Terremoto: -Oggi Stato di emergenza, prime risorse, sospensione mutui,interventi nelle scuole Dov’era la Soprintendenza etnea’?

Risultati immagini per foto di riunione prefettura terremoto

Oggi il  Consiglio dei ministri  decreterà -come annunziato-  lo stato di emergenza e successivamente  l’ordinanza di protezione civile con cui verranno stanziati i primi fondi per far fronte all’emergenza sull’Etna. Lo affermano il premier Giuseppe Conte, da Roma, e i sue suoi vice, i ministri Matteo Salvini e Luigi Di Maio, in prefettura a Catania, a conclusione dei sopralluoghi nei comuni del catanese colpiti dal terremoto di magnitudo 4.8 nel giorno di Santo Stefano. : Il governo varerà il provvedimento che prevede la «sospensione dei mutui per tutte le persone che hanno avuto difficoltà», perché la priorità del governo, spiega, è «rendere quanto prima operativi gli interventi a favore della popolazione così duramente colpita». E per farlo, sottolinea il vicepremier, occorre «combattere la burocrazia»

Risultati immagini per immagine crolli terremotoetna

 

Cosa prevede la pace fiscale per il 2019 – Il governo- presto- vuol incassare con le cartelle esattoriali 3,5 miliardi di euro

Risultati immagini per immagini di tasse

La manovra approvata prevede la  pace fiscale ed è collegata alla Legge di Bilancio 2019.       Il Governo intende  incassare circa 3,5 miliardi di euro. 

Il decreto è una delle misure più importanti della Legge di Bilancio 2019 del governo Lega-M5s.Vedremo presto  le conseguenze per la popolazione italiana

La pace fiscale, secondo quanto si legge nel contratto di governo firmato da Lega e M5S, consiste in una serie di misure volte a “rimuovere lo squilibrio economico delle obbligazioni assunte e favorire l’estinzione del debito mediante un saldo e stralcio dell’importo dovuto, in tutte quelle situazioni eccezionali e involontarie di dimostrata difficoltà economica”.
In un primo momento era stato previsto anche un condono per coloro che non avevano dichiarato i redditi attraverso una una dichiarazione integrativa fino al 30 per cento, con un tetto fissato a 100mila euro, e un’aliquota al 20 per cento sul maggiore imponibile Irpef dichiarato nei cinque anni precedenti.
In un vertice a Palazzo Chigi nella notte tra giovedì 15 e venerdì 16 novembre 2018 il Governo ha tuttavia eliminato questa possibilità.

Cosa prevede la pace fiscale contenuta nella manovra di governo 2019

È prevista un’aliquota al 20 per cento per sanare il pregresso di chi ha già presentato la dichiarazione dei redditi. Al contrario di quanto stabilito inizialmente, non si potrà invece optare per la dichiarazione integrativa per far emergere somme non dichiarate.

Per ridurre il contenzioso, si potranno inoltre sanare le liti con il fisco pagando senza sanzioni o interessi il 20 per cento del non dichiarato in 5 anni in caso di vittoria del contribuente in secondo grado o il 50 per cento in caso di vittoria in primo grado.

La rottamazione delle cartelle, che secondo le ultime notizie dovrebbe riguardare i debiti fino a 500mila euro, prevederebbe di pagare i propri debiti in 10 rate da poter dilazionare in 5 anni.

Niente rottamazione ter però per le tasse locali come Imu e Tasi. Questa la maggiore novità nel decreto fiscale atteso nell’aula del Senato. A spiegare i motivi è stato il sottosegretario all’Economia, Massimo Bitonci, che per il governo ha seguito i lavori del Senato sul decreto fiscale.

“Non c’è il parere favorevole della Ragioneria”. In aula al Senato, non arriverà neanche l’estensione che consente ai Comuni la facoltà di aderire alla nuova sanatoria. Niente da fare anche per la proroga a settembre della moratoria sulle sanzioni per la fatturazione elettronica.

