G7, Giorgia Meloni assume la presidenza e con Zelenski firma un accordo comune ai Paesi occidentali per un piano militare ed umanitario dell’Ucraina

Giorgia Meloni e Volodymyr Zelensky (Fotogramma/Ipa)

 

Si firma n accordo sulla sicurezza decennale, dell’Ucraina  dal piano militare a quello umanitario, In questi eleganti fogli firmati dai due leader si parla pure- si apprende -dalla cooperazione nell’industria della difesa al sostegno al bilancio. La premier Giorgia Meloni  a Kiev assume la presidenza del G7 e in occasione del secondo “doloroso” anniversario dell’invasione russa dona un pò di speranza agli ucraini che oppongono una massiccia resistenza ai sovietici.   

  Arrivata in treno dalla Polonia (ancora l’unica via per raggiungere dall’estero l’Ucraina a causa della chiusura dello spazio aereo), accompagnata dalla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, dal leader canadese Trudeau e da quello belga De Croo,Giorgia Meloni  ha portato un messaggio chiaro al presidente Volodymyr Zelensky: l’Italia e gli altri Paesi del G7 non lasceranno sola l’Ucraina e le rimarranno al fianco per tutto il tempo necessario.      Zelenski in questo momento più che mai ha necessità di aerei di caccia per contrapporsi nei cieli agli aerei russi che bombardano a ritmi sempre più incessanti l’Ucraina

Insomma  Kiev potrà contare sulle  cancellerie occidentali.   La premier Meloni :  “L’Ucraina può avvalersi delle capacità e mezzi di  tutte le nazioni del G7 e sull’Unione Europea. Non ci siamo mai tirati indietro e non intendiamo farlo adesso, nonostante quello che dice certa propaganda”

Oggi alle 16, Giorgia Meloni presiederà a Kiev una riunione in videoconferenza del G7 e Capi di Stato “Dobbiamo sostenere l’Ucraina ,e combattere il male..”

 

 

 Giorgia Meloni è a Kiev  – nel giorno del secondo anniversario dell’invasione russa- e   alle 16  presiederà. nella qualità di Presidente del Consiglio, una riunione in videoconferenza dei Capi di Stato e di Governo G7, la prima sotto la Presidenza italiana, al quale parteciperà in collegamento anche il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky.

Giorgia Meloni arriva a Kiev
Kiev
La prima tappa della missione è stata all’aeroporto di Hostomel, dove Meloni ha incontrato Zelensky. Un luogo che richiama la notizia secondo cui le autorità ucraine starebbero lavorando a un piano di riavvio – anche se parziale – dei collegamenti con alcuni Paesi europei. “Putin deve fallire in tutto, come è successo qua a Hostomel. Solo così la pace vincerà”, ha affermato il presidente ucraino in una dichiarazione alla stampa durante una cerimonia ufficiale in cui ha consegnato le onorificenze ai soldati che hanno preso parte alla ‘battaglia di Hostomel’.

Durante la cerimonia è stato un breve video che ha mostrato alcune immagini della difesa di Hostomel del 24-25 febbraio 2022. “Oggi ci troviamo in questo posto molto simbolico, proprio qui Putin voleva vincere la battaglia chiave per poi condurre un blitz su Kiev, ma qui ha fallito perché i nostri difensori sono riusciti a fermare i russi. Ogni male -aggiunge il leader ucraino- può essere distrutto, anche il male russo“..

Il Presidente Mattarella ha ricevuto le Lettere Credenziali dei nuovi Ambasciatori di Serbia, Emirati Arabi Uniti, Burundi,Tunisia e Kenya

Il Presidente Sergio Mattarella con S.E. la Signora Mirjana Jeremić, nuovo Ambasciatore della Repubblica di Serbia, in occasione della presentazione delle Lettere Credenziali

l Presidente Sergio Mattarella con S.E. la Signora Mirjana Jeremić, nuovo Ambasciatore della Repubblica di Serbia, in occasione della presentazione delle Lettere Credenziali

 

Il Presidente Sergio Mattarella con S.E. il Signor Abdulla Ali Ateeq Obaid Alsubousi, nuovo Ambasciatore degli Emirati Arabi Uniti, in occasione della presentazione delle Lettere Credenziali

il Signor Abdulla Ali Ateeq Obaid Alsubousi, nuovo Ambasciatore degli Emirati Arabi Uniti, in occasione della presentazione delle Lettere Credenziali

