Ordinanza del Presidente Musumeci con misure speciali per chi entra in Sicilia da Malta, Grecia e Spagna

 

 

I siciliani che dal prossimo 14 agosto faranno rientro da Malta, Grecia e Spagna hanno l’obbligo dell’uso della mascherina anche all’aperto e isolamento fiduciario e tampone E’ una delle disposizioni contenute nell’ordinanza firmata dal presidente della Regione, Nello Musumeci, che punta a garantire sicurezza nel territorio dell’Isola con misure speciali di contenimento per quanti fanno ingresso in Sicilia dai tre Stati comunitari in questione.

Nell’ordinanza si ribadisce l’obbligo dell’uso della mascherina “in luoghi pubblici e privati, anche all’aperto, quando non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza interpersonale”.

I cittadini in questione saranno presi in carico dalle Usca per la sorveglianza sanitaria e dovranno rimanere in isolamento fiduciario per 14 giorni. Al termine della quarantena, saranno sottoposti a tampone. Tale misura è frutto di un’attenta analisi dell’attuale dato epidemiologico che è caratterizzato dai rientri di soggetti siciliani positivi principalmente da Malta.

La nuova ordinanza prevede una azione di sorveglianza e monitoraggio sanitario anche per le persone non residenti o non domiciliate nell’Isola che, provenendo o transitando da Grecia, Malta e Spagna facciano ingresso in Sicilia a partire dal prossimo 14 agosto. Per loro scatterà l’obbligo di registrazione sul sito internet siciliasicura.com, e di utilizzo dell’app “SiciliaSiCura” “con finalità di contatto con il Servizio sanitario regionale (Ssr) ed eventuale monitoraggio/assistenza del proprio stato di salute”.

Saranno le Uscat (Unità sanitarie di continuità assistenziale turistica) a prendere in carico tutti i soggetti registrati.

Sono esentati dagli obblighi previsti gli equipaggi e il personale viaggiante dei mezzi di trasporto, gli operatori sanitari nonchè coloro che si recano e rientrano dai territori di Grecia, Malta e Spagna esclusivamente per documentati motivi di lavoro o di salute.

Queste persone dovranno comunque compilare un modulo e trasmetterlo al Dipartimento di Protezione Civile della presidenza della Regione siciliana. L’ordinanza entrerà in vigore a partire dal prossimo 14 agosto e avrà validità fino al 10 settembre 2020.

DEPUTATI SENZA ETICA ED ONORE,RAPPRESENTANTI DI UNA ITALIA INGORDA E TRUFFALDINA

Due truffe informatiche. Tre denunciati dalla Polizia di Cuneo ...

 

DI    R. LANZA

Non comprendiamo – per quanto le pressioni politiche siano fortissime da un lato e dall’altro – adesso che il vaso di porcellana è rotto non escono ancora i nomi dei deputati di Montecitorio che hanno fruito del “bonus Covid”( Partita Iva: 600 euro)..            Il disco verde è stato già dato dal  Garante per la protezione dei dati personali  che, sulla base della normativa vigente, ha sostanzialmente spiegato che la sua discesa in campo a riguardo sia perfettamente inutile         “visto che la privacy non è d’ostacolo alla pubblicità dei dati relativi ai beneficiari del contributo laddove, come in questo caso, da ciò non possa evincersi, in particolare, una condizione di disagio economico-sociale dell’interessato (art. 26, comma 4, d.lgs. 33 del 2013)”. Non ci sono ostacoli  quindi  alla diffusione dei nomi dei deputati che hanno richiesto il bonus di 600 euro malgrado i loro stipendi  di “Onorevole” sia  davvero da capogiro , 13mila euro netti al mese escluse altre agevolazioni ed incarichi aggiuntivi.

Disastro Inps: scambi di persona e violazione della privacy ...

