Lauree a distanza nella Biblioteca comunale di Aci Sant’Antonio

Caruso: “Un modo efficace per permettere a parenti e amici di assistere in sicurezza”

 

 

L’idea è nata grazie alla proposta di una studentessa santantonese: Viviana Leotta, laureanda in Biologia, ha pensato che per la seduta di laurea da effettuare a distanza – come imposto dalle attuali restrizioni sanitarie – sarebbe stato opportuno avere a disposizione un luogo ampio, tale da permettere a parenti ed amici di assistere all’evento in tutta sicurezza, mantenendo le distanze e osservando gli attuali dettami. Si è rivolta, così, all’Amministrazione Comunale, trovando nella Biblioteca Comunale la risposta appropriata alle esigenze, grazie anche alla presenza dei mezzi adatti per il collegamento multimediale e di un maxischermo capace di permettere una visione adeguata anche dalle sedute disposte in fondo alla grande sala di consultazione.
Giovedì 29 aprile, così, dopo aver effettuato il collegamento con il  Dipartimento di Scienze biologiche, geologiche e ambientali dell’Università di Catania, alla presenza del Sindaco, Santo Caruso, dell’Assessore alla Cultura, Quintino Rocca, e del Consigliere comunale di Maggioranza Agata Spinto, oltre che di parenti e amici, la seduta si è svolta regolarmente, e i presenti hanno potuto congratularsi con la dottoressa Viviana facendole vivere la gioia della laurea in presenza,
con gli immancabili applausi di corredo, nonostante le necessarie restrizioni.
Adesso, dopo aver valutato la validità dell’esperienza, è stato deciso di offrire la Biblioteca a tutte le laureande e i laureandi che vorranno sfruttarne le potenzialità in questa fase così delicata per i contatti umani.
“Abbiamo pensato che può rivelarsi una soluzione vincente per chi ha necessità del genere – ha dichiarato l’Assessore Rocca – Quando Viviana si è rivolta a noi ci è sembrato naturale proporre quei locali: la Biblioteca, in fondo, è il luogo principe per gli eventi culturali, e in questo periodo può rappresentare, in qualche modo, un punto di partenza
per la cultura in generale”.

 

Il primo cittadino,Caruso, ha espresso tutta la sua soddisfazione per l’iniziativa: “Si è trattato di un bel momento, un momento che in questo periodo così difficile assume un valore ancora maggiore, e aver potuto dare una mano per viverlo in un modo più adeguato è stato un grande piacere. Questa iniziativa, adesso, permetterà che possa essere replicato per chiunque vorrà provare a raddrizzare le storture che la pandemia ci impone, e mi auguro che chi si trova di fronte al traguardo della laurea possa vivere il momento della proclamazione così come avrebbe voluto mesi fa”.

Originale esposizione d’arte a Messina su alcuni stili di combattimento

 

Esposta da oggi a Messina – Palazzo Zanca- la “Via della Verità”

Alla presenza dell’Assessore alla Cultura Enzo Caruso, dell’Esperto comunale di Arte Contemporanea Alex Caminiti e del Direttore Tecnico e Presidente nazionale dell’A.I.K.K. (Associazione Italiana Karate Kyokushinkai) Shihan Tsutomu Wakluchi, è esposta da oggi nel Transatlantico di Palazzo Zanca “Via della Verità”, nuova creazione del gruppo Gas collettivo d’arte indipendente con il contributo di una nuova artista, la messinese Aurora Previti.

