Stella Bassani, la “Voce degli Angeli”, ritorna con un nuovo singolo melodico in ebraico antico

Anteprima immagine

Foto L.C. Comunicazione

di  Lucilla Corioni

Da oggi, domenica,  VIY’HUDA LE’OLAM TESHEV, il nuovo singolo di STELLA BASSANI, sarà scaricabile da tutte le piattaforme digitali (iTunes, Spotify, Youtube…) e distribuito in 240 Paesi del mondo.

Il brano, musicato da Y. Yacobson e composto da alcune frasi tratte dal Vecchio Testamento, è stato prodotto e arrangiato da Dave Rodgers per l’etichetta italiana LONG DIGITAL PLAYING SRLS EDIZIONI MUSICALI. Così, s’un tempo ballabile e una ritmica decisamente accattivante, STELLA intona un tormentone melodico in ebraico antico alternandovi parole in lingua italiana.

La BASSANI, soprannominata nel settore “la voce degli angeli” (data la sua timbrica vocale chiara e profonda, quasi una voce bianca), torna nel mercato discografico a distanza di sei anni dall’esordio, dopo il grande successo di critica e di pubblico dell’album “I GIARDINI DI ISRAEL”, disco che si fece notare per l’anomala combinazione musicale di pop ed etno-folk d’autore, con ben 8 canzoni in lingua ebraica e solo due in lingua italiana.

Anteprima immagine

Dal 2013 al 2019, nel frattempo, l’artista mantovana (di famiglia ebraica) è stata testimonial di molte iniziative legate alla GIORNATA DELLA MEMORIA e alla GIORNATA EUROPEA DELLA CULTURA EBRAICA.

VIY’HUDA LE’OLAM TESHEV è un canto d’amore per la propria terra, per la vita e per la pace tra i popoli che, spesso, a causa di guerre e povertà, sono costretti ad abbandonare casa, amici e famiglia per poter sopravvivere.

vihudaleolamteheshev-copertina.jpg

Note biografiche dell’artista

Stella (Iolanda Elena) Bassani inizia fin da bambina a girare con il nonno Cesare Galli, polistrumentista e direttore d’orchestra, nonché fondatore della Fisorchestra di Verona, respirando musica e diventandone piano piano parte integrante.

Gira con lui l’Italia, la Svizzera, la Francia e altri paesi, ben presto imparando anche il significato del palco, del musicista e del pubblico.

Crescendo inizia a scoprire il pianoforte, il solfeggio, la chitarra e soprattutto la voce. Soprano, con un’inclinazione naturale verso le note lunghe, inizialmente viene introdotta al canto lirico che, però ben presto, abbandona perché troppo competitivo e rigido. 

Stella ama anche la danza, il movimento fisico, il ballo.

Infatti, attraverso le feste tradizionali della Comunità organizzate dal padre Italo (attivissimo a livello locale, nazionale e internazionale) conosce la musica TRADIZIONALE EBRAICA, antica e religiosa, ma soprattutto laica e vivace, tipica della terra mediorientale che ha conosciuto in Europa e nel mondo diverse contaminazioni.

Dopo la scomparsa del nonno e anche del padre (il quale, dopo essere scampato al genocidio della shoah e che nel dopoguerra diventò Presidente della Comunità Ebraica di Mantova dal 1973 al 1985, all’età di soli cinquant’anni restò gravemente paraplegico a causa di un ictus) Stella – dopo essersi occupata per oltre dieci anni della cura del papà – decide di intraprendere un viaggio spirituale, e materiale, di conoscenza verso il suo popolo, facendosi da sola.

Israele, l’Olocausto, il dolore ancestrale e la rabbia per ogni tipo di genocidio e discriminazione, la portano verso la sua lingua (l’ebraico) e la canzone popolare.

Proprio in questi anni incontra Luca Bonaffini (cantautore e chitarrista che aveva già collaborato col nonno Cesare) che, ispirato dalla lettura appassionante di Tanzbah di Italo, scrive per lei una canzone, intitolata I GIARDINI DI ISRAEL.

Nel 2011, a quindici anni dalla scomparsa del padre, Stella crea un evento a lui dedicato, così riprende in mano il vecchio progetto.

La serata scatena consensi e applausi e, nel gennaio 2012, riceve una targa a Roma per l’impegno sociale, al Campidoglio, in occasione dell’evento ambientalista “UN BOSCO PER KJOTO” e viene invitata a numerose manifestazioni per LA GIORNATA DELLA MEMORIA.

Nel gennaio 2013 pubblica il suo primo album, intitolato I GIARDINI DI ISRAEL, ed è subito un successo.

La maggiori associazioni e riviste ebraiche accolgono il progetto come importante e coraggioso, in un momento estremamente complicato dal punto di vista internazionale.