Nella foto d’Archivio, il Presidente dell’Inps P.  Tridico

 

Ciò vale, a maggior ragione, rispetto a coloro per i quali, a causa della funzione pubblica svolta, le aspettative di riservatezza si affievoliscono, anche per effetto dei più incisivi obblighi di pubblicità della condizione patrimoniale cui sono soggetti (cfr., ad es., artt. 9 L. 441/1982 e 5 d.l. 149/2013, convertito, con modificazioni, dalla L. n. 13 del 2014) –

– Il Garante contestualmente comunica che sarà aperta una istruttoria in ordine alla metodologia seguita dall’Inps rispetto al trattamento dei dati dei beneficiari e alle notizie al riguardo diffuse”.

Deputati titolari di partita Iva che contribuiscono a predisporre leggi e regolamenti per il nostro Paese e che rappresentano l’Italia malata, truffaldina ed ingorda. Sono loro che percepiscono anche una pensione sicura – esaurita una legislatura.  Non hanno onore. Hanno tradito la Costituzione (art54)  ..”I cittadini che hanno funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore”

E’ un problema di trasparenza, di giustizia, i politici, gli amministratori,gli assessori regionali, i consiglieri, i sindaci, i dirigenti pubblici,gli organi periferici,fra l’altro, devono sempre dare una risposta.Sappiamo che il presidente Fico ha rivolto una richiesta informativa al presidente dell’Inps.      Il silenzio è assolutamente ingiustificato, si configura già  l’omissione di atti di ufficio.    E la risposta non può lasciare intercorrere uno sproporzionato intervallo temporale. Deve essere data nell’immediatezza.

 

 

NAPOLI: IL MISTERO DI GENNARO TRAPANESE,I PARENTI LO CERCAVANO DA UN ANNO, ERA FINITO IN UNA CELLA DELL’OBITORIO

 

OGGI A TORRE DEL GRECO LA CERIMONIA FUNEBRE CHE DOVEVA SVOLGERSI UN ANNO FA

Napoli,

Il  mistero di Gennaro Trapanese, 50 anni, residente nelle palazzine di edilizia popolare di via Lamaria a Torre Del Greco insieme all’anziana mamma e ad altri due fratelli maggiori..I familiari lo cercavano da oltre un anno, dopo che il suo allontanamento da casa, avvenuto il 16 luglio del 2019….

i parenti oltre a presentare denunvia a polizia e carabinieri avevano creato una pagina Facebook e si erano perfino rivolti alla trasmissione televisiva «Chi l’ha visto», che li aveva ospitati e che a settembre aveva aperto una sezione dedicata all’uomo. . In realtà Gennaro Trapanese era morto il giorno stesso della scomparsa. E il suo corpo era finito in una cella frigorifera dell’obitorio del Secondo Policlinico.

Da tredici lunghi mesi. E ora mentre piangono la morte del loro caro, mamma e fratelli chiedono com’è morto e     come  mai nessuna segnalazione, nessun sospetto sia sorto a nessuno sull’identità di quel povero corpo.

 

Si apprende che uno studio legale, l’avvocato Francesco Maria Morelli  ha  presentato  una denuncia in Procura per delle indagini approfondite e avere spiegazioni su quel corpo abbandonato in obitorio. Di Gennaro Trapanese si perdono infatti  le tracce il 16 luglio dello scorso anno. Al momento in cui lascia l’abitazione del quartiere di Sant’Antonio indossa una camicia e un pantalone chiari E . «nel quartiere di San Giovanni a Teduccio –  il suo corpo sarebbe stato trovato, ormai privo di vita.

Non si sa con precisione chi abbia recuperato il corpo e lo abbia trasferito all’obitorio del Secondo Policlinico, dove è stata regolarmente effettuata l’autopsia, che avrebbe confermato la morte per overdose. Dopo di che il cadavere è stato richiuso in una cella frigorifero. E lì dimenticato dal mondo.

«Alla famiglia – dicono in famiglia — sarebbe stato risparmiato un anno di angoscia.  Gennaro era facilmente identificabile perchè aveva tatuato un diavoletto simbolo del Milan sul braccio destro e una piccola scritta sull’altro braccio…..”
Quando i familiari sono stati contattati dalle forze dell’ordine per una richiesta di identificazione, non hanno avuto dubbi che si e si trattava di Gennaro Trapanese: ». Oggi i in una chiesa di Torre del Greco si svolgerà la cerimonia funebre che doveva svolgersi un anno fa.

