Confisca delle Fiamme gialle di un intero patrimonio di politico del Clan Casalesi (sei appartamenti, due piscine, autovetture ecc,)

Stamane militari del Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza di Caserta  hanno dato esecuzione ad una misura di prevenzione patrimoniale – confisca – emessa dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere nei confronti di un noto politico di riferimento del clan dei casalesi, del proprio nucleo familiare e di suoi vari prestanome. Ad essere colpito dal provvedimento reale di confisca è l’intero patrimonio riconducibile, direttamente e indirettamente, al proposto: sei appartamenti, due terreni con piscine, otto autovetture ed una moto, quote di undici società e conti correnti, per un valore complessivo stimato in oltre cinque milioni di euro.

Il politico fu tratto in arresto il 25 ottobre 2011 per concorso esterno in associazione mafiosa, riciclaggio ed intestazione fittizia di beni, all’esito delle indagini sulla realizzazione di un complesso turistico e sportivo di Trentola Ducenta. Tale opera era stata fortemente voluta da un noto camorrista, destinatario della medesima misura cautelare notificatagli nel carcere di Novara, ritenuto socio occulto nell’attività imprenditoriale posta in essere dal predetto politico per aver investito nel progetto il denaro proveniente dall’associazione criminale da questi capeggiata.

Il prevenuto, all’epoca dei fatti consigliere comunale prima ed assessore poi, del Comune di Trentola Ducenta, avvalendosi della forza intimidatrice del clan dei casalesi e sfruttando la sua posizione di assessore ai lavori pubblici, era riuscito ad ottenere le autorizzazioni necessarie alla costruzione del complesso turistico nonostante il terreno sul quale insisteva fosse ancora destinato ad uso agricolo. Il “colletto bianco” del clan, avvalendosi della moglie, delle proprie sorelle, del cognato e di alcuni prestanome, aveva nel tempo costituito e impiegato numerose società per la realizzazione del complesso sportivo, attribuendone, volta per volta, un formale possesso ai vari prestanome al fine di ostacolare la riconducibilità dello stesso immobile al camorrista effettivo titolare.

Dagli accertamenti patrimoniali e dagli approfondimenti soggettivi svolti dai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta era emersa una netta sproporzione tra i redditi dichiarati e la capacità economica del politico e delle persone fisiche e/o giuridiche, a vario titolo, a lui collegate, rispetto alle risorse materialmente impiegate per la realizzazione del citato complesso turistico, dimostrando, di conseguenza, che i fondi utilizzati per la costruzione del complesso immobiliare non potevano che provenire dalle attività delittuose del clan.

Affare economico che ha avuto la funzione di vera e propria “lavatrice” delle liquidità provenienti dall’organizzazione criminale, attraverso la continua realizzazione di opere come campi da calcio e piste di pattinaggio, nonché, come dichiarato dai collaboratori di giustizia, di base logistica per lo svolgimento di summit di camorra ovvero punto di partenza per appostamenti finalizzati a missioni omicidiarie.

Soccorsi 84 migranti .Arrestati due scafisti

 

Mazara, operazione di soccorso in mare, tratti in salvo 5 migranti • Prima  Pagina Mazara

 

Nell’ambito di articolate attività d’indagine coordinate dalla Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, i Finanzieri del Comando Provinciale di Catania, unitamente a personale della Polizia di Stato, hanno posto in stato di fermo di indiziato di delitto due soggetti, uno di origine russa e uno di origine ucraina,  gravemente indiziati dei reati di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Il provvedimento restrittivo in parola è scaturito dalle attività investigative eseguite in occasione dell’arrivo, nella notte del 14 ottobre u.s. presso il litorale di Acitrezza (CT), di 84 migranti di nazionalità afgana, irachena e siriana, che si trovavano a bordo di un veliero incagliatosi nelle rocce.

