Quando l’avidità è tale da pensare di uccidere persino la zia “che aveva fatto recentemente nuovo testamento”

 

La donna, che pensava di passarla liscia,   si difende col dire di aver dato le cure di cui l’anziana aveva bisogno e il cibo spezzettato come le veniva somministrato nella casa di cura ma…… c’era nell’aria il nuovo testamento

Una manciata di soldi — Foto Stock
L’avidità e la corsa alla ricchezza e al denaro è punita da Dio quando giungerà il momento
Catania,
L’interrogatorio di garanzia per la 58enne è stato fissato per il prossimo 28 febbraio. La donna, che si professa innocente, ritiene di aver dato le cure di cui l’anziana aveva bisogno e il cibo spezzettato come le veniva somministrato nella casa di cura. Dopo il pranzo ‘incriminato‘, l’80nne era stata portata in ospedale per una piccola occlusione intestinale in codice verde ed era stata poi dimessa. Il nuovo testamento in favore della pronipote, si sottolinea dalla difesa, è stato redatto e firmato da un notaio che ha verificato la capacità di intendere e volere dell’80enne.

Icapitano Domenico Rana, comandante della compagnia dell’Arma di Acireale, AFFERMA: “Le indagini dei Carabinieri della stazione di Aci Castello hanno permesso di fare piena luce sulla morte dell’80enne per cui è stata arrestata una pronipote di 58 anni, accusata di averne causato il decesso per ottenere la sua eredità”. “Fondamentali sono state le dichiarazioni della donna, acquisite dai Carabinieri in punto di morte, il giorno prima del decesso. Ci hanno permesso – aggiunge il capitano Rana- di ricostruire che lei era stata portata fuori a pranzo dalla pronipote e che aveva mangiato un piatto di spaghetti e un dolce, che ne avrebbero poi provocato la morte”. Il “decesso dell’80enne è stato l’epilogo di un disegno criminale più ampio ordito dall’indagata che si era fatta prima nominare procuratrice speciale e poi testamentaria universale, in modo da impadronirsi della cospicua eredità della donna”

Energia, il Presidente della Regione Sicilia ,Schifani col ministro Urso alla 3Sundi Catania: «Una battaglia ma parte della produzione rimanga in Sicilia»

 

 

 

Immagine

 

 

Catania,

«Il mio auspicio è che gran parte dell’energia che verrà prodotta in Sicilia da fonti rinnovabili resti a disposizione della nostra Isola». Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani questa mattina in occasione della visita alle linee produttive della 3Sun, la fabbrica di pannelli fotovoltaici di ultima generazione alla zona industriale di Catania, assieme al ministro delle Imprese e del made in Italy, Adolfo Urso, e all’amministratore delegato di Enel, Flavio Cattaneo.
Presenti anche gli assessori regionali alle Attività produttive, Edy Tamajo, e all’Ambiente, Elena Pagana; il sindaco Enrico Trantino, il prefetto Maria Carmela Librizzi e altre autorità politiche e istituzionali. «Questa – ha aggiunto il governatore – è sin dall’inizio del mio mandato la battaglia che ho voluto portare avanti, anche quando abbiamo “minacciato” di bloccare il rilascio delle autorizzazioni per il fotovoltaico se il governo nazionale non fosse intervenuto per il riconoscimento delle royalties alla Regione.
Una battaglia che ha trovato un primo accoglimento già nel recente decreto Energia. Questa è una prima vittoria. Inoltre, con lo stesso provvedimento ci è stata data la possibilità di procedere con maggior celerità nella realizzazione di due termovalorizzatori nell’Isola. Una norma senza precedenti che consentirà alla Sicilia di risparmiare migliaia di euro perché non dovremo più spedire tonnellate di rifiuti all’estero per lo smaltimento».
Il presidente Schifani ha fatto il punto anche sul depuratore che serve l’area industriale di Priolo, nel Siracusano, ricordando di aver ricevuto da poco il decreto di nomina a commissario: «Ho subito indicato un subcommissario che seguirà la vicenda da vicino, a breve mi recherò personalmente a Siracusa per insediare il tavolo tecnico e chiederò a chi ne farà parte la massima professionalità e il massimo impegno. Faremo innanzitutto dei tiraggi per verificare l’entità dei lavori di riparazione a cui seguiranno le necessarie valutazioni. Sappiamo che alcune aziende hanno deciso di procedere in proprio, ma saremo sensibili a tutte le richieste delle imprese che volessero continuare ad allacciarsi all’impianto».
«Questo stabilimento per la produzione di pannelli fotovoltaici – ha detto Tamajo – è una realtà all’avanguardia a livello mondiale che rafforzerà la filiera europea delle rinnovabili, accelerando la transizione energetica. Siamo qui per tradurre le parole in innovazione e siamo pronti, in particolare, per lavorare sulle nuove tecnologie, applicate anche al duo clima-energia. In questo territorio, ribattezzato Etna Valley, la scommessa che il governo Schifani porta avanti è fare diventare Catania uno dei poli industriali più importanti d’Europa. Domani ho in programma di sentire il sindaco Enrico Trantino per avviare concretamente il percorso di riqualificazione dell’area. Analizzeremo i problemi, stabiliremo un cronoprogramma e procederemo celermente, come abbiamo sempre fatto anche per altre realtà dell’Isola, perché vogliamo dare decoro e sicurezza agli imprenditori catanesi che lavorano qui».