Microzonazione sismica: avviate le indagini sul territorio di Aci Sant’Antonio

   UNO STUDIO  CHE COINVOLGERA’ VENTI COMUNI SICILIANI

 

Foto S.Ambra

Ha avuto il via da pochi giorni la ‘fase 3’ degli Studi di Microzonazione  sismica di Livello 3 (MS3) e analisi della Condizione Limite per l’emergenza (CLE), come stabilito dal ‘Piano Regionale di Microzonazione Sismica’ ex Deliberazione della Giunta Regionale n. 138 del 20 marzo del 2017.
A realizzare questo intervento, pensato prima del drammatico sisma della fine del 2018 e che, dopo le fasi immediatamente successive alla preparazione dei documenti, avrebbe dovuto svolgersi nel periodo dell’esplosione della pandemia da Coronavirus, è un raggruppamento temporaneo di professionisti e imprese (Rete Contratto ‘MZS’ Sicilia) con sede a Ficarra (ME).
Dopo una prima fase di raccolta dati, durante la quale il primo dei Comuni coinvolti, cioè di Aci Sant’Antonio, ha fornito la documentazione necessaria, si è passati alle indagini geognostiche e geofisiche, che sul territorio santantonese vengono svolte nelle vie Petralia, Kennedy, don Luigi Sturzo, Pace e Montale. In questi giorni è stato ultimato il sondaggio meccanico in una delle zone più colpite dall’evento tellurico del Natale del 2018, cioè il ‘Villaggio San Giuseppe’, presso il quale al momento sono in corso ulteriori indagini.

 

Ultimata questa fase di indagini sul posto verrà redatta una Relazione di Settore, e quando alla fine di tutte le indagini si avrà la relazione completa con una mappatura dettagliata delle aree perimetrate, supportata da una precisa valutazione del rischio sismico per ogni area, il Dipartimento Regionale della Protezione Civile dovrà validare lo studio avvalendosi di una struttura esterna composta da un pool di esperti dell’Università di Roma. Validati gli studi seguirà un decreto assessoriale che, impugnato dai Comuni, permetterà un accorto sviluppo sul territorio.

Foto S.Ambra

“Quello che avremo in mano alla fine dei lavori sarà uno strumento preziosissimo – ha dichiarato il Sindaco, Santo Caruso – Aci Sant’Antonio è il primo Comune sul quale viene effettuato questo importantissimo studio, e saprà fare tesoro di quanto verrà comunicato. I nostri Uffici si sono messi a disposizione dei tecnici e li stanno supportando passo passo, e da par suo l’Amministrazione fornirà ogni aiuto richiesto.

 

“Dopo il sisma del 2018 – ha continuato – una mappatura del genere si è resa ancora più necessaria: questo territorio non può attendere oltre, abbiamo bisogno di sapere che tipo di risposte può dare alle sollecitazioni telluriche, e come comportarci dal punto di vista strutturale.
“Sono lieto – ha concluso – di avere un gruppo di esperti al fianco per poter pensare ad uno sviluppo coscienzioso”.

 

Foto S.Ambra

Papa Francesco:”Nei momenti difficili della Vs vita tutto diventa buio, gridate: Signore mio, aiutami..”

La chiesa di Papa Francesco è un paradosso - Il Foglio

 

  Papa Francesco all’ Angelus di oggi da Piazza San Pietro, ricorda il brano evangelico in cui Gesù “cammina sulle acque del lago” mentre la barca dei discepoli è rimasta bloccata a causa di una tempesta.

La barca in balia della tempesta è immagine della Chiesa, che in ogni epoca incontra venti contrari, a volte prove molto dure: pensiamo a certe lunghe e accanite persecuzioni del secolo scorso, e anche oggi, in alcune parti. In quei frangenti, può avere la tentazione di pensare che Dio l’abbia abbandonata. Ma in realtà è proprio in quei momenti che risplende maggiormente la testimonianza della fede, la testimonianza dell’amore, la testimonianza della speranza. È la presenza di Cristo risorto nella sua Chiesa che dona la grazia della testimonianza fino al martirio, da cui germogliano nuovi cristiani e frutti di riconciliazione e di pace per il mondo intero.