L’album viene presentato nelle maggiori città italiane come Milano, Roma, Siena, Brescia, Mantova e Parma e a Lugano.

Il repertorio di Stella è però ben più ampio: è stata invitata nelle maggiori feste tradizionali e ricorrenze, come ad esempio a Verona – Giornata Europea della Cultura Ebraica 2013 e al Festival della Canzone Ebraica a Milano nel 2014.

Il 9 novembre 2014 è uscita la ristampa di “I GIARDINI DI ISRAEL” con un nuovo titolo “TRA PACE E MEMORIA”, dedicato al 25° anniversario della CADUTA DEL MURO DI BERLINO.

Nel 2015 ha partecipato al Festival Ascoli Holy Music, festival internazionale della musica per la preghiera, duettando con il trio gospel Anno Domini.

Nel 2017 è stata testimonial della Giornata Europea della Cultura Ebraica con un concerto presso la Sinagoga di Mantova, sul tema “Diaspora: identità e dialogo” e nel 2018 presso il Comune di Sabbioneta, sul tema “Storytelling”.

Il 21 luglio esce con il singolo “VI HU DA LEOLAM TEHESHEV”, prodotto da Dave Rodgers e distribuito da BELIEVE DIGITAL in 240 Paesi del mondo.

CATANIA:“OPENING SUMMER FEST” A SAN BERILLO DISTRICT

 

Oggiì 12 e sabato 3 luglio, P.zza Goliarda Sapienza, ore 21, ingresso libero

Risultati immagini per immagine di musica

 CELESTE IN CONCERTO

 La cantante siciliana presenterà al pubblico il sound brasiliano di “Antropofagico I”

CATANIA

 San Berillo District si appresta a vivere due serate di festa e ritrovo all’insegna della musica live: oggi e sabato 13 luglio la cantante siciliana Celeste si esibirà dalle 21.00 in Piazza Goliarda Sapienza (ex Vicolo delle Belle) a Catania, per un doppio appuntamento in cui incontrerà il pubblico in un evento aperto a tutti – con ingresso libero – nel segno della condivisione. Un concerto d’inizio estate, in collaborazione con “First”, che inaugurerà la stagione musicale di San Berillo District sulle note del nuovo EP di Celeste, Antropofagico I, offrendo al pubblico sonorità dall’impronta brasiliana e una contaminazione di generi e influenze dal mondo.

 

 

L’Extended Play di quattro brani, uscito il 14 giugno con l’etichetta discografica “Offline Artistic Production” e in distribuzione digitale con “TuneCore”, è il nuovo progetto musicale di Celeste che ha già lanciato in rotazione radiofonica il singolo “La Marinera” e il videoclip online. Un lavoro, sotto la direzione artistica di Tony Brundo e Tony Canto, che partendo dall’impianto della bossa ne allarga i confini tramite l’introduzione di elementi minimali di elettronica e sonorità altre, dal pop al funk, ma restando sempre fedele alla coerenza del linguaggio del jazz-bossa. Insieme a “La Marinera”, completano la tracklist di Antropofagico I, ricca di importanti collaborazioni con musicisti brasiliani di calibro internazionale, i brani “Algum Dia”“Lembra” e “The Disease Of Dreaming”.

 

 

CATANIA, “VICOLO DELLE BELLE”: RIQUALIFICARE CON LA MUSICA -ALMENO-IL QUARTIERE A LUCI ROSSE(EX)

 

Catania 12/13 luglio, P.zza Goliarda Sapienza (ex Vicolo delle Belle), h 21, ingresso libero

SAN BERILLO DISTRICT, CELESTE IN CONCERTO: DUE GIORNI DI FESTA E MUSICA LIVE

 Risultati immagini per immagine di prostitute a sberillo di catania

La cantante siciliana torna nella sua terra per incontrare il pubblico sulle note del nuovo EP “Antropofagico I”

CATANIA –

Se l’arte può riqualificare un quartiere, la musica di certo può sprigionare l’energia inespressa di un luogo e di chi lo abita. È con questo slancio che la cantante siciliana Celeste, nel pieno di un tour internazionale tra le principali capitali europee – Parigi, Amsterdam e Londra, dove ha aperto lo show di Milton Nascimento nel prestigioso palco del Barbican Hall – torna nella sua terra per una due giorni di musica, incontro e condivisione con il pubblico, in programma venerdì 12 e sabato 13 luglio a Cataniadalle 21.00 a San Berillo District (Piazza Goliarda Sapienza, ex Vicolo delle Belle).

Non un solito palcoscenico, ma un luogo simbolo di rinascita culturale per Catania, nato “dal basso” per rilanciare uno dei quartieri storici della città che sta traendo forza dalla creatività e dal talento di tanti giovani artisti, come nel caso di Celeste. Sposando questa idea, con la visione di una location che non è mero contenitore ma spazio d’incontro e di scambio, la cantante 21enne ha scelto proprio la piazza di San Berillo per quello che sarà un vero e proprio evento sociale e culturale. Una due giorni di festa – con ingresso libero – in collaborazione con “First”, che aprirà la stagione musicale estiva di San Berillo District sulle note dei brani del nuovo EP di Celeste, Antropofagico I.