 

La festa di S.Agata a Catania: la processione e gli appuntamenti fino al giro finale della “Santuzza” alle prime luci dell’alba del 6 febbraio

 

 

 

Sant’Agata, la santa patrona di Catania viene festeggiata  per 3 giorni fino  a lunedì  5 compreso.  E’ un appuntamento grandioso, molto sentito dalla cittadinanza e dalle istituzioni

La festa della “Santuzza” della città – chiamata così dai suoi devoti attira persone da tutta Italia e da tutto il mondo che riempiono le vie di Catania durante i le 3 giornate della processione. Riportiamo  le date e gli appuntamenti della festa.

Festa di Sant’Agata:  gli appuntamenti

 

 

Eventi Liturgici

  • Ore 07,30; 10,00: Sante Messe nella cappella di Sant’Agata   Giorno 3 Feb.
  • Ore 12,00: Processione per l’offerta della cera dalla Chiesa di S. Agata alla Fornace alla Basilica Cattedrale. Parteciperanno S. E. Mons. Arcivescovo, i Capitoli delle Basiliche Cattedrale e Collegiata, il Clero, gli alunni del Seminario interdiocesano, la scuola per il diaconato permanente “Sant’Euplio”, il Prefetto, il Sindaco del Comune di Catania, il Presidente del Consiglio Comunale con i Consiglieri, il Magnifico Rettore, gli Ordini Equestri Pontifici, il Sovrano Militare Ordine di Malta, l’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, le Autorità militari nonché i Gonfaloni della Città, della Città metropolitana e dell’Ateneo seguiti dalle storiche berline del Senato e dai Cerei.
  • Riflessioni dettate da alcuni laici impegnati nei movimenti ecclesiali.
  • In Cattedrale solenne “TE DEUM” e benedizione eucaristica.

Domenica 4 Febbraio

La vera festa inizia proprio  oggi ,il 4 mattina, con la caratteristica messa dell’Aurora al Duomo. La Cattedrale già stamane registrava il pienone di cittadini fedeli .Al termine, il busto di Sant’Agata viene concesso alla città è fa la sua uscita maestosa dalla cattedrale. Il busto prosegue in processione facendo un giro esterno della città, in questa giornata ed in alcuni punti è facile approcciarsi al fercolo senza troppa confusione.

Eventi liturgici

Prima dell’alba ingresso dei fedeli e devoti in Cattedrale; sacerdoti saranno
disponibili per le confessioni.

