INCUBO RIFIUTI ACI SANT’ANTONIO: SINDACO ED ASSESSORE DENUNCIANO,”NON C’E’ CAPACITA’ GESTIONALE , VI SONO CAMION PARCHEGGIATI ALLA DISCARICA”

Rifiuti, la discarica di ‘Sicula’ autorizza solo 600 tonnellate per 150

Come funziona l'esportazione di rifiuti?

Comuni. Caruso: “È crisi, sta per esplodere una bomba ecologica”

L’unica discarica per i rifiuti indifferenziati al servizio della Sicilia Orientale, cioè quella di ‘Sicula Trasporti’,

a Lentini, ha ridotto il conferimento a 600 tonnellate al giorno.
Da via Codavolpe, dove è ubicata la discarica, hanno fatto sapere che “i rifiuti giornalieri saranno ricevuti in impianto secondo l’ordine cronologico di arrivo”, così stamattina sono bastati i soli mezzi che hanno raccolto i rifiuti di Catania per far raggiungere il limite imposto, sbarrando la strada, di fatto, a tutti gli altri, compresi quelli del Comune di Aci Sant’Antonio, presso il quale adesso non solo non potrà continuare la raccolta dell’indifferenziato nella giornata di
oggi, ma si compromette anche la raccolta dell’umido di lunedì, alla luce del fatto che gli stessi camion che dovranno essere utilizzati sono fermi perché pieni, e neanche lunedì probabilmente potranno scaricare perché per l’inizio della settimana c’è già la fila di mezzi parcheggiati in attesa della riapertura dell’impianto.

 

Si tratta di una situazione insostenibile – ha dichiarato l’Assessore all’Ecologia, Quintino Rocca , nella foto– è impensabile che 600 tonnellate possano bastare per servire oltre 150 Comuni siciliani. Il geniale metodo individuato per fare conferire in piattaforma è: chi arriva prima conferisce, gli altri a casa. Con il risultato che in questo momento ci sono già dei camion parcheggiati per il conferimento del lunedì.  Sicilia, Italia, Europa, nel 2021”.
Il Sindaco, Santo Caruso, punta il dito sulle istituzioni: “Non credo che ci si sia resi conto della enorme gravità della situazione. Siamo di fronte ad una crisi di proporzioni immani: la riduzione del conferimento tout court, senza che nessuno proponga soluzioni immediate, rappresenta l’accensione di un miccia che rischia di far deflagrare

una bomba ecologica senza precedenti.

Se si è giunti al chi arriva prima per liberarsi dei rifiuti in discarica significa che non c’è alcuna capacità gestionale. È impensabile che i Comuni siano lasciati soli in questo marasma non avendo alcuna possibilità di affrontare da soli la situazione visto che non posseggono mezzi né competenze adatti.

 

Caruso: “Siamo di fronte ad una crisi di proporzioni immani”

Siamo di fronte ad una crisi di proporzioni immani – ha continuato –Chi prenderà i rifiuti di oggi? Chi permetterà alla ditta di svuotare i camion per raccogliere l’umido del lunedì? E chi lo raccoglierà in alternativa? Chi libererà i cittadini dai rifiuti che differenziano, pagando puntualmente la tassa? Non si può pensare che i sindaci, e le istituzioni comunali in generale, possano fare da parafulmine assorbendo l’indignazione di ogni singolo cittadino che chiede perché il suo
sacchetto non è stato ritirato. Moltiplicare il disagio di oggi per i giorni a venire e per tutti i Comuni in difficoltà come Aci Sant’Antonio, restituisce un orizzonte terribile, un incubo dal quale sembra che non si abbia capacità di tirarci fuori. Si faccia qualcosa adesso!”.

