DEL CORTEO 

 

Dopo il richiamo del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella  sull’uso dei manganelli ai ragazzi manifestanti, liberi di manifestare, la Procura di Pisa, retta dal procuratore facente funzioni Giovanni Porpora, ha aperto un fascicolo sugli incidenti accaduti venerdì scorso durante il corteo degli studenti pro Palestina.

Il quesito adesso si pone: anche se le manifestazioni Pro Palestina non siano autorizzate sulla piazza ,può la Polizia far indietreggiare la popolazione giovanile a colpi di manganello?

Il Ministro dell’interno Piantedosi ha assicurato una verifica ufficiale “Se vi sono stati degli eccessi valuteremo”.Al momento il procedimento sarebbe contro ignoti e per ora senza ipotesi di reato. L’indagine sulle cariche della polizia è stata affidata ai carabinieri, partendo dall’esame dei video circolati sui social che mostrano agenti che colpiscono ragazzi con i manganelli.

Polizia (Fotogramma)
Nel fascicolo sarebbero state già acquisite le riprese video realizzate dalla Digos, che avrebbe consegnato anche una prima informativa sull’accaduto. Oltre ad avere indicato i nomi del funzionario che coordinava il servizio, del personale della questura impiegato e di ogni agente del reparto mobile presente in piazza, la Questura avrebbe fornito anche un elenco di nomi di manifestanti, identificati nel corso della manifestazione  oltre ad una informativa che le manifestazioni 2Pro Palestina” non erano state autorizzate

Catania: sequestro di stalle abusive e cavalli in pessime condizioni igieniche nel quartiere San Cristoforo

 

Catania,

Durante un controllo straordinario nel quartiere San Cristoforo, a Catania, i poliziotti della Questura hanno scoperto cinque stalle abusive all’interno delle quali c’erano dei carretti utilizzati per le corse clandestine. Nelle stalle vivevano i cavalli in pessime condizioni igienico-sanitarie e senza microchip. Inoltre, dalle visite fatte dai veterinari dell’Azienda sanitaria provinciale (Asp) è emerso anche che i cavalli avevano subito maltrattamenti da parte dei proprietari.

Gli animali sono stati sequestrati dai poliziotti della Squadra a cavallo e della Squadra mobile, che li hanno affidati ad una struttura idonea.

Durante le perquisizioni sono stati trovati e sequestrati diversi farmaci dopanti che venivano utilizzati sui cavalli durante le corse clandestine. Sono tre le persone denunciate per maltrattamenti di animali alle quali sono stati contestati anche altri illeciti amministrativi, anche da parte del personale Asp.

Sempre a seguito delle perquisizioni sono stati rinvenuti e sequestrati, dagli artificieri della questura, 29 manufatti esplosivi illegali, di fattura artigianale, comunemente denominati bombe carta. A seguito del rinvenimento è stato arrestato un 42enne con precedenti di polizia anche per maltrattamenti di animali, poiché colto nella flagranza del reato di detenzione illegale di materiale esplosivo.

Gli agenti hanno anche accertato che alcune vie adiacenti alle stalle erano state chiuse con cumuli di immondizia, messi con lo scopo di inibire l’accesso ad altre persone e limitare eventuali controlli.

Con l’ausilio di tecnici di e-Distribuzione sono stati individuati tre allacci abusivi alla rete elettrica da parte degli utilizzatori di due stalle oggetto del controllo, nonché, del proprietario di un’abitazione adiacente le stesse. Gli autori sono stati denunciati per furto aggravato di energia elettrica.  

Inoltre, durante il controllo, è stato scoperto e sequestrato un laboratorio abusivo adibito alla preparazione di prodotti alimentari destinati alla vendita ambulante, anch’esso in pessime condizioni igieniche e senza alcuna autorizzazione.

L’operazione ha consentito ai poliziotti di acquisire importanti elementi di indagine volti all’individuazione dei responsabili della corsa clandestina oggetto di un video che è stato diffuso nei giorni scorsi sui social e dagli organi di stampa.

L’attività si inquadra in un più ampio e costante monitoraggio del fenomeno che ha consentito, nello scorso anno, il sequestro di 12 cavalli e, nel mese di gennaio, il sequestro di altri quattro equini.

 

 

 

Gaetano Riina, fratello di Totò, il “Capo dei capi”, è deceduto e seppellito nel cimitero di Mazara del Vallo. Stop ai funerali

 

 

È morto a 90 anni Gaetano Riina, fratello di Toto’ Capo dei capi.     Si apprende che il decesso è avvenuto giovedì e ieri è stato seppellito nel cimitero di Mazara del Vallo.