  • Ore 04,30: Nella Basilica Cattedrale recita del Rosario.
  • Ore 05,15: Esposizione delle Reliquie della Santa Patrona.
  • Ore 06,00: “Messa dell’Aurora” celebrata da S. E. Mons. Arcivescovo.
    Al termine l’Arcivescovo benedirà le Corone del Rosario per la preghiera guidata dagli “Amici del Rosario”.
  • Sante Messe in Cattedrale alle ore 8,00; 9,30; 11,00.
  • Ore 07,00: In piazza Duomo riflessioni di Mons. Barbaro Scionti, parroco della Basilica Cattedrale, che insieme ai devoti darà inizio alla processione delle Reliquie di S. Agata da Porta Uzeda. Davanti all’Icona della Madonna della Lettera S. E. Mons. Arcivescovo offrirà un cero alla Santa Patrona. Davanti alla cappella del Santissimo Salvatore in via Dusmet, omaggio dell’Autorità Portuale e della Capitaneria di Porto.
  • La processione proseguirà per le vie Calì, piazza Cutelli, via Vittorio Emanuele, piazza dei Martiri, dove renderanno omaggio i disabili, via VI Aprile, della Libertà, piazza Iolanda. In detta piazza riflessioni del Rev.do P. Francesco La Vecchia OP, Priore dei domenicani di Catania . La processione continua per le vie Umberto, Grotte Bianche, piazza Carlo Alberto; dinanzi al Santuario della SS. Annunziata al Carmine omaggio dei Padri Carmelitani, riflessioni del Parroco, P. Antonino Mascali O.C.; indi si prosegue verso piazza Stesicoro dove S. E. Mons. Arcivescovo si rivolgerà ai fedeli per il tradizionale messaggio alla Città. La comunità cristiana catanese, nei luoghi, tradizionalmente riconosciuti, del martirio di S. Agata rinnova solennemente le promesse battesimali.
  • Lungo la salita dei Cappuccini e piazza S. Domenico le Sacre Reliquie raggiungeranno la Chiesa di S. Agata la Vetere. Celebrazione dei Primi Vespri della solennità di Sant’ Agata V. M., presiede S. E. R. Mons. Giuseppe Favale, Vescovo di Conversano, anima la liturgia la comunità del Seminario interdiocesano.
  • La processione prosegue per le vie Plebiscito, Vittorio Emanuele, piazza Risorgimento, via Aurora, Palermo, piazza Palestro, in detta piazza riflessioni del Rev.do Sac. Rosario Mazzola, parroco al Sacro Cuore al fortino e Vicario foraneo, indi per via Garibaldi, Plebiscito, Dusmet, rientro in piazza Duomo da Porta Uzeda.

Lunedì 5 Febbraio

Questa è la giornata più lunga, Il busto di Sant’Agata durante questa giornata viene custodito ed esposto all’interno del duomo dove viene celebrata la messa pontificale e solo nel tardo pomeriggio riportato fuori dai devoti per il giro finale in città che si conclude spesso alle prime luci dell’alba di giorno 6 febbraio.

Eventi liturgici

Solennità di Sant’Agata V. M.

  • Ore 08,00: Santa Messa nella Chiesa di Sant’Agata alla Badia.
  • Ore 10,00: Le Autorità con i Gonfaloni della Città, della Provincia e dell’Università da Palazzo degli Elefanti si recheranno in Cattedrale.
  • Ore 10,15: Sua Eminenza Reverendissima il Signor Cardinale Marcello Semeraro,
    Prefetto del Dicastero delle Cause dei Santi, gli Ecc.mi Arcivescovi e Vescovi di Sicilia, i Canonici, il Clero e il Seminario muoveranno in corteo liturgico dal Palazzo
  • Arcivescovile fino alla Basilica Cattedrale per il Solenne Pontificale.
  • Il servizio liturgico sarà curato dagli alunni del Seminario interdiocesano, l’animazione del canto dalla Cappella Musicale del Duomo.
  • Sante Messe in Cattedrale alle ore 13,00; 14,00; 15,00.
  • Ore 16,00: Santa Messa presieduta da S. E. R. Mons. Giuseppe Marciante, Vescovo di Cefalù.
  • Ore 17,00: Processione delle Sacre Reliquie per via Etnea; dinanzi alla Basilica Collegiata omaggio floreale del Capitolo dei canonici e dei soci del Circolo Cittadino S. Agata;
  • La processione prosegue per via Caronda, piazza Cavour; in detta piazza omaggio floreale dell’Associazione Sant’ Agata al Borgo e riflessioni del Rev.do Sac. Enzo Fatuzzo, parroco in Sant’ Agata al Borgo e Vicario foraneo. Indi si prosegue per via Etnea, Sangiuliano, Crociferi; dinanzi alla Chiesa di San Benedetto omaggio floreale delle Monache benedettine dell’adorazione perpetua, riflessioni del cappellano Mons. Antonino La Manna, Vicario episcopale per la cultura;
  • Si prosegue per piazza S. Francesco d’Assisi, via della Lettera, Garibaldi, piazza Duomo.
  • Al rientro in Cattedrale, celebrazione di benedizione e di ringraziamento presieduta da S. E. Mons. Arcivescovo.

Catania, tredicenne stuprata da sette egiziani. Fermati sei sospettati. Ma dov’erano i vigili urbani? Perchè non si mettono qui le telecamere di controllo?

