L’Etna flagella i paesi con copiosa sabbia vulcanica, divieti per i mezzi a due ruote e limite di 30 Km/h per le auto

Emergenza sabbia vulcanica / I sindaci di Milo, Sant'Alfio, Santa Venerina  e Zafferana scrivono al governatore Crocetta: "Si attivi una somma urgenza"  - La Voce dell'Jonio

 

Aci Sant’Antonio ,Caruso: “Caduta mole elevatissima, troppi i pericoli”

Superati i cinquanta parossismi, l’Etna continua a flagellare i paesi pedemontani con copiose ricadute di sabbia vulcanica.
L’ultimo, annunciatosi all’alba di oggi, martedì 20 luglio 2021, ha riversato una gran quantità di materiale piroclastico, molto sottile, anche su Aci Sant’Antonio, spingendo il Sindaco, Santo Caruso, a emettere apposita Ordinanza, la numero 80, per cercare di ridurre i rischi per chi si mette su strada: su tutte le strade del territorio viene vietata la circolazione ai mezzi a due ruote e viene ridotto il limite di velocità per le automobili a 30 km/h, fino al cessare dell’emergenza dettata dalla sabbia presente sul manto stradale.
“Ci troviamo di fronte all’ennesima emergenza – ha dichiarato il primo cittadino – e sta diventando molto difficile gestire quasi quotidianamente situazioni del genere. Abbiamo attivato i centri di raccolta per la sabbia in due punti del territorio, e avevamo già previsto una nuova raccolta porta a porta, che partirà già domani.
Adesso si cerca di limitare gli effetti sul territorio: con l’ultima Ordinanza proviamo a portare al minimo i rischi per la circolazione,posto che comunque abbiamo avviato un nuovo intervento sulle strade per la rimozione della sabbia.
“Va detto, però – ha concluso – che è necessario avere sostegni costanti da parte del Governo, e quindi l’auspicio è che quanto discusso in questi giorni, e in queste ore, si concretizzi nel modo migliore per poterci affiancare in questo che è diventato un vero e proprio dramma”.

Beni confiscati,Catania terreni agricoli-30 ettari – affidati in gestione ad associazioni “Antimafia” che hanno presentato progetto di valorizzazione

 

2,769,383 Foto Paesaggio Sole, Immagini e Vettoriali

 

 

L’Amministrazione Comunale di Catania  informa di aver  affidato in comodato d’uso gratuito per sei anni, rinnovabili, quattro lotti di vasti terreni agricoli confiscati alla mafia, situati nella piana di Catania, da utilizzare a scopi sociali. Complessivamente circa 30 ettari che lo Stato ha tolto alla criminalità organizzata e, ora, finalmente, restituiti alla collettività. Due lotti riguardano agrumeti in contrada Jungetto, altri due, invece, riguardano terreni seminativi nella contrada Aragona-Caldara.

Il primo progetto aggiudicatario è “Agrumeto Girolamo Rosano – Terre confiscate alla mafia”, presentato per i lotti 1 e 2. Si tratta di un aranceto, di 5 ettari e mezzo complessivi, a ridosso del carcere di Bicocca, confiscato a cosche criminali. Il progetto di gestione è promosso da AIAB Sicilia (Associazione italiana agricoltura biologica), insieme a una rete di sostegno composta da I Siciliani giovani, Arci Catania, ASAEC Associazione antiestorsione Libero Grassi, Cooperativa Sociale Sud Sud. Il secondo progetto ammesso alla gestione per i lotti 3 e 4 è “Terre di Soumaila – confiscate alla mafia”, presentato dall’associazione Cento Passi Ancora, insieme a una rete di sostegno composta da Rete per la Terra e Altragricoltura. Si tratta di circa 25 ettari di terreno seminativo pianeggiante a ridosso del MAAS.

Il Sindaco Pogliese: “Un ulteriore importantissimo passo in avanti, che consentirà di valorizzare terreni agricoli che produrranno, da destinare a scopi sociali. Non sfugge l’alto valore anche simbolico e pedagogico che questo rappresenta per le istituzioni; Catania ha subito troppi danni dalla mafia e, questi altri quattro beni immobili agricoli assegnati, sono anche un concreto segnale di sostegno alle organizzazioni sociali che vogliono proficuamente gestire queste spazi, che da fonti di reddito per le cosche mafiose, diventano strumenti di valorizzazione del lavoro della terra. In tempi record abbiamo completato anche questa nuova procedura di assegnazione in maniera rapida e trasparente di beni confiscati e per questo, ha aggiunto il primo cittadino, ringrazio l’assessore Michele Cristaldi, a cui, nei mesi scorsi, ho affidato la delega dei beni confiscati alla mafia, per accelerare, come in effetti sta avvenendo, sulla concessione degli immobili, dapprima in mano ai mafiosi, adesso restituiti alla collettività”.

All’affidamento di beni confiscati alla criminalità organizzata, per almeno sei anni, possono concorrere comunità anche giovanili, organizzazioni di volontariato, comunità terapeutiche e centri di recupero e cura di tossicodipendenti, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza, nonché, associazioni di protezione ambientale riconosciute. “Sul tema dei beni confiscati alla mafia, ha detto l’assessore ai beni confiscati, Michele Cristaldi, stiamo dimostrando di mantenere l’impegno assunto per accelerare la cessione di immobili, in questo caso terreni agricoli, a scopi sociali, grazie all’impegno e alla dedizione dell’architetto Giuseppe Catalano e del direttore del patrimonio Maurizio Trainiti. Sono beni che rappresentano la vittoria dello Stato sulla criminalità organizzata e, restituendoli alla società civile, i cittadini, tramite le associazioni aggiudicatarie, ne ritornano legittimamente in possesso. A brevissimo completeremo le procedure per affidare ai servizi sociali comunali 4 immobili confiscati alla mafia per destinare ad alloggi-rifugi di emergenza”.

Nelle confezioni di vendita, a scopi sociali, dei prodotti derivanti dalla coltivazione dei terreni verrà inserita la dicitura: “Prodotti provenienti dalle terre del Comune di Catania confiscate alla mafia”..