Per quanto riguarda le controversie pendenti con l’Agenzia delle Entrate, il decreto prevederebbe la possibilità di chiudere i contenziosi pendenti pagando un valore pari al valore della controversia, ridotto in caso di soccombenza in giudizio del Fisco.

I contribuenti che hanno debiti con l’Agenzia delle entrate possono beneficiare della pace fiscale pagando solo una piccola percentuale della cartella. L’importo specifico da pagare viene calcolato singolarmente su ciascun soggetto che aderisce alla procedura. Potrebbero essere previste tre diverse aliquote di pagamento: 25 per cento, 10 per cento e 6 per cento, in base al reddito.

Le cartelle ammesse alla nuova rottamazione sono quelle riferite al periodo che va dal 2000 fino al 31 dicembre 2017 mentre per quanto riguarda la definizione agevolata delle controversie tributarie saranno ammesse le liti fiscali in cui il ricorso di primo grado è stato notificato alla controparte entro il 30 settembre 2018.

Tra le norme contenute nel decreto fiscale c’è la possibilità di correggere gli errori formali nelle dichiarazioni dei redditi con 200 euro per ogni anno ed è previsto un incremento di 3 milioni di euro del Fondo nazionale per le politiche migratorie per la lotta al caporalato: lo stanziamento, a decorrere dal 2019, servirà anche a far funzionare un tavolo apposito al ministero del Lavoro.

In sostanza, ciò che prevede questo decreto fiscale, è la possibilità di pagare l’importo dovuto a condizioni più vantaggiose, senza sanzioni o interessi.

La pace fiscale partirà dal 2019, secondo le tempistiche che verranno specificate nel decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2019.

Le entrate previste, circa 3,5 miliardi di euro secondo le previsioni del governo, serviranno per l’avvio della flat tax, che nel 2019 riguarderà partite IVA e imprese dal 2019 e dal 2020 sarà estesa alle famiglie.

Entro il 30 aprile 2019 bisognerà fare domanda di rottamazione delle cartelle e entro il 16 maggio bisognerà richiedere l’adesione alla definizione agevolata delle liti fiscali.

REGIONE SICILIA: FRANCESCA GAROFFOLO , DIRIGENTE GENERALE, DECRETA LA RIQUALIFICAZIONE DI 62 EX DIPENDENTI

Risultati immagini per FOTO DELLA DIRIGENTE GENERALE FRANCESCA GAROFFOLO

Un bagliore di luce nel Dipartimento Lavoro della Regione Siciliana. Progettata infatti l’attivazione di urgenti percorsi di politiche attive a favore di dipendenti ed ex dipendenti delle aziende delle aree di crisi complessa, fruitori di cassa integrazione in coerenza della condizione posta dal Ministero del Lavoro e delle Politiche  sociali per l’erogazione delle misure di sostegno dei lavoratori che rientrano nelle aree di crisi complessa.

Il progetto – si apprende – viene ricondotto al Protocollo d’Intesa per l’area di Gela, sottoscritto tra Regione Sicilia, MISE, Comune di Gela e ENI   S.p.A, – ENI idrocarburi Mediterranea S.p.A,  Raffinerie di Gela S.p.A, Versali S.p.A, Syndical S.p.A e rappresentanze delle Organizzazioni sindacali e  Confindustria Centro Sicilia  e pone in luce la necessità di una profonda revisione del modello industriale del sito produttivo di Gela, con conseguente piano di riconversione dell’intera areaa

Inoltre- informa il dirigente generale Francesca Garoffolo      nel mese di giugno scorso presso la sede del Dipartimento Lavoro- si è svolta una riunione con le organizzazioni di categoria relative all’Area di crisi industriale complessa come Gela in cui è stata manifestata l’urgenza di attivare nell’immediato un’attività di rafforzamento delle competenze e riqualificazione per gli ex dipendenti messi in mobilità Ecco perchè abbiamo pensato –prosegue la Garoffolo-          -di procedere alla prosecuzione dell’erogazione di politiche attive per i lavoratori di Gela per l’urgente bilanciamento dell’erogazione delle misure di sostegno di reddito da parte del ministero    del Lavoro

Il rafforzamento delle competenze riguarda 62 ex lavoratori dell’area complessa Gela inseriti in un apposito elenco, decretato, nei moduli formativi generici e specifici per un totale di 120 ore che è il percorso completo. 