Nei momenti difficili della vita tutto diventa buio…gridiamo: Signore, aiutami

 

Quando sentiamo forte il dubbio e la paura ci sembra di affondare, nei momenti difficili della vita, dove tutto diventa buio, non dobbiamo vergognarci di gridare, come Pietro: «Signore, salvami!» (v. 30). Bussare al cuore di Dio, al cuore di Gesù: «Signore, salvami!». È una bella preghiera. Possiamo ripeterla tante volte: «Signore, salvami!». E il gesto di Gesù, che subito tende la sua mano e afferra quella del suo amico, va contemplato a lungo: Gesù è questo, Gesù fa questo, Gesù è la mano del Padre che mai ci abbandona; la mano forte e fedele del Padre, che vuole sempre e solo il nostro bene.

“Avere fede – aggiuge Francesco – vuol dire, in mezzo alla tempesta, tenere il cuore rivolto a Dio, al suo amore, alla sua tenerezza di Padre”.

Gesù, questo voleva insegnare a Pietro e ai discepoli, e anche a noi oggi. Nei momenti bui, nei momenti di tristezza, Lui sa bene che la nostra fede è povera – tutti noi siamo gente di poca fede, tutti noi, anch’io, tutti – e che il nostro cammino può essere travagliato, bloccato da forze avverse. Ma Lui è il Risorto! Non dimentichiamo questo: Lui è il Signore che ha attraversato la morte per portarci in salvo. Ancora prima che noi cominciamo a cercarlo, Lui è presente accanto a noi. E rialzandoci dalle nostre cadute, ci fa crescere nella fede. 

Il Pontefice ha inoltre inviato “un cordiale saluto ai partecipanti al Tour de Pologne, gara ciclistica internazionale che quest’anno è disputata in ricordo di San Giovanni Paolo II nel centenario della sua nascita”. E infine ha salutato in particolare i giovani di Pianengo, in diocesi di Crema, “che hanno percorso la via Francigena da Viterbo a Roma”.

Sparatoria a Librino: due morti e quattro feriti

Case e appartamenti viale grimaldi Catania - Immobiliare.it

Viale Grimaldi,Librino

 

Due morti e quattro feriti in una sparatoria ieri sera in viale Grimaldi a Librino, all’altezza dei civici n16/18. Gli investigatori pensano ad  una lite degenerata nel sangue in una sparatoria. I carabinieri stanno indagando  anche se la pista più accreditata è il regolamento di conti tra bande di spacciatori che si contendono il mercato della droga nel popolare quartiere di Catania.Una delle persone defunte- si apprende anche – era vicina al noto cantante neomelodico Niko Pandetta, che ha subito postato un messaggio di cordoglio
Sul posto rilievi a cura del SIS del Reparto Operativo. Indagano i carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale coordinati dalla Procura di Catania. 

PRIMO GIORNO PER LO SVINCOLO ROSOLINI SULL’AUTOSTRADA SIRACUSA-GELA

 

Dopo il ponte Himera inaugurata nuova opera in Sicilia

Autostrada Siracusa-Gela, lavori fermi: rischio rescissione del ...

 

 «VIA LE POLEMICHE, LASCIAMO LAVORARE CHI SI IMPEGNA» COSI’ IL PRESIDENTE ANCE GIUSEPPE PIANA

«La Sicilia ha dimostrato di avere imprese di costruzioni capaci e dobbiamo esserne tutti orgogliosi, sperando che questa sia la chiave per una svolta». Queste le parole del presidente Ance Catania Giuseppe Piana dopo l’inaugurazione dello svincolo per Rosolini sull’autostrada Siracusa-Gela, realizzato da un’impresa della città etnea.