Veleni, soldi,politica , una società e gestione campo comunale

Calcio, il Presidente dell’Aci S.Antonio addita l’Amministrazione per i problemi della società

 

A CACCIA DI PUNTI IN CAMPO NEMICO Nuova Igea a Bagheria contro lAspra Bagheria a Barcellona contro

Archivi Sud Libertà

Caruso: “Rileggendo le dichiarazioni di Pino Lamantia che danno la colpa all’amministrazione ho capito che è una mente poco lucida, che ha detto cose senza senso, passaggi sconnessi, incongruenze. Dico a Lamantia: ritira quel che hai detto, ripensaci, perchè io so che tu hai passione ed amore. Ma devi fare un passo indietro..chiaro?

Nella giornata di ieri, giovedì 8 luglio 2021, il Presidente dell’A.S.D.F.C. Aci Sant’Antonio, Pino Lamantia, ha rilasciato delle dichiarazioni circa la mancata iscrizione della squadra al prossimo campionato,dichiarazioni che chiamano in causa direttamente l’Amministrazione Comunale, arrivando ad auspicare un cambio della stessa come soluzione
alle problematiche attuali, non chiare e non chiarite dallo stesso.
Lamantia da un lato addossa le responsabilità ad un mancato bando pubblico per la gestione del campo comunale, dall’altro plaude l’operato del vicesindaco, lodandone la disponibilità: allo stesso tempo, quindi,critica e apprezza la gestione dell’amministrazione, senza però dare alcuna spiegazione su quello che è successo, precisando solo che non si
tratta di una questione economica.      
Chiamato in causa, il vicesindaco Giuseppe Santamaria chiarisce: “La disponibilità è stata sempre di tutta l’Amministrazione, come è ovvio che sia, e non solo mia. Io sono espressione dell’Amministrazione tanto quanto il Sindaco e gli assessori, quindi non capisco il perché delle parole del Presidente: la voce dell’Amministrazione è unica. Gli incontri che ho avuto sono stati informali, non c’è mai stato nulla di ufficiale, ma nell’azione ufficiale abbiamo sempre dato priorità, calcisticamente parlando, all’Aci Sant’Antonio, siamo sempre stati molto attenti al campo sportivo e alla sua gestione: dire il contrario significa non dire la verità. Non capisco, poi, perché venga chiamata in causa l’amministrazione per le dinamiche interne della società, come le dimissioni del vicepresidente”.
Il Sindaco, Santo Caruso, esprime tutte le sue perplessità: “Ho letto esterrefatto il comunicato del Presidente in cui si addossa la colpa del ritiro dalla scena all’Amministrazione Comunale. Ho evitato di rispondere di getto perché ho sempre considerato in questi anni Pino La Mantia come un amico, una persona leale, corretta, un Presidente appassionato, un santantonese vero, e non volevo che la rabbia prendesse il sopravvento in una mia dichiarazione.
“Credo di aver fatto bene perché rileggendolo quelle parole ho capito che c’è qualcosa che non va, è chiaramente scritto da una mente poco lucida: è pieno di incongruenze, parole che non hanno senso, sconnesse,passaggi non legati tra loro. Non sono neanche riuscito a farmi convinto di quali siano le colpe che vengono imputate all’Amministrazione. Forse
il fatto che il Comune non abbia dato in gestione il campo alla squadra?
Ma questo cosa c’entra? Sinceramente non capisco: si abbandona la squadra per questo motivo? Non mi sembra, peraltro, che abbia mai avuto poca disponibilità nella fruizione del campo. L’Amministrazione ha sempre destinato dei fondi per la sua manutenzione ed è sempre stato a disposizione, oltre che in ottime condizioni. Ma davvero abbiamo dimenticato il campo di patate che era fino a pochi anni fa? Oggi è tornato il fiore all’occhiello che conoscevamo.
“Qual è il problema, allora? Lo chiedo davvero, perché non capisco. Che interesse si può avere nella gestione del campo se si ha sempre avuto massima disponibilità e fiducia? “Un’altra cosa di cui ci si lamenta è che c’è un’altra squadra
Santantonese che non vorrebbe fondersi con l’Aci Sant’Antonio: ora, a parte il fatto che qui l’Amministrazione non c’entra dato che si tratta di un discorso fra Società, ma poi se il problema non è economico – come viene chiaramente specificato nel comunicato – cosa importa al Presidente se l’altra squadra arrivi a fondarsi o meno con l’Aci Sant’Antonio?
“C’è poi un fatto singolare: viene detto che l’Amministrazione è assente, poco trasparente, ma che il vicesindaco è stato molto vicino. Il vicesindaco però è l’Amministrazione, quindi come fa l’Amministrazione a non essere presente quando il vicesindaco lo è? Vicesindaco e Amministrazione sono ovviamente la stessa cosa.
Ora: io non so cosa sia accaduto, chi abbia scritto quel comunicato e perché, ma spero che il Presidente ci ripensi, perché so che nessuno avrebbe mai la sua stessa passione, lo stesso amore. “Sono pronto a venire incontro alle esigenze della squadra, come ho sempre fatto: da appena insediato quando ho acquistato io il titolo per riavere una squadra che era stata venduta, sono stato presente fino all’ultimo playoff per la serie D noleggiando personalmente gli autobus dei tifosi in modo che la squadra potesse contare sull’affetto e sostegno di più santantonesi possibile, e l’autobus della squadra stessa. La mia porta, insomma, è sempre aperta, purché si parli con lealtà, con rispetto, e soprattutto si metta sul tavolo la verità.     “La politica non va messa di mezzo quando non c’entra nulla,  e non può essere utilizzata per distogliere l’attenzione da altri eventuali problemi. E questo deve essere chiaro”.