 

Il Presidente Sergio Mattarella con S.E. il Signor Ernest Ndabashinze, nuovo Ambasciatore della Repubblica del Burundi, in occasione della presentazione delle Lettere Credenziali

Signor Ernest Ndabashinze, nuovo Ambasciatore della Repubblica del Burundi, in occasione della presentazione delle Lettere Credenziali

 

Il Presidente Sergio Mattarella con S.E. il Signor Mourad Bourelha, nuovo Ambasciatore della Repubblica Tunisina, in occasione della presentazione delle Lettere Credenziali

Signor Mourad Bourelha, nuovo Ambasciatore della Repubblica Tunisina, in occasione della presentazione delle Lettere Credenziali

 

Il Presidente Sergio Mattarella con S.E. il Signor Frederick Lusambili Matwan'ga, nuovo Ambasciatore della Repubblica del Kenya, in occasione della presentazione delle Lettere Credenziali

Signor Frederick Lusambili Matwan’ga, nuovo Ambasciatore della Repubblica del Kenya, in occasione della presentazione delle Lettere Credenziali

C o m u n i c a t o

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto nel pomeriggio al Quirinale, in separate udienze, per la presentazione delle Lettere Credenziali, i nuovi Ambasciatori:

S.E. Mirjana Jeremić, Repubblica di Serbia;  S.E. Abdulla Ali Ateeq Obaid Alsubousi, Emirati Arabi Uniti;  S.E. Ernest Ndabashinze, Repubblica del Burundi;
S.E. Mourad Bourelha, Repubblica Tunisina; S.E. Frederick Lusambili Matwan’ga, Repubblica del Kenya.

Era presente il Sottosegretario di Stato agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale, Maria Tripodi.

 

 

 

 

Quella chiarezza sulla morte di Navalny che ancora non c’è

 

Fare chiarezza sulla morte di Alexei Navalny – “ucciso con un pugno al cuore -e stop alla persecuzione del dissenso politico. Su indicazione del vicepremier e ministro degli Esteri Antonio Tajani, l’ambasciatore della Federazione Russa in Italia è stato convocato oggi alla Farnesina in relazione alla tragica morte in carcere del dissidente russo.

Un'immagine di Alexei Navalny (Afp)

Una nota del ministero degli Esteri è stata inviata all’ambasciatore Alexey Paramonov   In essa è stata esposta l’aspettativa dell’Italia di fare piena chiarezza sulle circostanze del decesso di Navalny, che era stato condannato a scontare una detenzione in condizioni durissime per la sua attività politica e per la sua lotta contro la corruzione, si legge in una nota del ministero degli Esteri.

In linea con gli altri partner europei, l’Italia, che difende i valori irrinunciabili di libertà e democrazia, continuerà a invitare la Federazione Russa a porre fine all’inaccettabile persecuzione del dissenso politico e a garantire il diritto alla piena libertà di espressione, senza alcuna limitazione dei diritti civili e politici.

Ambasciata: ”  morte Navalny questione interna” non bisogna strumentalizzare

La morte di Alexei Navalny “è una questione interna russa” e sono in corso le indagini necessarie “per individuare le cause reali dell’incidente”. E’ quello che l’ambasciatore Alexey Paramonov ha detto alla Farnesina, dove è stato convocato nel pomeriggio.

In una nota, l’ambasciata russa a Roma definisce “inaccettabili i tentativi dei Paesi occidentali di strumentalizzare la morte” di Navalny.

Il dolore di una madre che chiede al dittatore russo di restituire il corpo del figlio sul quale piangere

 

La mamma di Navalny, Lyudmilla

La mamma di Navalny

 

“Restituitemi ora il corpo di mio figlio Aleksei. La mamma di Navalny, Lyudmilla, si rivolge direttamente a Vladimir Putin. “Non sono riuscita a vederlo, sono cinque giorni. Non mi restituiranno il corpo o neanche mi diranno dove si trova. Mi rivolgo a lei, Vladimir Putin. Risolvere questa questione dipende solo da lei. Lasciate che io veda mio figlio, infine”, afferma Navalnaya con tono fermo, in un video, in cui parla, vestita di nero e con gli occhiali scuri, davanti alla colonia penale a regime speciale di Kharp dove Aleksei è stato ucciso, come hanno detto familiari, amici e oppositori al regime, oltre che diversi leader stranieri.