Il passo successivo, l’identificazione degli uomini visto che , a seguito della segnalazione della Guardia Costiera e della Sezione Operativa Navale della Guardia di finanza di Catania di uno sbarco di migranti, sono intervenuti militari del Nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di finanza di Catania che, unitamente a personale della Compagnia “Pronto Impiego” di Catania, della Squadra Mobile della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri, hanno provveduto oltre alle attività di identificazione, pure di foto-segnalamento nonché alle prime incombenze di carattere sanitario.

Nel citato contesto, personale della Squadra Mobile di Catania, unitamente a personale del GICO del Nucleo PEF di Catania – grazie anche alla segnalazione degli operatori di FRONTEX presenti sul posto nell’ambito delle attività di accoglienza dei migranti – ha intercettato a bordo di un autobus turistico in transito per le vie centrali di Catania due soggetti, uno di origine russa, l’altro di origine ucraina, sorpresi con zaini contenenti, tra l’altro, cellulari, un satellitare, indumenti bagnati e danaro in contante. Sulla scorta degli elementi acquisiti sono stati escussi alcuni testimoni dell’evento migratorio, dalle cui dichiarazioni è emerso che i due menzionati soggetti avevano condotto il veliero dalla Turchia sino alle coste siciliane.

Dalle dichiarazioni rese dai migranti e dal materiale posto sotto sequestro è emerso, in particolare, che i trafficanti, approfittando delle situazioni di estrema vulnerabilità dei migranti hanno aumentato i prezzi del viaggio clandestino, chiedendo come corrispettivo 10 mila euro a persona.

In esito alle investigazioni compiute dal Nucleo PEF della Guardia di Finanza di Catania e dalla Squadra Mobile di Catania, la Procura della Repubblica del capoluogo etneo ha disposto quindi il fermo di indiziato di delitto dei due soggetti,  gravemente indiziati dei reati di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Successivamente, su richiesta della stessa Procura della Repubblica, il Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Catania ha convalidato il fermo ed emesso contestuale ordinanza di custodia cautelare in carcere.

arc

Siracusano trasportava rifiuti senza autorizzazione. Denunciato alla Procura

Rubiera, trasportano rifiuti ferrosi e bombole vuote di gas senza  autorizzazioni: sanzionati - Gazzetta di Reggio Reggio

foto Archivio Sud Libertà

SIRACUSA,

I Carabinieri della Stazione di Cassibile hanno denunciato alla Procura  un trentaduenne siracusano con numerosi precedenti penali poiché sorpreso mentre trasportava a bordo di un ape car, sprovvista di assicurazione, oltre 200 kilogrammi di rifiuti plastici, ferrosi e indifferenziati.
Il soggetto, oltre ad essere denunciato per trasporto e gestione non autorizzata di rifiuti è stato sanzionato per la mancata copertura assicurativa ed il veicolo è stato sequestrato assieme ai rifiuti. Sono in corso ulteriori accertamenti per identificare il produttore dei rifiuti ed il luogo ove il denunciato intendeva scaricarli.  

DISCO ROSSO AD ASSOCIAZIONE A DELINQUERE , 17 MISURE CAUTELARI PER FERMARE MOVIMENTO DI 27 TONNELLATE DI SIGARETTE

 

NAPOLI

Guai in vista per tanti contrabbandieri . Scoperti ed arrestati..I Comandi Provinciali della Guardia di Finanza e dei Carabinieri di Napoli, al termine di una complessa attività investigativa coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica partenopea, hanno eseguito un provvedimento cautelare emesso dal G.I.P. del Tribunale di Napoli nei confronti di 17 persone ritenute gravemente indiziate di associazione per delinquere finalizzata al contrabbando di tabacchi lavorati esteri.

Per uno dei sodalizi è stata applicata la custodia in carcere, per sette di essi gli arresti domiciliari.Altri sette sono destinatari di divieto di dimora nella provincia di Napoli, mentre due dell’obbligo di dimora.

Nel complesso sono 67 le persone coinvolte nelle attività investigative e gravemente indiziate, a vario titolo, di aver costituito e fatto parte di sodalizi criminali attivi nella commissione di reati inerenti al contrabbando di T.L.E. provenienti dall’Est Europa e introdotti in Italia per alimentare il mercato clandestino campano.