Progetto Fibra ottic- casa per casa- ad Aci Sant’Antonio

Caruso: “Ulteriore passo avanti per coprire tutta la cittadinanza”

FTTH, cioè ‘Fiber To The Home’: è questo il progetto che sta per partire per il Comune di Aci Sant’Antonio, come annunciato questa mattina nel corso dell’incontro fra il Sindaco, Santo Caruso, il Responsabile Development team Sicilia Est di TIM, Filippo Spadaro, e Angelo Bella in
qualità di esponente di Sirti.
Il progetto rientra nel piano di investimento con interventi previsti fino al 2025, alla luce dei bisogni del sistema Paese che necessita di una rete a larga banda coerente con quella degli altri Paesi. Il periodo della pandemia ha reso chiaro quanto l’Italia fosse indietro dal punto di vista della digitalizzazione, ma ha anche dimostrato come si fosse pronti ad essere digitalizzati, e l’ampio utilizzo dello smart working ne ha dato prova.
Così, dopo gli interventi avviati nei territori vicini ad Aci Sant’Antonio, TIM ha scelto la continuità di zona: gli interventi verranno effettuati tenendo cura dei 37 armadi attualmente sparsi
sull’intero territorio, fra centro e frazioni, e si andrà casa per casa anche su questo territorio, arrivando presso ogni singola utenza.Sfruttando i lavori già presenti legati alla vecchia rete i disagi
saranno minimi, con l’utilizzo di mezzi leggeri e scavi limitati alla sola installazione di un nuovo armadio da porre accanto a quello già esistente, che in breve tempo non avrà più una funzione attiva.

Foto Ambra-

La previsione è quella di un avanzamento giornaliero di circa 200 metri, a partire dalla fine dell’estate. Ogni cittadino, così, potrà avere la possibilità di usufruire della fibra ottica, cioè della connessione alla rete ad una velocità tale da vedere garantiti i nuovi servizi che sempre più affollano il mercato.
“Utilizzando le infrastrutture che abbiamo porteremo la nuova tecnologia per venire incontro alle sempre più crescenti necessità di banda della gente – ha spiegato Spadaro – Oggi il telefono non si usa quasi più per la voce, ma per i servizi più disparati: dal gaming allo smart working alla dad, fino alle trasmissioni in diretta del campionato di calcio.
Nel corso dei nostri interventi abbiamo sempre avuto un riscontro positivo da parte dei cittadini, e sarebbe auspicabile da parte di tutti fare uno switch tra la vecchia e la nuova tecnologia agevolandoci nelposare queste strutture che non sono per nulla invasive”.

 


Il primo cittadino fa un appello ai cittadini che al momento hannodisagi nella copertura: “Questo è chiaramente un passo avanti per migliorare l’aspetto tecnologico su questo territorio, potenziando l’esistente, ma è importante che chi non riesce attualmente ad avere collegamenti con la rete ce lo segnali, perché i lavori possano essere mirati in certe zone. L’obiettivo è quello di coprire il cento per cento della cittadinanza, e ci auguriamo che venga portato a compimento nel modo migliore”.

Carabinieri aggrediti nelle scorse ore a Palermo- Solidarietà ai militari del Sindaco Orlando

Foto

Foto comunicato Stampa

 

Palermo,

Esprimo solidarietà ai tre carabinieri che durante un servizio di controllo sono stati accerchiati e aggrediti in via Magliocco nelle scorse ore da un gruppo di malviventi. Si tratta di un atto violento e inaccettabile. Ai militari, che ogni giorno con grande senso del dovere garantiscono il rispetto della legalità in città, va la mia vicinanza”. 

Lo ha dichiarato  stamattina il sindaco Leoluca Orlando.

Incontro con il Comandante Generale della Guardia di Finanza, unitamente ad una rappresentanza della Guardia di Finanza, in occasione del 247° anniversario della sua costituzione

 

Il Presidente Sergio Mattarella accoglie il Gen. C.A. Giuseppe Zafarana, Comandante Generale della Guardia di FinanzaIl Presidente Sergio Mattarella nel corso dell'incontro con il Gen. C.A. Giuseppe Zafarana, Comandante Generale della Guardia di Finanza

 

 

L'intervento del Gen. C.A. Giuseppe Zafarana, Comandante Generale della Guardia di Finanza dinanzi al Presidente Sergio Mattarella, in occasione del 247° anniversario della sua costituzioneIl Presidente Sergio Mattarella nel corso dell'incontro con il Comandante Generale della Guardia di Finanza, unitamente ad una rappresentanza della Guardia di Finanza, in occasione del 247° anniversario della sua costituzione

 

Il Presidente Sergio Mattarella nel corso dell'incontro con il Comandante Generale della Guardia di Finanza, unitamente ad una rappresentanza della Guardia di Finanza, in occasione del 247° anniversario della sua costituzioneIl Presidente Sergio Mattarella al termine dell'incontro con il Comandante Generale della Guardia di Finanza, unitamente ad una rappresentanza della Guardia di Finanza, in occasione del 247° anniversario della sua costituzione

(Foto Ufficio Stampa Quirinale)

 

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione del 247° anniversario di fondazione della Guardia di Finanza, ha ricevuto al Quirinale il Generale C.A. Giuseppe Zafarana, Comandante Generale della Guardia di Finanza, accompagnato da una rappresentanza di appartenenti al Corpo.

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inviato al Comandante Generale della Guardia di Finanza, Generale di Corpo d’Armata Giuseppe Zafarana, il seguente messaggio:
«La Repubblica celebra oggi il 247° Anniversario di Fondazione della Guardia di Finanza.
Le Fiamme Gialle, da sempre presidio delle Istituzioni e salvaguardia delle libertà economiche dei cittadini, hanno svolto un ruolo di grande rilevanza in un periodo in cui l’emergenza epidemiologica ha profondamente mutato il vivere della nostra comunità.
Ne è testimonianza la medaglia d’oro al Valor Civile di cui è stata insignita, quest’anno, la bandiera del Corpo, motivata dalla perizia e dalla abnegazione dimostrata dalla Guardia di Finanza nella gestione della emergenza sanitaria dovuta al Covid-19.
Dai riscontri sulle attività produttive e industriali agli interventi per contrastare gli illeciti economico-finanziari – che in questo difficile momento amplificano il loro effetto lesivo sul tessuto sano dell’economia – alle pratiche commerciali scorrette, alla illecita commercializzazione di prodotti sanitari, medicinali e dispositivi di protezione individuale, le Fiamme Gialle sono state in prima linea.
I cittadini guardano a una Guardia di Finanza salda nei suoi principi morali, Forza di Polizia capace di esprimere concreto spirito di servizio a favore della collettività anche nelle emergenze: dagli interventi in mare in soccorso dei profughi a quelli in montagna del Soccorso Alpino, ai trasporti di medici, di infermieri e di tonnellate di materiale sanitario effettuati, nelle zone maggiormente colpite dall’emergenza sanitaria, con velivoli e imbarcazioni della componente aeronavale del Corpo.
Un impegno a tutto campo, per il quale la Repubblica è grata alle donne e agli uomini delle Fiamme Gialle, in servizio e in congedo, e alle loro famiglie.
Un pensiero particolare rivolgo ai tanti Finanzieri caduti e feriti nel tempo. Ai loro familiari giunga la vicinanza dell’intero Paese.
Viva la Guardia di Finanza! Viva la Repubblica»!