 

Aci Sant’Antonio: nuovamente si replica l’appuntamento dei vaccini antiCovid

Caruso: “Dopo le tante richieste della due-giorni, abbiamo deciso di
replicare”

Sono stati 107 i soggetti che hanno scelto di vaccinarsi al punto di prossimità di Palazzo Cantarella nel corso dei due giorni scelti per questo importante appuntamento sul territorio.
Adesso, alla luce delle numerose richieste pervenute già subito dopo la chiusura del secondo appuntamento (che ha avuto luogo lo scorso 27 agosto), si è scelto di replicare aggiungendo un terzo appuntamento: sarà possibile ricevere il vaccino ‘Pfizer-BioNTech’ nelle date di venerdì 17, venerdì 24 e mercoledì 29 settembre, dalle 16:00 alle 21:00,sempre presso Palazzo Cantarella, in via Regina Margherita, 5.
Dopo le tante richieste della due-giorni di agosto, abbiamo deciso di replicare – ha dichiarato il Sindaco, Santo Caruso – Tenendo conto che a brevissima distanza abbiamo un importantissimo ed enorme Hub Vaccinale,cioè quello di Acireale, i numeri fatti registrare qualche settimana fa sono notevoli. Per questo già subito dopo il secondo appuntamento discutemmo della possibilità di rimettere in piedi il punto di prossimità. Avendo superato il rodaggio con gli appuntamenti iniziali,sono certo che nel corso delle tre date di settembre tutto andrà speditamente, con la collaborazione dell’ASP e delle strutture preposte “.
Come ho già detto – ha concluso il primo cittadino – sono convinto che il vaccino sia la strada maestra per contrastare la diffusione del Covid-19, perciò riuscire a offrire questa opportunità sul territorio di Aci Sant’Antonio credo sia molto importante. Da parte dell’Amministrazione ci sarà tutto il supporto possibile a medici, infermieri e volontari che si sono già distinti ad agosto”.

 

Aci Sant’Antonio: disservizi pulizia stradale-raccolta cenere- della ditta “Senesi”

Pulizia stradale, “spazzatrice guasta-afferma la ditta incaricata- per la terza volta in un mese”.

 

Catania si risveglia ricoperta di cenere e lapilli dopo la spettacolare eruzione dell'Etna

Archivi-Sud Libertà

Caruso: “Non è tollerabile, soprattutto in questo momento, un simile disservizio”

Nell’ambito di quella che è considerata una vera e propria emergenza, con la continua ricaduta di materiale piroclastico dalla sommità dell’Etna sui Comuni pedemontani e con i santantonesi spesso colpiti e messi duramente in difficoltà, arriva la notizia di un nuovo guasto alla macchina spazzatrice della ditta ‘Senesi’, il terzo guasto nel giro di un mese.
Alla luce dei nuovi, innegabili disagi che questo comporterà per la cittadinanza tutta, l’Assessore all’Ecologia, Quintino Rocca, esprime il suo dissenso: “Ci troviamo ancora una volta, incredibilmente, senza il servizio di spazzamento meccanizzato. Quest’ultimo guasto risale a venerdì scorso e oggi, mercoledì, la macchina non è ancora stata sostituita. È la cifra indecorosa di una ditta che si sta disinteressando del servizio che i cittadini pagano profumatamente”.
Il Sindaco, Santo Caruso, punta il dito contro la gestione del servizio: Abbiamo chiesto agli uffici di intervenire, di sanzionare la ditta, ma è evidente che le sanzioni elevate per i disservizi non appaiono sufficienti perché ci troviamo dinanzi ad una gestione totalmente disinteressata del nostro capitolato. Così non può continuare,soprattutto a fronte di un momento nevralgico come questo, con la presenza di sabbia vulcanica che richiede un’attenzione maggiore da
parte della ‘Senesi’. Ci troviamo invece di fronte ad una incredibile privazione dei servizi ordinari a fronte della necessità di interventi straordinari”.

“CRISTALLI DI EMOZIONI” AD ACI SANT’ANTONIO: ESIBIZIONE DELLA BALLERINA AMBETA TOROMANI

 

 

. Caruso: “Un onore potere ospitare il suo talento”

Torna l’appuntamento ideato da ‘Nuova Prospettiva Danza’ e patrocinato dal Comune di Aci Sant’Antonio, “Cristalli di Emozioni”.
Anche quest’anno si tratta di un doppio appuntamento che avrà come location il cortile di Palazzo Cantarella, e anche quest’anno si esibiranno le scuole di danza e ci saranno grandi ospiti. Nello specifico, a presenziare la seconda serata ci saranno la ballerina Anbeta Toromani e il primo ballerino del Teatro San Carlo di Napoli, Alessandro Macario, che questa mattina hanno fatto visita al Sindaco, Santo Caruso, insieme allo staff con il quale hanno visitato la Sicilia in cerca di giovani talenti da portare in scena per ‘Lo schiaccianoci’ che verrà presentato giovedì 2 settembre al Teatro Greco di Taormina.