Già sequestrati, e successivamente confiscati, anche due immobili utilizzati per lo stoccaggio dei TLE, per un valore di oltre 250.000 euro.

Tre i gruppi familiari autonomi investigati, operativi nella città di Napoli, nelle zone di Porta Nolana, Piazza Mercato, via Sant’Antonio Abate, Quartiere Forcella e nell’area metropolitana, tra Cardito, Frattaminore, Casoria e Melito di Napoli.

Tali sodalizi, inseriti in un livello intermedio nella catena distributiva delle sigarette di contrabbando, disponendo di locali adibiti a magazzini clandestini intestati a diversi prestanome, hanno gestito il mercato illegale delle sigarette canalizzando le forniture ai minutanti di posti fissi (le cosiddette “bancarelle”) secondo i differenti flussi di domanda, dipendenti dalla qualità e dai prezzi praticati.

Nel corso delle indagini, svolte tra l’estate del 2015 ed il 2017, sono stati individuati e monitorati sia gli immobili destinati a deposito (box, garage, sottoscala, appartamenti) che gli automezzi utilizzati per le consegne delle forniture di t.l.e. ai clienti: generalmente auto di piccola cilindrata ma capaci di occultare fino a 3 casse di sigarette

ARRESTATO “NERONE”,UN ANZIANO INCENDIARIO CHE HA CAUSATO LA DISTRUZIONE DI 85 ETTARI DI BOSCO

 

incendi dolosi - Il Fatto Alimentare

Archivi -Sud Libertà

I Carabinieri della Stazione di Pioppo hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare nei confronti di un anziano monrealese, ritenuto responsabile di incendio boschivo, già noto alle forze dell’ordine per fatti analoghi.

L’attività investigativa dei militari dell’Arma ha consentito di individuare nell’indagato il responsabile dell’incendio appiccato il 17 agosto 2020 in località “Casaboli” del comune di Monreale, che divampando per oltre 24 ore ha causato la distruzione di 85 ettari di area boschiva.

L’arrestato è stato ristretto nella propria abitazione in regime di arresti domiciliari, il reato di cui risponderà prevede una pena fino a dieci anni di reclusione.

MAFIA,”PROCESSO QUATER”: LA CASSAZIONE CONFERMA LE CONDANNE AI BOSS PALERMITANI

 

 Confermata dalla Cassazione la sentenza emessa dalla Corte d’assise d’appello di Caltanissetta nel novembre 2019

Elogio del giudice – La Discussione

Condanne all’ergastolo rinnovate per i boss palermitani Salvatore Madonia e Vittorio Tutino, condannati per calunnia i falsi collaboratori di giustizia Calogero Pulci e Francesco Andriotta. Questa la decisione dei giudici della Quinta sezione penale al processo ‘Borsellino quater’ che hanno confermato la sentenza emessa dalla Corte d’assise d’appello di Caltanissetta nel novembre 2019.

Per i due falsi pentiti, condannati in secondo grado a 10 anni ciascuno, la Cassazione ha deciso un lieve sconto di pena di 4 mesi per Andriotta in relazione a un episodio di calunnia nei confronti di Vincenzo Scarantino, dichiarando prescritti altri episodi sempre nei confronti di Scarantino.

Viene confermata dunque la tesi dei giudici di merito che hanno parlato di “uno dei più gravi depistaggi della storia giudiziaria italiana” seguito alla strage di via D’Amelio, nella quale, il 19 luglio 1992, morirono il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta. Tesi ribadita oggi nella sua requisitoria dal sostituto procuratore generale Pietro Gaeta, secondo cui le dichiarazioni dei falsi pentiti Pulci e Andriotta sono “una mostruosa costruzione calunniatrice” che “rappresenta una delle pagine più vergognose e tragiche”.