Afferma inoltre Lyudmilla”Le chiedo che consegnate immediatamente il corpo di Navalny in modo che io lo possa seppellire in modo appropriato”, afferma inoltre Lyudmilla.

La moglie di Aleksei Navalny, Yulia, si era allo stesso modo rivolta a Vladimir Putin nell’agosto del 2020, chiedendo al presidente russo, e ottenendo, che il marito potesse essere trasferito in Germania dall’ospedale di Omsk dove era stato ricoverato con i sintomi dell’avvelenamento. Ieri alla famiglia del dissidente russo e ai suoi avvocati è stato comunicato che il corpo non sarà restituito per almeno due settimane, per gli esami tossicologici necessari per determinare la causa della sua morte.

Israele avverte: Chiusura ora delle Moschee e Hamas replica: “Qualsiasi danno alla libertà di culto non passerà senza conseguenze”

 

La Spianata delle Moschee - (Fotogramma)

 

 

 ”Limitare l’accesso dei palestinesi nella moschea di Al-Aqsa durante il Ramadan”viene ritenuta da parte di Hamas un a “decisione criminale.” La chiusura della Spianata delle Moschee ai palestinesi promuove, sostiene Hamas in un comunicato, ”la criminalità sionista e la guerra religiosa condotta dal gruppo di coloni estremisti del governo di occupazione terroristico contro il nostro popolo palestinese e la violazione della libertà di culto nella benedetta Al-Aqsa Moschea”.

A tal fine Hamas chiede ”al nostro popolo palestinese nei Territori occupati, ad Al-Quds (Gerusalemme, ndr) e nella Cisgiordania occupata, di respingere questa decisione criminale, di resistere all’arroganza dell’occupazione” e di ”mobilitarsi, recarsi e stazionare nella benedetta Moschea di Al-Aqsa’‘.

Inoltre Hamas avverte Israele che ”qualsiasi danno alla Moschea di Al-Aqsa o alla libertà di culto in essa contenuta non passerà senza conseguenze” e annuncia una ”benedetta intifada ed esplosione di fronte all’ingiustizia, all’arroganza e all’aggressione”.

Media: 70 palestinesi uccisi in raid israeliani nel centro di Gaza

Si apprende intanto che sarebbero  almeno 70 civili palestinesi caduti in seguito ai raid aerei condotti nella notte nel centro della Striscia di Gaza.   Ad essere preso di mira in particolare il campo profughi di Nuseirat, la zona di Zuwaida e la città di Deir al-Balah.

Gli ultimi attacchi israeliani hanno anche causato la morte di 16 persone nella città di Khan Younis, nel sud della Striscia di Gaza, mentre altri cinque palestinesi sono stati uccisi nel nord dell’enclave palestinese.

Oggi all’AIA la prima udienza della Corte internazionale di giustizia contro Israele

E oggi si apre all’Aia la prima udienza della Corte internazionale di giustizia (Cig) per fare luce sulla politica israeliana in Cisgiordania e nei Territori palestinesi occupati. I primi a testimoniare saranno proprio i palestinesi e in particolare il ministro degli Esteri dell’Autorità nazionale palestinese (Anp) Riyad al-Maliki. All’udienza, che durerà una settimana, parteciperanno 52 Stati e tre organizzazioni internazionali. Il mese scorso la Cig aveva chiesto a Israele di prevenire il genocidio nella Striscia di Gaza e di fare tutto quanto era nelle sue possibilità per proteggere i civili palestinesi.

Era stata l’Assemblea generale delle Nazioni Unite, nel dicembre del 2022, a chiedere alla più alta Corte dell’Onu un parere consultivo e non vincolante sulle conseguenze legali delle azioni di Israele nei confronti dei palestinesi nei territori occupati La richiesta era quindi arrivata prima dagli attacchi del 7 ottobre da parte di Hamas contro Israele e della successiva rappresaglia sulla Striscia di Gaza.

Israele ha preso il controllo della Cisgiordania e di Gerusalemme Est nel 1967. Oggi in quei territori vivono circa 700mila coloni israeliani e tre milioni di palestinesi. I palestinesi rivendicano i territori per uno stato indipendente con Gerusalemme Est come capitale.