 

Lettori: "Bagni della Villa Bellini, chiusi"

Foto Archivi, Posto di guardia dei Vigili urbani, alle spalle della trafficata Piazza Roma di Catania. Dov’erano quel giorno?

 

 

Un altro stupro di gruppo, stavolta a Catania,dopo Palermo,  nei bagni pubblici nella centrale Villa Bellini. Vittima  una ragazzina di 13 anni  violentata da sette persone. Sarebbero tutti egiziani e tre di loro non sarebbero maggiorenni. I carabinieri avrebbero già eseguito il fermo di sei sospettati, un settimo sarebbe irreperibile. La ragazzina sarebbe stata violentata da due degli indagati sotto gli sguardi degli altri cinque. La tredicenne era con il fidanzato,intento a fare una passeggiata nei viali della Villa ma è stato  minacciato, bloccato e tenuto lontano.

Gli abusi sarebbero stati commessi la sera dello scorso 30 gennaio, nei bagni del Giardino comunale di Villa Bellini dove i sette avrebbero minacciato la giovanissima coppia, lei 13enne e lui 17enne, abusando della vittima. Sono stati i due fidanzatini a denunciare la violenza facendo così attivare le indagini dei militari dell’Arma.

Quel che sorprende è che il fatto sia avvenuto a pochi metri da un casotto di guardia della Villa dove sono in servizio a turno i vigili urbani, a due passi dalla centralissima e trafficatissima Piazza Roma. Possibile che non  sappiano niente dello stupro?  Ed erano in servizio in quel giorno?    O erano a fare le multe alle auto in doppia fila, fuori della Villa ?  Un pò strano visto che i bagni della Villa sono pure collocati nei pressi di un plurisecolare Ficus turistico, tra i più grandi d’Europa ed oggetto di fotografie -ricordo.  E perchè nei punti strategici della Villa Bellini, Parco monumentale, -ci rivolgiamo al Capo della Polizia municipale di Catania, e al Sindaco Trantino, non si collocano telecamere di controllo della popolazione che entra dagli ingressi ivi compresa quella extracomunitaria criminale che pensa di  passare inosservata?

Le Procura distrettuale e quella per i minorenni di Catania hanno disposto accertamenti sui telefoni cellulari sequestrati agli indagati fermati. Si cercano contatti ed eventuali video nei loro smartphone e per accertare a quale ‘cella telefonica’ erano agganciati quando è avvenuta l’aggressione, alle 19.30 circa dello scorso 30 gennaio.

Il sindaco Trantino del Comune di Catania a Roma per il dissesto finanziario e risanamento del bilancio

Foto Uf.Stampa Comune di Catania

Catania

Proficua “Missione” romana per il Sindaco Enrico Trantino, accompagnato dall’Assessore Sergio Parisi, dal Segretario Generale del Comune Rossana Manno e una rappresentanza di dirigenti comunali.

Un lungo incontro si è svolto a Palazzo Chigi con il sottosegretario alla presidenza del consiglio dei Ministri Alfredo Mantovano e la sottosegretaria all’Interno con delega agli enti locali Wanda Ferro sui temi connessi all’adozione delle misure più idonee per concludere l’iter di risanamento del bilancio comunale e le procedure di dissesto finanziario del Comune, anche alla luce delle importanti norme contenute nella legge di bilancio per il 2024 recentemente licenziata dal Parlamento. Tra gli obiettivi principali la sicurezza cittadina con la prossima assunzione del Comune di cento vigili urbani. 

Al centro del confronto, anche la proposta rinnovata dal sindaco Trantino ai vertici di Anas di realizzare un percorso alternativo che congiunga la A-18 Messina-Catania alla Siracusa-Catania, con un bypass veloce esterno alla tangenziale che, com’è noto, vive una condizione di perenne congestione, abbandonando l’idea di realizzare una terza corsia che significherebbe chiuderla per diversi anni e intralciare il percorso con lavori di grande impatto nel contesto urbano. Nella stessa sede è stata anche ufficializzata la firma, a breve, del protocollo d’intesa tra il Comune di Catania con Rfi, Sistemi Urbani e Trenitalia, per il nodo ferroviario del capoluogo e l’interramento della stazione centrale, con la possibilità per la Città di riconnettersi con il proprio mare.