 

SIRACUSA: ARRESTATI DUE GIOVANI MALVIVENTI CHE UTILIZZAVANO IL METODO DELLA “SPACCATA”

Carabinieri, NSC: Protocolli e misure di contrasto COVID-19 - INFODIFESA

Archivi -Sud Libertà
Due giovani malviventi terrorizzavano la popolazione , utilizzando il collaudato metodo della spaccata, facevano irruzione di notte negli esercizi commerciali prescelti e li derubavano dell’incasso contenuto nei registratori di cassa e di ogni bene presente nei negozi.
Pochi giorni fa le disperate vittime si erano anche rivolte al Prefetto che all’uopo ha convocato un comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica per cercare di porre un argine agli odiosi furti perpetrati da questa improvvisata ma pericolosissima banda di ladri.
La Polizia di Stato e l’Arma dei Carabinieri di Siracusa, coordinate dalla locale Procura della Repubblica, erano già sulle tracce dei due giovani e ne seguivano i movimenti fino a quando il cerchio si è stretto attorno a due siracusani, rispettivamente di 26 e di 21 anni, entrambi già conosciuti alle forze dell’ordine, tanto che il ventiseienne era anche sottoposto alla misura della sorveglianza speciale, misura che puntualmente eludeva per perpetrare i furti.
Per loro si sono finalmente aperte le porte del carcere dopo che gli investigatori della Squadra Mobile e dell’Arma hanno eseguito, nella giornata odierna, il provvedimento di fermo di indiziato di delitto a loro carico, disposto dal Procuratore Aggiunto dott. F.S.    
I due soggetti, entrambi gravati da precedenti di polizia, sono gravemente indiziati, complessivamente, di ben 13 episodi di furto aggravato, ai danni altrettante attività commerciali della città aretusea. 
Nell’ultimo periodo, la coppia di ladri aveva preso di mira e derubato bar, tabaccherie, benzinai, panifici, parrucchieri e negozi di alimentari, causando loro ingenti danni alle strutture oltre a quelli cagionati dalla razzia di merci e di denaro.
Il modus operandi era sempre lo stesso, i due lanciavano a velocità un motociclo a guisa di ariete contro le vetrate e le saracinesche degli esercizi commerciali e, dopo averle spaccate, si introducevano all’interno e operavano i furti.
Le risultanze investigative raccolte dal personale delle Forze di Polizie impegnate nelle indagini, attraverso la minuziosa attività di ricostruzione degli episodi delittuosi, con sopralluoghi delle attività depredate ed analisi delle immagini riprese dai circuiti di videosorveglianza, hanno permesso di costruire un solido quadro probatorio, consentendo all’Autorità Giudiziaria di emettere il provvedimento di fermo di indiziato di delitto a carico dei due giovani.
La Squadra Mobile e i Carabinieri di Siracusa, come gli altri Uffici operativi dell’Arma e della Questura, continueranno le indagini per appurare se i due avevano altri fiancheggiatori e per scongiurare che altri malviventi utilizzino lo stesso metodo per perpetrare altri reati della stessa specie. 

Maxi blitz in Sicilia per catturare il superboss Matteo Messina Denaro

Ecco la foto di Matteo Messina Denaro – Primainformazione.net

Maxi blitz in Sicilia per l’impegno di porre fine alla latitanza del boss latitante Matteo Messina Denaro. La Polizia di Trapani con il Servizio Centrale Operativo della Direzione Centrale Anticrimine, punta i riflettori sui fiancheggiatori del superboss e sta eseguendo decine di perquisizioni nella Valle del Belice, su ordine della Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo.

Tutti i militari sono impegnati in un’imponente operazione in cui sono dispiegati oltre 150 agenti provenienti anche dai Reparti Prevenzione Crimine di Sicilia e Calabria. Coinvolti nell’operazione anche elicotteri del Reparto Volo di Palermo, pattuglie munite di apparecchiature speciali e unità cinofile.

L’attività di polizia giudiziaria è rivolta a persone sospettate di essere fiancheggiatori del latitante, per i trascorsi criminali e per la loro vicinanza o contiguità alle famiglie mafiose trapanesi e agrigentine.          Perquisizioni dapertutto anche nelle  località di Castelvetrano, Campobello di Mazara, Santa Ninfa, Partanna, Mazara del Vallo, Santa Margherita Belice e Roccamena (Palermo).