 

 


Con loro, oltre ai curatori del progetto di audizioni con al centro l’Isola, il maestro Pietro Gorgone, che si è intrattenuto con il primo cittadino fino alla consegna da parte di quest’ultimo di un piccolo dono raffigurante il carretto siciliano alla ballerina lanciata anni fa da Maria De Filippi e oggi, dopo molto tempo passato sugli schermi televisivi, protagonista nei teatri con spettacoli di primissimo livello.

 

 


Anbeta, subito dopo l’incontro, ha raggiunto delle giovani allieve di danza del territorio intrattenendosi con loro per una lezione.   Si tratta di artisti di caratura internazionale, ed è un onore potere ospitare il loro talento nel nostro Comune – ha dichiarato Caruso – Sono felice della loro presenza e sono lieto del fatto che offrano la loro esperienza per arricchire i giovani talenti del territorio, e per questo ringrazio il direttore artistico di ‘Nuova Prospettiva Danza’, Gabriella
Leone, che ha fatto in modo ancora una volta di portare nel nostro territorio alti livelli di prestigio dell’arte che rappresenta, rinnovando la fruttuosa collaborazione con il nostro Ente. È un altro importante tassello, quello di oggi e domani, per questa estate santantonese che, nonostante le necessarie restrizioni, sta offrendo un intrattenimento di buon livello sia artistiche che culturali”.

 

Disservizi idrici Aci Sant’Antonio, il Sindaco convocato in commissariato di Polizia per “chiarimenti”

Stop Water Mismanagement To Save Lives - IPA Newspack

 

Caruso convocato in commissariato come persona informata sui fatti: “Di vitale importanza risolvere il problema dell’acqua”

L’ultima azione del primo cittadino di Aci Sant’Antonio, Santo Caruso,risale allo scorso luglio, con una lettera indirizzata al Prefetto di Catania, lettera che seguiva quella del precedente inizio di giugno,quando già le problematiche idriche nella cittadina santantonese stavano attanagliando soprattutto le frazioni, coinvolgendo una fascia di diecimila residenti.

Alle porte dell’estate il Sindaco aveva reso chiare ai concittadini le sue intenzioni, scrivendo sui social:

Al di là dei disagi generati da guasti occasionali o dagli stacchi di erogazione di energia elettrica programmati da Enel non è tollerabile dover assistere,soprattutto ogni qual volta si presenta la stagione estiva, a disservizi idrici improvvisi, ad una improvvisa e prolungata mancanza di acqua che col caldo e con l’emergenza sanitaria che stiamo ancora vivendo diventa un peso non indifferente, che non è certo un fastidio da poco”.
Nell’ambito della sua azione volta a sollecitare chi di dovere in vista di una risoluzione, con ‘Acoset’ in testa, Caruso indicava la possibilità di utilizzare il pozzo AISA, di proprietà della ‘Sidra’,pozzo che nel passato ha servito Aci Sant’Antonio in passato e che potrebbe rappresentare una buona soluzione se la sua acqua fosse utilizzata non solo come irrigua, ma anche come potabile.

Oggi, dopo un’azione della Prefettura catanese volta a coinvolgere gli attori della vicenda, alla luce anche di medesime questioni sollevate da altri comuni etnei, il nocciolo della questione è passato alla Polizia di Stato, che proprio sulla base di quanto sollevato da Caruso coinvolgendo la Prefettura ha avviato un’azione volta ad ottenere dei chiarimenti.


Mercoledì scorso il Sindaco santantonese è stato convocato presso il Commissariato di Acireale come persona informata sui fatti, al fine di venire a capo di questa complessa questione: “Finalmente – ha commentato – Mi è stato riferito di un intervento deciso da parte della Prefettura,e adesso speriamo bene. La situazione è definitivamente insostenibile ed
è giusto, adesso, che la questione venga affrontata come di dovere. La cosa più importante, vitale direi, è che questa annosa questione della mancanza d’acqua venga risolta. Che il problema sia imputabile ai danni scaturiti dal periodo caldo, dalle mancanze di energia elettrica, dalle carenze nei pozzi, sta diventando relativo: determinante è solo che la questione venga risolta, che l’acqua non manchi più. Non è umanamente accettabile che ci siano famiglie che da settimane sono costrette a patirne la mancanza, con ore infinite di rubinetti secchi. È ora di dire basta”.