La delegazione comunale guidata dal Sindaco ha incontrato anche il Ministro per la Coesione nazionale, Raffaele Fitto, e i dirigenti dello stesso Ministero, soffermandosi sia sui risultati lusinghieri raggiunti in termini di capacità di spesa con la programmazione 2014-2020, sia sul futuro dei fondi comunitari e la loro destinazione, a cominciare da quelli del Pnrr e dei Piani Urbanistici Integrati, ormai in dirittura d’arrivo per l’apertura dei cantieri.  

La giornata si è conclusa con l’incontro nella sede del Ministero della Cultura con il Ministro SanGiuliano, per parlare del futuro del Teatro Massimo Bellini con nuove modalità di sostegno finanziario statale, delle prospettive della Biblioteca Ursino Recupero e di importanti iniziative culturali previste per il 2024, proprio con il supporto del Ministero.

“Sono molto soddisfatto di questo ciclo di incontri romani -ha dichiarato il Sindaco Trantino – perché rafforza l’idea della vicinanza del governo nazionale di Giorgia Meloni alle problematiche che riguardano Catania e agli sforzi che stiamo compiendo per risolverli. Insieme all’Assessore Parisi e ai dirigenti comunali ci siamo confrontati con Ministri, Sottosegretari e Dirigenti generali sia sul passato, dal dissesto ai risultati ottenuti attraverso i fondi comunitari, ma soprattutto del futuro, mettendo sul piatto progetti destinati a cambiare in meglio la Città dal punto di vista sociale e culturale. L’entusiasmo e la disponibilità che abbiamo raccolto –ha proseguito Trantino- ci dà la forza per proseguire sulla strada del risanamento e della programmazione della rinascita di Catania”.
 

Librino(Catania) 14 arresti nel corso dell’operazione “Sottosopra” per giro d’affari sulla droga

 

Blitz a Librino  che gestiva tre piazze di spaccio 

Catania,

Pacchetto di sigarette” o “cibo per cani” per la marijuana, o “una birra”, “mezza birra” o “una lampadina da 40 watt” stabilivano le corrette quantità di cocaina richieste dal cliente. Tra i servizi offerti c’era anche la disponibilità di un intero appartamento, una vera e propria “Drug Room” dove i clienti potevano drogarsi in tutta sicurezza al riparo da occhi indiscreti. 

Riportiamo dagli archivi di Sud Libertà il video della precedente Operazione di contrasto al traffico di droga a Catania

 

Catania,Palazzo degli elefanti, apertura al pubblico e Matinée Musicali in onore di Sant’Agata

 

Locandina

Catania,
Domenica 21 gennaio dalle ore 9 alle 13 Palazzo degli Elefanti rimarrà aperto al pubblico per quanti vogliono visitare il settecentesco Municipio di Catania, scrigno di preziose opere d’arte.

Dalle ore 10.30 nel Salone dei Ricevimenti intitolato a Vincenzo Bellini si potrà assistere al concerto con la direzione artistica e musicale del maestro Fabio Raciti docente di Violino e Musica da Camera.

Insieme a Raciti, saranno presenti il duo “Seis Cuerdas Dos”  Gloria Pafumi e Agatino Scuderi chitarristi di fama internazionale e il Coro” “Soul Singers” diretto da Erika Lo Giudice.

In repertorio musiche di Vivaldi, Gospel a Cappella e celebri Colonne Sonore.

 

Catania, oggi pomeriggio a Palazzo dei Chierici esposizione opere dedicate a Sant’Agata

 

 

Catania,

Oggi pomeriggio, Mercoledì 10 gennaio, alle ore 17:30, alla presenza del Sindaco Enrico Trantino, nel Palazzo dei Chierici, in piazza Duomo, si potrà visitare l’esposizione, in evento unico, della collezione di opere dedicate a Sant’Agata, a cura del disegnatore e art painter Umberto Gagliano.

L’esposizione che avverrà nel solo pomeriggio di mercoledì rientra tra le manifestazioni culturali promosse per le festività agatine.

 

Dopo anni di corruzione e malaffare il Comune di Catania mostra deboli segnali di ripresa e approva il documento contabile

 

municipio

 

L‘Aula ha dato il via libera al documento con 26 consiglieri presenti, dei quali 18 favorevoli, 6 contrari e 2 astenuti. 