Operazione “Demolition”: scoperto gruppo criminale che da un bar di AciBonaccorsi allungava i suoi tentacoli ad altri comuni

Mafia-Capitale, il Lazio e i tentacoli di una “Piovra” che cambia pelle

 

ACIREALE

-. Stamane operazione antimafia dei Carabinieri ad Acireale e sette persone indagate, a vario titolo, per associazione per delinquere finalizzata al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti .

Militari della compagnia di Acireale, supportati dai reparti specializzati dell’Arma (Compagnia di Intervento Operativo del XII Reggimento “Sicilia”, Nucleo Elicotteri e Nucleo Cinofili). L’indagine, denominata “Demolition”, ha consentito di fare piena luce sull’attivita’ illecita di un gruppo criminale, principalmente fondato da un nucleo familiare, che, partendo da una base logistica individuata all’interno di un bar di Aci Bonaccorsi (Catania), allungava i suoi tentacoli (spaccio al minuto di cocaina) in altri comuni dell’hinterland catanese.   Con l’aiuto delle videocamere iI militari dell’Arma, hanno approfondito e definito i ruoli ben definiti di ciascuno degli indagati in seno all’associazione,e visualizzato che anche i bambini collaboravano nell’attività illecita di spaccio..

ATTACCO DI CRIMINALE HACKER AL DIRETTORE RAFFAELE LANZA DI SUD LIBERTA’

Foto di Hacker, immagini stock professionali RF | Depositphotos

Attacco  di criminale hacker al direttore Raffaele Lanza di Sud Libertà.  Un attacco con richiesta di riscatto (1200 euro9 pena la perdita di dati professionali.

La richiesta di denaro è in bitcoin perchè  con questo sistema pare che gli hacker riescano a mantenere l’anonimato e a sfuggire alla Giustizia penale  Noi riportiamo lo scritto del criminale hacker  perchè la Polizia giudiziaria e Carabinieri specialisti possano con la tecnologia moderna a disposizione dell’Autorità individuare il truffatore che opera montaggi con foto e video terrorizzando la popolazione. Questo è il bitcoin del criminale finora anonimo

17iaJ5n8ctL74Y7u5Gj1avHchYGDJ7T7Ni

 

Ricorderemo che un  attacco hacker  aveva recentemente  colpito il Centro elaborazione dati (CED) e i sistemi informatici della Regione Lazio causando problemi molto gravi all’intera struttura informatica regionale. Per evitare la perdita dei dati sanitari di 5,8 milioni di persone, il sistema di erogazione dei servizi informatici venne temporaneamente bloccato, compreso quello della gestione della campagna vaccinale.

La piattaforma regionale per le prenotazioni rimase rimasta spenta per diversi giorni, solo nelle ultime ore, superando notevoli difficoltà tecniche, il sistema di prenotazione vaccinale venne ripristinato e  raggiungibile dal sito.

La polizia postale e il Centro nazionale anticrimine informatico pensano che i colpevoli, forse più di un gruppo di criminali informatici dall’estero,  probabilmente hanno utilizzato un sofisticato ransomware con l’obiettivo di ottenere  da gran parte di persone in vista un riscatto in bitcoin.

Il direttore di SUD LIBERTA’ Raffaele Lanza, ha espresso rammarico per questo “spionaggio” e, forse, sabotaggio sulle notizie più scottanti pubblicate. “Saremo costretti a rivedere con i nostri tecnici informatici l’intera rete del Quotidiano dove lavoriamo da diversi anni, probabilmente dando fastidio a diversi criminali e mafiosi”

 

ECCO LA LETTERA  CRIMINALE

“Ho una cattiva notizia per te.
Alcuni mesi fa sono riuscito ad accedere ai dispositivi che usi per navigare su Internet e ho cominciato a monitorare le tue attività in rete.