 

UN POPOLO DI DIPENDENTI PROSTRATO -LA DIREZIONE DELL’ISTITUTO INCREMENTO IPPICO NON ESERCITA PIU’ UN MINIMO DI ASCENDENTE ANCHE SUI “GLADIATORI VOLONTARI”,COSTRETTI A PERDERE LA DIGNITA’

NON E’ REATO SE I DIPENDENTI   ”  NARCOTIZZATI” DA UNA DIRETTIVA DELL’ISTITUTO IPPICO   PROVOCATRICE “METTONO PER ISCRITTO” DI ACCETTARE MANSIONI INFERIORI  O  SUBISCONO  PRESSIONI  PER DICHIARAZIONI DI “SALVATAGGIO” DEI VERTICI DELL’ENTE AUTONOMO

 

Non si può rimanere insensibili di fronte all’ondata d’indignazione che sale contro l’immobilismo politico (con una unica eccezione politica, una interrogazione parlamentare pentastellata rimasta in silenzio all’Ars) e la volontà dirigenziale di un Ente c he fa quel vuole sotto il velo della legittimità politica.   I dipendenti sono irriconoscibili, intimiditi, un tempo ex gladiatori, oggi non credono più a nessuno, pensano solo che fra pochi giorni – come disposto dal direttore Alessandra che esegue un disegno politico regionale già delineato- potrebbero essere in Cassa integrazione, “in disponibilità”  ma nessun accordo è stato mai preventivato  finora con i Dipartimenti ed altri Enti.  I sindacati non sono riusciti nell’impresa , non sono riusciti ad avere un interlocutore della Regione e ad eliminare un malessere cronico     I “gladiatori” sono nelle mani di Dio o, quasi come se fossero figli di un Dio minore.     I dipendenti che hanno manifestato la volontà di declassamento alle categorie A e B sono quattro ma la determina dirigenziale era tutta protesa verso l’acquisizione del consenso di tutti i dipendenti (30 dipendenti istruttori)

Ora un altro sviluppo giudiziario, un ricorso firmato dall’avv Enrico Nicolò Buscemi nell’interesse di alcuni dipendenti. Per l’interesse generale che riveste lo riportiamo così come ci è stato consegnato. Per il resto si avverte a Catania una grande sete di silenzio, quel silenzio col quale la città ha digerito tutto negli ultimi trent’anni gestendo il suo degrado ed immobilismo mortificante

                                                                                           RAFFAELE     LANZA

 

Musumeci. L'Istituto incremento ippico non va chiuso. | Scordia.info

 

Ippica: trentamila persone alla fiera del cavallo di Ambelia - QdS

 

ORA LA PAROLA AL GIUDICE DEL LAVORO – A GIORNI LA DECISIONE DEL TRIBUNALE

 

RICORSO D’URGENZA  –                 DI : AVV. ENRICO NICOLO’ BUSCEMI

I – Gli odierni ricorrenti sono dipendenti a tempo indeterminato del resistente Istituto Incremento Ippico di Catania a far data dal lontano 1992 con il profilo professionale di istruttore direttivo categoria C posizione economica 6, del vigente Contratto Collettivo Regionale comparto non dirigenziale dei dipendenti della Regione Siciliana (all.1).

Ed infatti il resistente Istituto è un Ente Pubblico Strumentale di interesse regionale, sottoposto alla vigilanza del resistente Assessorato Regionale Agricoltura, Sviluppo Rurale e Pesca Mediterranea, dotato di autonomia statuaria, organizzativa e patrimoniale, ed i dipendenti dello stesso Istituto sono sottoposti alle previsioni del CCRL dei dipendenti della Regione Sicilia stessa.

Gli organi gestionali dell’Istituto, quali previsti dal suo Statuto, sono il Presidente, il Consiglio di Amministrazione presieduto dal Presidente stesso, ed il Direttore Generale al quale spettano compiti di natura amministrativa e gestionale.

Dal punto di vista organizzativo gestionale l’Istituto si compone di due unità operative di base (ed ovvero l’unità affari generali e l’unità tecnico gestionale, a loro volta articolate in uffici semplici), mentre la dotazione organica dell’Istituto (prima dell’intervento legislativo di cui si dirà infra), era costituita da n.31 dipendenti, di cui n.30 istruttori categoria C (fra cui gli odierni ricorrenti) ed un funzionario (categoria D).

Ed invero con L.R. n.17 del 16-10-2019 (all.2) è stato rimodulata la pianta organica dell’Istituto stesso, all’asserito fine di disciplinare i rapporti di lavoro e di impiego alle sue dipendenze, ed al fine di accrescerne l’efficienza e di razionalizzare la spesa per il personale, rimodulazione disposta nel modo seguente:

a) n.12 operatori di categoria A;

b) n.1 collaboratore di categoria B;

c) n.3 istruttori di categoria C;

d) n.1 funzionario di categoria D.

Per un totale, quindi, a fronte dei n.31 dipendenti in servizio (di cui n.30 di categoria C, ed uno di categoria D), di n.17 dipendenti (n.12 di categoria A, n.1 di categoria B, n.3 di categoria C, e n.1 di categoria D), a cui aggiungere una unità dirigenziale, per un totale di n.18 unità complessive.