L’opera segue quella di qualche giorno fa del viadotto Himera (anche questa portata a compimento da una realtà catanese): «Adesso mettiamo da parte le polemiche e pensiamo a costruire per potenziare le nostre infrastrutture – prosegue Piana – risolvendo le tante difficoltà, le lentezze e le complessità burocratiche che affliggono la nostra Regione. Pensiamo alle opere realizzate e a quelle da realizzare; alle manutenzioni e alla messa in sicurezza di quelle già esistenti».

L’appello del presidente di Ance Catania mira a distogliere l’attenzione dalle polemiche e proseguire il lavoro sinergico con l’Amministrazione Regionale: «In questo momento difficile, soprattutto dopo il lockdown, bisogna dare un segnale forte – commenta Piana – Ognuno deve fare la propria parte: da chi ha l’obbligo istituzionale e deve spendersi affinché le opere vengano realizzate e non bloccate; a chi lavora sul campo, ovvero le imprese».

«Lasciamo lavorare chi si adopera per ottenere grandi obiettivi – prosegue Piana – chi si impegna per non rallentare e crede che la Sicilia meriti un futuro migliore. È il momento di spingere sull’acceleratore per colmare il ritardo con le altre regioni. In quest’ottica è innegabile l’impegno profuso dall’assessore alle Infrastrutture e Trasporti della Regione Siciliana Marco Falcone e dal viceministro Giancarlo Cancelleri».

 

Cadavere di donna sfigurata a Caronia: forse è Viviana Parisi Perchè? Dov’è il figlio Gioele?

Trovato corpo di donna a Caronia. Marito della dj scomparsa riconosce la fede

Forse si è vicini alla scoperta della sorte di Viviana Parisi la giovane 43enne scomparsa da lunedì con il figlio di 4 anni Gioele il cadavere della donna sfigurata ritrovata nelle campagne di Caronia nel messinese. Secondo gli inquirenti il marito Daniele Mondello avrebbe riconosciuto la fede della moglie con il nome dell’uomo.

. Per avere l’identificazione del corpo, devastato dagli animali selvatici e quindi irriconoscibile, verrà eseguito comunque il test del Dna. La donna è scomparsa da lunedì pomeriggio, dopo un incidente in auto. Da allora non si è saputo più nulla. Inspiegabilmente. Il marito è straziato.Riprenderanno all’alba di domenica le ricerche del bambino per cui saranno utilizzati anche cani molecolari.

E’ stata rintracciata, invece, F.P., la 43enne che la notte scorsa si era allontanata dalla sua abitazione Castel di Lucio, sempre in provincia di Messina, lasciando il cellulare per non essere individuata. La sua scomparsa aveva destato grande preoccupazione, a pochi giorni da quella di Viviana Parisi e del figlioletto. La donna di Castel di Lucio, mamma anche lei, era a casa di un’amica a Sant’Agata di Militello ed è in buone condizioni di salute.

Una vasta piantagione di marjuana scoperta dalle Fiamme gialle: valore oltre 2 milioni di euro

Una piantagione di marjuana scoperta dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania  in una zona boschiva impervia del Comune di Licodia Eubea (65 km dal capoluogo etneo)

La  piantagione  costituita da quasi 2.500 piante di varie altezze che, una volta introdotte in commercio, avrebbero fruttato  alle organizzazioni criminali del territorio guadagni illeciti stimati in oltre 2 milioni di euro.

 

L’operazione è stata coordinata dalla Procura di Caltagirone

La piantagione, di circa un ettaro nelle adiacenze della SS 514, – informano gli investigatori -si estendeva a ridosso del fiume Dirillo, utilizzato per l’irrigazione delle piante ed era stata ricavata dal disboscamento di parte dell’area in una zona completamente nascosta agli occhi delle forze dell’ordine.

All’interno del terreno sono state individuate delle aree già adibite ad essiccatoi e depositi che al momento della raccolta sarebbero stati utilizzati per lo stoccaggio e il trasporto dello stupefacente.

Il proprietario del terreno montano, un ex imprenditore agricolo, è stato infine denunciato alla magistratura calatina per produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti aggravata dall’ingente quantità.