Il questore di Trapani dr.  Salvatore La Rosa ha emesso un divieto di funerali pubblici.          Si è studiato    pure  il percorso che l’auto funebre ha dovuto seguire per raggiungere il camposanto dove si è svolta una veloce tumulazione alle 20.   Presenti solo i parenti più stretti.

G7, Giorgia Meloni assume la presidenza e con Zelenski firma un accordo comune ai Paesi occidentali per un piano militare ed umanitario dell’Ucraina

Giorgia Meloni e Volodymyr Zelensky (Fotogramma/Ipa)

 

Si firma n accordo sulla sicurezza decennale, dell’Ucraina  dal piano militare a quello umanitario, In questi eleganti fogli firmati dai due leader si parla pure- si apprende -dalla cooperazione nell’industria della difesa al sostegno al bilancio. La premier Giorgia Meloni  a Kiev assume la presidenza del G7 e in occasione del secondo “doloroso” anniversario dell’invasione russa dona un pò di speranza agli ucraini che oppongono una massiccia resistenza ai sovietici.   

  Arrivata in treno dalla Polonia (ancora l’unica via per raggiungere dall’estero l’Ucraina a causa della chiusura dello spazio aereo), accompagnata dalla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, dal leader canadese Trudeau e da quello belga De Croo,Giorgia Meloni  ha portato un messaggio chiaro al presidente Volodymyr Zelensky: l’Italia e gli altri Paesi del G7 non lasceranno sola l’Ucraina e le rimarranno al fianco per tutto il tempo necessario.      Zelenski in questo momento più che mai ha necessità di aerei di caccia per contrapporsi nei cieli agli aerei russi che bombardano a ritmi sempre più incessanti l’Ucraina

Insomma  Kiev potrà contare sulle  cancellerie occidentali.   La premier Meloni :  “L’Ucraina può avvalersi delle capacità e mezzi di  tutte le nazioni del G7 e sull’Unione Europea. Non ci siamo mai tirati indietro e non intendiamo farlo adesso, nonostante quello che dice certa propaganda”

Oggi dalle 6,30 il voto regionale in Sardegna per il rinnovo del Consiglio e del Presidente della Regione.

Nelle controversie sulla lesione dell'esercizio del diritto di voto la  giurisdizione spetta al Giudice Ordinario | 4cLegal

 

Oggi  si potrà esprimere il voto in Sardegna, dalle 6.30 di oggi 25 febbraio  per le elezioni regionali. Operazioni di voto nelle 1.844 sezioni distribuite nelle otto circoscrizioni che ricalcano i confini delle vecchie Province: Cagliari, Sassari, Nuoro, Oristano, Olbia-Tempio, Carbonia-Iglesias, Medio Campidano e Ogliastra.

Sono 1.447.761 gli elettori sardi chiamati alle urne per il rinnovo del Consiglio e del presidente della Regione. Sono 58 i seggi a disposizione per i circa 1.400 aspiranti consiglieri distribuiti in venticinque liste a sostegno dei quattro candidati presidente. Gli altri due dei 60 seggi che compongono il Consiglio regionale della Sardegna spetteranno al più votato tra i candidati alla presidenza della Regione e al secondo classificato, mentre il terzo e il quarto resteranno fuori dall’assemblea.

Sono dieci le liste che sostengono Alessandra Todde col Campo largo (M5s-A Innantis, Pd, Avs, Uniti con Alessandra Todde, Progressisti-La base, Demos, Sinistra Futura, Psi, Orizzonte Comune e Fortza Paris) e sono nove quelle per Paolo Truzzu col centrodestra (Fdi, Lega, Forza Italia, Psd’Az, Riformatori, Udc, Alleanza Sardegna-Pli, Sardegna al centro 20Venti, Dc di Rotondi). Sono invece cinque le liste che sostengono Renato Soru con la Coalizione sarda (Progetto Sardegna, +Europa-Azione con Soru, Rifondazione comunista, Liberu e Vota Sardigna) e una lista sostiene Lucia Chessa (Sardigna R-esiste).

Mare, Catania, disco verde ai solarium con il ritorno di quelli di Ognina e piazza Sciascia

 

 

 

Catania,

I solarium nel Lungomare quest’anno saranno tre. Dopo alcuni anni assenza, infatti, verrà realizzato anche quello di Ognina di fronte al Nautico, esteso circa 2200 mq insieme a quello, di piazza Sciascia di fronte piazza Europa, che verrà allargato e quello nella spiaggetta con sabbia vulcanica del borgo marinaro di San Giovanni Li Cuti, fermo restando la passerella per i disabili con discesa a mare, un sistema quest’ultimo molto apprezzato già nella scorsa stagione estiva. Lo ha stabilito la giunta comunale guidata dal sindaco Trantino che, anticipando i tempi della programmazione, ha deliberato il piano degli interventi per l’accesso libero al mare della stagione balneare 2024 nel litorale roccioso del lungomare di Catania, .