Giustizia sportiva:il governo apporta alcune modifiche al Codice del processo amministrativo

Risultati immagini per immagine del Coni

Nasce un provvedimento governativo sulla Giustizia sportiva. Il testo apporta alcune modifiche al Codice del  processo amministrativo, introducendo strumenti finalizzati a  migliorare l’efficienza e la funzionalità della giustizia  amministrativa, nonché della difesa del Comitato olimpico nazionale  italiano (Coni) davanti alla giurisdizione amministrativa.

Il decreto disciplina la possibilità, per il Coni, di avvalersi del  patrocinio dell’Avvocatura dello Stato e riserva alla competenza del  Tribunale amministrativo regionale (Tar) del Lazio le controversie che hanno a oggetto provvedimenti di ammissione ed esclusione da  competizioni professionistiche delle società o associazioni sportive  professionistiche, escludendo quindi la competenza degli organi di  giustizia sportiva, con l’eccezione di determinati casi in grado di  garantire statuizioni definitive entro 30 giorni. Il testo precisa,  infine, che le nuove disposizioni si applicheranno da subito anche ai  procedimenti e alle controversie già in corso.     

SORPRESA MATTARELLA: CARO CONTE, FIRMO SI’ IL DECRETO,MA ATTENTO AGLI OBBLIGHI DELLA COSTITUZIONE…”

Risultati immagini per immagine di sergio mattarella con conte

Disco verde del  Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al decreto legge governativo sui migranti e sulla sicurezza. Ma c’è una sorpresa. Oltre la firma  il capo dello Stato ha inviato una  nota al presidente del Consiglio, prof. avv. Giuseppe Conte, nella quale ricorda che “restano ‘fermi gli obblighi costituzionali e internazionali dello Stato’, pur se non espressamente richiamati nel testo normativo, e, in particolare, quanto direttamente disposto dall’articolo 10 della Costituzione e quanto discende dagli impegni internazionali assunti dall’Italia”.

Signor presidente – scrive Mattarella a Conte – in data odierna ho emanato il decreto legge recante ‘Disposizioni urgenti in materia di protezione internazionale e immigrazione, sicurezza pubblica nonché misure per la funzionalità del ministero dell’Interno e l’organizzazione e il funzionamento dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata’.

Insomma la nota è una sorta di avvertimento/condizioni a non uscire fuori dal recinto segnato notoriamente  dal Presidente Mattarella.  Diversamente il governo potrà avere “altre sorprese”dal Capo dello Stato.

Nuove misure in materia fiscale e di Economia ( alcune davvero incomprensibili)

 

Risultati immagini per foto di agenzia entrate

La manovra fiscale supera l’esame del Parlamento e diventa legge con 237 voti a favore, 156 contrari e tre astensioni.

Il dl collegato al ddl bilancio destina 1,2 miliardi di risorse, nel biennio 2018-2019, alla disattivazione delle clausole di salvaguardia, a cui si aggiungono altri 185 milioni nel biennio, che vanno a finanziare le altre misure.

 Il  provvedimento legislativo  ammette gli enti del terzo settore al credito d’imposta per gli investimenti pubblicitari; mentre un importante pacchetto di norme interviene in tema di calamità naturali, sia con disposizioni di favore fiscale che con stanziamento di risorse e con norme volte a dare priorità agli investimenti per finalità di ricostruzione e messa in sicurezza.