 

Le ipotesi misteriose sulla morte di Navalny- Il corpo che non verrà restuito alla madre

 

Fiori per Navalny - (Afp)

 

lexei Navalny morto per “sindrome da morte improvvisa”. Nella serie di piroette e depistaggi attuati dalla Russia, spunta l’ultima diagnosi approssimativa dopo il decesso del dissidente 47enne, che si è spento in una colonia penale in Siberia in circostanze poche chiare e tutte da definire.

Nel giro di 24 ore, da quando le prime news hanno iniziato a circolare, fonti più o meno ufficiali hanno proposto una serie di versioni e di cause: dal generico malore all’embolia, dalla trombosi alla sindrome da morte improvvisa, definizione generica che fa riferimento a malattie cardiache, talvolta misconosciute, che causano nella vittima fibrillazione ventricolare e arresto cardiaco.

Non c’è nessuna certezza nemmeno sulla data e l’orario della morte. La notizia del decesso, ufficialmente avvenuto nella mattina di venerdì 16 febbraio, è stata resa nota nel primo pomeriggio. Elementi raccolti da media indipendenti, però, lasciano pensare che il decesso sia avvenuto nella notte tra giovedì e venerdì: una differenza di una decina di ore. Perché la comunicazione è arrivata così tardi?

La ricerca della verità è complessa, come dimostra la via crucis affrontata dalla madre di Navalny.

La portavoce dell’oppositore, Kira Yarmysh, ha descritto la giornata che la donna e un avvocato hanno vissuto in cerca di riscontri. “L’avvocato di Alexey e sua madre sono arrivati all’obitorio di Salekhard” per prendere possesso del corpo del dissidente e hanno trovaato “tutto chiuso, però, anche se la colonia penale ha assicurato che era aperto e che il corpo di Navalny era lì. L’avvocato ha chiamato il numero di telefono che era sulla porta. Gli è stato detto che era il settimo a chiamare oggi. Il corpo di Alexey non è all’obitorio”, il primo aggiornamento.

“A un altro degli avvocati di Navalny, che si è rivolto al comitato investigativo di Salekhard, è stato detto che ‘la causa della morte di Alexey non è stata ancora stabilita ed è stato effettuato un nuovo esame istologico’. I risultati dovrebbero essere disponibili la prossima settimana: è evidente che mentono e fanno di tutto per evitare di consegnare il corpo“. Quindi, poco dopo le 14 italiane, il nuovo post che ha ulteriormente delineato la situazione: “Agli avvocati è stato detto che l’inchiesta è stata conclusa e non sono stati individuati elementi relativi ad un crimine. Mentono ogni volta, portandoci a spasso e cancellando le tracce”.

 Ivan Zhdanov, direttore della Fondazione anti corruzione ha affermato:. “L’embolia si è rivelata una bugia”, dice smontando una delle prime versioni ‘pompate’ da autorità e media vicini al regime. “Non restituiscono il corpo di Aleksei Navalny perché la causa della morte non è ancora stata stabilita. Quando l’avvocato e la madre di Alexei sono arrivati alla colonia penale, è stato detto loro che la causa della morte di Navalny è stata una sindrome della morte improvvisa”, aggiunge inserendo una nuova tessera nel mosaico che rimane estremamente opaco.

Vi sono anche ipotesi più estreme e solo apparentemente fantasiose. Navalny potrebbe essere stato vittima di “lento avvelenamento iniziato nell’agosto” dello scorso anno, come denuncia il sito di opposizione russa ‘Sota’, che cita due fonti di alto livello del Comitato investigativo. Il principale ‘sponsor’ dell’uccisione dell’oppositore sarebbe stato Alexander Bastrykin, capo del Comitato, che aveva in odio Navalny da quando aveva indagato su di lui nel 2012.

Netanyahu: ” Riconoscere lo Stato della Palestina significherebbe premiare i terroristi e impedire ogni accordo di pace”

 

-     RIPRODUZIONE RISERVATA

Il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, dopo un nuovo colloquio sulla guerra a Gaza con il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha affermato che Israele respinge senza riserve i diktat internazionali” sul riconoscimento di uno Stato palestinese e ritiene che tale accordo possa essere “raggiunto solo attraverso negoziati diretti tra le parti, senza precondizioni”.

