Assunzioni anziani ad AciSant’Antonio per il servizio di vigilanza e sorveglianza nelle scuole

 

Aci Sant'Antonio, inaugurata scuola dopo 25 anni. Preside: «Sono  orgogliosa». Ma manca la palestra - MeridioNews

Servizi socio-assistenziali, varato il servizio attività lavorativa
 Caruso: “Gli anziani residenti supporto importante per l’Ente”

Un servizio di attività lavorativa, che rientra in quelli utili per la collettività, rivolto alle donne che hanno compiuto il
cinquantacinquesimo anno di età e agli uomini che hanno compiuto il sessantesimo (ma in entrambi i casi sotto i settantacinque anni) residenti nel territorio di Aci Sant’Antonio, al fine di favorire la piena partecipazione della persona anziana alla vita sociale e prevenire forme di isolamento e disagio sociale: questo è il progetto presente nell’oggetto della delibera votata dalla Giunta Caruso in favore tanto degli anziani quanto dei ragazzi delle scuole.
Sarà un servizio di sorveglianza e vigilanza presso gli edifici scolastici per la sicurezza degli alunni, all’entrata e all’uscita dalle
scuole e nell’attraversamento pedonale, oltreché di sorveglianza ed eventuale piccola manutenzione di aree a verde pubblico e spazi esterni di edifici pubblici. Eventuali altre prestazioni similari, quando possibili e necessarie, potranno essere svolte con caratteristiche di occasionalità.
Potrà partecipare chi rientra nei limiti di età indicati presentando apposita domanda (presente sul sito web ufficiale del Comune di Aci Sant’Antonio) nella quale indicare la situazione economica corredata da certificazione medica attestante l’idoneità fisica e psichica allo svolgimento dell’attività lavorativa e fotocopia del documento di riconoscimento in corso di validità. Le domande di ammissione dovranno pervenire all’Ufficio Protocollo del Comune, in via Regina Margherita, entro le ore 12.00 di prossimo 2 novembre.

Antonio Scuderi - Comune di Aci Sant'Antonio
Antonio      Scuderi
“Anche quest’anno rinnoviamo l’opportunità per gli anziani residenti nel nostro territorio – ha dichiarato l’Assessore ai Servizi Sociali,Antonio Scuderi – Così facendo li rendiamo una risorsa permettendo a loro, e alla società, di dimostrare quanto possano essere effettivamente utili”.
Il Sindaco, Santo Caruso, esprime piena soddisfazione per l’opportunità colta: “Soprattutto in questo momento storico è necessario sfruttare ogni possibile sinergia, e questo tipo di collaborazione, già felicemente collaudata, è un supporto importante per l’Ente, un tassello che contribuisce alla sicurezza per i ragazzi e al decoro per le aree a verde. Sono certo che tutti lavoreranno al meglio”.

Scuola, Aci Sant’Antonio: individuati nuovi spazi e nuove aule per l’emergenza sanitaria Covid-19

Il   Sindaco  Caruso: “Non trascuriamo nulla, lavoriamo bene nel rispetto delle norme di sicurezza”

Su base delle nuove disposizioni dettate dal Ministero dell’Istruzione in relazione all’adeguamento e al riadattamento funzionale degli spazi e delle aule scolastiche in conseguenza dell’emergenza sanitaria da CoVid-19, e in seguito alla richiesta dell’Istituto Comprensivo Statale “Fabrizio De André” di disponibilità di ambienti idonei per ospitare alcune classi, da oggi sono pienamente fruibili i locali di via Vittorio Emanuele, ubicati al civico n. 51,ad Aci Sant’Antonio locali di proprietà dell’Opera Pia Collegio Maria SS. Della Provvidenza che ha stipulato con l’Ente un contratto di locazione con la durata di nove mesi, cioè fino a giugno 2021.

 

Le aule sono state individuate in seguito all’indagine effettuata dal Settore LL.PP. e ritenuti corrispondenti alle esigenze dettate dalle disposizioni inerenti l’emergenza in atto: si tratta di due aule che potranno ospitare 24 e 27 alunni.

 


È un importante passo avanti, questo, in direzione della sicurezza – ha dichiarato l’Assessore alla Pubblica Istruzione di Aci Sant’Antonio, Cristina Orfila – e permette ai ragazzi, ai docenti, alla famiglie e al personale scolastico di operare con maggiore tranquillità”.
La risposta alle delicate esigenze di questo momento è stata celere ed efficace – ha voluto sottolineare il Sindaco, Santo Caruso – a dimostrazione del fatto che nulla, soprattutto in merito ai nostri ragazzi, viene preso sottogamba. Auguro ai ragazzi e al personale di lavorare bene e, soprattutto, nel rispetto delle norme di sicurezza vigenti”.

Aci Sant’Antonio, il Sindaco Caruso: “Un Regolamento perchè non sappiamo come verrà organizzato il servizio di trasporto scolastico”

 

L’Assessore alla Pubblica Istruzione,Cristina Orfila

Con specifico atto amministrativo – Delibera n. 111 -la Giunta Caruso ha approvato una proposta di Regolamento Comunale atta a far pervenire un rimborso spese legato ad eventuali problematiche con il trasporto scolastico.
Alla luce di quanto recentemente accaduto con l’emergenza Coronavirus e del futuro ancora incerto legato all’organizzazione scolastica,informa il Comune di Aci Sant’Antonio con il portavoce stampa Ambra -è stato ritenuto necessario stilare un Regolamento ad hoc per far fronte ad eventuali difficoltà nei trasporti, affrontate da di chi fornisce il servizio sul luogo, per gli studenti pendolari santantonesi delle scuole statali e paritarie secondarie di secondo grado, o dei corsi triennali di istruzione e formazione, che hanno fatto e faranno richiesta dell’abbonamento per le corse verso gli istituti.
Non ci sono arrivate notizie circa novità legate all’organizzazione del servizio di trasporto – ha dichiarato l’Assessore alla Pubblica Istruzione, Cristina Orfila  (nella foto sopra)– e di conseguenza abbiamo pensato che fosse opportuno mettere nero su bianco un testo che potesse venire incontro alle famiglie, in questo senso. Abbiamo previsto un rimborso pari al costo del biglietto di ogni corsa della quale non si fruisce”.
Il Sindaco, Santo Caruso, sottolinea l’importanza della proposta della sua Giunta: “Si tratta sostanzialmente di prevenzione: è un’azione
necessaria per far fronte a quello che ancora non conosciamo. Non sappiamo come verrà organizzato il servizio di trasporto scolastico,perché nessuno ha ancora informato gli Enti sulle modalità. D’altronde non abbiamo ancora certezze su come gli studenti dovranno affrontare l’anno che sta per iniziare, dunque come Amministrazione non possiamo far altro che concentrarci sul nostro ambito, agendo nei limiti delle nostre possibilità. Questo Regolamento è la dimostrazione del fatto che cerchiamo di non lasciare nulla al caso”.