Ecco la sequenza degli eventi:
Qualche tempo fa ho acquistato dagli hacker l’accesso ad alcuni account e-mail (oggigiorno è abbastanza semplice procurarsi questo genere di cose online).
Ovviamente, sono riuscito ad entrare senza problemi nel tuo account di posta elettronica (omissis).

Una settimana dopo ho installato il virus Trojan nei sistemi operativi di tutti i dispositivi che usi per accedere alla tua posta.
A dire il vero non è stato affatto difficile (dato che seguivi i link dalle mail della tua posta in arrivo).
Semplice e geniale =)

Questo software mi consente di accedere ai controller dei tuoi dispositivi (per esempio, microfono, videocamera e tastiera).
Ho scaricato sui miei server tutti i tuoi dati, le tue foto e la cronologia della navigazione.
Ho accesso a messenger, ai social network, alle e-mail, alla cronologia della chat e all’elenco dei contatti.
Il mio virus aggiorna continuamente le firme (è basato sul driver), e pertanto sfugge al controllo del software antivirus.

Immagino che ormai tu abbia capito come ho fatto ad agire indisturbato, fino a questa lettera…

Mentre raccoglievo dati su di te e sul Giornale “SUD LIBERTA, che tu brillantemente dirigi e coordini, ho pensato di montare alcuni video, videomontaggi ovviamente, di scene abbastanza spinte ma con il  viso riprodotto di te, direttore antimafia ..e giornalista stimato………………………………..Non ho neanche problemi a prelevare le tue inchieste, indagini che stai facendo sulla mafia e a renderli accessibili al pubblico.
Credo proprio che non vuoi che accada una cosa del genere, ti creerebbe come giornalista  una serie di problemi seri.

Risolviamo la questione in questo modo:
Mi invii 1200 EUR (l’equivalente in bitcoin secondo il tasso di cambio al momento del trasferimento dei fondi),
e una volta che la transazione sarà completata, cancellerò immediatamente tutte queste porcherie di montaggi da me creati.
Dopodiché ci dimenticheremo l’uno dell’altro. Ti prometto anche che disattiverò e cancellerò il software dannoso dai tuoi dispositivi e da SUD LIBERTA’. Fidati di me, mantengo sempre la parola data.

È un accordo equo e il prezzo è basso, considerando che sto monitorando il tuo profilo e il tuo traffico da qualche tempo ormai.
Nel caso in cui non sapessi come acquistare e trasferire i bitcoin, puoi fare una ricerca usando un motore di ricerca qualsiasi.

Questo è il mio wallet bitcoin: 17iaJ5n8ctL74Y7u5Gj1avHchYGDJ7T7Ni

Hai meno di 48 ore a partire dal momento in cui apri questa e-mail (precisamente 2 giorni).

Cose che devi evitare di fare:
*Rispondermi (Ho creato questa e-mail all’interno della tua casella di posta e generato l’indirizzo del mittente).
*Cercare di mettere al corrente la polizia o i carabinieri. Inoltre, non pensare di dirlo ai tuoi amici.
Se lo scopro (come puoi vedere, non è così difficile, dato che ho il controllo su tutti i tuoi sistemi) – il tuo video diventerà immediatamente di domino pubblico.
*Cercare di rintracciarmi – è completamente inutile. Tutte le transazioni in criptovaluta sono anonime.
*Cercare di reinstallare il SO o di sbarazzarti dei tuoi dispositivi. Anche questo è inutile, poiché tutti i video sono stati salvati su server remoti.

Cose di cui non devi preoccuparti:
*Che io non riesca a ricevere i tuoi fondi.
– Non temere, li vedrò immediatamente, una volta che avrai completato la transazione, poiché io controllo continuamente tutte le tue attività (il mio virus trojan ha una funzione di controllo remoto,
qualcosa tipo TeamViewer).
*Che condivida i tuoi video in qualche modo dopo che avrai completato la transazione dei fondi.
– Fidati di me, non ho motivo di continuare a crearti problemi. Se davvero avessi voluto una cosa del genere, l’avrei fatto molto tempo fa!   Omissis

Ogni cosa sarà fatta nella maniera giusta!  Omissis  “