NUOVO DECRETO AGOSTO: PIOGGIA DI DENARO PER IMPRESE E LAVORATORI MA ANCHE TANTE…PROMESSE

 

 

Il decreto Agosto è realtà. Approvato salvo intese, contiene misure a sostegno di lavoratori e imprese. Tra queste, il decreto prevede “18 settimane di cassa integrazione” ma “per incentivare le imprese ci sarà un nuovo intervento, un vantaggio per chi richiama” i dipendenti in azienda “con 4 mesi di sgravi contributivi al 100%”  E “per non dividere l’Italia in due, dal 1 ottobre la fiscalità sarà a vantaggio Sud. Non ci sarà differenza, nessuno sarà privilegiato a dispetto di un altro”.

Top 200 mette in vetrina le imprese d'eccellenza dell'economia ...

Spiega il premier Conte :Risorse per i disabili a 648 euro al mese”. “Aumentiamo le pensioni agli invalidi civili al 100% a partire già dai 18 anni, come agli inabili, ai sordi e ai ciechi civili assoluti titolari di pensione” , “si passa dai circa 285 euro attuali fino a 648 euro al mese per 13 mensilità”.

Tra le misure, quella del cashback è stata anticipata a dicembre: “Vogliamo sostenere consumi e pagamenti elettronici” premiando “i cittadini che potranno recuperare una parte di quanto spendono e potranno usufruire di un bonus fino a 2mila euro”. “

Covid, misure precauzionali  sono estese al 7 Settembre mentre per il Csm,Torre di Babele italiana, disco verde  alla riforma delle toghe

Questi i provvedimenti su lavoro, imprese e fisco approvati dal Consiglio dei ministri.

– Introduzione di  uno sgravio del 30% sui contributi pensionistici per le aziende situate nelle aree svantaggiate, con l’obiettivo di stimolare crescita e occupazione. Il decreto finanzia la misura per il periodo ottobre-dicembre 2020, in attesa che questa venga estesa sul lungo periodo con prossimi interventi. Prolungati per un massimo di diciotto settimane complessive i trattamenti di cassa integrazione ordinaria, assegno ordinario e cassa integrazione in deroga previsti per l’emergenza.

E’ stato programmato un fondo per le casalinghe.  Per le aziende che non richiederanno l’estensione dei trattamenti di cassa integrazione verrà riconosciuto l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali per un massimo di quattro mesi, entro il 31 dicembre 2020. Fino a tale data, vengono inoltre escluse dal versamento dei contributi previdenziali, per un massimo di sei mesi dall’assunzione, le aziende che assumono lavoratori subordinati a tempo indeterminato, in presenza di un aumento dell’occupazione netta.

Per i datori di lavoro che non hanno integralmente fruito della cassa integrazione o dell’esonero dai contributi previdenziali resta precluso l’avvio delle procedure di licenziamento individuali e restano sospese quelle avviate dopo il 23 febbraio 2020. Inoltre, si conferma la sospensione delle procedure di licenziamento collettivo. Queste disposizioni non si applicano in caso di licenziamenti motivati dalla cessazione definitiva dell’attività dell’impresa.

Come preannunciato dal Ministro Azzolina disco verde anche nella Scuola alle assunzioni massicce di 84808 docenti

È possibile rinnovare o prorogare, per un periodo massimo di 12 mesi (fermo restando il limite complessivo di 24 mesi) e per una sola volta, i contratti di lavoro subordinato a tempo determinato anche in assenza di causale.

Sono previsti ulteriori 400 euro per il reddito di emergenza per le famiglie più bisognose.

Due mesi di proroga per la Nuova assicurazione sociale per l’impiego (Naspi) e l’indennità di disoccupazione mensile “DIS-COLL” per i collaboratori coordinati e continuativi il cui periodo di fruizione termini nel periodo compreso tra il 1° maggio 2020 e il 30 giugno 2020.

Nuove indennità per alcune categorie di lavoratori. Tra queste, 1.000 euro per gli stagionali del turismo, degli stabilimenti termali e dello spettacolo danneggiati dall’emergenza COVID-19 e per altre categorie di lavoratori (iscritti al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo in possesso di determinati requisiti, dipendenti stagionali appartenenti ad altri settori, gli intermittenti e gli incaricati di vendite a domicilio). Si prevede un’indennità di 600 euro per i lavoratori marittimi e gli stagionali sportivi.