Per le imprese è previsto l’aumento della dotazione finanziaria di alcuni fondi, dedicati alle pmi e con una misura specifica per quelle di grandi dimensioni. Sono inoltre previsti interventi quale l’obbligo di fatturazione su base mensile dei servizi di comunicazione elettronica, il principio dell’equo compenso per i professionisti nei rapporti con clienti diversi dai consumatori, l’introduzione di una disciplina sul riaffidamento di alcune concessioni autostradali scadute, l’estensione delle agevolazioni fiscali per gli studenti fuori sede. Pubblichiamo parte del testo in sintesi:

BOLLETTE TELEFONO: Bollette mensili per abbonamenti telefonici, tv e internet. Con l’eccezione delle offerte promozionali, che potranno avere scadenze inferiori. Gli operatori del settore avranno 120 giorni per adeguarsi alla misura, se non lo fanno dovranno rimborsare ogni cliente pagando 50 euro.

ROTTAMAZIONE CARTELLE vale a dire il punctum dolens: Viene estesa la definizione agevolata dei carichi fiscali affidati alla riscossione che comprende il periodo 2000-2016. Anche chi aveva aderito alle precedenti sanatorie ma ha saltato il versamento delle rate (31 luglio e 2 ottobre) potrà riprendere il terno pagando entro il 7 dicembre.

STUDENTI UNDER 14: Gli studenti under 14 potranno uscire da scuola soli, ma i genitori dovranno dare l’autorizzazione scritta.

IMPRESE: Il fondo crescita sostenibile viene incrementato di 300 milioni nel 2018. Le risorse potranno andare anche alle grandi imprese, con oltre 500 unità, che siano in stato di insolvenza. Inoltre si incrementa il fondo di garanzia per le pmi e si inserisce Cdp tra i soggetti abilitati ad aumentare la dotazione del fondo.

SPESOMETRO: Arriva la norma per evitare che il caos dei mesi scorsi, in occasione del primo invio delle fatture e ricevute che ha portato al black out del sito dell’Agenzia delle entrate, venga pagato dai contribuenti. Non saranno applicate sanzioni se la trasmissione corretta dei documenti relativi al primo semestre 2017 sarà inviata entro il 28 febbraio 2018.

SCUDO FISCALE TER: Arriva lo scudo fiscale ter, pensato per i transfrontalieri e per gli italiani che in passato sono stati residenti all’estero, che sono tornati a vivere nel Belpaese ma che hanno lasciato i soldi fuori dai confini nazionali. Basterà pagare il 3% della somma da sanare; la domanda per aderire allo scudo ter potrà essere trasmessa a fino al 31 luglio 2018; il versamento potrà essere effettuato in un’unica soluzione entro il 30 settembre 2018 o ripartito in tre rate mensili consecutive, con versamento della prima tranche da effettuare entro il 30 settembre 2018.

STALKING: Viene cancellata la norma introdotta in estate, che declassificava alcuni reati tra cui lo stalking, consentendo di estinguere il reato pagando una multa anche nel caso di mancata accettazione da parte della persona offesa. ”Alla luce dell’elevato numero di donne italiane vittime di stalking si ritiene necessario non far ricadere il reato tra quelli per cui è applicabile l’istituto della giustizia riparativa”, si legge nella relazione illustrativa.

CANNABIS MEDICA: Per assicurare la produzione della cannabis a uso medico viene autorizzata la spesa di 1,6 milioni di euro da destinare allo stabilimento farmaceutico militare di Firenze. Il medicinale potrà essere acquistato presso le farmacie.

TERREMOTI 2009-2016: Assicurazioni, bollette della luce e mutui. Arriva una raffica di proroghe delle sospensioni dei pagamenti per le persone che vivono nelle zone colpite dagli eventi sismici dello scorso anno. Vengono inoltre introdotte misure di ‘raccordo’, che interessano gli edifici colpiti da più eventi sismici nel corso degli ultimi 20 anni (dal 2009 al 2016).

VACCINI: Procedure più semplici, già dal prossimo anno scolastico, per gli istituti che devono accertare l’avvenuta vaccinazione obbligatoria degli studenti.