Riqualificazione territorio-cuore Aci Sant’Antonio: consegna del nuovo salotto cittadino

Centro storico, riaperta al traffico veicolare la via Regina Margherita.

Caruso: “Un piccolo, importante, passo in avanti”

A seguito del completamento dei lavori di riqualificazione della sede stradale, con Ordinanza numero 87 del 10 agosto 2021 il Sindaco, Santo Caruso, ha disposto la riapertura al traffico veicolare della via Regina Margherita, il cuore di Aci Sant’Antonio.
Oggetto di riqualificazione, come il resto del centro storico santantonese, la strada era stata chiusa il 2 febbraio scorso, e la circolazione aveva subito variazioni di volta in volta alla luce dell’avanzamento dei lavori.

Dopo il completamento della posa del basolato lavico, che ha compreso anche la sistemazione della segnaletica orizzontale, la via è stata riaperta,mentre i lavori continuano ad andare avanti.
Stiamo cambiando in meglio il volto del centro cittadino – ha dichiarato l’Assessore ai Lavori Pubblici, Antonio Scuderi – e il prospetto da Palazzo Cantarella alla piazza Maggiore mostra già parte dell’arricchimento della bellezza del nostro territorio. Adesso attendiamo che l’avanzamento dei lavori giunga al termine, con l’arredo e il verde, per consegnare ai santantonesi il nuovo salotto cittadino”.
Il primo cittadino-Caruso-  pone in luce  l’importanza trasversale dell’intervento: “Il traffico veicolare deve adesso riprendere il suo ordinario corso sulla strada. Ovviamente non tutti i lavori sono completati, però è un passo in avanti in più che ci rende felici. Sappiamo bene che la chiusura ha comportato dei disagi, soprattutto per le attività commerciali che insistono su questa via, ma l’arricchimento complessivo che conferisce un intervento del genere viene fruito dalla cittadinanza a tutti i livelli, a trecentosessanta gradi, e sono certo che quando l’intervento giungerà al termine sarà ancora più evidente l’importanza di una tale scelta”.

Aci Sant’Antonio: il 20 e il 27 agosto attivo un punto di vaccinazione a Palazzo Cantarella

 

Il Sindaco  Caruso: “Crediamo nella vaccinazione che in Sicilia non è ancora a un livello adeguato .Noi offriamo un’pportunità da cogliere”

Continuano le campagne per promuovere la vaccinazione contro il Covid-19 soprattutto fra chi nutre ancora dubbi e timori.
A Palazzo Cantarella venerdì 20 e venerdì 27 agosto-informa un Comunicato stampa- sarà possibile ricevere il vaccino Pfizer dalle 18:00 in poi, con possibilità di prenotazione chiamando il numero 095.7010029 oppure scrivendo un messaggio alla pagina facebook ufficiale del Comune di Aci Sant’Antonio.
Il Sindaco, Santo Caruso, pone l’accento su questa importante iniziativa: “Vaccinarsi è fondamentale in questo momento: sappiamo bene come i dati dei ricoveri parlino chiaro, mettendo in evidenza come i contagi fra i vaccinati siano bassissimi, e i casi gravi quasi inesistenti. È indubbio, quindi, che l’unica arma attualmente a disposizione per l’intero pianeta sia la vaccinazione, che se non è realmente in grado di combattere, è almeno in grado prevenire.
La Sicilia – ha continuato il primo cittadino – ha appena scansato il rischio di cadere in zona gialla, cosa che avrebbe comportato gravi conseguenze per il comparto economico, e questo rischio è chiaramente connesso al numero di vaccinazioni che purtroppo per la nostra Regione non è ancora a un livello adeguato. Offrendo Palazzo Cantarella come punto di prossimità per le vaccinazioni speriamo di dare un piccolo contributo alla campagna nazionale, in modo da offrire la possibilità a chi si trova in questo territorio di usufruire di questa opportunità,magari fugando dubbi e incertezze con una seria chiacchierata con chi ha i mezzi per discutere di questa importante tematica. Di certo è un’opportunità da cogliere”.