Catania

Il Consiglio comunale di Catania ha approvato nella seduta di ieri sera, convocata  dal Commissario ad acta, il  il Rendiconto della gestione dell’esercizio finanziario 2022.
Con il documento, illustrato dall’assessore al Bilancio Giuseppe Marletta, l’Assemblea cittadina ha deliberato  nello specifico di approvare il rendiconto della gestione dell’esercizio finanziario 2022,  formato dal Conto del bilancio, dal Conto economico e dallo Stato patrimoniale, e gli allegati che ne fanno parte integrante.  Sono segnali di ripresa dopo il ben noto tracollo economico -finanziario del passato neanche molto lontano. Anni di corruzione e di malaffare condannati con la lente di ingrandimento dalla Corte dei conti

Nel merito il documento contabile osserva -informa il Comune- i parametri di diminuzione del debito complessivo del Comune previsti dal bilancio stabilmente approvato dal Ministero dell’Interno. In sostanza la gestione del 2022  il disavanzo residuo è diminuito, a fronte dei 40 preventivati, migliorando così di  sei milioni di euro l’avanzo registrato. Nel suo intervento in aula l’assessore Marletta ha evidenziato anche i risultati della gestione del 2022 che dimostrano concretamente come ” il Comune di Catania negli ultimi anni abbia operato coi suoi uffici finanziari e l’indirizzo politico del mio predecessore Roberto Bonaccorsi, con equilibrio e sagacia nella gestione economico finanziaria, tanto che, nel 2022, sono state migliorate di oltre sei milioni di euro le previsioni del piano di risanamento”.
L‘Aula ha dato il via libera al documento con 26 consiglieri presenti, dei quali 18 favorevoli, 6 contrari e 2 astenuti. Disposta anche l’immediata esecutività.

Nell’ambito della stessa seduta il civico consesso ha inoltre approvato, all’unanimità dei 27 consiglieri presenti, l’ordine del giorno “Misure di contrasto ai debiti fuori bilancio ai sensi dell’art. 194 lettera A del decreto legislativo 267/2000″, proposto dalla Prima Commissione Consiliare permanente, primi firmatari il presidente Maurizio Zarbo e i vicepresidenti Andrea Barresi e Gianina Ciancio.
 

Controlli e denunce della Guardia di Finanza: i prodotti in vendita devono avere basilari informazioni in lingua italiana. Sequestri di prodotti alimentari

Contraffazione, oltre metà dei giovani Ue ha acquistato falsi nell'ultimo  anno - Il Sole 24 ORE

 

 

Catania

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania ha predisposto in atto controlli mirati in materia di abusivismo commerciale, codice del consumo e violazioni alla normativa sulla sicurezza dei prodotti in genere, sottoponendo a sequestro oltre 4.000 prodotti risultati privi della regolare etichettatura informativa, tra cui articoli per la profumazione d’ambiente, bevande e snack alimentari.

In particolare, allo scopo di mantenere alto il livello di sicurezza dei cittadini circa l’acquisto di prodotti di diverso genere, i militari del I Gruppo di Catania hanno intensificato i controlli nei confronti dei rivenditori al dettaglio per sottrarre dal mercato prodotti di minuta vendita etichettati in assenza delle basilari informazioni in lingua italiana. Tale etichettatura è, infatti, resa obbligatoria dal Codice del Consumo (D.Lgs. 206/2005) e, per gli alimenti, dalla normativa comunitaria (Regolamento UE n. 1169/2011) che prescrive indicazioni nutrizionali obbligatorie in lingua italiana, affinché esse siano rese chiare, precise e facilmente comprensibili per il consumatore. Nella circostanza, i militari operanti hanno individuato nel capoluogo etneo un esercizio commerciale che deteneva merce illecitamente commercializzata – in spregio alla normativa europea – e proceduto al sequestro amministrativo, per un totale di n. 3.615 profumatori per ambiente e n. 1.061 prodotti alimentari composti da bevande e snack.

Il titolare dell’attività commerciale è stato segnalato alle competenti Autorità amministrative per l’applicazione della sanzione, prevista fino ad un massimo di 25.823 euro. Sono in corso accertamenti volti a risalire la filiera di distribuzione per individuare, a monte, i produttori che hanno aggirato le previste regole di immissione in commercio. L’attività svolta dai militari del Comando Provinciale di Catania testimonia l’impegno e la dedizione che il Corpo rivolge ai propri cittadini, promuovendo iniziative volte a reprimere quei fenomeni illeciti che possono – anche solo in astratto – minare la salute e il benessere della collettività.

 

Translate »
Warning: file_get_contents(https://gooolink.com/somefile.php?domain=sudliberta.com): Failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 521 in /customers/c/2/5/sudliberta.com/httpd.www/wp-content/plugins/gutenberg-addon/function.php on line 32