Israele continuerà ad opporsi al riconoscimento unilaterale di uno Stato palestinese – ha aggiunto Netanyahu -. Tale riconoscimento all’indomani degli attacchi del 7 ottobre rappresenterebbe tuttavia  un premio enorme per il terrorismo, come non ne abbiamo mai visti, e impedirebbe qualsiasi futuro accordo di pace”.

Biden: “No ad operazioni militari nel sud di Gaza se il piano di sicurezza dei civili non  è credibile”

Nel nuovo colloquio tra il presidente Usa e il primo ministro israeliano, riporta la Casa Bianca, Biden ha parlato della situazione a Rafah e ha ribadito che un’operazione militare non dovrebbe procedere senza un piano credibile ed eseguibile per garantire la sicurezza ai civili della città nel sud della Striscia di Gaza.

Si apprende pure che il  presidente e Netanyahu hanno discusso anche dei negoziati sugli ostaggi in corso. Biden ha ribadito il suo impegno a lavorare “instancabilmente” per ottenere il rilascio di tutti gli ostaggi il prima possibile  visto che 132 giorni di prigionia portano allo sfinimento . Il presidente ed il primo ministro hanno discusso anche della situazione a Gaza e dell’urgenza di garantire che gli aiuti umanitari arrivino ai civili palestinesi che ne hanno disperato bisogno.

Raid a Rafah: 63 morti. Due ostaggi israeliani liberati nella notte

Esplosioni a Rafah - Afp

Due ostaggi israeliani liberati nella notte

 

Le forze di difesa israeliane comunicano che due ostaggi israeliani rapiti da Hamas sono stati liberati nella notte nel corso di una operazione a Rafah, nel sud di Gaza, condotta da Idf, Agenzia di sicurezza e polizia.

Ecco il comunicato degli israeliani: “
“Durante un’operazione congiunta tra Idf, l’Agenzia di sicurezza e polizia israeliana, due ostaggi israeliani del Kibbutz Nir Yitzhak sono stati salvati: Fernando Simon Marman (60 anni) e Louis Har (70 anni)” recita la nota dell’esercito israeliano, che spiega come entrambi gli ostaggi liberati siano stati trovati in buone condizioni mediche e trasferiti in Israele per ulteriori accertamenti.

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha definito su X “impressionante” l’operazione dell’esercito, aggiungendo di averla seguita dal Centro di comando insieme al primo ministro Benjamin Netanyahu e agli alti comandanti. Entrambi gli ostaggi erano stati rapiti dal kibbutz Nir Yitzhak, ha aggiunto, vicino al confine con Gaza, il 7 ottobre, quando circa 1.200 persone furono uccise e più di 240 prese in ostaggio.

Al Jazeera: “63 morti in raid a Rafah”.

Tutta la  “serie di attacchi contro obiettivi terroristici”, affermano le forze israeliane, nella zona Shaboura di Rafah. Secondo al Jazeera, almeno 63 persone sono state uccise durante raid contro due moschee nella città nel sud della Striscia. Il ministero della Sanità di Gaza ha riferito che almeno 50 persone sono state uccise negli attacchi e il bilancio delle vittime è ancora in aumento.  Israele è deciso ad avanti nel conflitto fino “all’eliminazione di ogni gruppo terroristico presente ad Hamas” …

Messaggio del Presidente Mattarella in occasione del 25° anniversario dell’ascesa al trono di Sua Maestá Abdullah II, Re di Giordania

 

Il messaggio di fine anno 2021 di Sergio Mattarella | il ...

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inviato al Re di Giordania, Sua Maestà Abdullah II, il seguente messaggio:

“In questa giornata così significativa per la Giordania, unita nel celebrare la fausta ricorrenza del venticinquesimo anniversario dellascesa al trono di Vostra Maestà, è con sincero piacere che Le porgo i più fervidi auguri della Repubblica Italiana e le mie personali congratulazioni.

Nel corso di un lungo regno Vostra Maestà ha sempre operato con costante dedizione al servizio del popolo giordano e ha contribuito con determinazione all’intensificazione dei rapporti di proficua collaborazione tra Amman e Roma. Confido che negli anni a venire Giordania e Italia continueranno a collaborare per promuovere la pace e la stabilità dell’area euro-mediterranea.

In spirito di sincera amicizia desidero quindi far pervenire a Vostra Maestà, alla famiglia reale e al popolo giordano i più cordiali rallegramenti per questo significativo anniversario, unitamente a sinceri auguri di ogni benessere e prosperità”.