Accompagnata dalla sua band, la voce di Celeste farà vibrare la piazza con un sound brasiliano in un mix di generi, suoni e influenze musicali.

L’Extended Play di quattro brani, uscito il 14 giugno sotto l’etichetta discografica “Offline Artistic Production”, in distribuzione digitale con “TuneCore”, è il nuovo progetto discografico di Celeste che si completerà con altri 2 EP in arrivo tra l’autunno 2019 e gli inizi del 2020. All’interno del trio, qui spicca l’impronta brasiliana, cifra importante nella formazione artistica della cantante, come raccontano anche le numerose collaborazioni con musicisti brasiliani di calibro internazionale, come Mauro Refosco (percussionista dei Red Hot Chili di Peppers, di David Byrne, dei Talking Heads).

L’idea dei direttori artistici Tony Brundo e Tony Canto è stata quella di destrutturare il linguaggio bossa e renderlo fruibile con l’uso minimale di elettronica e ritmiche a essa non proprio familiari, lambendo il pop, il funk, ma restando ben ancorati alla coerenza linguistica del jazz-bossa.

Il brano “La Marinera”, nuovo singolo in rotazione radiofonica accompagnato dal videoclip già online, è un esempio di vera e propria canzone con influenze del mondo sia sudamericano che elettropop. Il testo parla di una figura femminile forte, fuggita in mare dalla madre di tutte le terre, l’Africa, e costretta alla vita di strada nel suo viaggio verso il sogno di un futuro migliore che altro non era se non una chimera. Donna dal “cuore di tamburo”, la marinera mantiene nella sofferenza la sua dignità, in un contrasto tra malinconia e allegria che racchiude tutta l’energia della libertà e l’amore incondizionato per la vita. La canzone è composta da Tony Canto, cantautore, compositore, musicista, arrangiatore e produttore attuale di Mannarino.

A completare la tracklist dell’EP i brani: “Lembra” (un samba tradizionale scritto da Chico Adnet, rivisitato in una chiave nuova, con un andamento ritmico dai suoni elettronici e moderni), “Algum Dia” (un samba arricchito dai fiati, scritto da Haroldo Mauro Jr, che in passato ha collaborato con due icone del genere come Edison Machado e Milton Banana) e “The Disease Of Dreaming” (una bossa di Giuliano Castagna e Celeste che mixa diverse influenze musicali con un testo in inglese).

È proprio questa contaminazione tra origini diverse e stili fatti propri la cifra distintiva del disco: «La mia idea per questo nuovo progetto è maturata nel tempo – spiega la cantante – sentivo la necessità di inserire in questo le sonorità che più mi appartenevano e di poterle presentare in un determinato modo, come un mio percorso interno, come fasi, come un albero ricco di rami, in cui ogni ramo rappresenta una sonorità specifica di una cultura, di un’influenza, di un determinato territorio o momento storico, ma ogni ramo è parte fondamentale di quell’albero. Allora – prosegue Celeste – è nata l’idea di fare un trittico di EP con tre idee sonore diverse: il primo con un’impronta decisivamente brasiliana; il secondo EP avrà un sound più internazionale, funk, jazz, blues and soul, e il terzo avrà un suono che riunirà tutte queste influenze ma con un sound più personale, distintivo e caratteristico».

Un concetto che si ritrova anche nel titolo scelto per il primo EP. “Antropofagia – spiega Celeste – perché questa parola descrive esattamente la mia attitudine verso la musica. Io voglio prendere e deglutire tutte le influenze e gli stili che mi interessano, per poi rimescolarli e buttarli fuori ma a modo mio, più personale, mescolate con la mia personalità e il mio gusto. Non voglio legarmi a un genere, voglio spaziare, voglio usare tutto quello che mi cattura, che mi affascina, tutto quello che s’identifica molto con me e con quello che sento, voglio essere influenzata, contaminata, voglio immergermi in quello che io sento vicino a me».

LUCA BONAFFINI, REGISTA IN SCENA E CANTAUTORE: EVENTO A MANTOVA

Sabato 6 luglio alle 21.15, presso il Cortile di Palazzo d’Arco a Mantova, si terrà il debutto del nuovo spettacolo musicale di Luca Bonaffini – cantautore e scrittore – che, giunto alla terza opera letteraria (2017) e al tredicesimo album (2018), torna alla regia teatrale.

 

Risultati immagini per cantante luca bonaffini

                                               LUCA BONAFFINI: “LA STORIA E’ LA COLONNA SOCIALE DELLE ARTI..”