Abbiamo promosso nuovi investimenti e l’aumento dell’offerta di spazi attrezzati per il mare a favore di cittadini e turisti per la stagione estiva -ha spiegato il sindaco Enrico Trantino, a conclusione della seduta della riunione dell’esecutivo di palazzo degli elefanti-. Riteniamo infatti che una città di mare come è Catania debba avere quanti più spazi attrezzati per godere del mare. Grazie all’impiego dei proventi della tassa di soggiorno l’intervento di 450 mila euro non graverà il bilancio comunale. Mi sento di ringraziare il capo di gabinetto Giuseppe Ferraro per la cura che mette nell’utilizzo dei fondi del turismo per finalità utili a promuovere lo sviluppo a valorizzare gli aspetti ambientali e storico monumentali, secondo gli indirizzi dell’Amministrazione Comunale e quanti collaboreranno, con gli indirizzi dell’assessore Guzzardi, affinché vi sia una stagione balneare quanto più aperta e inclusiva”.

Già nei prossimi giorni i funzionari dell’assessorato al mare retto da Andrea Guzzardi provvederanno a esperire le procedure di gara sul mercato elettronico: l’obiettivo dell’Amministrazione Comunale è quella di aprire al pubblico già nei primi giorni del prossimo mese di giugno le piattaforme attrezzate di bar, docce, servizi igienici e salvataggio, per l’accesso libero e sicuro al mare della scogliera.

La riunione della giunta municipale, che ha visto tutti presenti gli assessori che la compongono e in cui sono state approvate numerose altre delibere, si è svolta alla presenza dei ragazzi della consulta provinciale studentesca, che hanno potuto verificare personalmente i processi decisionali dell’esecutivo comunale, al pari di altri loro colleghi di diversi istituti scolastici delle scuole medie superiori di Catania ospiti nelle precedenti sedute, secondo l’impostazione del sindaco Trantino di avvicinare i più giovani all’attività istituzionale.

 

 

 

Il Presidente Mattarella ha conferito 30 onorificenze OMRI

 

discorso

 

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito, motu proprio, trenta onorificenze al Merito della Repubblica Italiana a cittadine e cittadini che si sono distinti per attività volte a contrastare la violenza di genere, per un’imprenditoria etica, per un impegno attivo anche in presenza di disabilità, per l’impegno a favore dei detenuti, per la solidarietà, per la scelta di una vita come volontario,  per attività in favore dell’inclusione sociale, della legalità, del diritto alla salute e per atti di eroismo.

Il Presidente Mattarella ha individuato, fra i tanti esempi presenti nella società civile, alcuni casi significativi di impegno civile, di dedizione al bene comune e di testimonianza dei valori repubblicani.

La cerimonia di consegna delle onorificenze si svolgerà presso il Palazzo del Quirinale il 20 marzo alle 16 e 30.

Ecco l’elenco e le motivazioni dei nuovi insigniti dal Capo dello Stato:

 

Mattia Abbate, 35 anni, Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana: “Per il suo impegno volto ad offrire un aiuto concreto a chi vive situazioni di disabilità

Affetto da malattia rara, distrofia muscolare di Duchenne (DMD), ha scritto alla redazione di un giornale per denunciare disservizi di uno stadio che impedivano l’accesso dei disabili. Mattia scrive bene e la direzione del quotidiano gli ha proposto di curare una rubrica sul mondo delle disabilità.

Mattia Aguzzi, 37 anni, Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana: “Per aver salvato una bambina precipitata da un palazzo rischiando per la propria incolumità fisica”

Mentre camminava per il centro di Torino e accortosi della situazione di grave pericolo di una bambina appesa alle grate di un balcone di un piano alto di un edificio, senza esitare, si è preparato per prendere la bambina al volo salvandole la vita.

Licia Baldi, 88 anni, Commendatore dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana: Per il suo costante impegno in attività educative e di assistenza ai detenuti nella Casa di reclusione di Porto Azzurro

Offre da anni la sua esperienza di insegnante a sostegno dei detenuti ristretti nel carcere del territorio e ha contribuito fattivamente alla realizzazione del plesso scolastico all’interno della stessa casa circondariale.