Questa mostra – sottolinea l’Assessore Caruso – è un segnale di ripresa, di apertura e di riconquista di uno spazio ed, insieme a ciò che oggi offre Palazzo Zanca, speriamo presto di poter affiancare altri spazi presenti al PalaCultura e a Santa Maria Alemanna. Luoghi non soltanto di aggregazione, ma per vivere e respirare cultura, potendosi confrontare con artisti che oggi più che mai hanno desiderio di ritrovare luoghi e spazi”. L’esposizione, aperta al pubblico secondo le norme anti Covid 19, si basa sulle forme animali che hanno contraddistinto alcuni stili di combattimento. Ogni atleta del Kyokushinkai infatti ha una struttura sia fisica che mentale e gli viene conferito un alter ego animale; si gioca su dieci immagini fantastiche che rappresentano in maniera pop lo stile del Kyokushin Karate  (“Via della verità” o “Verità assoluta” – Kyokushinkai significa letteralmente “Associazione per l’estrema verità”). 

Si tratta di uno stile di karate fondato dal maestro Masutatsu Ōyama ufficialmente nel 1961 in occasione dell’apertura di un dojo a Los Angeles, sebbene Oyama fosse noto anche fuori dei confini del Giappone, e in particolare negli Stati Uniti, già dagli anni cinquanta. Ispirato al Confucianesimo e alla filosofia Zen, questo stile di Karate rappresenta la sintesi delle esperienze del maestro Oyama, che sin da giovanissimo si è dedicato alle arti marziali praticando il Judo e il pugilato. Determinante per la sua formazione la frequentazione del dojo di Gichin Funakoshi, futuro fondatore del Karate Shotokan, presso l’Università Takushoku, dove inizia a studiare con dedizione il Karate di Okinawa.

Tra le esperienze del fondatore del Kyokushinkai il biennio nella Butokukai, l’accademia formativa dell’Arma Imperiale Giapponese specializzata in guerriglia, spionaggio e combattimento a mani nude. Lo stile Kyokushin si basa su una severa disciplina e un allenamento particolarmente rigoroso anche perché in gara si prevede il contatto pieno e nessuna protezione, pur essendo vietati i pugni al volto. I gradi di abilità sono distinti con vari colori delle cinture che gli allievi indossando su una divisa, rigorosamente bianca, e sono nell’ordine bianco, arancione, blu, giallo, verde, marrone e nero.

L’Associazione IKO (IKO1) “International Karate Organization” ha sede a Tokyo; al vertice dell’organizzazione Kancho Shokei Matsui, che ha sostituito Sosai Mas Oyama dopo la sua morte. L’organizzazione risulta comunque divisa perché altri illustri allievi ritengono di essere i veri eredi dello stile di Oyama. Al Presidente nazionale dell’A.I.K.K. (Associazione Italiana Karate Kyokushinkai) Shihan Tsutomu Wakluchi è stato consegnato dall’Assessore Caruso il crest della città di Messina. L’esposizione è visitabile sino a settembre 2021.

Le chiavi del futuro nelle mani dei più piccoli

Odcec Catania, tour tra i banchi all’insegna della legalità

Progetto ludico-educativo in tre scuole primarie: Giuseppe Russo (Giarre), San Domenico Savio (San Gregorio) e Parini (Catania)

CATANIA  

A lezione di legalità tra i banchi: un viaggio itinerante nelle scuole della provincia di Catania per un progetto dal grande valore sociale: “Tasse? Ce le racconta il commercialista!”.

«Un percorso ludico-istruttivo per formare i giovani alunni delle classi quarte e quinte della scuola primaria di primo grado, al fine di diffondere l’importanza della legalità fiscale – commenta il presidente dell’Ordine dei Commercialisti di Catania Giorgio Sangiorgio, che insieme al Consiglio etneo ha sposato l’iniziativa del Consiglio Nazionale – Per noi, un’occasione per adempiere al nostro ruolo sociale, promulgando valori etici e principi costituzionali. È partendo dai più piccoli che si può costruire un futuro migliore: attraverso un approccio culturale positivo verso la fiscalità, Odcec Catania si pone l’implicito obiettivo di contribuire alla diffusione della consapevolezza dei benefici, in termini di Servizi Pubblici, che derivano dal pagare le tasse».