Viene aumentata di 500 milioni di euro per il biennio 2020-21 la dotazione del Fondo nuove competenze introdotto dal “decreto rilancio” (decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34) per la formazione e per favorire percorsi di ricollocazione dei lavoratori.

IMPRESE – Il decreto legge prevede ulteriori fondi per i settori del turismo, della ristorazione e della cultura, che sono tra quelli maggiormente colpiti.

È previsto uno specifico finanziamento per gli esercizi di ristorazione che abbiano subito una perdita di fatturato da marzo a giugno 2020 di almeno il 25% rispetto allo stesso periodo del 2019. Potranno ottenere un contributo a fondo perduto per l’acquisto di prodotti di filiere agricole, alimentari e vitivinicole da materia prima italiana. Il contributo minimo è di 2.500 euro.

Ulteriori 400 milioni di euro sono stanziati per contributi a fondo perduto in favore degli esercenti dei centri storici che abbiano registrato a giugno 2020 un calo del 50% del fatturato rispetto allo stesso mese del 2019. Il contributo minimo è di 1.000 euro per le persone fisiche e di 2.000 per i soggetti diversi.

Rifinanziati alcuni strumenti di supporto alle imprese: 64 milioni per la “nuova Sabatini”; 500 milioni per i contratti di sviluppo; 200 milioni per il Fondo per la salvaguardia dei livelli occupazionali e la prosecuzione dell’attività di impresa; 50 milioni per il voucher per l’innovazione; 950 milioni per il Fondo Ipcei per il sostegno alle imprese che partecipano alla realizzazione di importanti progetti di interesse europeo.

Rifinanziato per 7,8 miliardi di euro (per il triennio 2023-24-25) il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, per favorire l’accesso al credito attraverso la concessione di una garanzia pubblica. Sempre per le p.m.i. è prorogata anche la moratoria su prestiti e mutui: dal 30 settembre 2020 il termine viene esteso al 31 gennaio 2021 (al 31 marzo 2021 per le imprese del comparto turistico).

Aumentati di 500 milioni gli incentivi statali per chi acquista e immatricola in Italia autovetture a basse emissioni di CO2. Stanziati 1,5 miliardi di euro per il rafforzamento patrimoniale, il rilancio e lo sviluppo di società controllate dallo Stato.

Potenziato lo strumento dei Piani individuali di risparmio alternativi, con la soglia di investimento annuale detassata che sale da 150.000 a 300.000 euro per gli investimenti a lungo termine.

Incentivati gli acquisti effettuati con forme di pagamento elettroniche, nell’ambito del “piano cashless”, con uno stanziamento di 1,75 miliardi di euro per il 2021 per il rimborso di una parte degli acquisti effettuati con queste modalità di pagamento.

Per il sostegno dei settori del turismo e della cultura: il credito di imposta del 60% del canone di locazione o leasing o concessione; l’esonero dal pagamento della seconda rata dell’Imposta municipale unica (IMU) 2020 per alcune categorie di immobili e strutture turistico-ricettive, gli immobili per fiere espositive, manifestazioni sportive, quelli destinati a discoteche e sale da ballo, gli immobili destinati a cinema e teatri. Questi ultimi vengono esonerati dal pagamento dell’IMU anche per il 2021 e il 2022.

È incrementato di 265 milioni di euro per il 2020 il fondo per sostenere agenzie di viaggio, tour operator e guide turistiche.

Stanziati 180 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020 e 2021 per il credito d’imposta per la riqualificazione e i miglioramenti effettuati dalle imprese del settore turistico ricettivo e termale, compresi gli agriturismi e i campeggi. Viene incrementato fino a 231 milioni di euro il Fondo emergenze imprese e istituzioni culturali e sale a 335 milioni il Fondo emergenze cinema, spettacolo e audiovisivo. Vengono destinati complessivamente 90 milioni di euro ai musei statali.

Stanziati 60 milioni di euro per incentivare gli investimenti pubblicitari in favore di leghe e società sportive professionistiche e di società e associazioni sportive dilettantistiche.