La previsione normativa in esame prevedeva altresì che per le eccedenze di personale di ruolo a fronte della detta rimodulazione, e subito dopo l’entrata in vigore della Legge, il Dirigente Responsabile dell’Istituto avrebbe applicato le procedure di mobilità ex art.33 del Testo Unico sul pubblico impiego, e che ai fini della ricollocazione totale o parziale del personale in eccedenza il citato Dirigente dell’Istituto ed il Dirigente Generale del Dipartimento Regionale della Funzione Pubblica e del Personale erano autorizzati a stipulare apposito accordo di mobilità, che avrebbe potuto regolare anche la copertura di posti resisi vacanti a seguito della nuova dotazione organica.

Ed ancora la citata Legge regionale prevedeva che le eccedenze di personale derivanti dalla rimodulazione della pianta organica potevano essere regolate verso il ricorso all’istituto del distacco ex art.62 CCRL del personale del Comparto della Regione Siciliana, disponendo altresì che dall’attuazione della detta Legge non ne dovevano derivare maggiori oneri per la finanza pubblica.

II – A distanza di quasi un anno dalla entrata in vigore della predetta Legge Regionale sono stati posti in essere dal resistente Istituto i seguenti passaggi tecnico – operativi per darvi attuazione:

a) il giorno 16-09-2020 si teneva una riunione alla presenta di alcun sigle sindacali a mezzo del quale il Direttore del resistente Istituto li informava della volontà del Legislatore di rimodulare la pianta organica, e della conseguente necessità di avviare la procedura per la dichiarazione di esubero del personale, e in quella sede le sigle sindacali convocate apprendevano che il Direttore aveva preso contatti con l’Assessorato Regionale Autonomie Locali e Funzione Pubblica al fine di stipulare l’Accordo di mobilità previsto dalla Legge Regionale =

b) a seguito della nomina da parte del resistente Assessorato Agricoltura, Sviluppo Rurale e Pesca Mediterranea di un Commissario Ad Acta per dare attuazione alle procedure di rimodulazione della pianta organica (D.A. n.116 del 02-11-2020), in data 28-12-2020 quest’ultimo teneva una ulteriore riunione con le sigle sindacali, seguita da altra riunione del 11-01-2021, e del 18-02-2021, nel corso delle quali nulla veniva deciso né concertato tra le parti; l’unica soluzione che veniva prospettata dall’Istituto, e per esso dal Commissario nominato, consisteva nel coprire i n.17 posti disponibili nella nuova pianta organica, e più in particolare i n.12 posti di categoria A, n.1 posto di categoria B, verso l’acquisizione del consenso dei dipendenti dell’Istituto (n.30 di categoria C) ad un declassamento in categorie A e B, e verso la copertura dei soli n.3 posti di categoria C (a fronte dei n.30 istruttori di categoria C presenti nell’Istituto), attribuendo gli stessi posti ai dipendenti dell’Istituto muniti di “asserita acquisita professionalità nel profilo” documentabile mediante precedenti ordini di servizio.

c) Infine con Determinazione del Direttore Generale del resistente Istituto n.80 del 14-05-2021 (all.3) è stato stabilito:

1) Di dare attuazione all’art.2 L.R. 17-2019, tenuto conto anche delle idoneità fisiche dei dipendenti ed in funzione delle mansioni espletabili dagli stessi =

2) Di mantenere in servizio, in accoglimento della richiesta di disponibilità volontaria al mantenimento in servizio con declassamento in categoria A i signori dipendenti Tommaso Fichera, Agatino Mascali, Ocello Filippo e Antonino Zappalà con salvezza della retribuzione acquisita (categoria C) e salvo riassorbimento in futuro, nonché di mantenere in servizio (seppur in assenza di alcuna dichiarazione di disponibilità al declassamento) ed in categoria A, e sempre con salvezza della retribuzione acquisita (categoria C), i seguenti dipendenti idonei all’esercizio delle mansioni istituzionali o idoneo con limitazioni alla cura ed al governo degli equini: Emilio Guzzetta, Rosario Ricciardi, Giacinto Rovere, Antonino Versaci, nonché di mantenere in servizio in categoria A, sempre con salvezza della retribuzione acquisita, il seguente personale tenuto conto della età anagrafica, della situazione reddituale e dei rispettivi carichi di famiglia, ed ovvero i signori Arena Marcello, Alfio Crisafi, Angelo Lombardo e Paolo Rotolo, nonché di mantenere in servizio in categoria B il signor Vincenzo Caruso, sempre con salvezza della retribuzione acquisita (categoria C), per avere da oltre 5 anni svolto l’attività di autista dell’auto scuderia =

3) Di mantenere in servizio in categoria C, per asserita professionalità acquisita consistente nell’esercizio di mansioni superiori per oltre 5 anni, i signori Nicotra Giuseppe, Roberto Montalto e Giuseppe Zanghì =

4) Di porre in mobilità ai sensi delle disposizioni di Legge gli odierni ricorrenti Angelo Catania e Randazzo Francesco (non idonei a ricoprire mansioni di categoria A e B per effetto di asserite sentenze del Tribunale Catania sezione lavoro), nonché i ricorrenti Vincenzo Mazzeo e Salvatore Soldano ritenuti per effetto di giudizi dello SPRESAL non idonei a ricoprire i posti di categoria A, nonché di tutti gli altri dipendenti ritenuti soprannumerari in quanto non in possesso della idoneità fisica e/o con carichi familiari inferiori altri dipendenti riassorbiti.

La predetta determina prevedeva che dal 01-07-2021 sarebbero state attivate le procedure di mobilità del personale in esubero (tra cui i ricorrenti), secondo le modalità previste dalle circolari dell’Assessore Regionale al lavoro 2060-2004 e n.31764-2021 dell’Assessorato Funzione Pubblica e dalle norme vigenti in materia.