Bilancio Aci Sant’Antonio, “oltre 4 milioni inseriti nella variazione di bilancio” e una vera pioggia di soldi su questo territorio

DEF 2017: audizione Ufficio parlamentare di bilancio e della Corte dei Conti - Bilancio e contabilità

 

Caruso: “Azione straordinaria, senza un euro dalle casse comunali”

 

Con la Delibera numero 71 del 4 agosto la Giunta comunale di Aci Sant’Antonio ha disposto una variazione di bilancio che certifica, per il 2021, un’azione amministrativa che ha letteralmente portato una pioggia di finanziamenti sul territorio.
Sono contenuti oltre quattro milioni di euro, infatti, nei documenti che descrivono le opere coperte da interventi economici esterni aggiudicati grazie al lavoro di questi mesi, opere che si aggiungono a quelle importantissime già avviate e in alcuni casi in dirittura d’arrivo, come quelle sui lavori in centro storico, nella via Regina Margherita, o la realizzazione della palestra a Santa Maria La Stella o, sempre in questa frazione, il microasilo.
L’elenco attuale conta la ristrutturazione del centro diurno per anziani in via Lucio Pulvirenti, per oltre un milione di euro, e per una cifra simile evidenzia anche la ristrutturazione dell’edificio di via Umberto; ci sono poi i centri estivi, la ristrutturazione della Biblioteca Comunale, l’intervento che cambierà il volto della Villa Comunale arricchendola in maniera significativa; e ancora: gli interventi per la messa in sicurezza del territorio,

con ottocentomila euro per via San Giuseppe e per via Nocilla, o l’efficientamento energetico al Palazzo Comunale.
Saranno interventi straordinari – ha dichiarato l’Assessore ai lavori Pubblici, Antonio Scuderi – che continueranno a migliorare l’aspetto di Aci Sant’Antonio, sia in termini di decoro che di efficienza, di viabilità, di sicurezza. E assumono un valore ancora maggiore alla luce di tutto quello che è stato già fatto, con risultati straordinari che vanno, per fare solo due esempi, dal centro storico al parco di Casalotto”.
Il Sindaco, Santo Caruso, mette in evidenza il lavoro svolto: “Questo eccellente risultato è frutto di una minuziosa programmazione, che ha portato ad una partecipazione a bandi, con esito positivo, che sta di fatto cambiando il volto del nostro paese. E voglio sottolineare che si tratta in tutti i casi di fondi che vengono dall’esterno: non c’è neanche un centesimo di compartecipazione, neanche l’ombra di spese dalle casse comunali. Nel saldo della descrizione della variazione di bilancio che abbiamo votato con la Giunta l’esito del confronto fra entrate e uscite recita 0, ed è un numero incredibilmente soddisfacente alla luce di tutto quello che è stato fatto e che sarà fatto”.

Museo del Carretto siciliano: in scena Giovanna D’Angi con “Sicilia/l’amuri, lu mitu, la storia”

 

 

Due ore circa di grande spettacolo con al centro la Sicilia, la sua storia e le sue tradizioni.
È stato questo il tema dell’incontro di questa mattina con la stampa voluto dal Sindaco, Santo Caruso, al Museo del Carretto Siciliano,incontro al quale, oltre allo stesso primo cittadino, erano presenti la cantante Giovanna D’Angi, l’attore Salvo Di Bella della compagnia de ‘I DistrAttori’ e il consigliere comunale Salvo Privitera.
È stato illustrato lo spettacolo ‘Sicilia | L’amuri, lu mitu, la storia’che andrà in scena domani, venerdì 30 luglio 2021, alle 21:00, presso il cortile dello stesso Museo del Carretto, spettacolo che vedrà protagonista la D’Angi, già al centro di importantissime produzioni con artisti del calibro di  Stefano Masciarelli, Iva Zanicchi, Bianca Atzei,
Sergio Muniz, Roberta Lanfranchi, Gabriele Cirilli.