La prima tappa – grazie al supporto del consigliere dell’Ordine Daniele Incardona e la piena disponibilità della preside Maria Novelli – è stato l’istituto comprensivo statale “Giuseppe Russo” di Giarre, con grande partecipazione degli oltre 90 bambini coinvolti. «Nelle aule delle scuole possiamo trovare terreno fertile, incidendo sulla conoscenza e consapevolezza dei cittadini di domani – dichiara la coordinatrice dell’iniziativa, la consigliera dell’Ordine dei commercialisti di Catania Marilù Fragalà – “La mente che si apre ad una nuova idea non torna mai alla dimensione precedente” diceva Einstein, e questi bambini hanno mostrato grande entusiasmo e apertura verso i temi della legalità. Attraverso il gioco, lo scambio, la semplice narrazione dei principi e dei doveri dei cittadini, siamo riusciti a stimolare il dibattito, valorizzando l’importanza della Cosa Pubblica e orientando i ragionamenti dei giovani studenti verso i principi fondamentali della Costituzione. Bisogna innestare e rinnovare un concetto che sembra ormai annebbiato in questa contemporaneità, quello “di essere Stato e sentirsi Stato”».

Diverse le attività messe in campo per raggiungere gli obiettivi prefissati e per attirare l’attenzione e l’interesse dei bambini: «Nel corso delle 2 ore in programma sono previsti l’utilizzo di un cartoon, di slides, di un libretto contenente l’intero lavoro – che verrà consegnato con relativo attestato di partecipazione – e il gioco “Tasse!!? Lo Stato siamo noi, la legalità vince”, omaggiato alla classe per continuare a imparare divertendosi», prosegue Fragalà.

Oggi l’appuntamento alla “San Domenico Savio” di San Gregorio, con una platea di 80 bambini, suddivisa in due giorni (seconda tappa il 7 maggio). Ultimo incontro alla “Parini” di Catania: due le giornate formative, una il 6 e l’altra il 7 maggio.

Nasce una nuove Agenzia di spettacolo e comunicazione per musicisti, cantautori,”piccoli e medi” eventi e/o concerti

 

COVID19: CHE NE SARA' DI CONCERTI E SPETTACOLI CULTURALI? – Radio Onda  d`Urto

DI  LUCILLA  CORIONI

Da oggi ,26 Aprile,  aprirà i battenti la nuova agenzia di spettacolo e comunicazione,specializzata nella promozione dei live tour e dei concerti dal vivo- si tratta di LDP Management & Communications.

L’idea nata dalla fusione di LDP Srls e LC Comunicazione – ora che finalmente il mercato della musica sembra avere uno spiraglio-mira alla rinascita del settore che “secondo gli esperti” non può che partire dai “piccoli” e dai medi dato che i grandi concerti- si sa- avranno certamente spazio, diffusione e riscontro.

Ma i piccoli eventi? Gli artisti che non si possono permettere strutture di management imponenti?  Quei musicisti (cantautori, musicisti, brand) che ogni Santo giorno devono lottare per far sapere dove possono essere visti e ascoltati….dato che le notizie sono tantissime….come faranno a farsi sentire?

LPD M& C   lavora sul territorio, collaborando con quotidiani, riviste,Siti Web,magazine on line,radio e tv locali, per rendere puntuale e precisa la comunicazione riguardante l’evento e gli artisti..

Se lo riterrete un servizio indispensabile contattate il seguente numero 3337695979 o scrivete a: contatti.lccomunicazione@gmail.com    longdigitalplaying@gmail.com per avere un preventivo. Resterete stupiti anche di questo.  E comunque Buona Fortuna e buon Ritorno a tutti quanti

Napoli: riaprono siti museali e spazi espositivi

 

Napoli. Palmieri: progetti per la realizzazione di 7 asili nido | La  Provincia Online

Comunicato Assessore alla Cultura di Napoli: Annamaria Palmieri (nella foto)

Oggi  riaprono al pubblico, secondo i protocolli di sicurezza, i siti museali e gli spazi espositivi del Comune di Napoli, coordinati dall’assessorato alla Cultura e al Turismo.