Stante quanto esposto in punto di fatto, la predetta determinazione del 14-05-2021 a firma del Direttore Generale dell’Istituto, è manifestamente illegittima e gravemente pregiudizievole per i diritti e gli interessi dei ricorrenti per i seguenti motivi di

DIRITTO

I – Stante quanto rappresentato nelle premesse di fatto del presente ricorso, con la citata determinazione Dirigenziale n. 80 del 14-05-2021 il Direttore Generale dell’Istituto Incremento Ippico di Catania, a fronte della rimodulazione della pianta organica dell’Ente disposta con la citata Legge Regionale, ha provveduto dapprima a designare il personale che sarebbe rimasto in servizio alle dipendenze dell’Istituto per ricoprire i posti disponibili e rimodulati della pianta organica, e di seguito ed in via meramente conseguenziale, ha provveduto a determinare ed individuare nominativamente il personale in esubero (tra cui i ricorrenti), per il quale, sarebbero state applicate – a far data dal 01-07-2021 – le prescritte procedure legislative ex art.33 e 34 del Testo Unico sul Pubblico Impiego finalizzate alle ricollocazione degli stessi verso l’istituto della mobilità e/o del distacco presso altre Amministrazioni.

Si è altresì avuto modo di rappresentare, dall’esame della citata determinazione n.80 del 14-05-2021, che la determinazione ed individuazione del personale soprannumerario (n.14 dipendenti di categoria C, tra cui gli odierni ricorrenti), è stata preceduta da una preliminare individuazione e designazione da parte del Direttore del resistente Istituto a mezzo della quale è stato stabilito – unilateralmente – di mantenere in servizio nei n.12 posti disponibili di categoria A (n.4 dipendenti che avevano già manifestato la propria volontà al declassamento e n.8 dipendenti che, seppur non avessero manifestato alcuna volontaria adesione, fossero stati dichiarati idonei alle mansioni ascrivibili alla detta categoria, ed altri tenuto conto della loro anzianità anagrafica e dei carichi familiari), e di mantenere in categoria B n.1 dipendente che aveva svolto mansioni di autista negli ultimi 5 anni, ed di mantenere in categoria C, n.3 dipendenti ritenuti più qualificati allo svolgimento delle mansioni di istruttore amministrativo.

Quanto agli odierni ricorrenti Randazzo e Catania essi non sono stati presi in considerazione ai fini del loro mantenimento in servizio in categoria A e/o B, alla stregua di sentenze del Tribunale di Catania sezione lavoro che li avevano ritenuti non idonei, a dire dell’Istituto, a ricoprire posti di dette categorie, e quanto ai ricorrenti signori Soldano e Mazzeo in quanto ritenuti non idonei (a dire dell’Istituto) da parte dello SPRESAL di Catania a ricoprire posti di categoria A e B.

II – Orbene alla luce di quanto dedotto, la determinazione n.80 del 14-05-2021 del resistente Istituto ed oggetto di censura è palesemente errata ed illegittima in quanto ha provveduto ha dapprima provveduto a ricoprire i posti in pianta organica resisi disponibili (n.12 di categoria A, n.1 di categoria B. e n.3 di categoria C), in via del tutto unilaterale ed arbitraria ed in assenza, quindi, di alcun criterio oggettivo, predeterminato e/o concertato con le Organizzazione Sindacali, e altresì in violazione dei principi posti dall’art.97 della costituzione (principi di trasparenza, efficacia ed economicità dell’agire Amministrazione), ed altresì in manifesta violazione dei principi di correttezza e buona fede.

Ed invero la designazione degli aventi diritto a permanere in servizio alle dipendenze dell’Istituto (cfr. nei posti resi disponibili a seguito della rimodulazione della pianta organica), lungi da potere essere attuata con criterio arbitrario ed unilaterale quale quello posto in essere dal Direttore dell’Istituto, doveva avvenire – in ossequio dei criteri costituzionali e normativi vigenti – verso la procedimentalizzazione della procedura, ed ovvero verso la pubblicazione formale di un avviso pubblico che rendesse nota la volontà dell’Istituto di volere ricoprire i posti di categoria A (n.12), B (n1) e C (n.3), con personale già in servizio presso l’Istituto stesso, verso l’individuazione di criteri specifici di selezione a cui attribuire specifici punteggi, e verso la pubblicazione di una graduatoria finale da cui l’Istituto avrebbe attinto, per ciascuna categoria (A,B,C,), ed in relazione agli specifici contingenti previsti in pianta organica, i nominativi dei dipendenti che avrebbero avuto diritto a permanere alle dipendenze dell’Istituto.

Nel caso di specie invece l’Amministrazione ha MOTU PROPRIO designato gli aventi diritto a permanere in servizio, in assenza di alcun criterio e dell’attivazione di alcuna procedura, trincerandosi da una parte dietro l’acquisita disponibilità di alcuni dipendenti (n.4) ad essere declassati in categoria A, individuando in maniera arbitraria ed unilaterale gli altri 8 dipendenti da reinquadrare in categoria A, individuando in maniera unilaterale il dipendente da fare permanere in categoria B, ed altrettanto in maniera unilaterale individuando i tre dipendenti da fare permanere in categoria C.

III – Ed ancora, a conforto della ulteriore illegittimità della impugnata determina n.80 del 14-05-2021, con essa gli odierni ricorrenti sono stati esclusi dal novero dei potenziali soggetti da fare permanere in servizio (nella categoria A), sulla scorta di una motivazione e di circostanze palesemente illegittime.

Ed invero quanto ai ricorrenti Catania e Randazzo la motivazione della loro esclusione dal novero dei dipendenti aventi diritto a permanere in servizio in categoria A viene tratta dal fatto che l’adito Tribunale, su distinti ricorsi promossi dai ricorrenti, si sarebbe pronunciato in ordine alle domande dagli stessi formulate e finalizzate ad ottenere una pronuncia che – atteso il loro possesso della qualifica funzionale di istruttori amministrativi – impedisse all’Istituto di utilizzarli in mansioni inferiori (categorie A, B), e quindi accertasse, ritenesse e dichiarasse il diritto degli stessi a svolgere le mansioni proprie del profilo di appartenenza.

Tale pronuncia, alla stregua della rimodulazione organica dell’Ente, non ha certo tuttavia l’effetto di impedire ai ricorrenti di manifestare l’adesione volontaria ad essere declassati in una categoria inferiore, pur di permanere alle dipendenze dell’Ente e di non essere coinvolti dalle procedure di mobilità, atteso tra l’altro che nella determinazione stessa il Direttore ha previsto che al personale declassato sarebbe stato mantenuto lo stesso trattamento economico in godimento.