Simone Baldini, 42 anni, Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana: Per l’immediata disponibilità offerta alle popolazioni alluvionate dell’Emilia Romagna

Simone, costretto sulla sedia a rotelle, è un atleta paralimpico. Rappresenta il contributo offerto da tanti volontari accorsi da tutta Italia per spalare le strade dal fango nelle città romagnole colpite dall’alluvione.

Lucia Bevilacqua, 65 anni e il marito Salvatore Pilato 64 anni, Ufficiali dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana: Per il loro impegno volto ad offrire opportunità di lavoro e di inclusione sociale a persone diversamente abili.”

Lucia e Salvatore gestiscono la cooperativa La Melagrana che si occupa di fornire ai ragazzi diversamente abili competenze idonee per un inserimento nel mondo del lavoro.

Antonio Bodini, 64 anni, Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana: Per aver contributo ad ideare il Baskin, disciplina sportiva ispirata al basket che consente a persone con diverse abilità di giocare insieme

È fra gli ideatori del baskin, disciplina sportiva le cui regole consentono di far giocare insieme persone con diverse abilità.

Vincenzo Bordo, 67 anni, Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana: Per le azioni di solidarietà intraprese, da più di trenta anni, accanto alle persone più povere di Seul”

Perfettamente integrato fra la popolazione coreana svolge attività di aiuto ai più poveri. Ha fondato la “Casa di Anna” che ospita, assiste e nutre i poveri e i senzatetto della periferia della città.

Marco Caprai, 60 anni, Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana, Per offrire lavoro nella sua azienda vitivinicola a persone immigrate

Amministratore delegato di un’importante azienda vitivinicola ha dato la possibilità ad oltre duecento persone richiedenti asilo, di trovare un impiego presso la cantina della sua attività.

Giuseppina Casarin, 65 anni, Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana: “Per facilitare, attraverso il canto, i rapporti tra persone appartenenti a diverse culture”

Con il suo coro Voci dal Mondo riesce a facilitare le relazioni tra persone anche di diversi Paesi divenendo così un esempio di inclusione sociale.

Dario Cherici, 80 anni, Commendatore dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana: “Per la sua lunga attività di volontario che lo ha portato anche ad operare per le popolazioni colpite da calamità naturali quale è stata l’alluvione nella provincia di Prato

L’età non lo ha scoraggiato e ha prestato soccorso, insieme a tanti altri volontari, alle popolazioni della provincia di Prato colpite dall’alluvione.

Marina Clerici, 68 anni, Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana: “Per l’aver dato impulso ad un’attività familiare volta all’ accoglienza e all’ospitalità di persone con malattie o con difficoltà di carattere psico – sociale”.

Le figlie di Marina hanno ora ampliato le finalità dell’associazione offrendo nella proprietà soggiorni alle famiglie in difficoltà facendole vivere in un ambiente immerso nella natura.

Marta Delle Piane, 35 anni, Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana e Gabriele Bona, 64 anni, Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana: Per la loro attività di sostegno e di promozione a favore della ricerca scientifica sulle malattie reumatiche infantili e il sostegno offerto ai bambini malati ricoverati e alle loro famiglie”

Con l’associazione per le malattie reumatiche infantili (AMRI) sostengono la ricerca scientifica collaborando al lavoro svolto dalla Clinica Pediatrica e Reumatologia dell’ospedale pediatrico Giannina Gaslini di Genova.

Nicola Di Lena, 42 anni, Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana: “Per aver avviato un’attività imprenditoriale etica volta ad includere persone con differenti disabilità

Nicola dopo una brillante esperienza di chef in un ristorante stellato ha deciso di rientrare nella sua terra dove ha fondato una pasticceria che offre lavoro a persone vittime di violenza o con disabilità.

Maria Eleonora Teresa Galia, 53 anni, Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana: Per la tenacia e la costanza con la quale, nel ricordo della figlia, aiuta i bambini malati rallegrandoli con giocattoli e finanziando investimenti nelle strutture ospedaliere che li ospitano”

Continua con tenacia ad esaudire il desiderio della figlia Giulia che prima di morire ha chiesto di donare giocattoli e di aiutare i bambini meno fortunati di lei.

Francesco Giannelli Savastano, 74 anni, Commendatore dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana: “Per l’impegno che pone al servizio dei piccoli malati e delle loro famiglie offrendo loro ospitalità e assistenza per poter effettuare le cure ospedaliere lontano dalla loro casa”

Francesco ha fondato un’associazione che ha lo scopo di ospitare gratuitamente bambini con patologie e le loro famiglie, facilitandoli nel raggiungere l’ospedale ove effettuare le cure lontano dalle loro case.