Dal Maschio Angioino al PAN|Palazzo delle Arti Napoli, passando per il centro antico con San Domenico e San Severo al Pendino, arrivando in Villa Comunale, saranno tantissime- comunica il Comune – le occasioni di visita ai principali siti monumentali della città e alle mostre che da tempo aspettavano di riaprire o inaugurare.

Un’offerta culturale che si coniuga con quella dei musei statali presenti in città, all’insegna di una vera e propria rinascita collettiva della cultura  Annamaria Palmieri, assessore all’Istruzione, alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli afferma: «Sono felice oggi di poter annunciare le riaperture degli spazi della cultura della città. Non abbiamo mai smesso di lavorare per farci trovare pronti a questo importante appuntamento, che sento beneaugurante anche in virtù dell’imminente Maggio dei Monumenti che stiamo per presentare alla città e ai turisti che riusciranno a arrivare, sempre nel rispetto della normativa vigente in materia di sicurezza Covid-19. Sono certa che ci sarà una grande risposta da parte del pubblico che dopo tanti, troppi mesi, potrà tornare a nutrire oltre i corpi anche le anime, i cuori, la mente. L’offerta è più che mai interessante e rilancia la città di Napoli tra le mete turistiche più ambite e internazionali e, particolare che in questi tempi difficili è ancora più importante, con tante gratuità e prezzi calmierati dove è previsto un ingresso a pagamento».

Elenco delle riaperture (in costante aggiornamento sul sito istituzionale www.comune.napoli.it): Maschio angioino (Castel nuovo) via Vittorio Emanuele III Dal 26 aprile (Lun-sab 8.30-18.30, ultimo ingresso 17.30) Castel dell’Ovo via Eldorado 3 Dal 26 aprile (Lun-sab 9.00-18.30, ultimo ingresso 17.00 / Dom 9.00–14.00, ultimo ingresso 12.30)

Dal 7 maggio Troisi Poeta Massimo -Mostra organizzata dall’Istituto Luce-Cinecittà in collaborazione con il Comune di Napoli (assessorato all’Istruzione, alla Cultura e al Turismo), curata da Marco Dionisi e Nevio de Pascalis con la supervisione di Stefano Veneruso. La mostra raccoglie fotografie private, immagini d’archivio, locandine che permetteranno al pubblico di addentrarsi nell’animo umano di Massimo. Un “mito mite”, un antieroe moderno e rivoluzionario, che più di altri ha saputo descrivere, con sincerità, leggerezza e ironia, i dubbi e le preoccupazioni delle nuove generazioni.

Chiesa di San Severo al Pendino via Duomo 286 Dal 26 aprile (Lun-ven 9.00-13.30) Convento di San Domenico Maggiore vico San Domenico, 18 (Lun-sab 9.00-18.30) Dal 30 aprile Grande refettorio SISMA80 – 23 Novembre 19.34 Mostra fotografica dedicata al quarantennale della ricorrenza del terremoto del 1980, ideazione e direzione artistica di Luciano Ferrara, promossa dal Comune di Napoli (assessorato all’Istruzione, alla Cultura e al Turismo); in mostra oltre 100 immagini storiche di autorevoli fotografi: Archivio Luciano D’Alessandro Studio bibliografico Marini Roma – Massimo Cacciapuoti – Toty Ruggieri – Annalisa Piromallo – Gianni Fiorito – Fotosud (Giacomo Di Laurenzio, Antonio Troncone, Mario Siano, Guglielmo Esposito) – Associazione Archivio Carbone – Pressphoto (Gaetano Castanò, Franco Castanò, Franco Esse) – Mario Riccio – Giuseppe Avallone – Guido Giannini – Pino Guerra – Sergio Del Vecchio – Archivio fotografico Ferrara, Luciano Ferrara – Mimmo Jodice. PAN|Palazzo delle Arti Napoli via dei Mille 60 (Lun-dom 9.30-20.00) I Piano Dal 3 maggio FRIDA KAHLO Ojos que no ven corazón que no siente Presentata dalla Frida Kahlo Corporation, prodotta da Next Exhibition, curata da Alejandra Lopez, organizzata da Alta Classe Lab, in collaborazione con il Comune di Napoli (assessorato all’Istruzione, alla Cultura e al Turismo), Next Exhibition, Fast Forward e Next Event, con il patrocinio dell’Ambasciata del Messico, del Consolato del Messico a Napoli, la mostra evento rivela uno sguardo intimo e privato sull’artista più conosciuta e amata del Messico. Per la prima volta in Europa viene mostrata al pubblico una selezione unica, appassionante e rivelatrice di fotografie e lettere che si riferiscono a momenti conosciuti ed inediti della vita di Frida Kahlo. Piano terra