E tale manifestazione di adesione volontaria non è mai stata richiesta ai ricorrenti che, per le ragioni di cui sopra, avrebbero certamente prestato il loro assenso stante il mantenimento della relativa retribuzione.

Ed in ogni caso, pur in assenza di alcuna manifestazione di adesione volontaria, l’esecutività delle citate sentenza del Tribunale di Catania sezione lavoro, in ragione della normativa sulla riorganizzazione dell’Istituto, non impediva di certo a quest’ultimo di reinquadrare i ricorrenti in categoria A), e ciò a fronte nel caso contrario della messa in mobilità e della possibile perdita – dopo 24 mesi – di alcuna collocazione lavorativa.

Le scelta abnorme dell’Istituto appare quindi come vessatoria nei confronti dei ricorrenti, rei negli anni di essersi permessi di interporre un giudizio di demansionamento nei confronti dell’Istituto.

Parimenti quanto ai ricorrenti Soldano e Mazzeo non risponde affatto al vero che gli stessi siano stati resi permanentemente non idonei dallo SPRESAL a ricoprire posti di categoria A.

Ed invero la pronuncia dello SPRESAL di Catania si limitava ad affermare che i ricorrenti fossero idonei a ricoprire le mansioni di categoria C, ovvero quelle afferenti la loro qualifica professionale, e non poteva essere altrimenti atteso che la visita di sorveglianza sanitaria si limita esclusivamente ad accertare la idoneità o meno alla mansione specifica in possesso del dipendente, e non la idoneità o meno allo svolgimento di mansioni relative ed afferenti a diverse ed inferiori categorie professionali.

Alla stregua di quanto esposto non vi è chi non veda come la determinazione impugnata, con la quale sono stati individuati nominativamente si agli aventi diritto a permanere in servizio, che derivatamente gli esuberi di personale (tra cui i ricorrenti) da porre in mobilità con effetto dal 01-07-2021, è manifestamente illegittima e gravemente pregiudizievole per i ricorrenti.

E dalla accertata illegittimità della predetta determinazione, ne deriva l’obbligo del resistente Istituto di porre in essere gli adempimenti amministrativi necessari per individuare il personale da mantenere in servizio presso i posti in pianta organica così come ex legge rimodulati secondo criteri obiettivi e costituzionalmente orientati al rispetto dei principi di trasparenza, efficacia ed economicità della P.A.

 

SUL DANNO GRAVE ED IRREPARABILE e di DECRETO CAUTELARE INAUDIT

Il ricorso è manifestamente fondato e merita di essere accolto.

Sussiste altresì il requisito del pregiudizio grave ed irreparabile che gli odierni ricorrenti patiscono in ragione della censurata determinazione n.80 del 14-05-2021.

Ed invero, in ragione della esecutività della predetta determinazione amministrativa, a far data dal 01-07-2021 come attestato dalla stessa, i ricorrenti saranno posti in mobilità, con tutte le negative ricadute in termine di perdita del posto di lavoro.

Ed altresì è necessario che la procedura di mobilità venga attivata solo a seguito di una legittima determinazione dell’Istituto che determini correttamente i dipendenti in esubero, atteso che una pronuncia di merito, intervenuta a seguito della attivazione e del collocamento del personale in mobilità/disponibilità, sarebbe poi senz’altro inficiata da un provvedimento giurisdizionale che intervenga a distanza di tempo.

Si impone altresì l’adozione di una misura cautelare inaudita altera parte che, sino alla trattazione collegiale del presente ricorso nel rispetto del contraddittorio, sospenda l’esecutività della determina n.80 del 14-05-2019, per evitare che dal 01-07-2021 i ricorrenti siano posti in mobilità.  Per tutti questi motivi si CHIEDE

Voglia l’adito Tribunale di Catania sezione lavoro, respinta ogni contraria istanza, eccezione e difesa, previa sospensione della esecutività della determina n.80 del 14-05-2021 con decreto cautelare ed urgente, accertare, ritenere e dichiarare l’illegittimità della determinazione n.80 del 14-05-2021 del Direttore Generale del resistente Istituto Incremento Ippico di Catania, nella parte in cui essa ha stabilito ed individuato i dipendenti da mantenere in servizio nelle categorie A (n.12 dipendenti), B (n.1 dipendente) e C (n.3 dipendenti), e per l’effetto nella parte in cui ha stabilito ed individuato i ricorrenti quali soggetti nei confronti dei quali dal 01-.07-2021 siano da porre in essere le procedure di mobilità previste dagli articoli 33 e 34 del Testo Unico sul Pubblico Impiego.

Voglia pertanto l’adito Tribunale, conseguentemente, ordinare al resistente Istituto di porre in essere tutti gli atti e/o i provvedimenti amministrativi necessari e finalizzati ad individuare il personale da mantenere in servizio nei posti e nelle categorie presenti in pianta organica così come rimodulata dalla L.R. n.17 del 16-10-2019 secondo criteri oggettivi, ed ovvero verso l’indizione di apposito bando di selezione che consenta la permanenza in servizio nelle citate categorie secondo criteri meritocratici e predeterminati.

Catania, 10-06-2021    (Avv. E. N.Buscemi)

 

«NEXT-STEP: URBAN CENTER, LUOGO DI CONDIVISIONE DI IDEE E PROGETTI PER LA CITTÀ»

Ordine degli Architetti di Catania, insediato il nuovo Consiglio

Il neo presidente Sebastian Carlo Greco (classe 1981) guiderà la categoria per il prossimo quadriennio

Nella foto (Press) il nuovo Consiglio dell’Ordine Architetti, Pianificatori, paesaggisti e Conservatori della provincia di Catania

CATANIA – 

Urban center; coinvolgimento della società civile attraverso la partecipazione “dal basso”, sinergia con gli altri Ordini professionali, Concorsi di progettazione a due fasi, lotta all’abusivismo, consolidamento della figura dell’architetto nei processi di governo del territorio. Sono queste alcune delle priorità nel programma del neoeletto presidente dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, paesaggisti e Conservatori della provincia di Catania Sebastian Carlo Greco. Tutti temi che puntano a una vision che permetta di affermare il ruolo sociale della categoria e l’interesse della città

È appena iniziato il nuovo corso per l’Ordine etneo: la squadra è già a lavoro per far proseguire speditamente, nel percorso già avviato, la macchina ordinistica. Ieri pomeriggio (martedì 15 giugno) si è insediato il nuovo Consiglio ed è stato eletto il presidente, il cui primo impegno è stato quello di nominare le cariche istituzionali: il segretario Giuseppe Messina; il tesoriere Pippo Gianformaggio; i due vicepresidenti Veronica Leone (vicepresidente vicario) e Giovanni Lucifora (vicepresidente aggiunto).