Con uno stanziamento complessivo di circa 200 milioni di euro vengono potenziate le risorse a sostegno di diverse attività di trasporto.

FISCO – Con un impiego di risorse di circa 6,5 miliardi di euro, vengono adottate diverse misure in campo fiscale che puntano a fornire un ulteriore e sostanziale supporto alla liquidità di famiglie e imprese. In particolare vengono riprogrammate le scadenze relative ai versamenti tributari e contributivi sospesi nella fase di emergenza, in modo da ridurre sensibilmente nel 2020 l’onere che altrimenti graverebbe sui contribuenti in difficoltà.

Nel dettaglio, sono rateizzati ulteriormente i versamenti sospesi nei mesi di marzo, aprile e maggio: il 50% del totale potrà essere versato, senza applicazione di sanzioni o interessi, in un’unica soluzione entro il 16 settembre 2020 o mediante rateizzazione (fino a 4 rate mensili di pari importo) con il pagamento della prima rata entro il 16 settembre. Il restante 50% può essere corrisposto, senza sanzioni e interessi, con una rateizzazione per un massimo di 24 rate mensili di pari importo.

Rinviati i versamenti per i contribuenti ISA (Indici sintetici di affidabilità) e forfettari che abbiano subito un calo di almeno il 33% nel primo semestre del 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019: il termine di versamento della seconda o unica rata e dell’acconto Irap è prorogato al 30 aprile 2021.

Viene spostata dal 31 agosto al 15 ottobre 2020 la data finale della sospensione dei termini dei versamenti da cartelle di pagamento e dagli avvisi esecutivi sulle entrate tributarie.

Si proroga anche l’esonero dal pagamento della Tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (TOSAP) e del Canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (COSAP) al 31 dicembre 2020 per le attività di ristorazione, gravemente danneggiate dall’emergenza epidemiologica.

– Sono stati incrementati i fondi istituiti dal decreto rilancio per far fronte ai minori introiti fiscali, salvaguardare gli equilibri di bilancio e garantire la regolarità dell’azione pubblica a tutti i livelli di governo.

In particolare: il fondo per l’esercizio delle funzioni degli enti locali è stato incrementato di 1,67 miliardi per il 2020. Le risorse complessive del fondo enti locali ammontano quindi a 5,17 miliardi (di cui 4,22 miliardi per i comuni);

il fondo per l’esercizio delle funzioni delle regioni e delle province autonome è stato incrementato di 2,8 miliardi per il 2020. Le risorse complessive del fondo Regioni sono pari a 4,3 miliardi (2,6 miliardi per le Autonomie speciali e 1,7 per le Regioni a statuto ordinario).

Ulteriori risorse sono state destinate:

– al ristoro delle minori entrate dell’imposta di soggiorno, della TOSAP/COSAP e dell’IMU; – al sostegno del trasporto pubblico locale, al sostegno degli enti locali in deficit strutturale e al contenzioso regionale; – alla sospensione del pagamento delle quote capitale 2020 dei mutui MEF delle Autonomie speciali.

Rafforzate infine  le misure per gli investimenti: – per i comuni è previsto il raddoppio nel 2021 dei contributi assegnati per piccole opere e il rafforzamento delle misure per contributi per messa in sicurezza edifici e territorio; – a favore degli enti locali è previsto l’incremento delle risorse destinate al finanziamento della progettazione definitiva ed esecutiva; – per le province e le città metropolitane sono state previste risorse per la messa in sicurezza delle scuole.

È prevista l’istituzione di un’Autorità per la laguna di Venezia, che assume le competenze relative alla salvaguardia della città di Venezia e della zona lagunare e al mantenimento del regime idraulico lagunare, tra cui la gestione e la manutenzione del MOSE, nonché quelle attribuite al Magistrato alle acque.

Il decreto, infine, estende dal 20 settembre al 9 ottobre 2020 i termini per la concessione delle anticipazioni di liquidità degli enti locali, per favorire il pagamento dello stock di debiti al 31 dicembre 2019 nei confronti delle imprese….