Dal 3 maggio Linea d’ombra mostra personale dell’artista Mario Panizza

Dal 3 maggio NAPLES – SENSE OF PLACE mostra dell’artista Alessandro Fidato Dal 3 maggio #9CENTO mostra degli artisti Andrea Piccolo e Rosalia Esposito Alaia Casina pompeiana in Villa comunale via Riviera di Chiaia (Lun-dom 9.30-20.00) Dal 3 maggio KLIMT ARTE VIRTUALE & IMMAGINI Mostra virtuale dedicata al grande pittore Gustav Klimt che si comporrà di 16 postazioni con visori 3D che consentiranno al visitatore di “entrare” nei capolavori del pittore austriaco e camminare all’interno delle sue particolari opere nel pieno rispetto della normativa Covid-19. Ad arricchire l’esperienza virtuale si potrà ammirare un’esposizione di fedeli riproduzioni delle più importanti opere dell’artista austriaco e dei vestiti indossati da Adele Bloch-Bauer e Giuditta.

La cerimonia per la celebrazione del 76 Anniversario della liberazione

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con il Presidente del Consiglio Mario Draghi,all’Altare della Patria in occasione della ricorrenza del 76° anniversario della Liberazione
(foto di F. Ammendola – Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

C o m u n i c a t o

Si è svolta questa mattina al Palazzo del Quirinale, alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, la celebrazione del 76° anniversario della Liberazione.
La cerimonia, condotta dall’attrice Greta Scarano, è stata aperta dall’esecuzione dell’Inno d’Italia da parte dei Maestri Daniele di Bonaventura e Marcello Peghin e dalla proiezione di un filmato realizzato da Rai Cultura-Rai Storia.
Lo storico prof. Emilio Gentile ha svolto una riflessione sul significato storico e politico del 25 Aprile.
La conduttrice ha letto la poesia “Aprile 1945″, di Dino Buzzati, ” e la testimonianza di Virginia Macerelli, unica sopravvissuta all’eccidio, del novembre 1943, di Pietransieri in Abruzzo, e un brano di Enzo Petrini tratto da i “Quaderni del ribelle”.
E’ stato proiettato un estratto del documentario Rai “La donna nella Resistenza” realizzato, nel 1965, da Liliana Cavani e eseguiti dai Maestri di Bonaventura e Peghin i brani musicali “Reminiscenze ” e “Bella ciao”.
La cerimonia si è conclusa con il discorso del Presidente della Repubblica.
Erano presenti i Presidenti del Senato della Repubblica, Maria Elisabetta Casellati, della Camera dei Deputati, Roberto Fico, il Presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi, il Presidente della Corte Costituzionale, Giancarlo Coraggio, il Ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, e i rappresentanti dell’ANPI e delle Associazioni Combattentistiche e Partigiane e d’Arma.
In precedenza il Capo dello Stato e il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, si sono collegati in videoconferenza dal Quirinale con le scuole vincitrici del concorso nazionale “Uguaglianza e pari dignità sociale, conquiste della democrazia”.