Marta Grelli, 26 anni, Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana: “Per aver ideato una piattaforma informatica orientata a consigliare e semplificare i viaggi e gli spostamenti delle persone con diversi gradi di abilità”

La piattaforma informatica ideata da Marta offre l’opportunità a persone diversamente abili di poter viaggiare in modo consapevole conoscendo i posti più adatti alle loro esigenze.

Pietro Literio, 54 anni, Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica italiana: “Per favorire e promuovere gratuitamente la prevenzione e la cura della salute nel suo territorio coinvolgendo professionisti che dedicano come volontari, il loro tempo e la loro esperienza

Ha realizzato un ambulatorio che offre gratuitamente visite mediche e screening per la popolazione del suo territorio.

Leonardo Lotto, 25 anni, Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica italiana: Per aver con un messaggio raccontato il suo necessario cambio di vita e l’importanza del valore della libertà e di chi ha lottato per garantirla”

A seguito di un recente incidente che lo costringe sulla sedia a rotelle si è laureato e ha conseguito un Master al termine del quale ha pronunciato un discorso motivazionale diventato virale in rete.

Michele Mele, 32 anni, Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica italiana: “Per divulgare con cura e precisione le problematiche delle persone ipovedenti impegnandosi per eliminare le difficoltà e gli ostacoli”

Michele ricercatore presso l’Università del Sannio si occupa nella sua attività di ricerca delle problematiche delle persone ipovedenti e individua nuovi strumenti per facilitarne la quotidianità.

Giovanni Neri, 80 anni, Commendatore dell’Ordine al merito della Repubblica italiana: Per l’impegno e la professionalità mostrata nell’offrire la sua esperienza di medico a giovani ricercatori che si occupano di malattie oncologiche”

Giovanni, dedica il suo tempo per sostenere la ricerca nel campo dell’oncologia pediatrica, impegnandosi anche per accrescere la cultura della solidarietà e della condivisione negli adolescenti andando nelle scuole.

Nicolina Parisi, 82 anni, Commendatore dell’Ordine al merito della Repubblica italiana: “Per rappresentare lo spirito di solidarietà mostrato dalla popolazione calabrese nell’offrire un aiuto dopo il terribile naufragio di Cutro

Ha subito offerto la propria disponibilità ad accogliere nella tomba di famiglia le salme dei migranti deceduti dopo il naufragio di Cutro.

Antonio Piccolo, 74 anni e Carlo Sagliocco, 71 anni, Commendatori dell’Ordine al merito della Repubblica italiana: Per aver offerto, attraverso la fondazione di una Scuola Calcio, un posto dove i giovani di Scampia si possano ritrovare e promuovere iniziative sociali”

Antonio e Carlo da molti anni gestiscono una Scuola Calcio nel quartiere Scampia di Napoli dove offrono ai ragazzi la possibilità di condividere il gioco e iniziative sociali e culturali.

Marco Randon, 64 anni, Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica italiana: Per essere intervenuto nei paesi colpiti da calamità naturali preparando e distribuendo pane e focacce alle popolazioni”

Marco nella sua vita, in diverse occasioni è stato al fianco di popolazioni colpite da calamità naturali preparando e distribuendo pane e prodotti da forno.

Sarah Sclauzero, 51 anni, Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica italiana: “Per affrontare con competenza il tema dell’aiuto alle persone vittime di violenza”

Sarah con altre donne ha fondato il centro antiviolenza APS “Me.Dea” Onlus con la finalità di formare le persone alla non violenza in tutte le sue manifestazioni.

Gianni Stinziani, 54 anni, Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica italiana: “Per la sua determinazione nel voler creare una rete nel territorio per aiutare chi vive la gestione quotidiana dei figli con spettro autistico”

Gianni con l’associazione da lui fondata nel 2015 “Il mondo e noi” realizza diversi progetti volti a rafforzare la solidarietà, l’inclusione e la riabilitazione delle persone con spettro autistico.

Paola Maria Tricomi, 32 anni, Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica italiana: “Per la sua determinazione nel voler abbattere gli impedimenti e gli ostacoli in modo che sia garantito il diritto allo studio delle persone disabili”

Fin dall’inizio del suo percorso universitario, confrontandosi con i responsabili delle università, si è impegnata per poter garantire alle persone con disabilità il diritto allo studio.

Stefano Ungaretti, 42 anni, Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica italiana: Per l’energia profusa nel voler sensibilizzare le persone al mondo del primo soccorso”

Stefano, dopo la morte del papà e del fratello entrambi colpiti da un arresto cardiaco, ha deciso di fondare, insieme alla madre, un’associazione attraverso la quale intende portare la cultura della rianimazione cardiopolmonare all’interno delle scuole coinvolgendo i docenti.