EQUO COMPENSO: Viene stabilito che tutti i lavoratori autonomi hanno diritto a percepire un compenso equo da parte dei clienti ‘forti’ (come banche e assicurazioni).

ALITALIA: Viene introdotta una modifica di natura tecnica, fissando a data certa la proroga di sei mesi del finanziamento già stanziato (che diventa il 30 settembre 2018).

TABACCHI: Si interviene sulla disciplina delle tariffe di vendita dei tabacchi lavorati e dei prodotti assimilati, riducendo alcuni termini temporali applicabili ad alcuni procedimenti connessi alla determinazione delle tariffe e dei prezzi di vendita al pubblico.

ONLUS: Per il periodo d’imposta che scade il 31 dicembre 2017 sarà possibile applicare la deducibilità dal reddito del 10% delle liberalità donate alle Onlus e delle associazioni di promozione sociale, fino a un massimo di 70.000 euro.

PUBBLICITA’: Viene esteso il credito d’imposta per investimenti pubblicitari sulla stampa quotidiana, tv e radio locali, anche agli enti non commerciali e a fronte di investimenti effettuati sulla stampa on line.

ANPC: Viene integrato l’elenco delle associazioni combattentistiche destinate ai contributi statali, inserendo anche l’Associazione nazionale partigiani cristiani.

SIGARETTE ELETTRONICHE: Stop alla vendita online delle sigarette elettroniche. I prodotti potranno essere venduti solo nelle tabaccherie e nelle rivendite autorizzate.

STUDENTI UNIVERSITARI: Si estende la platea degli universitari fuorisede che hanno diritto allo sconto sugli affitti.

SANATORIA SAN SALVO: Arriva la sanatoria per le case costruite nell’area demaniale marittima del comune di San Salvo (Chieti). La misura prevede una nuova linea di demarcazione, lasciando fuori dal territorio che appartiene allo stato alcune abitazioni private.

FORZE POLIZIA BILINGUE: Per garantire alla provincia di Bolzano la presenza di personale di polizia che parli il tedesco viene stabilito che una quota delle nuove assunzioni previste a partire dal primo dicembre di quest’anno, pari all’1%, sarà riservata al personale bilingue (con adeguata conoscenza della lingua italiana e tedesca).

CARABINIERI OPERAI: L’arma dei carabinieri potrà assumere personale operaio a tempo indeterminato, per sostituire il lavoro che una volta veniva svolto dal corpo forestale dello Stato.

BANDA MUSICALE: La banda musicale del corpo di polizia penitenziaria passa da 103 a 55 unità. Il taglio è una conseguenza dirette delle effettive presenze degli orchestrali; coloro che saranno ritenuti non più idonei saranno destinati, mantenendo la qualifica rivestita, agli ordinari compiti istituzionali.

CIBI SPECIALI: Dalla lasagna ipoproteica al pane dietetico aproteico. Sono alcuni dei cibi della particolare dieta che devono seguire malati oncologici, con problemi di disfagia o che soffrono di insufficienza renale. Per questi alimenti particolari, che rientrano nella sezione A1 dell’apposito registro nazionale, arriva la detrazione fiscale del 19% per quest’anno e il 2018.

SARDEGNA: Arriva un aiuto di 25 milioni di euro (10 mln nel 2017 e 15 mln nel 2018), per le aziende agro pastorali della regione, colpite dal maltempo nel corso del 2017.

BAGNOLI COROGLIO: Vengono assegnati 27 milioni di euro per il 2017 per la bonifica ambientale e rigenerazione urbana del complesso.

MATERA: Il comune avrà 3 milioni di euro, per l’anno 2017, per interventi di bonifica ambientale e rigenerazione urbana.

ISCHIA: Sono introdotte agevolazioni per l’adempimento di obblighi tributari e contributivi nei comuni colpiti dal sisma della scorsa estate. Per favorire la ripresa economica e la ricostruzione vengono stanziati 40 milioni.

CRI: Viene modificata la disciplina transitoria che riguarda la riorganizzazione della Croce rossa italiana.

(Agenzia)