 

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della deposizione di una corona d’alloro all’Altare della Patria, nella ricorrenza del 76° anniversario della Liberazione
Prima della cerimonia il Presidente Mattarella ha deposto una corona sulla Tomba del Milite Ignoto all’Altare della Patria e si è recato al Parco XVII aprile 1944 dove ha deposto una corona sul monumento che ricorda le vittime del rastrellamento del Quadraro.

 

 Roma, 25/04/2021

Rapporti deteriorati tra l’America ed Ankara..Biden ricorda il “genocidio” degli Armeni

Un gesto finora mai compiuto da alcun presidente americano

Turchia, Biden a Erdogan: "Vogliamo relazioni costruttive per gestire  disaccordi" - Rai News

New York

Joe Biden sfida Recep Erdogan definisce “genocidio” lo sterminio degli armeni, uno sterminio che la Turchia ha sempre considerato come un’offesa al suo passato. Erdogan, rilancia la polemica:”Nessuno insegni e dia lezioni alla Turchia..”

La scelta di Biden di ignorare le convenzioni diplomatiche è una prova del deterioramento delle  relazioni tra Washington e Ankara.Anche l’italia ha rincarato la dose sulla strage dell’Armenia all’epoca. E’ la vittoria di una lunga campagna condotta da parlamentari americani, su pressione della forte diaspora armena negli Stati Uniti.

«NOTAI AL FIANCO DELLE IMPRESE: FOCUS SU NUOVI STRUMENTI PER COPRIRE LE PERDITE D’ESERCIZIO

Incontro organizzato dal Consiglio Notarile di Catania e Caltagirone

 

Webinar regionale sulle strategie governative per fronteggiare l’emergenza

CATANIA 

Leggi e norme in evoluzione richiedono un costante aggiornamento, soprattutto in riferimento al ruolo del notaio che, nell’esercizio della sua funzione pubblica, deve attenersi a precise regole fissate dalla legge. Questo l’obiettivo del ciclo di incontri organizzato dal Consiglio Notarile di Catania e Caltagirone, per approfondire novità e criticità in un contesto mutevole e sempre più articolato. Questa mattina riflettori puntati sulle imprese – colpite duramente dalla crisi provocata dalla pandemia – e sulla disciplina che regolamenta associazioni e fondazioni, durante l’evento online “Enti e società: problematiche notarili vecchie e nuove nel mondo che cambia” (22 aprile 2021).

«Il nostro ruolo è centrale nella gestione delle imprese, sia nella loro fase di startup, sia purtroppo nei momenti di crisi, oggi accentuati dalla grave situazione economica causata dall’emergenza sanitaria – ha esordito il presidente della categoria etnea Andrea Grasso, durante il webinar moderato dai notai Maristella Portelli e Donata Galeardi, che ha visto la partecipazione del consigliere nazionale del Notariato Diego Barone – in questo scenario, molteplici sono stati gli interventi da parte del Governo per tamponare gli effetti negativi di una congiuntura economica tanto rilevante quanto inaspettata, e scongiurare la chiusura di molte aziende, soprattutto Pmi. Era inevitabile, dunque, soffermarsi sulla sospensione della disciplina in tema di riduzione obbligatoria del capitale a copertura di perdite, per tutelare la potenzialità produttiva delle imprese in bonis, dalle conseguenze di un evento eccezionale e incolpevole».

Nello specifico si fa riferimento all’articolo 6 del decreto Liquidità, che «prevede interventi e proroghe specifiche – ha spiegato il notaio Luca Prinzi (Enna) – per evitare che la perdita di capitale dovuta alla crisi da Covid possa portare all’immediata liquidazione, con la conseguente perdita di operatività per molte imprese. La sospensione di riduzione del capitale derivante da perdite superiori al terzo del capitale sociale, inizialmente fissata al 31 dicembre 2020, potrà infatti essere rinviata fino al 2025. Si tratta di un tema complesso, per cui è necessario avere un quadro chiaro, valutando le possibili criticità e le relative applicazioni».