Con lei ci saranno i musicisti Alfredo Longo e Salverico Cutuli, e il gruppo de ‘I DistrAttori’, con il quale la D’Angi ha già collaborato. L’ingresso sarà libero, e sarà possibile visitare gratuitamente il Museo.
Si tratta di un meraviglioso viaggio nella Sicilia, con le sue note e le sue tradizioni – ha dichiarato la cantante – eseguiremo brani importantissimi che hanno tutti un significato importante, per motivi diversi. Mi viene in mente ‘La baronessa di Carini’, ma anche ‘Stranizza d’amuri’, in memoria del grande Franco Battiato, o la bellissima ‘Veni
cca’, di Vincenzo Spampinato. Insomma: sarà una serata affascinante, e spero che chi verrà sentirà la magia di quest’isola”.
Di Bella, in rappresentanza de ‘I DistrAttori’, ha messo in evidenza l’importanza di andare in scena in questo momento storico, ponendo l’accento sull’aspetto culturale sottolineato dall’interesse dell’Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, come ribadito dal consigliere Privitera: “Si tratta di uno spettacolo considerato importante a Palazzo D’Orleans, al punto da essere inserito nel cartellone di quest’estate siciliana, e per questo in tanti abbiamo
deciso di supportarlo. Sotto questo punto di vista va fatto un plauso all’Amministrazione che ha fornito tutto il necessari perché potesse andare in scena.
Il Sindaco ha mostrato vivo apprezzamento per l’appuntamento di domani:Sarà un modo per dare ancora più valore al nostro Museo, già salito alla ribalta nell’ultimo periodo per il progetto legato alla presentazione della candidatura all’Unesco del Carretto Siciliano,progetto che vede al centro proprio Aci Sant’Antonio. Mi piace pensare che lo spettacolo che andrà in scena domani non possa avere location migliore, sia per i santantonesi che per i tanti che verranno e avranno la possibilità di apprezzare le meraviglie presenti qui. Tutti avranno la possibilità di prendere parte ad un appuntamento che diventa in qualche modo un segnale importante, un ulteriore piccolo passo per la ripartenza”.

Lavori pubblici, in dirittura d’arrivo il centro storico e la consegna del microasilo di S.M. La Stella

 

I cinque lavori da operai più pagati - Cinque cose belle

 Caruso: “Grato a chi ha contribuito ad ottenere questi risultati”

Proseguono spediti i lavori pubblici nel Comune di Aci Sant’Antonio. Da tempo i residenti del centro seguono l’andamento degli interventi in via Regina Margherita, e in molti aspettano la consegna del mircroasilo di Santa Maria La Stella: in questi giorni il Sindaco, Santo Caruso, ha diffuso alcune immagini sui social dello stato attuale dei lavori, immagini per i quali in tanti hanno mostrato vivo apprezzamento.
Riguardo il centro storico, infatti, è stata posta l’ultima basola relativa alla sistemazione della via: la sede stradale, adesso, è quasi completa, e per l’apertura e la piena fruibilità è questione di giorni.

 

Il microasilo, invece, è di fatto pronto, e a giorni avverrà la consegna ufficiale. Siamo felicissimi di poter consegnare ai santantonesi queste due opere,così diverse fra loro ma così parimenti importanti – ha dichiarato l’Assessore ai Lavori Pubblici, Antonio Scuderi – Entrambe significano continuità con quanto fatto in questi anni: da un lato l’attenzione per
la scuola, mostrata con i tanti interventi portati avanti grazie agli importantissimi finanziamenti ottenuti, dall’altro la ricerca costante del miglioramento degli indici di vivibilità, con la rinascita del centro storico”.

Il primo cittadino pone l’accento sui lavori ringraziando quanti hanno permesso il loro compimento: “Sono grato, chiaramente, agli Uffici,soprattutto per le varie vicissitudini legate alla via Regina Margherita, oggetto spesso di polemiche, e devo fare un doveroso plauso alle ditte che hanno portato avanti gli interventi, a partire dai direttori dei lavori e fino all’ultimo ingranaggio degli apparati messo in campo: quando si tratta di lavori pubblici c’è un importantissimo lavoro di coordinamento, che qui ha dato ottimi frutti, arrivando con pazienza ad un risultato ottimale, ad opera d’arte.

 

 

“Adesso si tratta solo di mostrare ai cittadini quanto fatto: per l’asilo nido siamo pronti,(vedasi foto sopra di Ambra) e ci sarà da attendere poi i tempi tecnici di affidamento, mentre per il centro a breve potremo già fruire della strada, e si aspettano solo piccoli interventi sui sagrati delle chiese e in piazza Cantarella. Ci scusiamo, ancora una volta, per i disagi creati, soprattutto ai commercianti, ma credo che ne sia valsa davvero la pena. Il centro storico, adesso, rivivrà, e rivivrà in bellezza”.