Gli obiettivi da intraprendere sono tanti, ripartendo proprio dal rapporto con la collettività, interrottosi bruscamente nel periodo di emergenza sanitaria: «In questi ultimi anni si è fatto molto e sulla scorta di questo proseguiremo il dialogo con le istituzioni – ha sottolineato Greco – l’obiettivo è proporre una visione strategica della città metropolitana di Catania. In una comunità come la nostra non può mancare il contributo degli architetti, che dev’essere volto soprattutto a immaginare come riconvertire gli spazi esistenti e “riempire” di contenuti quelli vuoti, in un’ottica green, sostenibile e di sicurezza. In questo senso la città non può essere solo un giardino di pietra, ma vorremo che avesse uno sfondo verde e una contemporaneità più presente».

Programma ricco di spunti, che tra le priorità ha la promozione di un Urban Center metropolitano, su cui far convergere progettualità, logistica e creatività«Vorrei che questo nuovo Consiglio andasse ancora di più tra le gente – continua il giovane presidente (classe 1981) – per raccogliere le istanze di chi vive la città. Dobbiamo partire da qui, dalla nostra visione ma soprattutto dalle idee della collettività. Al fine di condividere le azioni che crediamo sia doveroso mettere in campo, vorremmo creare con le istituzioni e con tutti gli attori coinvolti nei processi, un luogo deputato a discutere e condividere idee e progetti. Un hub di cui si è sempre parlato, ma che nei fatti ancora non è mai esistito. Per condividere una pianificazione del territorio, prima che le scelte possano essere irreversibili com’è già accaduto in passato. Progettare – pro iacere – vuol dire gettare avanti, quindi nella nostra area già connotata da una forte presenza paesaggistica come l’Etna, bisogna pensare a lungo termine, per creare qualcosa che possa essere sfruttato dai testimoni del futuro».

.

  

Scosse sismiche a Catania provincia

 

Terremoto oggi 2 giugno 2021: tutte le ultime scosse | Ultim'ora Italia

 

Catania –

Una scossa  sismica, di terremoto di magnitudo 2.8 è stata registrata dai sismografi dell’Istituto nazionale di Geofisica e vulcanologia di Catania alle 16.26 (ora italiana) 5,5 km a Sud-Ovest dell”abitato di Santa Maria di Licodia e ad una profondità di 1 km. La scossa è stata avvertita dalla popolazione anche a Biancavilla.

Per le spettanze pregresse dei dipendenti il Sindaco Pogliese chiede alla Corte dei conti il pronunciamento

 

elefanti
Foto Ufficio Stampa Comune di Catania (N.M.)

Le spettanze ai dipendenti comunali a cui fa riferimento il Pd, il partito che dal 2013 al 2018 ha guidato l’Amministrazione Comunale, risalgono a prestazioni di lavoro effettuate proprio in quegli anni o precedenti. Quella compagine amministrativa anziché liquidare le somme ai dipendenti, circa 4 milioni di euro, ha rinviato il problema scaricandolo agli anni successivi.

Il dissesto finanziario che ne è seguito, ha bloccato la liquidazione e rinviato alla Commissione Straordinaria l’onere di pagare i dipendenti il salario accessorio. Purtroppo, l’Organismo di Straordinario di Liquidazione, oltre due anni dopo l’insediamento, ha ritenuto che quelle spettanze andassero liquidate dall’Amministrazione Comunale. Un’interpretazione  che da subito abbiamo contestato; sia perché le esauste casse comunali non consentono di affrontare un onere così gravoso e sia perché, in punto di diritto, la liquidazione  delle somme, a nostro avviso, spetti alla Commissione Straordinaria nominata dal Ministero dell’Interno.

IN  ATTESA DELLA PRONUNCIA DELLA CORTE DI CONTI

Tanto che d’intesa con tutte le organizzazioni sindacali il sindaco Pogliese ha chiesto il pronunciamento della Corte dei Conti per stabilire con certezza l’attribuzione delle competenze che, come tutte gli oneri precedenti al 2018, siamo convinti spetti all’OSL; tanto più che il Comune non è in condizione di reperire i 4 milioni di euro necessari. A fronte di ciò, l’Amministrazione, come anche legittimamente sollecitato dalle organizzazioni sindacali, ha invece accelerato e già liquidato il saldo degli oneri della produttività del 2020 e concluso le procedure per la Progressione Economica Orizzontale del 35 % dei dipendenti, tredici anni dopo l’ultimo avanzamento di carriera, tanto che nei prossimi giorni in busta paga ci saranno anche i maggiori oneri.

Ma il Comune-nel proprio comunicato, lancia altre osservazioni. “A fronte di questo oggettivo stato di cose, appare davvero incomprensibile, per non dire altro, che sia proprio il Pd, tramite il sig. Algozino, ex esponente della Cgil e dipendente comunale in pensione, a sollevare il problema dei pagamenti delle spettanze accessorie degli anni pregressi, visto che quella compagine amministrativa quando avrebbe dovuto, non si è assunta l’onere di pagare, creando uno dei tanti lasciti con cui ogni giorno siamo costretti a confrontarci. Tuttavia, così come stiamo facendo per tante altre questioni ereditate dal passato, con senso di responsabilità ci stiamo facendo carico anche di questo debito e insieme agli organi preposti individueremo il percorso più adeguato e legittimo, per liquidare le somme ai dipendenti, alcuni dei quali già pensionati”.