Altro tema affrontato durante l’incontro è stato quello delle procedure per l’adeguamento al codice del Terzo Settore di associazioni e fondazioni. «Organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale e Onlus si sono attivate per modificare il proprio statuto – ha commentato la componente della redazione CNN notizie Daniela Boggiali – nelle associazioni lo statuto dev’essere modificato dall’assemblea, nelle fondazioni dal CdA, rispettando i criteri di maggioranza stabiliti dallo statuto stesso». E ha sottolineato: «Un cambiamento necessario, affinché gli enti no profit possano ottenere il riconoscimento della personalità giuridica – con il quale viene riconosciuta la sussistenza di alcuni requisiti e di un patrimonio dell’ente – per procedere all’iscrizione al Registro Unico Nazionale del Terzo Settore, che dovrebbe essere ufficializzato a fine aprile. Per organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale e Onlus costituite prima del 3 agosto 2017 è stata concessa una proroga fino al 31 maggio 2021: le modifiche agli statuti avvengono attraverso le modalità e le maggioranze previste per le deliberazioni dell’assemblea ordinaria». Poi, ha aggiunto: «Tra le novità – legate anche all’attuale situazione emergenziale – la possibilità di svolgimento delle assemblee attraverso mezzi di telecomunicazioni e la preferenza per via elettronica o corrispondenza».

Maggio dei Libri 2021, aperte le adesioni al Comune di Catania

 

locandina maggio libri 2021

Dal 23 aprile al 31 maggio il libro e la lettura tornano protagonisti con un ventaglio di eventi online e, in caso di allentamento delle misure anticovid, in presenza, organizzato per il “Maggio dei Libri della Città di Catania”. Il Comune e l’assessorato alla Cultura partecipano con una specifica programmazione alla campagna nazionale di promozione della lettura sostenuta dal Centro per il Libro e la Lettura e dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, con il patrocinio della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

Tutti possono contribuire con proposte, presentazioni e iniziative che saranno inserite nel cartellone che si aprirà il 23 aprile in occasione della giornata mondiale Unesco del libro e del diritto d’autore. Gli eventi saranno fruibili attraverso i canali di comunicazione del comune di Catania e dell’assessorato alla Cultura e, solo nel caso di un allentamento delle attuali restrizioni dovute al perdurare della pandemia, anche in presenza negli spazi che saranno messi a disposizione dall’Amministrazione comunale, sempre nel rispetto delle disposizioni previste dalla normativa anti-Covid19.

 

 

Giovedì 15 Protocollo d’intesa per il ” Patto di Giustizia della Città di Catania”

municipio

Giovedì 15 aprile 2021 alle 10:30 nella sala giunta di palazzo degli elefanti il sindaco Salvo Pogliese e l’assessore all’informatizzazione Alessandro Porto, insieme al presidente del Tribunale di Catania Francesco Mannino e al presidente della sezione Civile fallimentare del tribunale etneo Mariano Sciacca, sottoscriveranno il protocollo d’intesa per l’attuazione del progetto “Patto per la Giustizia della Città di Catania.

L’iniziativa risponde alla necessità di favorire l’innovazione organizzativa della Pubblica Amministrazione locale, in termini di maggiore efficienza di funzionamento del sistema Giustizia e assicurare una offerta più tempestiva e di qualità, dei servizi offerti agli enti e ai cittadini.

Si tratta di un percorso condiviso, fondato sul concetto di cooperazione fra enti pubblici e soggetti sociali organizzati del territorio, che ha come finalità principale la semplificazione delle procedure di informazione, accesso e fruizione dei servizi della Giustizia con riduzione dei relativi costi economici e organizzativi per le strutture e gli utenti.

Translate »