 

di Lucilla Corioni

 

“L’ITALIA AL TEMPO DEL VINILE” – questo il titolo esplicativo dello show concept dell’autore mantovano – è un concerto vero e proprio (affidato alle generose corde vocali di Francesca De Mori, milanese, e al pianoforte di Roberto Padovan, torinese) che riscopre Bonaffini nel ruolo che egli stesso ha confessato da sempre, pare piacergli di più: quello di “regista in scena” e “narra-attore con chitarra alla mano”.

La nascita del vinile, dei 33 giri e dei 45, l’esplosione del fenomeno “disco” nell’industria italiana e mondiale nel secondo dopoguerra e soprattutto una cascata di canzoni che, definite “leggere” oppure popolari e d’autore, hanno abitato le case, le librerie, le piazze e gli stadi di diverse generazioni.

Modugno, Paoli, Bindi, poi De Gregori, Dalla, Bennato e tanti altri.

Ecco una traccia di quello che accadrà la sera del 6 luglio a Mantova: immaginiamoci di essere in un grande salotto, dopo cena, a casa di amici, e che due di loro suonino il pianoforte e la chitarra. In mezzo, al centro del dialogo musicale, una ragazza – ben più che intonata semplicemente ma piuttosto assai virtuosa – che inizia a seguirli con vocalizzi, gorgheggi e infine… “note”. Si ritorna là, negli anni Cinquanta e poi si sale verso di noi, tra boom economico e austerity, sognando l’America di Bob Dylan, l’Inghilterra dei Beatles e l’Europa dei chansonnier francesi e spagnoli. Nessuna base, nessuna cover, nessun tributo nostalgico.

La parola, anzi le parole, d’ordine sono: no vintage. “La Storia – dice Bonaffini – è la colonna sociale delle arti e la musica leggera del Novecento è arte popular che, grazie ai cantautori, alle rock e beat band, al genere musical e alla cinematografia, ha riempito le emozioni di tutte le classi sociali del Secolo scorso”.

L’evento è organizzato dal Comune di Mantova, in collaborazione con Accademia Teatrale Campogalliani e Long Digital Playing Srls Edizioni Musical

La nascita del vinile, 33 giri e 45, presto un evento musicale di Luca Bonaffini

Risultati immagini per immagine di musica

di Lucilla Corioni

Un vero evento musicale, premetto subito :Sabato 6 luglio alle 21.15, presso il Cortile di Palazzo d’Arco a Mantova, si terrà il debutto del nuovo spettacolo musicale di Luca Bonaffini – cantautore e scrittore – che, giunto alla terza opera letteraria (2017) e al tredicesimo album (2018), torna alla regia teatrale.

“L’ITALIA AL TEMPO DEL VINILE” – questo il titolo esplicativo dello show concept dell’autore mantovano – è un concerto vero e proprio (affidato alle generose corde vocali di Francesca De Mori, milanese, e al pianoforte di Roberto Padovan, torinese) che riscopre Bonaffini nel ruolo che egli stesso ha confessato da sempre, pare piacergli di più: quello di “regista in scena” e “narra-attore con chitarra alla mano”.

La nascita del vinile, dei 33 giri e dei 45, l’esplosione del fenomeno “disco” nell’industria italiana e mondiale nel secondo dopoguerra e soprattutto una cascata di canzoni che, definite “leggere” oppure popolari e d’autore, hanno abitato le case, le librerie, le piazze e gli stadi di diverse generazioni.

Modugno, Paoli, Bindi, poi De Gregori, Dalla, Bennato e tanti altri.

Ecco una traccia di quello che accadrà la sera del 6 luglio a Mantova: immaginiamoci di essere in un grande salotto, dopo cena, a casa di amici, e che due di loro suonino il pianoforte e la chitarra. In mezzo, al centro del dialogo musicale, una ragazza – ben più che intonata semplicemente ma piuttosto assai virtuosa – che inizia a seguirli con vocalizzi, gorgheggi e infine… “note”. Si ritorna là, negli anni Cinquanta e poi si sale verso di noi, tra boom economico e austerity, sognando l’America di Bob Dylan, l’Inghilterra dei Beatles e l’Europa dei chansonnier francesi e spagnoli. Nessuna base, nessuna cover, nessun tributo nostalgico.

 

vinile.png

Foto “Lc Comunicazioni”

La parola, anzi le parole, d’ordine sono: no vintage. “La Storia – dice Bonaffini – è la colonna sociale delle arti e la musica leggera del Novecento è arte popular che, grazie ai cantautori, alle rock e beat band, al genere musical e alla cinematografia, ha riempito le emozioni di tutte le classi sociali del Secolo scorso”.

L’evento è organizzato dal Comune di Mantova, in collaborazione con Accademia Teatrale Campogalliani e Long Digital Playing Srls Edizioni Musicali.